Al Qaida minaccia l’Italia, “che ha occupato la Libia”

Pubblicato il 14 gennaio 2016 da redazione

base-alqaida

ROMA. – Al Qaida minaccia l’Italia, “che ha occupato la Libia”, l’Isis avanza a est e ovest di Sirte. In questo preoccupante scenario, il premier designato Fayez al-Sarraj tenta di rispettare il termine di domenica previsto per l’annuncio della formazione del nuovo governo di unità nazionale. Ma le incognite sono ancora tantissime. E’ la Libia ancora attanagliata tra i difficili sforzi per riportare stabilità e la sfida terroristica lanciata dai seguaci di Ayman al Zawahri e Abu Bakr al Baghdadi.

Bollando l’intesa di Skhirat in Marocco tra le parti libiche come un “complotto” e accusando il nuovo governo di aver “venduto il proprio credo religioso” agli interessi stranieri, il numero due del ramo nordafricano di al Qaida, Abu Yusuf al Anabi, tuona contro l’Italia in un lungo video: “Ha occupato il Paese, Tripoli è ora governato da un generale italiano”.

Il riferimento probabilmente è al generale Paolo Serra, senior advisor militare dell’inviato speciale dell’Onu sulla Libia Martin Kobler. Il numero due dell’Aqmi si rivolge poi direttamente “ai nuovi invasori, i nipoti di Graziani (il generale della guerra dell’era fascista in Libia, ndr): vi morderete le mani pentendovi di essere entrati nella terra di Omar al Mukhtar (l’eroe della resistenza libica, ndr) e ne uscirete umiliati”.

Al Qaida, che accusa l’Occidente di aver “preso il controllo delle risorse libiche”, proclama che non accetterà mai l’intesa: “Non siamo un popolo che si arrende, dovrete passare sui nostri cadaveri. O vinciamo o moriamo”.

“Non è la prima volta che subiamo minacce attraverso dei video pubblicati proprio per darci la sensazione di un Paese sotto attacco”, ha sottolineato il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, ricordando che l’Italia si è sempre considerata “un Paese esposto al rischio terrorismo”, e che “il nostro livello di allerta è un livello che anche dopo gli ultimi fatti di Parigi abbiamo elevato ulteriormente”.

Intanto l’Isis continua ad avanzare. I jihadisti hanno inviato negli ultimi due giorni armi pesanti e rinforzi nell’area del terminal petrolifero di Sidra, a est della roccaforte Sirte, considerato il cuore dell’economia dell’oro nero libico. Fonti della sicurezza affermano che nei combattimenti e nei rastrellamenti delle ultime ore, i jihadisti hanno catturato 150 persone, in gran parte militari in pensione e guardie degli impianti petroliferi.

“Giustizieremo alcuni prigionieri domani” a Ben Jawad, minaccia lo Stato islamico, che ha conquistato la cittadina strategica sulla costa centrorientale libica già da diversi giorni. Ma la notizia del sequestro non viene confermata dal ministro degli Esteri Paolo Gentiloni: “Al momento non è una notizia che si possa confermare. Siamo in un momento delicatissimo in Libia in cui si accavallano notizie di ogni genere, e questa specifica credo che non abbia fondamento”, dice il titolare della Farnesina.

Intanto a sud di Ras Lanuf, altro terminal importante per il petrolio, è stato fatto saltare il principale oleodotto della regione, che pure era inattivo da oltre due anni. Mentre a ovest di Sirte, verso Misurata, testimoni raccontano di decine di pickup pesantemente armati arrivati a consolidare le postazioni jihadiste.

Intanto la presidenza del consiglio libico, sancita dagli accordi di Shkirat, ha firmato i primi decreti. Uno prevede la creazione di un comitato per la sicurezza. L’inviato speciale dell’Onu Martin Kobler ha salutato la decisione, e ha fatto appello a tutti i libici perché supportino la struttura e accettino il nuovo governo, che dovrebbe essere definito entro le prossime ore.

Ma i falchi a Tripoli e Tobruk continuano a volteggiare, fino a trovarsi sullo stesso fronte del ‘no’ gridato da al Qaida e dall’Isis. Scenari seguiti con grandissima preoccupazione dalle cancellerie occidentali, dove non si escludono più azioni di forza contro lo Stato islamico in Libia se i tentativi di Sarraj dovessero alla fine naufragare e la situazione precipitare.

Gentiloni ha voluto smentire qualsiasi presunta frizione con la Francia, che secondo alcune ricostruzioni giornalistiche scalpiterebbe per colpire subito l’Isis, prima della costituzione del nuovo governo. “C’è una collaborazione tra noi, Francia, Usa e altri” che hanno partecipato alla conferenza di dicembre a Roma. “Tutti convergono su un punto: la necessità di stabilizzare la Libia” per “impedire che diventi una Somalia a 300 km dalle nostre coste”, ha assicurato il ministro.

(di Claudio Accogli/ANSA)

Ultima ora

00:17Calcio: 3-1 all’Alaves, il Barcellona vince la Coppa del Re

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Barcellona saluta Luis Enrique vincendo 3-1 la finale di Coppa del Re contro l'Alaves. Per i blaugrana si tratta del 29/o successo nel torneo, il terzo consecutivo. L'allenatore lascia dopo tre anni e con un bottino di nove titoli. L'incontro al 'Vicente Calderon' di Madrid non ha avuto storia, con il Barca che ha chiuso il primo tempo in ampio vantaggio grazie alle reti di Messi (30'), Neymar (45', in dubbio offside) e Paco Alcacer (48'), più che sufficienti a stroncare ogni velleità dell'Alaves che pure aveva trovato il pareggio su punizione al 33' con Hernandez.

