Battaglia vinta, la lingua italiana non più discriminata in Ue

Pubblicato il 14 gennaio 2016 da redazione

dante_italiano

ROMA. – L’italiano non sarà più discriminato nei concorsi dell’Unione europea per la selezione del personale delle Istituzioni. Dopo una lunga battaglia legale e una serie di ricorsi presentati dall’Italia – che ha fatto fronte comune con la Spagna – a partire dalla prossima primavera non saranno più inglese, francese e tedesco a farla da padroni.

La notizia arriva con la risposta della vicepresidente della Commissione Ue Kristalina Georgieva a una interrogazione presentata dal vicepresidente dell’Europarlamento Antonio Tajani insieme al collega spagnolo Luis Ramon Valcarcel dopo le sentenze della Corte di giustizia europea che avevano dato ragione a Italia e Spagna sulla discriminazione delle lingue nazionali.

“La Commissione ritiene che sia possibile migliorare alcuni elementi delle attuali norme generali relative all’uso delle lingue nei concorsi gestiti dall’Epso (Ufficio europeo di selezione del personale) alla luce delle sentenze”, ha affermato Georgieva, ricordando che “in quest’ottica, l’Epso sta attualmente rivedendo le disposizioni generali relative ai concorsi”.

“Battaglia vinta, la lingua italiana non verrà più discriminata nei concorsi Ue”, ha dichiarato Tajani, dopo la risposta di Georgieva che, da parte sua, ha garantito che “l’Epso si adopererà per garantire sia il pieno rispetto del principio di non discriminazione che un funzionamento adeguato e corretto dell’amministrazione dell’Ue in presenza di 24 lingue ufficiali”.

Con una sentenza del 24 settembre scorso, la Corte di giustizia aveva annullato tre concorsi organizzati da Epso a causa del fatto che la lingua era stata ridotta alla rosa tedesco-inglese-francese ed era stato inoltre imposto ai candidati di scegliere la seconda lingua all’interno della stessa rosa. E il 17 dicembre Il Tribunale Ue ha annullato con tre sentenze una serie di bandi di concorso dell’Epso per aver discriminato la lingua italiana.

Già dal 2011 l’ufficio di selezione del personale Ue aveva cominciato ad adeguarsi e a pubblicare alcuni bandi di concorso e le prove di pre-selezione in tutte le lingue ufficiali dell’Ue. Ma ora ci saranno nuove regole valide sempre e per tutti. E i tempi saranno brevi: l’Ufficio di selezione del personale Ue, ha spiegato Georgieva, “intende pubblicare la procedura di selezione rivista nella primavera del 2016”.

Ultima ora

11:15Francia: Macron, aiuti internazionali allo 0,55% entro 2022

(ANSA) - PARIGI, 25 LUG - "L'aiuto internazionale in favore dei paesi più deboli, in particolare in Africa, aumenterà durante i prossimi cinque anni per raggiungere lo 0,55% della ricchezza nazionale nel 2022". Lo annuncia l'Eliseo in un comunicato, riportando la proposta avanzata ieri dal presidente francese, Emmanuel Macron, durante il colloquio con Bono, cantante degli U2 e fondatore dell'Ong 'One'. "Il Primo Ministro e il governo sono stati incaricati di presentare entro l'autunno una traiettoria finanziaria conforme a questo obiettivo" spiega il comunicato.

11:10Turchia: ‘legami con Gulen’, altri 81 mandati d’arresto

(ANSA) - ISTANBUL, 25 LUG - Non si fermano in Turchia le operazioni contro la presunta rete golpista di Fethullah Gulen. La procura di Ankara ha emesso 81 nuovi mandati d'arresto contro ex dipendenti di scuole e istituzioni educative private, chiuse con decreti dello stato d'emergenza perché ritenute legate all'organizzazione che fa capo al magnate e imam in auto-esilio negli Usa, considerato da Ankara la mente del fallito colpo di stato di un anno fa. Almeno 28 persone sono già finite in manette in retate condotte dalla polizia turca in 13 diverse province, secondo l'agenzia statale Anadolu. Ulteriori operazioni sono in corso per tentare di arrestare gli altri ricercati.

