Iran: l’intesa nucleare sarà presto una realtà

Pubblicato il 13 gennaio 2016 da redazione

Nucleare: Mogherini grazie all'accordo raggiunto l'Iran non avrà l'arma nucleare

Nucleare: Mogherini grazie all’accordo raggiunto l’Iran non avrà l’arma nucleare

TEHERAN. – Sono esattamente sei mesi dallo storico accordo del 14 luglio scorso a Vienna sul nucleare iraniano, proprio il lasso di tempo previsto per la sua attuazione. Una scadenza che l’Iran ci tiene il più possibile a rispettare, tanto che il viceministro degli Esteri Abbas Araqchi ha annunciato che l’atteso ‘implementation day’ dell’accordo, con la conseguente revoca delle sanzioni, giungerà “entro sabato o domenica” prossimi.

Un annuncio riportato dalla tv di stato Presstv e confermato, seppur con un più prudente “auspicabilmente”, anche dall’agenzia ufficiale Irna, più attenta a far entrare Araqchi nel dettaglio degli ultimi adempimenti che l’Iran sta mettendo a punto. Adempimenti che dovranno essere verificati dagli ispettori Aiea prima dell’annuncio ufficiale, affidato ancora una volta – dopo le intese di Losanna e Vienna – al ministro degli Esteri Javad Zarif e alla rappresentante della Ue Federica Mogherini. La quale, parlando l’altro ieri da Praga, aveva annunciato che le sanzioni per il nucleare iraniano saranno tolte abbastanza presto pur non precisando una data, e aveva detto che l’attuazione dell’accordo sta procedendo “abbastanza bene”.

Ora spetterà proprio a lei fissare la data definitiva. Ma con questo annuncio l’Iran ribadisce la sua volontà di andare avanti: a dispetto della recente rottura dei rapporti diplomatici con Riad – rottura addebitata da Teheran proprio alla volontà saudita di frenare sull’attuazione dell’accordo – e nonostante la nuova crisi che era sembrata addensarsi nel Golfo Persico con il fermo – e il successivo rilascio grazie non a caso ai colloqui diretti tra le due diplomazie – dei Marines americani sconfinati per errore in acque iraniane.

Lo stesso Araqchi – già membro della squadra dei mediatori iraniani per l’accordo e ora responsabile della sua attuazione – ha anche annunciato che gli ispettori Aiea dovrebbero rilasciare entro venerdì il rapporto finale sull’effettivo compimento degli impegni presi dall’Iran a Vienna per de-potenziare il proprio programma nucleare, che d’altra parte per Teheran ha sempre avuto uno scopo pacifico.

La strada è già stata aperta dall’Aiea con il suo rapporto del dicembre scorso che, pur lasciando un margine di dubbio su alcune attività del passato, ha chiuso per sempre la questione della Possibile dimensione militare del nucleare di Teheran.

Nel frattempo, e soprattutto dopo quest’ultimo via libera, gli iraniani hanno fatto molto. In poche settimane l’Iran ha spedito in Russia circa 9 tonnellate di uranio arricchito in cambio del più grezzo ‘yellowcake’; ha messo a riposo buona parte delle sue centrifughe per l’arricchimento dell’uranio, e ha avviato la riconversione del reattore di Arak, in modo che non possa produrre plutonio.

Il portavoce dell’Agenzia atomica iraniana, Behrouz Kamalvandi, ha confermato con l’Irna che è stato smantellato anche il nucleo dello stesso reattore, e Araqchi ha confermato che le operazioni saranno compiute in collaborazione con le potenze del 5+1 ma da operatori iraniani. Ma soprattutto ha annunciato che, il giorno stesso della implementazion, le banche iraniane potranno finalmente tornare nel circuito Switft per le transazioni internazionali.

Ultima ora

14:39Attacco Londra: Papa, dolore per vite perse

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 23 MAR - Il Papa, "profondamente addolorato per la perdita di vite e per i feriti causati dall'attentato nel centro di Londra", "esprime la propria orante solidarietà a tutti coloro che sono stati colpiti da questa tragedia". "Raccomandando i morti alla misericordia di Dio onnipotente", Papa Francesco "invoca divina fortezza e pace sulle famiglie colpite e assicura alla nazione la sua preghiera in questa occasione". Lo afferma in un telegramma inviato al cardinale Vincent Nichols, arcivescovo di Westminster.