00:14Calcio: un autogol piega l’Angers, coppa di Francia al Psg

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Paris Saint Germain vince la 100/a edizione della coppa di Francia, conquistando il trofeo per l'undicesima volta, la terza consecutiva. Nessuna sorpresa nel risultato della sfida tra la corazzata di Unai Emery, forse al passo d'addio, e la cenerentola Angers, ma la partita allo Stade de France è andata in maniera diversa rispetto alle attese. Il 93' il risultato era ancora sullo 0-0 e solo una sfortunata autorete di Cissokho ha consentito al Psg di passare in vantaggio e vincere l'incontro quando ormai i bianconeri speravano di aver conquistato i supplementari.

23:54Basket: playoff, Milano-Trento 71-78

(ANSA) - ASSAGO (MILANO), 27 MAG - La sfrontatezza di Flaccadori, la versatilità di Craft e la prestanza atletica di Sutton: con questi ingredienti la Dolomiti Energia Trento sorprende nuovamente una deludente EA7 (71-78), portandosi avanti 2-0 nella serie di semifinale. Il Forum d'Assago è spaccato in due ma unito in un clima di contestazione generale: la curva prende di mira la dirigenza e chiede le dimissioni del presidente Proli e del gm Portaluppi, il resto dell'arena becca coach Repesa, poco convincente in molte delle sue scelte. Trento è piena zeppa di meriti, Milano confusa e infelice. E ora senza più possibilità di sbagliare: per riportare la serie al Forum dovrà sbancare almeno una volta Trento.

23:24Calcio: playoff serie B, Benevento-Perugia 1-0

(ANSA) - BENEVENTO, 27 MAG - Il Benevento supera 1-0 il Perugia e si aggiudica il primo atto della semifinale playoff di serie B. Di Chibsah, al 14' st, la rete che decide il match e consente ai sanniti la possibilità di passare il turno anche con un pareggio nel ritorno allo stadio 'Curi'. I giallorossi partono a spron battuto ma al 10' una conclusione sbilenca di Mustacchio diventa un assist per Dezi che di testa batte Cragno. Dopo un lungo conciliabolo, però, l'arbitro annulla per offside. Il gol decisivo giunge nella ripresa. Ingenuità di Gnahoré che al limite dell'area si fa rubar palla da Chibsah, lesto ad entrare in area e freddo nel battere Brignoli. La reazione del Perugia è veemente ma sterile e di nitide chance non se ne registrano.

23:01Calcio: Borussia Dortmund vince la coppa di Germania

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Borussia Dortmund si aggiudica la coppa di Germania battendo 2-1 l'Eintracht Francoforte nella finale disputata allo stadio olimpico di Berlino. Dopo tre ko consecutivi nella partita decisiva, la squadra guidata ha Thomas Tuchel ha conquistato la quinta coppa nazionale della sua storia, ritrovando un successo che mancava dal 2012. Andato in vantaggio all'8' con Dembele, il Borussia ha subito al 29' il pareggio di Rebic, tornando poi avanti in maniera definitiva grazie ad un rigore trasformato da Aubemeyang al 22' della ripresa.

22:59Donna alpinista precipita a 3 mila metri in Valtellina

(ANSA) - VALFURVA (SONDRIO), 27 MAG - E' precipitata in un burrone profondo alcune centinaia di metri sotto gli occhi atterriti del marito e di alcuni amici e non ha avuto scampo. Vittima della tragedia in montagna avvenuta oggi pomeriggio in Alta Valtellina è una donna di 45 anni, residente a Vobarno, in provincia di Brescia. Si chiamava Paola Ferrari. L'incidente alpinistico si è verificato lungo le pendici del pizzo San Matteo, a quasi 3 mila metri di altitudine, nel territorio comunale di Valfurva (Sondrio), il paese turistico dell'ex campionessa olimpica di sci Deborah Compagnoni e dello scalatore degli Ottomila Marco Confortola. L'allarme, alla centrale operativa del 112, e' stato dato attorno alle 13 dal coniuge con il cellulare. La moglie, come tutti i componenti della comitiva di escursionisti d'alta quota, non era in cordata. Procedeva da sola, in fila indiana lungo il ripido pendio, quando all'improvviso e' accaduta la disgrazia.

22:27Calcio: Allegri “la Juve è pronta per una grande finale”

(ANSA) - BOLOGNA, 27 MAG - La Juve sta bene, meglio non potrebbe. Vincente, in forma, con tutti gli uomini a disposizione. Pronta "per fare una gran finale", dice Massimiliano Allegri al termine della partita vinta al 94' a Bologna. La settimana di Cardiff è già scandita: domani giorno di riposo, "poi lunedì cominciamo a preparare la partita, a questo punto serve un grande risparmio di energie per sprigionarle tutte nella finale. Serve attenzione ai dettagli e ci vuole un po' di buona sorte", aggiunge, mettendo nel mirino il Real. Allegri è contento, "per i ragazzi, perché abbiamo chiuso con una vittoria, perché abbiamo fatto 91 punti che sono una cosa importante in un campionato di alto livello. Dovevamo chiudere bene, l'abbiamo fatto nel migliore dei modi, con un'ottima mezz'ora finale e una bella reazione". Ormai è recuperato anche Khedira: "Ha fatto alcune strappate delle sue - ha detto il tecnico - qualche buon inserimento. Era la prestazione che mi aspettavo da lui, ha una settimana ancora per migliorare la condizione.

Archivio Ultima ora