Coppa del Mondo di sci: tre azzurri sul podio, il segreto è attaccare

Pubblicato il 17 gennaio 2016 da redazione

Giuliano Razzoli of Italy clears a gate during the first run of the Men's Slalom race at the FIS Alpine Ski World Cup at the Lauberhorn in Wengen, Switzerland, 17 January 2016.  EPA/PETER KLAUNZER

Giuliano Razzoli of Italy clears a gate during the first run of the Men’s Slalom race at the FIS Alpine Ski World Cup at the Lauberhorn in Wengen, Switzerland, 17 January 2016. EPA/PETER KLAUNZER

WENGEN. – “Sapevo da un bel po’ che potevo farcela, perché sto andando bene e lo faccio su tutti i tipi di pista. In due azzurri sul podio è fantastico. E ci serve anche negli allenamenti”. Giuliano Razzoli, dopo aver tagliato il traguardo dello speciale di Wengen, ha tirato un urlo di gioia che pareva non finire più.

Il ragazzone emiliano – 31 anni, un metro e 82 centimetri per una novantina di kili di muscoli – ha conquistato il decimo podio in Coppa del mondo, un palmares fatto da due vittorie, cinque secondi con quest’ultimo e tre terzi posti. In più, ovviamente, c’è il suo magico oro olimpico di Vancouver 2010.

Dopo incidenti e momenti di crisi, dalla scorsa stagione Razzoli è tornato più determinato che mai, con una sciata assolutamente solida e composta, bellissima da vedere, ma anche con un’agilità incredibile data la sua stazza.

Soddisfattissimo è pure Stefano Gross. Il trentino, classe 1986, con il terzo posto, ha messo insieme il settimo podio in carriera, con una vittoria, tre secondi e tre terzi posti. “Adelboden mi piace, non è un caso se l’anno scorso qui ero arrivato secondo, anche se sulla pista vera non su questa preparata sulla parte finale della libera. E’ una pista con poche pendenze e dunque il contrario di quel che piace a me. Ma ho attaccato e attaccato ancora e va davvero bene così”. Il podio è arrivato al momento giusto prima delle classiche austriache”, ha detto il ragazzo della Val di Fassa.

Per i due ora ci sono tappe fondamentali, come Kitzbuehel e poi Schladming, tutte piste su cui già sono saliti sul podio e su cui possono farsi più che mai valere. “Finalmente Giuliano e Stefano sono stati all’altezza della situazione – ha commentato felice Max Carca, l’allenatore degli azzurri – ed ora manca solo Kristoffersen da battere. Ma ci arriveremo. È una grande iniezione di fiducia per tutti”.

Felicissima e orgogliosa, ovviamente, anche Federica Brignone. “Soprattutto nella seconda manche la visibilità è stata un gran problema. Non si vedeva nulla e sbatteva tutto, mi sembrava quasi di essere ferma. Ma ho attaccato egualmente, perché volevo andare forte. Per un po’ ho sperato in qualcosa di piu’ del terzo posto. Ma va bene così, sono davvero contenta del mio terzo posto”.

Per Federica è il quarto podio stagionale in una stagione felicissima, aperta con la prima vittoria in carriera nella tappa d’esordio di coppa a Soelden. I podi in Coppa del mondo sono così in tutto 11: una vittoria, quattro secondi e sei terzi posti. In più l’argento mondiale a Garmisch, nel 2011.

Ultima ora

12:23G7: su Russia i sette pronti a ‘ulteriori azioni’

(ANSA) - TAORMINA, 27 MAG - Nella dichiarazione finale del G7 i grandi si impegneranno a prendere 'ulteriori azioni' nei confronti della Russia se non rispetta gli accordi di Minsk sull'Ucraina. Lo riferiscono fonti vicine al dossier, precisando che la discussione sulla Russia si tiene oggi. Sulla necessità di non levare le sanzioni a Mosca ci sarebbe quindi anche l'accodo degli Usa.

12:22Filippine: esercito bombarda Marawi, bandiere bianche civili

(ANSA) - BANGKOK, 27 MAG - Nei combattimenti di Marawi l'esercito filippino sta impiegando contro gli estremisti affiliati all'Isis anche bombardamenti aerei, mentre da alcuni edifici della città di 200 mila abitanti sono spuntate bandiere bianche sventolate da civili. Lo hanno riferito all'Associated Press alcuni testimoni. Con il bilancio ufficiale delle vittime fermo a 44 da ieri mattina (ma probabilmente già aumentato sul campo), gli scontri proseguono senza sosta tra le truppe di Manila e un centinaio di militanti armati appartenenti ai gruppi Maute e Abu Sayyaf, entrambi affiliati all'Isis. Un portavoce dell'esercito ha annunciato che le operazioni andranno avanti "fino a che la città sarà ripulita" dai combattenti che da martedì pongono assedio a Marawi, in seguito al blitz fallito delle forze di sicurezza per catturare uno dei loro comandanti. Nonostante migliaia di residenti abbiano lasciato la città, in molti sono rimasti nelle proprie case.

