L’ultima sfida di Obama, America forte, non cedere alla paura

Pubblicato il 12 gennaio 2016 da redazione

barack-obama

NEW YORK. – L’America resta di gran lunga il Paese più forte della Terra: la sua economia va meglio di ogni altra al mondo e il terrorismo non minaccia la sua esistenza. Così Barack Obama difende il suo operato dopo sette anni alla Casa Bianca, e respinge le durissime critiche dei conservatori che dipingono un Paese in pericolo e senza leadership.

Rivolgendosi agli americani nel suo ultimo discorso sullo stato dell’Unione, il presidente invita a non cedere alle paure: in gioco c’è il destino degli Usa e quello dei progressi fatti negli ultimi anni in campo economico e sociale. Progressi che rischiano di essere spazzati via se un repubblicano dovesse tornare alla Casa Bianca.

Ma per Obama c’è molto di più in ballo: c’è la sua eredità. Ci sono le sorti dell’Obamacare, l’unica vera riforma che è riuscito a fare. E c’è la sua visione di politica estera, che dice no a nuove guerre e apre a Paesi come l’Iran, Cuba e la Cina. E poi i risultati raggiunti dopo la grande crisi, con una ripresa della crescita e dell’occupazione.

Sul fronte dei diritti civili, la storica legalizzazione delle nozze gay. Un’eredità che i candidati della destra alle presidenziali di novembre – da Donald Trump in giù – hanno già promesso di spazzare via. E che Obama – pur non dicendolo esplicitamente – vuole consegnare nelle mani di Hillary Clinton.

Il presidente ha chiarito che non intende dare un endorsement ufficiale a uno dei candidati democratici. Ma è chiaro – come sottolinea la gran parte dei commentatori americani – che punta con tutte le sue forze sull’ex first lady: l’unica che Obama ritiene realmente in grado di andare avanti sulla strada intrapresa, compresa quella riforma dell’immigrazione che lui non è riuscito a realizzare. L’unica che può continuare a lottare per un maggior controllo sulle armi da fuoco e contro i cambiamenti climatici.

Tutti ambiti su cui nei prossimi mesi non c’è più alcuna speranza di un compromesso col Congresso, ma su cui Obama promette di intervenire ancora con i suoi poteri esecutivi. Fino all’ultimo giorno in cui siederà nello Studio Ovale “Non potrei essere più orgoglioso di quello che abbiamo compiuto”, afferma a poche ore da quello ‘State of the Union’ che rappresenta l’ultima sua occasione di parlare per almeno un’ora in prima serata alle famiglie americane.

Famiglie divise, come conferma un sondaggio di Cbs e New York Times, secondo cui ad approvare il suo operato è solo il 46% dei cittadini, mentre il 47% lo boccia. Meglio di George W.Bush nel suo ultimo anno di presidenza (29%), ma ben al di sotto della popolarità con cui chiuse il suo mandato Bill Clinton (60%).

E Obama non nasconde di essere “rammaricato” nel vedere un Paese fortemente diviso politicamente. E per non aver avuto la capacità di unire Washington. “Sono comunque abbastanza fiducioso – spiega, attaccando in particolare il messaggio di Donald Trump – che la stragrande maggioranza degli americani guardi a quelle politiche che alimentano le nostre speranze, e non le nostre paure. Quelle politiche che aiutano a lavorare insieme e non a dividere”.

“Non credo – aggiunge – che la maggioranza degli americani chieda soluzioni semplicistiche e capri espiatori, ma credo si aspetti di vedere proposte che vadano bene per le generazioni future”.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

17:49Svizzera: frana al confine con val Chiavenna, 100 evacuati

(ANSA) - SONDRIO, 23 AGO - Una frana di notevoli proporzioni è caduta oggi dal pizzo Cengalo, in territorio di Bondo (Svizzera), in Val Bregaglia, al confine con la provincia di Sondrio. Si è trattato di un imponente quantità di detriti, ancora in corso di esatta quantificazione, che ha travolto vecchie stalle e abitazioni. Non si registrano vittime. L'enorme massa di detriti è arrivata a lambire la strada principale del borgo, a poca distanza da Villa di Chiavenna, e le autorità elvetiche hanno deciso di evacuare a scopo precauzionale diverse famiglie di residenti, circa un centinaio di persone, tutte di nazionalità svizzera.

