L’ultima sfida di Obama, America forte, non cedere alla paura

Pubblicato il 12 gennaio 2016 da redazione

barack-obama

NEW YORK. – L’America resta di gran lunga il Paese più forte della Terra: la sua economia va meglio di ogni altra al mondo e il terrorismo non minaccia la sua esistenza. Così Barack Obama difende il suo operato dopo sette anni alla Casa Bianca, e respinge le durissime critiche dei conservatori che dipingono un Paese in pericolo e senza leadership.

Rivolgendosi agli americani nel suo ultimo discorso sullo stato dell’Unione, il presidente invita a non cedere alle paure: in gioco c’è il destino degli Usa e quello dei progressi fatti negli ultimi anni in campo economico e sociale. Progressi che rischiano di essere spazzati via se un repubblicano dovesse tornare alla Casa Bianca.

Ma per Obama c’è molto di più in ballo: c’è la sua eredità. Ci sono le sorti dell’Obamacare, l’unica vera riforma che è riuscito a fare. E c’è la sua visione di politica estera, che dice no a nuove guerre e apre a Paesi come l’Iran, Cuba e la Cina. E poi i risultati raggiunti dopo la grande crisi, con una ripresa della crescita e dell’occupazione.

Sul fronte dei diritti civili, la storica legalizzazione delle nozze gay. Un’eredità che i candidati della destra alle presidenziali di novembre – da Donald Trump in giù – hanno già promesso di spazzare via. E che Obama – pur non dicendolo esplicitamente – vuole consegnare nelle mani di Hillary Clinton.

Il presidente ha chiarito che non intende dare un endorsement ufficiale a uno dei candidati democratici. Ma è chiaro – come sottolinea la gran parte dei commentatori americani – che punta con tutte le sue forze sull’ex first lady: l’unica che Obama ritiene realmente in grado di andare avanti sulla strada intrapresa, compresa quella riforma dell’immigrazione che lui non è riuscito a realizzare. L’unica che può continuare a lottare per un maggior controllo sulle armi da fuoco e contro i cambiamenti climatici.

Tutti ambiti su cui nei prossimi mesi non c’è più alcuna speranza di un compromesso col Congresso, ma su cui Obama promette di intervenire ancora con i suoi poteri esecutivi. Fino all’ultimo giorno in cui siederà nello Studio Ovale “Non potrei essere più orgoglioso di quello che abbiamo compiuto”, afferma a poche ore da quello ‘State of the Union’ che rappresenta l’ultima sua occasione di parlare per almeno un’ora in prima serata alle famiglie americane.

Famiglie divise, come conferma un sondaggio di Cbs e New York Times, secondo cui ad approvare il suo operato è solo il 46% dei cittadini, mentre il 47% lo boccia. Meglio di George W.Bush nel suo ultimo anno di presidenza (29%), ma ben al di sotto della popolarità con cui chiuse il suo mandato Bill Clinton (60%).

E Obama non nasconde di essere “rammaricato” nel vedere un Paese fortemente diviso politicamente. E per non aver avuto la capacità di unire Washington. “Sono comunque abbastanza fiducioso – spiega, attaccando in particolare il messaggio di Donald Trump – che la stragrande maggioranza degli americani guardi a quelle politiche che alimentano le nostre speranze, e non le nostre paure. Quelle politiche che aiutano a lavorare insieme e non a dividere”.

“Non credo – aggiunge – che la maggioranza degli americani chieda soluzioni semplicistiche e capri espiatori, ma credo si aspetti di vedere proposte che vadano bene per le generazioni future”.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

09:43‘Ndrangheta: traffico internazionale droga, 12 arresti

(ANSA) - TORINO, 22 NOV - I carabinieri del Ros hanno smantellato un'organizzazione criminale legata alla 'Ndrangheta e dedita al traffico internazionale di stupefacenti. Dodici gli arresti eseguiti su richiesta della Procura distrettuale antimafia di Torino, tra cui due pericolosi latitanti localizzati a Malaga, in Spagna. L'operazione 'Bellavita', come è stata ribattezzata, ha permesso di individuare i canali di approvvigionamento di ingenti quantità di cocaina e hashish, le modalità di trasporto e la rete di distribuzione. Le misure cautelari sono state eseguite, oltre che in Spagna grazie alla collaborazione della polizia spagnola, nell'area metropolitana di Torino e in altre località italiane. L'organizzazione criminale era dedita anche alla detenzione illecita di armi. (ANSA).

