Il presidente Maduro ha presentato il bilancio della sua gestione

Pubblicato il 15 gennaio 2016 da redazione

maduro-an

CARACAS – Come previsto, il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, si è recato al Parlamento per presentare il bilancio di un anno di gestione. Ricevuto dal presidente dell’Assemblea Nazionale, Henry Ramos Allup, e rispettato il protocollo di rigore, il presidente Maduro, in un lungo discorso, ha esposto quelli che, considera, sono stati i successi del suo governo.

Il discorso del presidente Maduro è iniziato con una protesta formale per quello che ha considerato un atteggiamento irrispettoso nei confronti della memoria del “Padre della Patria”, Simón Bolívar, e dell’estinto presidente Hugo Chávez. Come si ricorderà, per ordine del presidente del Parlamento, i ritratti dell’eroe dell’emancipazione nazionale e quella dell’estinto presidente sono stati ritirati definitivamente.

Il presidente Maduro, quindi, ha suggerito la creazione di una Commissione della Verità, della Giustizia e della Pace.

Per quel che riguarda l’ambito economico, il capo dello Stato ha attribuito la permanenza della profonda crisi economica soprattutto alla caduta dei prezzi del petrolio nel mercato internazionale, nell’incapacità del settore privato della produzione nel soddisfare la domanda nazionale e, di nuovo, alla presunta “guerra economica”, condotta con perseveranza dalle forze della destra reazionaria, dall’oligarchia nazionale e dall’imperialismo internazionale.

La “Gran Mission Vivienda”, poi, è stata un altro dei temi affrontati dal presidente Maduro. Il capo dello Stato ha affermato che mai, come negli ultimi anni, sono state costruite tante case popolari e sottolineato che la “Gran Missión Vivienda” è uno dei successi della rivoluzione ”chavista”.

Nel corso del suo intervento, trasmesso come è tradizione a rete unificate, ha ammesso che, viste le attuali circostanze del Paese, l’aumento della benzina è inevitabile e improrogabile.
– Il livello di squilibrio –ha detto il capo dello Stato – richiede decisioni complesse che saranno opportunamente spiegate. L’aumento della benzina – ha proseguito – è stato ampliamene discusso e i venezuelani sono d’accordo sulla sua necessità.

Al termine del discorso del capo dello Stato, il presidente dell’Assemblea Nazionale, Henry Ramos Allup, ha preso la parola per esporre alcuni criteri a suo giudizio importanti. Innanzitutto ha sottolineato che se s’insiste negli errori si creano situazioni in cui gli errori seguenti saranno sempre maggiori e più gravi.

– Le conseguenze economiche – ha assicurato – sono state aggravate da un modello di sviluppo erroneo. Se si fosse rettificato con tempo – ha proseguito – non saremmo giunti a tali circostanze. Se ci fosse una rettificazione, un invito al dialogo sincero saremmo felici. Chi può volere che si continui con le file di venezuelani e con la mancanza di prodotti?

Quindi ha ammesso che il capo dello Stato ha ereditato una realtà complessa e difficile. E si è detto soddisfatto per l’invito al dialogo del capo dello Stato.

Ramos Allup, riferendosi senza dirlo apertamente alla decisione della Corte di sospendere i deputati dello Stato Amazonas e alla decisione dell’Assemblea di rispettare la risoluzione del Tribunale Supremo di Giustizia.
– A volte – ha detto Ramos Allup – bisogna piegarsi per non rompersi. Ma – ha anche assicurato – questo è`un potere autonomo e, come tale, sarà protagonista di dibattiti. Prenderà decisioni, legislerá e controllerà.

Quindi ha aggiunto:
– Benvenuto il dialogo. Ma che sia sincero, permanente, fruttifero. In Venezuela che ci sia dialogo tra Governo e Opposizione è notizia perché è un fatto eccezionale. Non lo sarebbe se fosse frequente.

Anche l’istituzione armata è stata oggetto delle riflessioni del presidente del Parlamento.
– Un civile non può discutere con un uomo armato – ha sottolineato con enfasi -. I militari non devono, non possono deliberare. Non appartengono a una corrente politica. Sono del Paese, di tutto il Paese. Sono di tutti i venezuelani.

In ultimo, riferendosi ai ritratti dell’estinto presidente Chávez, che hanno provocato un intenso dibattito a livello nazionale, ha precisato:
– Sono stato io a ordinare che quei ritratti fossero ritirati. In Parlamento non ci possono essere ritratti di presidenti, né vivi né morti. Questo spazio non è per ospitare immagini di capi o ex capi di Stato.

Henry Ramos Allup ha concluso il suo intervento sottolineando la necessità della Legge di Amnistia e di Riconciliazione e precisato che le 43 morti del 2014 sono state provocate dalla violenza con cui sono state represse le manifestazioni di protesta.