14:38Bruciore agli occhi e nausea, venti studenti all’ospedale

(ANSA) - RICCIONE (RIMINI), 23 MAR - Una scuola media di Riccione è stata evacuata questa mattina dai vigili del fuoco. Intorno alle 10.30 alcuni studenti hanno iniziato a sentirsi male, accusando bruciore agli occhi, eruzioni cutanee e nausea. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco specializzati in questo tipo di emergenze, i tecnici di Arpae e i mezzi del 118. Una ventina di studenti è stata portata in pronto soccorso, ma nessuno è in gravi condizioni. Sono in corso accertamenti. (ANSA).

14:24Attacco Londra: Galantino, la risposta non è alzare muri

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - "Fatti di questo tipo ci riportano nella paura: l'importante è evitare semplificazioni e non convincerci che questi problemi si risolvano alzando i muri". Lo ha detto il segretario della Cei, mons. Nunzio Galantino, commentando i fatti di Londra a margine di una conferenza stampa. "Questi delinquenti - ha aggiunto a proposito dei terroristi - mostrano di non aver voglia di venire qui con i barconi".

14:18Di Maio, niente alleanze, M5s chiederà fiducia sul programma

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - "Consiglio a tutti quelli che mi chiedono di alleanze di eliminare questo termine dal futuro politico dell'Italia. Se vinceremo chiederemo una fiducia che si basa su un programma, chi vorrà darcela potrà partecipare alla creazione di un'Italia differente ma senza aspettarsi tornaconti". Così Luigi Di Maio, nel corso della presentazione delle proposte sull'Ue del M5S, risponde ad una domanda sull'ipotesi di alleanze se il Movimento andrà al Governo.

14:11Renzi, non subalterni a giustizialismo manettaro del M5s

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - "Da parte della politica c'è stato un atteggiamento culturalmente subalterno al grillismo per cui se c'è un avviso di garanzia devi dimetterti. Il mio governo - e ne sono orgoglioso - è andato in Aula, su Bubbico che ora è in Mdp, a dire che non si chiedono le dimissioni di chi è indagato: è un fatto di civiltà giuridica. Non accetto la cultura grillina, garantista a giorni alterni se è indagata la Raggi, o l'ondata giustizialista tipica di un atteggiamento manettaro. Quelli che volevano i lodi per sfangare i processi erano gli altri". Lo dice Matteo Renzi a Corriere Live.

14:06Calcio: Crotone, il presidente Vrenna lascia il club

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Raffaele Vrenna si dimette dalla carica di presidente dell'Fc Crotone e lascia la società, dopo averne rilevato la proprietà nel 1992 e, in soli sette anni, averla condotta in Serie B partendo dalla prima categoria fino ad arrivare alla storica promozione in A. "Per una diversa visione sulla gestione e sulle strategie di sviluppo aziendali - scrive Vrenna sul sito della società - lascio l'Fc Crotone. Lo faccio dopo 25 anni con molta tristezza. Con questa squadra ho vissuto stagioni incredibili e compiuto un'impresa che rimarrà nella storia del calcio non soltanto crotonese, tanto che la nostra promozione in A è stata accostata alla conquista della Premier League da parte del Leicester. Chi conosce Crotone sa che è una piccola città, ma con un grande cuore e una grande tifoseria. Desidero ringraziare tutte le persone che hanno lavorato con me in questi anni contribuendo ai successi ottenuti". La società, adesso, dovrebbe passare al fratello di Raffaele Vrenna, Gianni, socio insieme a Raffaele Marino.

14:02Minzolini: Renzi, io avrei votato per la decadenza

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - "Io avrei votato per la decadenza di Minzolini, non perché penso che questa vicenda non sia molto strana, ma perché non penso che il Senato sia il quarto grado della magistratura". Lo dice Matteo Renzi a Corriere Live.

Archivio Ultima ora