Al Qaida minaccia l’Italia, “che ha occupato la Libia”

Pubblicato il 14 gennaio 2016 da redazione

base-alqaida

ROMA. – Al Qaida minaccia l’Italia, “che ha occupato la Libia”, l’Isis avanza a est e ovest di Sirte. In questo preoccupante scenario, il premier designato Fayez al-Sarraj tenta di rispettare il termine di domenica previsto per l’annuncio della formazione del nuovo governo di unità nazionale. Ma le incognite sono ancora tantissime. E’ la Libia ancora attanagliata tra i difficili sforzi per riportare stabilità e la sfida terroristica lanciata dai seguaci di Ayman al Zawahri e Abu Bakr al Baghdadi.

Bollando l’intesa di Skhirat in Marocco tra le parti libiche come un “complotto” e accusando il nuovo governo di aver “venduto il proprio credo religioso” agli interessi stranieri, il numero due del ramo nordafricano di al Qaida, Abu Yusuf al Anabi, tuona contro l’Italia in un lungo video: “Ha occupato il Paese, Tripoli è ora governato da un generale italiano”.

Il riferimento probabilmente è al generale Paolo Serra, senior advisor militare dell’inviato speciale dell’Onu sulla Libia Martin Kobler. Il numero due dell’Aqmi si rivolge poi direttamente “ai nuovi invasori, i nipoti di Graziani (il generale della guerra dell’era fascista in Libia, ndr): vi morderete le mani pentendovi di essere entrati nella terra di Omar al Mukhtar (l’eroe della resistenza libica, ndr) e ne uscirete umiliati”.

Al Qaida, che accusa l’Occidente di aver “preso il controllo delle risorse libiche”, proclama che non accetterà mai l’intesa: “Non siamo un popolo che si arrende, dovrete passare sui nostri cadaveri. O vinciamo o moriamo”.

“Non è la prima volta che subiamo minacce attraverso dei video pubblicati proprio per darci la sensazione di un Paese sotto attacco”, ha sottolineato il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, ricordando che l’Italia si è sempre considerata “un Paese esposto al rischio terrorismo”, e che “il nostro livello di allerta è un livello che anche dopo gli ultimi fatti di Parigi abbiamo elevato ulteriormente”.

Intanto l’Isis continua ad avanzare. I jihadisti hanno inviato negli ultimi due giorni armi pesanti e rinforzi nell’area del terminal petrolifero di Sidra, a est della roccaforte Sirte, considerato il cuore dell’economia dell’oro nero libico. Fonti della sicurezza affermano che nei combattimenti e nei rastrellamenti delle ultime ore, i jihadisti hanno catturato 150 persone, in gran parte militari in pensione e guardie degli impianti petroliferi.

“Giustizieremo alcuni prigionieri domani” a Ben Jawad, minaccia lo Stato islamico, che ha conquistato la cittadina strategica sulla costa centrorientale libica già da diversi giorni. Ma la notizia del sequestro non viene confermata dal ministro degli Esteri Paolo Gentiloni: “Al momento non è una notizia che si possa confermare. Siamo in un momento delicatissimo in Libia in cui si accavallano notizie di ogni genere, e questa specifica credo che non abbia fondamento”, dice il titolare della Farnesina.

Intanto a sud di Ras Lanuf, altro terminal importante per il petrolio, è stato fatto saltare il principale oleodotto della regione, che pure era inattivo da oltre due anni. Mentre a ovest di Sirte, verso Misurata, testimoni raccontano di decine di pickup pesantemente armati arrivati a consolidare le postazioni jihadiste.

Intanto la presidenza del consiglio libico, sancita dagli accordi di Shkirat, ha firmato i primi decreti. Uno prevede la creazione di un comitato per la sicurezza. L’inviato speciale dell’Onu Martin Kobler ha salutato la decisione, e ha fatto appello a tutti i libici perché supportino la struttura e accettino il nuovo governo, che dovrebbe essere definito entro le prossime ore.

Ma i falchi a Tripoli e Tobruk continuano a volteggiare, fino a trovarsi sullo stesso fronte del ‘no’ gridato da al Qaida e dall’Isis. Scenari seguiti con grandissima preoccupazione dalle cancellerie occidentali, dove non si escludono più azioni di forza contro lo Stato islamico in Libia se i tentativi di Sarraj dovessero alla fine naufragare e la situazione precipitare.

Gentiloni ha voluto smentire qualsiasi presunta frizione con la Francia, che secondo alcune ricostruzioni giornalistiche scalpiterebbe per colpire subito l’Isis, prima della costituzione del nuovo governo. “C’è una collaborazione tra noi, Francia, Usa e altri” che hanno partecipato alla conferenza di dicembre a Roma. “Tutti convergono su un punto: la necessità di stabilizzare la Libia” per “impedire che diventi una Somalia a 300 km dalle nostre coste”, ha assicurato il ministro.