Ultima ora

12:23Calcio:Totti show da Fiorello,’Buffon 1000partite,un grande’

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Prima in regia e poi lo show in 'studio'. Francesco Totti è stato il super ospite dell'Edicola Fiore di oggi: "Vieni a fare il vecchio in panchina con noi" l'invito di Fiorello al capitano della Roma apparso dalla cabina di regia per l'ultima puntata della prima settimana della nuova edizione del programma in onda su Sky HD e TV8. "Tanto so' abituato…" ha subito risposto il n.10, chiaro riferimento al suo scarso utilizzo in campo negli ultimi mesi. Totti ha raggiunto Fiorello e sono cominciate le gag: subito il pronostico sulla nazionale impegnata stasera a Palermo con l'Albania. "Vince l'Italia 2-0 - dice il capitano giallorosso - gol di Belotti e De Rossi". Poi gli auguri a Buffon per le mille partite proprio in occasione della gara degli azzurri. "Gigi è un grande, tanti auguri. A lui in carriera dieci quindici gol li ho fatti, ma non solo alla Juve, anche quando stava al Parma… Come si segna a Buffon? Tiro sui cog…" ha scherzato ancora Totti.

12:19Sicurezza: giudice Treviso, ‘lo Stato non c’è, io mi armo’

(ANSA) - TREVISO, 24 MAR - "D'ora in poi sarò armato": il giudice trevigiano Angelo Mascolo annuncia di volersi dotare di un'arma per esercitare il suo diritto alla difesa. "Lo Stato ha perso completamente e totalmente il controllo del territorio - accusa - nel quale, a qualunque latitudine, scorazzano impunemente delinquenti di tutti i colori".

12:18F1:Australia,Hamilton’tutto perfetto, ma solo domani verità’

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - ''È stato tutto perfetto al 99 per cento''. Parola di Lewis Hamilton dopo aver dominato, a Melbourne in Australia, il primo venerdì di prove libere della stagione di Formula 1 2017. ''Dopo aver lottato con alcuni problemi a Barcellona, non sapevamo se sarebbe stato lo stesso qui. La cosa incoraggiante è che siamo arrivati in pista solo una settimana dopo e la macchina è proprio dove dovrebbe essere. Va tutto a meraviglia e i ragazzi hanno fatto un lavoro fantastico. Le gomme hanno lavorato molto bene anche oggi''. ''Sapevamo dopo le prime prove che le Ferrari non erano al loro massimo - aggiunge Hamilton - ma naturalmente, nelle seconde libere sono tornate subito veloci. Vedremo domani come siamo messi sul serio. In ogni caso spingerò più forte che posso per vincere questa gara''.

12:13Trattati Roma: Norcia blindata per visita parlamentari Ue

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 24 MAR - Valnerina blindata per l'arrivo dei parlamentari europei e del presidente Antonio Tajani a Norcia. Lungo la statale "Tre Valli", che collega Spoleto alla città di San Benedetto, decine di uomini delle forze dell'ordine presidiano il percorso lungo il quale passeranno gli esponenti dell'Ue. Sono oltre 300 gli uomini e le donne impegnati nel sistema di sicurezza. Blindata anche la città di Norcia, controlli serrati agli accessi all'ex campo sportivo, dove sono state allestite le tensostrutture in cui si svolgerà il vertice europeo. Interdetto a ogni volo anche lo spazio aereo sopra il territorio nursino. (ANSA).

11:58Trattati Roma: Gentiloni, no a Ue divisa, ma andare avanti

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Non vogliamo una Europa divisa, l'Europa è unita e indivisibile, ma vogliamo anche andare avanti su una idea comune di Europa, in aree ad esempio come difesa, sicurezza. Abbiamo bisogno di una maggiore integrazione e rivendichiamo un ruolo globale per l'Europa". Lo dice il premier Paolo Gentiloni incontrando nella biblioteca chigiana le associazioni imprenditoriali europee, presenti tra gli altri Vincenzo Boccia ed Emma Marcegaglia. "L'Europa si trova di fronte a differenti sfide anche nuove, da Brexit al rinascere del protezionismo, ma abbiamo una opportunità per reagire", dice ancora il premier. "Rivendichiamo un ruolo globale per l'Europa. Per questo abbiamo bisogno anche di voi per sostenere il libero scambio, la crescita, una agenda per l'innovazione, e anche una Europa sociale".

11:52Londra: Khalid Masood si chiamava Adrian Russell Ajao

(ANSA) - LONDRA, 24 MAR - Il nome anagrafico di Khalid Masood, il terrorista britannico di 52 anni autore della strage di Westminster, ucciso dalla polizia, è Adrian Russell Ajao. lo rende noto l'antiterrorismo britannica. (ANSA).

11:47Timmermans, più velocità soluzione per tenere Ue insieme

(ANSA) - BRUXELLES, 24 MAR - L'Ue a più velocità è "la soluzione per tenere insieme l'Unione europea". E' quanto afferma il primo vicepresidente della Commissione Ue Frans Timmermans, sottolineando di "non vedere in questo alcun problema". "Data la diversità politica e economica degli Stati membri - sostiene Timmermans in una diretta Facebook - sarebbe bene offrire loro la possibilità di muoversi in avanti, purché ci muoviamo tutti nella stessa direzione. D'altra parte l'abbiamo già fatto con l'euro e con Schengen".

Archivio Ultima ora