Coppa del Mondo di sci: tre azzurri sul podio, il segreto è attaccare

Pubblicato il 17 gennaio 2016 da redazione

Giuliano Razzoli of Italy clears a gate during the first run of the Men's Slalom race at the FIS Alpine Ski World Cup at the Lauberhorn in Wengen, Switzerland, 17 January 2016.  EPA/PETER KLAUNZER

Giuliano Razzoli of Italy clears a gate during the first run of the Men’s Slalom race at the FIS Alpine Ski World Cup at the Lauberhorn in Wengen, Switzerland, 17 January 2016. EPA/PETER KLAUNZER

WENGEN. – “Sapevo da un bel po’ che potevo farcela, perché sto andando bene e lo faccio su tutti i tipi di pista. In due azzurri sul podio è fantastico. E ci serve anche negli allenamenti”. Giuliano Razzoli, dopo aver tagliato il traguardo dello speciale di Wengen, ha tirato un urlo di gioia che pareva non finire più.

Il ragazzone emiliano – 31 anni, un metro e 82 centimetri per una novantina di kili di muscoli – ha conquistato il decimo podio in Coppa del mondo, un palmares fatto da due vittorie, cinque secondi con quest’ultimo e tre terzi posti. In più, ovviamente, c’è il suo magico oro olimpico di Vancouver 2010.

Dopo incidenti e momenti di crisi, dalla scorsa stagione Razzoli è tornato più determinato che mai, con una sciata assolutamente solida e composta, bellissima da vedere, ma anche con un’agilità incredibile data la sua stazza.

Soddisfattissimo è pure Stefano Gross. Il trentino, classe 1986, con il terzo posto, ha messo insieme il settimo podio in carriera, con una vittoria, tre secondi e tre terzi posti. “Adelboden mi piace, non è un caso se l’anno scorso qui ero arrivato secondo, anche se sulla pista vera non su questa preparata sulla parte finale della libera. E’ una pista con poche pendenze e dunque il contrario di quel che piace a me. Ma ho attaccato e attaccato ancora e va davvero bene così”. Il podio è arrivato al momento giusto prima delle classiche austriache”, ha detto il ragazzo della Val di Fassa.

Per i due ora ci sono tappe fondamentali, come Kitzbuehel e poi Schladming, tutte piste su cui già sono saliti sul podio e su cui possono farsi più che mai valere. “Finalmente Giuliano e Stefano sono stati all’altezza della situazione – ha commentato felice Max Carca, l’allenatore degli azzurri – ed ora manca solo Kristoffersen da battere. Ma ci arriveremo. È una grande iniezione di fiducia per tutti”.

Felicissima e orgogliosa, ovviamente, anche Federica Brignone. “Soprattutto nella seconda manche la visibilità è stata un gran problema. Non si vedeva nulla e sbatteva tutto, mi sembrava quasi di essere ferma. Ma ho attaccato egualmente, perché volevo andare forte. Per un po’ ho sperato in qualcosa di piu’ del terzo posto. Ma va bene così, sono davvero contenta del mio terzo posto”.

Per Federica è il quarto podio stagionale in una stagione felicissima, aperta con la prima vittoria in carriera nella tappa d’esordio di coppa a Soelden. I podi in Coppa del mondo sono così in tutto 11: una vittoria, quattro secondi e sei terzi posti. In più l’argento mondiale a Garmisch, nel 2011.

Ultima ora

21:44Terremoto: Salvini, ho riportato voci sindaci arrabbiati

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Polemiche sul terremoto? Io ho riportato la voce dei sindaci e dei cittadini arrabbiati. Se la Boldrini dice che è grave il ritardo dei soccorsi, è un richiamo delle istituzioni, ma se lo dice Salvini scoppia la polemica...". Così il leader della Lega Nord Matteo Salvini, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7. "La nomina di Errani a comandante in capo per la ricostruzione, è una nomina politica per un organismo che è tecnico e secondo me non è una cosa buona. Renzi - conclude - aveva bisogno di sistemare una casella politica".