17:49Terremoto: nuove bandiere su torre civica Amatrice

(ANSA) - AMATRICE (RIETI), 23 AGO - A un anno dal sisma del 24 agosto i Vigili del Fuoco hanno sostituito le due bandiere, il tricolore e quella della Città di Amatrice, che nell'inverno scorso erano state poste in cima alla Torre Civica di Amatrice, simbolo del terremoto con il suo orologio fermo alle 3:36. A sostituirle, con una autoscala, è stato lo stesso Vigile del Fuoco amatriciano, Lino Coltellese, che quest'inverno per primo aveva raggiunto la cima della Torre.(ANSA).

17:44A ‘Vela a Vela’i big della Coppa America

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - Andrà in onda oggi alle 18.48 su Raisport +HD la quinta puntata della Rubrica "Vela a Vela Speciale 20 anni" la trasmissione di Raisport curata e condotta da Giulio Guazzini che ripropone, durante la pausa estiva dell' "Uomo e il Mare", la storia delle imprese veliche più importanti. Puntata odierna sarà dedicata in particolare alle testimonianze dei personaggi della grande navigazione a vela, dalla Coppa America alle traversate oceaniche.

17:36Terremoto Ischia: Pinotti dona medaglia a piccolo Ciro

(ANSA) - ISCHIA (NAPOLI), 23 AGO - "È solo una medaglia ricordo che ho messo personalmente a Ciro per testimoniare che tutta l'Italia lo ha guardato". Così il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, al termine della visita fatta all'ospedale Rizzoli di Lacco Ameno (Ischia) dove ha incontrato Ciro, uno dei tre fratellini, rimasti sotto le macerie della casa crollata per ore e ore. "Ho portato anche un orsetto a lui e al fratellino più piccolo, Mathias, e altri gadget delle forze armate", ha aggiunto sottolineato. Una visita a Casamicciola, quella del ministro, finalizzata anche a portare i ringraziamenti, a nome anche del premier Gentiloni a tutti i soccorritori. Non solo, il ministro della Difesa ha anche annunciato che il giorno 29 agosto "ci sarà il consiglio dei ministri dove porteremo la delibera per lo stato di emergenza e seguiremo, anche attraverso i sindaci, le successive necessità".

17:34Calcio: Niang ‘stressato’, rompe con Milan e aspetta Torino

(ANSA) - MILANO, 23 AGO - E' braccio di ferro fra il Milan e Mbaye Niang. L'attaccante francese, dopo aver rifiutato il trasferimento allo Spartak Mosca, ieri ha presentato un certificato medico che lo esonera dagli allenamenti per dieci giorni a causa di stress psicologico. In sostanza il giocatore sta vivendo da separato in casa al Milan e ha affidato la ricerca di una destinazione gradita al suo procuratore, Mino Raiola. Niang vorrebbe essere ceduto al Torino di Sinisa Mihajlovic, l'allenatore che meglio lo ha fatto rendere negli ultimi anni. Il Torino, però, finora ha offerto una cifra ben inferiore ai circa 20 milioni messi sul tavolo dai russi. Negli ultimi giorni di mercato si cercherà una soluzione.

17:33Terremoto: frati Assisi pregano per le vittime di un anno fa

(ANSA) - ASSISI (PERUGIA), 23 AGO - Ad un anno dal terremoto che colpì il centro Italia i frati di Assisi ricorderanno domani, nella preghiera del mattino e durante le celebrazioni eucaristiche, le vittime e le famiglie colpite dal sisma. "È necessario superare i limiti del sistema Paese in generale e dei territori martoriati dal sisma - afferma in una nota il custode del Sacro convento, padre Mauro Gambetti - attivando un processo critico tramite la valorizzazione sinergica di esperti in sicurezza, occupazione ed economia. Proprio per questo - continua padre Gambetti - il 15 settembre ad Assisi, nell'ambito dell'evento internazionale 'Il Cortile di Francesco', si terrà una giornata dedicata alla prevenzione dove parteciperanno tra gli altri il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, e il governatore Banca d'Italia, Ignazio Visco".

17:31Calcio: Marchisio rassicura fan Juve, “nessun dubbio”

(ANSA) - TORINO, 23 AGO - "No doubt", nessun dubbio. Claudio Marchisio giura ai tifosi bianconeri, attraverso il suo profilo Instagram, di volere restare alla Juve, anche se gli spazi continuano a ridursi, e di non essere tentato di cambiare casacca. Anche oggi le voci del 'Principino' in partenza non si sono spente, così Marchisio si è deciso a fare sapere la sua verità sui social. Ha pubblicato una foto in maglia bianconera d'ordinanza mentre si porta la mano destra al cuore. "A volte le parole non servono. Sometimes, no words needed" - scrive, aggiungendo gli hastag #MC8 #FinoAllaFine #Forza Juve #No doubt #Thank you.

Archivio Ultima ora