09:01Russiagate: Wsj, Mueller indaga Kushner per risoluzione Onu

(ANSA) - NEW YORK, 22 NOV - Il team investigativo del procuratore speciale del Russiagate, Robert Mueller, sta indagando sui contatti del genero del presidente Donald Trump, Jared Kushner, con leader stranieri e in particolare sul ruolo da lui giocato nel tentativo di fermare una controversa risoluzione Onu approvata il 23 dicembre che condannava Israele per gli insediamenti nei territori occupati. Lo scrive il Wall Street Journal sul suo sito online. Non e' chiaro motivo per cui Mueller sia interessato a Kushner ma il nuovo filone di inchiesta, secondo il quotidiano, apre uno spiraglio sul tipo di domande che gli investigatori del Russiagate stanno facendo dietro le quinte.

08:58Argentina: sottomarino, Marina, entriamo in fase critica

(ANSA) - BUENOS AIRES, 22 NOV - "Non abbiamo perso le speranze, ma stiamo entrando in una fase critica": così Enrique Balbi, portavoce della Marina argentina, ha descritto la situazione dopo sei giorni di intensa ricerca dell'Ara San Juan, il sottomarino sparito nel Sud Atlantico, che non hanno dato finora alcun risultato. In una conferenza stampa, il portavoce militare ha ammesso che "siamo preoccupati, e la nostra preoccupazione va crescendo", anche a causa del problema dell'esaurimento delle riserve d'ossigeno del sottomarino. Interrogato sulle stime degli esperti, citate dai media, secondo i quali -se si è mantenuto in immersione dallo scorso mercoledì- il San Juan avrebbe sette giorni di ossigeno per l'equipaggio di 44 persone, Balbi ha detto che "non esiste un valore preciso, dipende da molte circostanze", ma ha poi aggiunto che "siamo ormai al sesto giorno, e in quanto all'ossigeno questo ci preoccupa".

08:56Corea Nord:Comando Onu,violato armistizio su disertore

(ANSA) - PECHINO, 22 NOV - La Corea del Nord ha violato per due volte, quando i suoi soldati hanno sparato verso il Sud e attraversato il confine nella 'caccia' al commilitone fuggitivo, l'armistizio che chiuse la Guerra di Corea del 1950-53: il caso è quello del 13 novembre che ha visto un militare disertare al varco di Panmunjom. I risultati delle indagini sono stati diffusi dal Comando Onu, a guida Usa, accompagnate dal rilascio del video di 7 minuti che riprende la drammatica successione degli eventi accaduti alla cosiddetta 'Joint Security Area'.

03:03Uber, hackerati dati 57 milioni utenti a fine 2016

(ANSA) - WASHINGTON, 22 NOV - Uber ha tenuto nascosto per oltre un anno di aver subito l'hackeraggio dei dati di 57 milioni di utenti nel mondo, di cui 600 mila conducenti. E secondo Bloomberg avrebbe preferito pagare un riscatto di 100 mila dollari agli autori del maxifurto per evitare che divulgassero la notizia. Ad ammettere il pirataggio e' stato il ceo Dara Khosrowshahi, che ha preso la guida di Uber da agosto e che ha sostenuto di aver saputo dell'incidente solo "recentemente". In particolare sono stati hackerati i nomi, le email e i numeri di telefono degli utenti, oltre ai numeri di patente dei conducenti. Sulla base di accertamenti esterni, ha spiegato Uber, i numeri della carte di credito e dei conti bancari, i numeri della sicurezza sociale (l'equivalente del nostro codice fiscale con cui negli Usa si può rubare l'identità di una persona) e le date di nascita degli utenti non sarebbero stati piratati. Idem i percorsi dei viaggi.

01:14Lasseter, capo Pixar, ammette molestie

(ANSA) - NEW YORK, 21 NOV - John Lasseter, il capo creative della Pixar e degli studi di animazione di Disney, si è messo in aspettativa citando una serie di "passi falsi" da lui compiuti. In un memo allo staff, l'executive che ha costruito i Pixar Animation Studios e resuscitato il business dei cartoni animati Disney, ha spiegato che la decisione è stata presa dopo una serie di "conversazioni difficili". L'aspettativa di Lasseter arriva sulla scia dello scandalo delle molestie sessuali scoppiato con le accuse al capo della Miramax, Harvey Weinstein.

01:09Champions: Mertens, qualificazione agli ottavi è possibile

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - "Insigne ha fatto un grande gol, un gol che ci voleva in una partita come questa e che ci ha sbloccato. Noi alla qualificazione ci crediamo: il City può passare il turno a punteggio pieno, per loro può essere una motivazione, e noi abbiamo le qualità per vincere in Olanda. Sono contento della prestazione della squadra, abbiamo fatto vedere che ci teniamo anche alla Champions". Così Dries Mertens dopo il successo per 3-0 sullo Shakhtar, nel quale il belga è stato l'autore della terza rete.

Archivio Ultima ora