Il Ppe attacca Renzi, mette a rischio la credibilità dell’Ue

Pubblicato il 19 gennaio 2016 da redazione

Italy's Prime Minister Matteo Renzi (L) with European Commission President, Jean Claude Juncker, at the European heads of states and government summit in Brussels, Belgium, 19 March 2015. ANSA/TIBERIO BARCHIELLI/UFFICIO STAMPA PALAZZO CHIGI

Italy’s Prime Minister Matteo Renzi (L) with European Commission President, Jean Claude Juncker, at the European heads of states and government summit in Brussels, Belgium, 19 March 2015.
ANSA/TIBERIO BARCHIELLI/UFFICIO STAMPA PALAZZO CHIGI

STRASBURGO. – Matteo Renzi rilancia la sfida con Bruxelles proclamando che “l’Italia è tornata, più solida e ambiziosa”, gli altri “se ne facciano una ragione”, e inviando in Europa Carlo Calenda come nuovo rappresentante permanente. Ma la polemica non si placa. Anzi, sbarca fragorosa alla plenaria di Strasburgo, dove Manfred Weber, il ‘falco’ capogruppo del Ppe, accusa il premier di “mettere a repentaglio la forza e la credibilità internazionale dell’Europa”.

Parole che provocano la bagarre in Aula e l’ennesimo scontro frontale tra il politico tedesco e la delegazione del Pd. Dopo gli scontri dei giorni scorsi, prosegue così il durissimo braccio di ferro tra il premier e i vertici della Ue. In mattinata il premier ha esaltato su Facebook il nuovo corso del Paese, ammonendo chi intenda fermarla: “L’Italia è sempre più aperta e attrattiva per gli investimenti internazionali. Con grandi aziende globali – ha sottolineato Renzi – che hanno deciso di puntare sul nostro Paese”.

E’ questa, ha osservato il premier, “la risposta migliore a chi, forse impaurito da questo nuovo protagonismo italiano, preferirebbe averci più deboli e marginali, come purtroppo è spesso accaduto in passato. Se ne facciano una ragione: l’Italia è tornata, più solida e ambiziosa”.

Alla plenaria si è discusso di immigrazione e delle conclusioni del Consiglio di dicembre, quello segnato dalle proteste italiane contro un’Europa troppo a trazione tedesca. Jean Claude Juncker, lamentando le troppe inadempienze degli Stati, ha ribadito che la Ue è “minacciata sin dalla sua base. E forse non ci si rende conto”.

“Oggi – ha ammonito l’ex premier lussemburghese – è a rischio Schengen, ma domani ci si chiederà perché avere una moneta comune”. Poi ha avvertito: “Alcuni governi sono veloci ad attaccare Bruxelles, ma si guardino allo specchio, anche loro sono Bruxelles”.

Allarme rosso ribadito dal presidente del Consiglio Ue, Donald Tusk: “Abbiamo due mesi per rimettere la situazione migratoria sotto controllo: il Consiglio di marzo sarà l’ultima occasione per vedere se la nostra strategia funziona. Altrimenti – ha ammonito – affronteremo una crisi come il crollo di Schengen”.

Quindi l’attacco a freddo portato dal capogruppo del Ppe, il tedesco Weber, un ‘falco’ considerato molto vicino a Frau Merkel, già in passato nemico numero uno dell’inquilino di Palazzo Chigi. Ha aperto il suo intervento con i ringraziamenti a Federica Mogherini per il suo impegno sul dossier iraniano, forse per mettere sale sulle ferite.

Poi l’affondo, traendo spunto dalla questione dei fondi Ue per i migranti in Turchia: “Quando vedo che l’Italia non è disposta a fare la sua parte per aiutare la Turchia se non in cambio di una contropartita, tutto ciò va a svantaggio dell’Europa, della sua forza e della sua credibilità al livello internazionale. Renzi – ha attaccato esplicitamente – sta mettendo a repentaglio la credibilità europea a vantaggio del populismo”.