11:06Ue: apre delegazione in Mongolia, sono 140 nel mondo

(ANSA) - PECHINO, 25 LUG - L'Unione europea, a seguito della decisione dell'Alto rappresentante per la politica estera e vice presidente della Commissione Ue Federica Mogherini, ha aperto la delegazione in Mongolia, a Ulaanbaatar, portando il totale delle sue rappresentanze nel mondo a quota 140. L'Ue mantiene la promessa sull'avvio "di una delegazione a pieno titolo in Mongolia, nazione democratica strategicamente tra Cina e Russia, partner importante per noi", dice in una nota il presidente delle Commissione Jean-Claude Juncker, ricordando le tre visite fatte, di cui la prima nel 1998 e l'ultima nel 2016. La Mongolia, rileva Mogherini, "ha un ruolo importante in una complessa regione, con una posizione geopolitica unica". La mossa è un investimento su legami più stretti e presto ci sarà "la firma di un accordo di partnership e cooperazione". La decisione, che segue l'accordo tra la Commissione Ue e il Consiglio dell'Ue e che diventerà pienamente operativa nel corso del 2017, rimarca l'importanza dei significativi progressi fatti nello sviluppo delle relazioni Ue-Mongolia. L'Italia, a conferma del crescente peso del paese asiatico, ha aperto la sua ambasciata nel 2016.

11:01Gerusalemme, Israele comincia rimozione metal detector

(ANSAmed) - TEL AVIV, 25 LUG - Dopo la decisione di ieri del governo, Israele ha cominciato a rimuovere durante la notte i metal detector che dal 14 luglio scorso erano stati posti, dopo un attentato, all'ingresso della Spianata delle Moschee nella Città Vecchia di Gerusalemme. Gli apparati tolti saranno sostituiti nei prossimi mesi da telecamere 'a tecnologia avanzata' ma questa misura non sembra andare incontro alle richieste dei responsabili islamici della Spianata che si oppongono a qualsiasi tipo di controllo israeliano sugli ingressi al luogo santo. Insieme ai metal detector sono state rimosse anche alcune delle telecamere che nei giorni scorsi erano state montate agli ingressi della Spianata. Il Gabinetto di sicurezza israeliano ha stanziato 100 milioni di shekel (25 milioni di euro) per realizzare entro sei mesi il nuovo piano di sicurezza che prevede appunto anche telecamere a tecnologia avanzata con alta risoluzione che consentono di individuare esplosivi e armi nascoste e sono dotate di sistemi di riconoscimento facciale.

10:46Incendi: deposito Milano, danni di grave entità a struttura

(ANSA) - MILANO, 25 LUG - Sembrerebbero di grave entità i danni registrati nell'impianto di stoccaggio dei rifiuti in cui, ieri sera alle 20, è divampato un furioso incendio ancora in corso di spegnimento. Si tratta dell'azienda Eco.Nova srl, attiva nel riciclaggio e nello smaltimento dei rifiuti solidi urbani. Secondo quanto appreso, una parte del tetto è crollata, e anche un'altra zona della struttura sarebbe pericolante. la strada, via Senigallia, è chiusa da via Rubicone. Il 118 ha un'ambulanza in prevenzione che non è dovuta intervenire. Sul posto, stamani, oltre alle squadre di Vigili del fuoco ancora presenti, si sono recati anche i tecnici dell'Nbcr, per scongiurare la possibilità dello sviluppo, nella nube di fumo, di sostanze pericolose e soprattutto di diossine. "Al momento la situazione è sotto controllo - spiegano i Vdf - e non abbiamo ravvisato pericoli immediati per la salute pubblica. Ora la competenza sulla salubrità dell'aria passa all'Arpa per valutare la ricaduta di sostanze inquinanti".

10:45Maltempo, riaperta statale del Brennero in Alto Adige

(ANSA) - BOLZANO, 25 LUG - La statale del Brennero è nuovamente percorribile nei pressi di Chiusa, in Alto Adige. La strada era stata chiusa ieri per alcuni torrenti straripati. Con il passaggio del fronte di maltempo, in nottata sono stati conclusi i lavori di sgombero da parte del servizio strade provinciale e dei vigili del fuoco della zona. Durante la chiusura della statale il traffico è stato deviato per la vicina autostrada del Brennero.

10:41Droga: due operazioni a Cosenza, 11 arresti per spaccio

(ANSA) - COSENZA, 25 LUG - Due operazioni antidroga, che hanno portato complessivamente all'arresto di 11 persone, sono state eseguite stamattina a Cosenza dalla Squadra mobile e dal Comando provinciale della Guardia di finanza, sotto le direttive della Procura della Repubblica. Nell'operazione condotta dalla polizia sono rimaste coinvolte sette persone, cinque delle quali portate in carcere e due ai domiciliari, accusate di avere svolto un'intensa attività di spaccio di cocaina, soprattutto nella zona del centro storico di Cosenza. Ta i consumatori della droga anche pensionati, avvocati e impiegati di banca. Le quattro persone coinvolte nell'operazione della Guardia di finanza si rifornivano della droga a Casal di Principe (Caserta). L'indagine é partita dalla scoperta di un'attività di usura, con erogazione di prestiti al tasso d'interesse annuale del 120%. La droga che veniva spacciata era contenuta in ovuli ingeriti dalle persone che la reperivano e poi espulsi per il recupero della sostanza stupefacente. (ANSA).

Archivio Ultima ora