21:41Terremoto: crolla tetto Chiesa San Francesco a Borgo Arquata

(ANSA) - ASCOLI PICENO, 19 GEN - Il terremoto e la neve caduta in quantità straordinaria hanno causato il crollo del tetto della chiesa di San Francesco a Borgo d'Arquata (Ascoli Piceno), pericolante e già a rischio crollo. Le operazioni di messa in sicurezza erano iniziate nei giorni scorsi, ma non s'è fatto in tempo a portarle a termine a causa del maltempo. Il tetto è quindi venuto giù sotto le sollecitazioni delle ultime violente scosse di terremoto e il peso della neve. A settembre, dopo la scossa del 24 agosto, i vigili del fuoco avevano recuperato dalla chiesa la copia della Sindone che vi era custodita e venerata, inserendola in un'altra teca con adeguate misure di protezione. La reliquia è una delle quattro copie "di contatto" esistenti nel mondo, in cui viene riconosciuta una sovrapposizione con la Sacra Sindone custodita a Torino. La reliquia si trova ora nella Cattedrale di Sant'Emidio, ad Ascoli Piceno.

21:36M5s: Grillo, bene parlare di lavoro, giovani, invecchiamento

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "De Masi è una persona straordinaria e il convegno che abbiamo fatto sul lavoro nel futuro mi è piaciuto tantissimo. Finalmente una discussione su cose reali, una discussione che ci ha elevati senza parlare del solito populismo, di destra e di sinistra: finalmente si parla di lavoro di giovani e di invecchiamento della popolazione". Così il leader M5s Beppe Grillo lasciando Montecitorio dove si è conclusa oggi la due giorni di studio e confronto sul rapporto curato dal sociologo Domenico De Masi sulle prospettive future del lavoro. "Ne faremo altre di queste giornate di studio, anche sulla cultura" ha promesso Grillo.

21:28Calcio: Cagliari, ecco Faragò “Nainggolan mio modello”

(ANSA) - CAGLIARI, 19 GEN - Paolo Faragò, nuovo acquisto del Cagliari, è pronto all'esordio in Serie A con la maglia rossoblù. Trattativa sprint con il Novara e domenica all'Olimpico contro la Roma potrebbe vedersela con uno dei suoi modelli, Radja Nainggolan. Il Cagliari era stato molto vicino all'ex Novara già dalla scorsa estate. "Quando ho saputo dell'interessamento della società rossoblu' - ha rivelato - ho declinato qualsiasi altra offerta". E ora ecco il grande salto: "So che c'è una bella differenza, sino a pochi giorni fa stavo preparando la partita con il Trapani e improvvisamente mi trovo proiettato verso un altro match, quello con la Roma. Pronto? Sì, con tanta voglia di fare questa esperienza".

21:27Bbc, le truppe del Senegal entrano in Gambia

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Truppe senegalesi, che sostengono il presidente eletto del Gambia Adama Barrow, hanno attraversato il confine con il Gambia e si stanno dirigendo verso la capitale Banjul, dove risiede il presidente uscente Yahia Jammeh, che si rifiuta di lasciare il potere nonostante abbia perso le elezioni. Lo riporta la Bbc online.

21:24Maltempo: salvati con verricello due allevatori di Urzulei

(ANSA) - NUORO, 19 GEN - Sono in salvo anche i due allevatori di Urzulei isolati da giorni nei loro ovili. I due sono stati recuperati dal Soccorso Alpino (Cnsas), nelle località di Gosolloei e Cuccuttos, grazie all'impiego di un elicottero dell'Aeronautica Militare di Decimomannu. Il velivolo decollato con gli specialisti e due tecnici di elisoccorso del Cnsas ha raggiunto la zona montana particolarmente innevata e non raggiungibile dai mezzi a terra. Il delicato intervento di soccorso ha consentito il recupero dei due allevatori tramite il verricello. Sono stati caricati a bordo e trasportati nel campo sportivo del paese dove sono stati visitati e rifocillati.

21:07Assange, manterrò la promessa di consegnarmi agli Usa

(ANSA) - LONDRA, 19 GEN - Julian Assange è deciso a mantenere la promessa di consegnarsi alle autorità Usa dopo che Barack Obama ha concesso la grazia alla 'talpa' di Wikileaks Chelsea Manning. Lo ha detto l'attivista australiano nel corso di una conferenza stampa via social media dall'ambasciata dell'Ecuador a Londra, dove vive come rifugiato politico dal 2012. Solo ieri un suo legale aveva negato che fosse intenzionato a mantenere quanto promesso.

Archivio Ultima ora