A caldo la replica furiosa del collega capogruppo S&D, Gianni Pittella, fuori dall’Aula: “Ridicolo e irresponsabile. Noi lavoriamo per risolvere i problemi, ma non vogliamo che nessuno ci metta l’anello al naso”. Durissima anche la capodelegazione Pd, Patrizia Toia: “E’ gente come Weber, con la loro austerità ideologica, ad aver messo in difficoltà l’Ue”. Sarcastico Nicola Danti (Pd): “Weber si rassegni, l’Italia non è più quella di Berlusconi”. Infine, la freddezza di Antonio Tajani (Fi): “Weber mette il dito nella piaga degli errori del governo Renzi”.

In serata, la notizia della nomina di Carlo Calenda, attuale viceministro allo Sviluppo, al posto di Stefano Sannino come rappresentante dell’Italia a Bruxelles. Un ‘politico’, non un ambasciatore come tutti i suoi predecessori. Una risposta immediata alla domanda di ‘interlocuzione’ del gabinetto Juncker, un nuovo passo in una sfida che si annuncia sempre più serrata.

(di Marcello Campo/ANSA)

Ultima ora

11:59Calcio: azzurri, convocati D’Ambrosio e Caprari

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Due nuove convocazioni per la Nazionale in ritiro da ieri sera al Centro Tecnico Federale di Coverciano: il Ct Gian Piero Ventura ha infatti aggregato al gruppo l'interista Danilo D'Ambrosio e il pescarese Gianluca Caprari che in nottata, al termine delle rispettive gare di campionato, hanno raggiunto i compagni. Oltre al forfait di Emerson, al quale Ventura ha fatto gli auguri di pronta guarigione dopo il grave infortunio subìto nell'incontro tra Roma e Genoa, il ct azzurro deve rinunciare a Verdi e Inglese, anche loro infortunati nell'ultima giornata di campionato di Serie A. Nel pomeriggio prima seduta di allenamento in vista dell'amichevole con San Marino in programma mercoledì alle 21.30 a Empoli.

11:58Stamina: filone bresciano, 4 condanne a Torino

(ANSA) - TORINO, 29 MAG - E' terminato con quattro condanne a due anni di carcere, a Torino, il processo per il cosiddetto filone bresciano dell'inchiesta Stamina. Il processo si riferiva al periodo in cui la controversa terapia di Davide Vannoni venne sperimentata agli Spedali Civili della città lombarda. Gli imputati sono stati riconosciuti colpevoli solo di somministrazione di farmaci imperfetti e sono stati assolti da tutti gli altri capi d'accusa, fra i quali l'associazione per delinquere. La sentenza riguarda Ermanna Derelli, ex direttrice sanitaria, Carmen Terraroli, segretaria referente del comitato etico, Arnalda Lanfranchi, responsabile del laboratorio, Fulvio Porta, pediatra. Il tribunale ha accertato le responsabilità degli imputati solo per il periodo compreso fra il 2011 e il 15 maggio 2012. La Regione Lombardia, il Ministero della salute, l'Aifa, Medicina democratica e tre famiglie hanno ottenuto il diritto a un indennizzo, da quantificare in sede civile, e il rimborso delle spese legali.(ANSA).

11:51Calcio: Crotone gioia salvezza, festa e caroselli fino alba

(ANSA) - CROTONE, 29 MAG - Sono proseguiti fino all'alba a Crotone i festeggiamenti dei tifosi per la conquista della permanenza in Serie A. Caroselli di auto erano iniziati subito dopo la vittoria contro la Lazio. Il concomitante successo del Palermo sull'Empoli ha permesso ai rossoblù calabresi di superare in classifica i toscani e guadagnare la permanenza nella massima serie. Un obiettivo insperato solo a gennaio quando il Crotone aveva ben 11 punti di svantaggio rispetto alla quart'ultima. Dal 2 aprile, con la vittoria esterna contro il Chievo (0-2) in meno di un mese, i rossoblù hanno costruito un successo che, per tutta la notte, è stato omaggiato dai tifosi per le strade di Crotone. A notte fonda il pullman della squadra ha attraversato le strade cittadine ed è stato bloccato dai tifosi. Alcuni calciatori, tra cui il capitano Alex Cordaz e il centravanti Simy sono saliti sul tetto del bus per festeggiare insieme alle migliaia di tifosi che affollavano la piazza. (ANSA).

