Fedecamaras asegura que “estamos en emergencia”

Pubblicato il 12 gennaio 2016 da redazione

Venezuela-y-su-crisis-agroalimentaria-¿estamos-en-emergencia (Prodavinci)

CARACAS- El presidente de la Federación de cámaras y asociaciones de comercio y producción de Venezuela, (Fedecámaras), Francisco Martínez, aseguró ayer que la realidad del país “es que estamos en emergencia”.

“La economía del país no aguanta un segundo más que no se le ponga la atención requerida. Esperamos que el decreto de emergencia económica contenga los mecanismos de ajustes que son tan necesarios para el país y que aborden los problemas desde el fondo, como lo hemos venidos planteando desde el 2013”, indicó en entrevista a Globovisión.

El titular de Fedecámaras precisó que se requieren de decisiones muy duras. “Requerimos del consenso con el sector público y los trabajadores para poder abordar la crisis”.

Considera que el ejecutivo debe darle prioridad al sistema cambiario que ha generado importantes distorsiones económicas que han mermado la productividad y afectado el poder adquisitivo de los venezolanos. Al ejecutivo le corresponde tomar esa decisión”.

Martínez puntualizó cuáles deben ser las acciones para reactivar la economía del país: “se necesita un régimen cambiario que permita la producción de bienes y servicios; un sistema de precios que coloque al producto a precio justo pero que permita la rentabilidad del mismo; el cese de los ataques a la propiedad privada porque no genera la confianza requerida para que vengan las inversiones; un marco legal que permita la seguridad jurídica de los bienes y las inversiones en Venezuela”.

“El país no está produciendo nada porque tenemos excesivos controles. Si se eliminan esos mecanismos de control vamos a empezar a ver en 8 o 12 meses ese alivio en los anaqueles”, recalcó.

Asimismo, aseguró que si el barril de petróleo llega a 20 dólares “tenemos graves problemas, pues la realidad internacional está afectando la realidad económica de nuestro país”. Además agregó que a eso no se le puede agregar un choque entre poderes porque se estaría generando una “crisis de gobernabilidad” en el futuro.

Para Francisco Martínez, es imprescindible que el sector empresarial se reúna con el ministro de Comercio e Industria, Miguel Pérez Abad, y todo el gabinete económico y que podamos hacer nuestra propuestas exponer nuestra visión para cotejarla con la óptica de los trabadores y del gobierno, hay que establecer nuevamente el dialogo tripartito”.

Ultima ora

06:15Manchester: media Gb, ancora liberi alcuni complici

LONDRA - Gli arresti delle scorse ore, pur definiti ''importanti'' dalla polizia nelle indagini sull'attacco kamikaze di lunedi' alla Manchester Arena, non significano che l'intera cellula che si presume abbia assistito l'attentatore Salman Abedi sia stata sgominata. Lo scrive il Guardian citando fonti investigative e svelando che alcuni complici ''sono ancora a piede libero''. Mentre il Telegraph riferisce che il materiale ritrovato nel 'covo' del terrorista a Manchester conferma i timori di piani gia' pronti per ''una seconda bomba''.

06:12Manchester: Times, attentatore si preparava da un anno

LONDRA - Salman Abedi, l'attentatore suicida di Manchester, si preparava ad agire da almeno ''un anno''. Lo scrive oggi il Times, sulla base di notizie investigative stando alle quali il 22enne figlio di ex rifugiati politici libici avrebbe creato mesi fa un fondo bancario inattivo, da utilizzare per acquistare il materiale necessario a confezionare l'ordigno della strage.

06:08Russiagate: Nbc, Kushner d’interesse in inchiesta Fbi

WASHINGTON - Jared Kushner, il genero e stretto consigliere del presidente Usa Donald Trump, e' oggetto di interesse dell'Fbi nell'ambito dell'inchiesta sul Russiagate. Lo riferisce la Nbc citando diverse fonti ufficiali. Gli inquirenti ritengono che Kushner abbia informazioni rilevanti per l'inchiesta. Cio' non vuol dire che e' sospettato di alcun crimine.

06:04Afghanistan: 21 Paesi il 6 giugno a Kabul per la pace

KABUL - Il governo dell'Afghanistan ha invitato i rappresentanti di 21 Paesi del mondo ad un incontro denominato 'Processo di Kabul', che si svolgerà il 6 giugno prossimo nella capitale afghana, per tentare di mettere fine al conflitto in corso. Lo ha reso noto oggi il vice portavoce del governo, Javid Faisal. Al riguardo il portavoce ha voluto sottolineare che "qualsiasi sforzo per raggiungere la pace in Afghanistan deve essere per iniziativa, guida e gestione del governo afghano". Fra i Paesi invitati vi sono quelli dell'Asia centrale insieme a Arabia Saudita, Iran, Pakistan, India, Cina, Stati Uniti e Norvegia. E' è prevista inoltre la partecipazione di rappresentanti dell'Onu e dell'Unione europea (Ue).

05:33Manchester: Gb torna a condividere informazioni con Usa

ROMA - Le autorità britanniche hanno ripreso a condividere le informazioni con gli Stati Uniti sull'attacco terroristico di Manchester. Lo ha annunciato Mark Rowley, numero 2 di Scotland Yard, responsabile dell'unità nazionale antiterrorismo citato dall''Huffington Post.

00:22Omicidio a Reggio Calabria, ucciso tabaccaio

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 25 MAG - Un commerciante, Bruno Ielo, di 66 anni, titolare di una rivendita di tabacchi, è stato ucciso stasera in un agguato a Catona, frazione di Reggio Calabria. Secondo quanto ricostruito dalla polizia di Stato, Ielo, mentre rientrava a casa alla guida del proprio scooter, sarebbe stato affiancato da un automezzo con a bordo almeno due persone che gli hanno sparato contro alcuni colpi di pistola. La morte del commerciante é stata istantanea. Ielo, nel momento dell'agguato, stava tornando a casa dopo avere chiuso la rivendita di tabacchi che gestiva nel quartiere Gallico. Il commerciante era preceduto in auto da una delle figlie. Tra le prime ipotesi avanzate dagli investigatori quella di un tentativo di rapina per sottrargli l'incasso della giornata. Ielo era armato ma non ha fatto in tempo a prendere la pistola per difendersi. Già lo scorso anno il commerciante aveva subito un tentativo di rapina ed anche in quell'occasione era stato fatto segno da alcuni colpi d'arma da fuoco.

23:53Moto:paura per Valentino Rossi, incidente in motocross

(ANSA) - RIMINI, 25 MAG - Paura per Valentino Rossi rimasto vittima di un incidente durante un allenamento in motocross nella pista di Cavallara. Nulla di grave comunque per il pilota di Tavullia che avrebbe rimediato un trauma cranico e toracico addominale. Valentino è cosciente e parla ma i medici dell'Ospedale 'Infermi' di Rimini hanno comunque deciso di tenerlo in osservazione nel Reparto di rianimazione ma solo per motivi di privacy e riservatezza. Ci sono con lui i genitori.

Archivio Ultima ora