(di Claudio Accogli/ANSA)

Ultima ora

22:06Calcio: Bonucci “Milan di nuovo al vertice, uniti si può”

(ANSA) - MILANO, 20 LUG - "Riportare il Milan ai vertici italiani ed europei. Uniti si può". Leonardo Bonucci inizia l'avventura rossonera ispirandosi ai fasti del passato e alla difesa che ha fatto grande questa squadra. "Quando pensi al Milan, vieni subito attratto dalla sua storia, da quella dei campioni che hanno vestito la sua maglia - ha scritto il difensore su Instagram -. Penso a Baresi, Costacurta, Maldini, Nesta, Tassotti. Li ammiro per quello che hanno dato al calcio e a questo Club. Loro sono nella leggenda, io arrivo oggi, per iniziare a scrivere una nuova pagina della storia rossonera e della mia carriera". Nel post accompagnato dall'hashtag 'più affamato che mai', firmato come sempre con le iniziali e il numero 19 (che ora gli contende il compagno di squadra Kessie), Bonucci aggiunge: "Inizia una nuova sfida, una nuova avventura assieme a compagni che come me hanno tanta fame e voglia di vincere. Ringrazio la Società tutta".

21:56Incendi: folla ringrazia pompieri caserma Grosseto

(ANSA) - GROSSETO, 20 LUG - Centinaia di cittadini di Grosseto stasera ringraziano i vigili del fuoco nella caserma del locale comando provinciale per l'impegno profuso nello spegnimento dei numerosi incendi che hanno colpito la Maremma, roghi che hanno arrecato danni ingenti al territorio e alle cose (abitazioni e auto attaccate nella pineta di Marina di Grosseto). Vengono sventolate bandiere tricolori, sono esposti striscioni con scritte tipo 'Milioni di questi vigili, grazie di tutto', sono lanciate frasi di incitamento. Mogli e figli dei vigili del fuoco indossano magliette di colore bianco e rosso in cui si esprime l'orgoglio di essere familiari dei pompieri. I vigili sono schierati in divisa operativa e coi mezzi antincendio nel piazzale della caserma. L'iniziativa di riunirsi presso la caserma 'Carnicelli', per ringraziare i pompieri, è stata proposta su Facebook da alcuni privati cittadini e sta riscuotendo un grande seguito.

21:35Calcio: Donnarumma, strana sensazione allenarsi col fratello

(ANSA) - MILANO, 20 LUG - Oltre all'ingaggio da top player, gli allenamenti con il fratello Antonio sono la principale novità per Gigi Donnarumma, dopo il rinnovo di contratto con il Milan. "È una strana sensazione, non mi ero mai allenato con lui. Con Antonio e Marco Storari lavoriamo bene", ha sorriso il 18enne portiere rossonero, durante una chiacchierata con l'ex compagno di squadra e ora club manager Christian Abbiati, organizzata a Guangzhou, prima della partenza per Shenzhen, sede dell'ultima amichevole della tournée cinese, sabato contro il Bayern Monaco. "Ci sono tanti nuovi, e quelli vecchi li stanno facendo sentire a casa - ha spiegato Donnarumma -. La società sta facendo un grandissimo lavoro, quelli che sono arrivati sono tutti bravissimi giocatori si stanno adattando molto bene". Infine, ad Abbiati che gli domandava quale fosse il suo idolo, Donnarumma ha risposto: "È stato sempre Buffon, poi c'eri tu che facevi il portiere nella squadra per la quale tifavo. In Nazionale Gigi mi aiuta tanto, cerco di imitare Neuer".

21:29O.J. Simpson ottiene libertà condizionale

(ANSA) - NEW YORK, 20 LUG - O.J. Simpson ha ottenuto la liberta' condizionale. La decisione è stata annunciata al termine di 20 minuti di deliberazione. Simpson potrà lasciare il carcere l'1 ottobre.

21:18Tabaccaio morì in tentativo rapina, un indagato dopo 3 anni

(ANSA) - ASTI, 20 LUG - Svolta nelle indagini per l'omicidio di Manuel Bacco, il tabaccaio di 37 anni ucciso a colpi di pistola ad Asti, nel suo negozio di corso Alba nel 2014. A quasi tre anni dal delitto, un astigiano di 24 anni è finito nel registro degli indagati. La rendo noto l'avvocato Claudia Malabaila, che difende il giovane insieme al collega Roberto Caranzano. "Oggi c'è stato un interrogatorio in Procura durato quattro ore - conferma Malabaila - il mio cliente si è dichiarato innocente". Le indagini sull'omicidio proseguono nel più stretto riserbo di Procura e carabinieri. Il delitto la sera del 19 dicembre di tre anni fa. I malviventi puntavano all'incasso della giornata, ma la reazione del tabaccaio, intervenuto per difendere la moglie strattonata da uno dei banditi, ha fatto perdere loro il controllo. Colpita a bruciapelo al torace, la vittima era morta sul colpo.(ANSA).

21:15Governo: Speranza, le ultime scelte non ci convincono

(ANSA) - POTENZA, 20 LUG - "Le ultime scelte del Governo non ci convincono". Così Roberto Speranza (Mdp), a Potenza, ha risposto alle domande dei giornalisti sulle recenti vicende politiche. In particolare, Speranza ha fatto riferimento "alla scelta di rinviare lo Ius soli, non avendo il coraggio di andare avanti, e alla scelta di reinserire i voucher nella manovrina".

21:11Renzi, onore armi a Costa, per governo non cambia niente

(ANSA) - ROMA, 20 LUG - "Credo che il ministro Costa abbia dimostrato di avere delle idee, che io non condivido, ma alle quali tiene. Onore delle armi". Lo dice il segretario del Pd Matteo Renzi alla presentazione del suo libro a Roma. "Per il governo non cambia niente".

Archivio Ultima ora