11:37Violentata per anni e sequestrata per punizione, lo denuncia

(ANSA) - MONZA, 29 MAG - Un 24enne albanese, residente in provincia di Monza, è stato arrestato dalla Polizia di Stato di Monza con le accuse di violenza sessuale, sequestro di persona, lesioni personali e atti persecutori, di cui sarebbe stata vittima la sua ex fidanzata, sia durante la relazione sia successivamente. La giovane, una studentessa italiana di 21 anni, ha presentato denuncia nel febbraio scorso, raccontando di aver subito violenze psicologiche, fisiche e sessuali, iniziate quando era ancora minorenne, tra il settembre 2012 e la fine del 2013. In un'occasione il giovane l'avrebbe sequestrata e, per punizione dopo una lite, l'avrebbe rinchiusa per giorni nella cantina condominiale del suo palazzo. Una volta finita la relazione poi, avrebbe iniziato a perseguitarla.

11:26Riciclaggio: sequestrato 1 milione di euro a Fini

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - La Guardia di Finanza sta eseguendo un decreto di sequestro preventivo su richiesta della Dda di Roma per un valore di un milione di euro nei confronti dell'ex presidente della Camera Gianfranco Fini. Il sequestro riguarda due polizze vita, con un valore di riscatto di 495 mila euro l'una, ed è relativo all'indagine che ha portato in carcere l'imprenditore Francesco Corallo e nella quale Fini è indagato per concorso in riciclaggio. La misura è giustificata da inquirenti ed investigatori della Guardia di Finanza per il ruolo centrale di Fini in tutta la vicenda che ha portato in carcere Corallo e al sequestro di beni per un valore di sette milioni nei confronti della famiglia Tulliani.

11:13Macron riceve Putin oggi a Versailles

(ANSA) - PARIGI, 29 MAG - Emmanuel Macron riceve oggi a Versailles, vicino a Parigi, Vladimir Putin, con il quale inaugurerà un'importante mostra sui 300 anni delle relazioni franco-russe ma soprattutto tenterà di rilanciare il dialogo Parigi-Mosca dopo 5 anni di tensioni diplomatiche sulle questioni siriana e ucraina. Quattro giorni dopo la sua stretta di mano insistita con Donald Trump, il primo incontro del neopresidente francese con il capo del Cremlino rappresenta un nuovo test per il giovane capo dell'Eliseo. Nel programma della visita di Putin, un incontro di una quarantina di minuti al castello di Versailles, poi una colazione di lavoro e infine una conferenza stampa. Poi, la visita della mostra "Pietro il Grande, uno zar in Francia, 1717".

11:09Russia: Navalni avvisa autorità, il 12 giugno manifestazione

(ANSA) - MOSCA, 29 MAG - Il blogger e dissidente Alexei Navalni ha avvisato ufficialmente le autorità che intende organizzare una manifestazione contro la corruzione il 12 giugno a Mosca. Ovvero in concomitanza con la festa nazionale per la Russia. Il programma prevede un corteo da piazza Tverskaia Zastava fino alla Duma, dove è previsto un comizio. L'evento va dalle 14 alle 17 e si prevedono fino a 15mila persone. "E' il nostro paese, nel giorno della Russia abbiamo diritto a scendere in piazza con le bandiere russe". Richieste simili sono state inoltrate anche in altre città - sul sito di Navalni compaiono sette nomi ma in rete i gruppi vicini al blogger parlano già di manifestazioni in 212 città. Se le autorità "non ci daranno le autorizzazioni in base ai nostri diritti costituzionali", ha scritto Navalni sul blog, "noi scenderemo in piazza ugualmente".

Archivio Ultima ora