12:20Migranti: fiori e tedesco per integrazione profughi

(ANSA) - BOLZANO, 27 MAG - Hanno appreso primi rudimenti della lingua tedesca assieme a nozioni di floristica e cura dei giardini: sono 13 ragazzi profughi, richiedenti asilo in Alto Adige. Grazie ad un progetto organizzato dall'ufficio educazione permanente del dipartimento cultura tedesca in collaborazione con la scuola professionale Laimburg, e in sinergia con l'associazione dei giardinieri altoatesini, hanno compiuto un corso a moduli e uno stage presso 8 giardinerie in Alto Adige. In precedenza i ragazzi avevano acquisito i comportamenti corretti per la sicurezza sul lavoro. Ora sono pronti per una chiamata all'opera. Gli assessori provinciali di Bolzano Philipp Achammer e Arnold Schuler si sono complimentati con i corsisti e hanno consegnato loro gli attestati di frequenza del percorso formativo nell'ambito di una piccola festa.

12:18Migranti:altre due navi arrivate in Calabria,in una 32 salme

(ANSA) - CROTONE, 27 MAG - È approdata questa mattina nel porto di Crotone la nave Phoenix, dell'organizzazione non governativa Moas, con a bordo 600 migranti, tra i quali 150 bambini non accompagnati. La nave trasporta anche le salme di 32 persone morte nel naufragio dei giorni scorsi al largo della Libia, tra cui quelle di alcuni bambini. Le operazioni di sbarco e di assistenza ai migranti sono coordinate dalla Prefettura di Crotone. Un altro gruppo di 481 migranti é giunto, sempre stamattina, nel porto di Reggio Calabria a bordo della nave "Sirio" della Marina Militare. Quattro dei migranti sono stati ricoverati in ospedale per patologie varie. Le due navi sarebbero dovute approdare in Sicilia, ma sono state dirottate in Calabria per il blocco disposto per il G7 di Taormina. Ieri, per lo stesso motivo, erano approdate in Calabria altre quattro navi, con a bordo, complessivamente, 1.669 migranti. (ANSA).

12:15G7: anche Merkel cancella conferenza stampa finale

(ANSA) - Taormina, 27 MAG - Anche la cancelliera Angela Merkel, come il presidente Usa Donald Trump, rinuncia alla conferenza stampa finale della delegazione tedesca al G7. La Merkel avrà solo un breve colloquio con i giornalisti tedeschi, non con la stampa internazionale. Come nel caso di Trump, a Taormina si rincorrono ipotesi per spiegare la decisione di cancellare la conferenza stampa: ieri i due leader hanno avuto una discussione, definita "vivace e franca" dalla Merkel, senza replicare frontalmente alle accuse di Trump alle pratiche commerciali tedesche.

12:13G7: unica dichiarazione su clima, ‘più tempo agli Usa’

(ANSA) - TAORMINA, 27 MAG - Sulla questione del clima ci sarà "un'unica dichiarazione a sette" al termine del G7, nella quale i sei altri partner si impegnano "a lasciare più tempo agli Usa per prendere una decisione sull'accordo di Parigi". Lo riferiscono fonti del G7.

11:36Filippine: Duterte con una battuta esorta militari a stupro

(ANSA) - BANGKOK, 27 MAG - "Se vi capita di stuprare tre donne, dirò che l'ho fatto io". Lo ha detto ieri sera il presidente filippino Rodrigo Duterte, in un discorso fatto ai soldati impegnati a far rispettare la legge marziale imposta sull'isola di Mindanao in seguito alla presa di parte della città di Marawi da parte di un gruppo di combattenti islamici affiliato all'Isis. "Sarò io a prendermi la responsabilità. Andrò in prigione per voi. Voi fate il vostro lavoro, e io mi prenderò cura del resto", ha detto il leader di Manila prima di aggiungere la frase incriminata, detta con tono scherzoso. Non è la prima volta che Duterte - noto per la sua parlata "popolana" e volgare - menziona la violenza sessuale nei suoi comizi. Prima di essere eletto un anno fa, aveva fatto dell'umorismo su uno stupro di gruppo ai danni di una missionaria australiana uccisa nel 1989 a Davao, da lui guidata. "Che peccato. Il sindaco sarebbe dovuto essere il primo", aveva detto a una folla di sostenitori, scatenando le risate del pubblico.

Archivio Ultima ora