Usa 2016: Hillary trema, Sanders la stacca anche in Iowa

Pubblicato il 21 gennaio 2016 da redazione

Hillary Rodham Clinton, right, makes a point as Bernie Sanders listens during a Democratic presidential primary debate, Saturday, Nov. 14, 2015, in Des Moines, Iowa. (ANSA/AP Photo/Charlie Neibergall)

Hillary Rodham Clinton, right, makes a point as Bernie Sanders listens during a Democratic presidential primary debate, Saturday, Nov. 14, 2015, in Des Moines, Iowa. (ANSA/AP Photo/Charlie Neibergall)

NEW YORK. – Hillary Clinton trema. E lo spettro del 2008, quando fu sconfitta da Barack Obama, in queste ore si fa sempre più inquietante. Gli ultimi sondaggi, infatti, dicono che il senatore Bernie Sanders sta prendendo il volo anche in Iowa, staccando l’ex segretario di stato di ben otto punti. Impensabile fino a poco tempo fa. Nel piccolo stato dove tra poco più di una settimana partirà la stagione delle primarie, Sanders sale al 51% delle preferenze, mentre Hillary scivola al 43%, perdendo ben 11 punti in un mese.

Più di un campanello d’allarme, dunque, che suona a poche ore da un altro sondaggio, quello che vede il socialista Sanders stracciare l’ex first lady in New Hampshire, dove si voterà il 9 febbraio: sono 27 qui i punti di distacco. Una forbice quasi incolmabile. Poco conta, dunque, che la Clinton resti in testa nei sondaggi a livello nazionale. Perché una falsa partenza in Iowa e New Hampshire potrebbe cambiare definitivamente lo scenario, proprio come accadde nel 2008, quando in questa fase della campagna elettorale Barack Obama costruì le basi del suo inatteso trionfo.

Hillary comunque cerca di ostentare sicurezza: “Sono io il candidato del cambiamento, non Sanders”, ha affermato in un’intervista alla Cnn commentando gli ultimi dati. “Sono fiduciosa e soddisfatta della campagna elettorale che stiamo conducendo in Iowa”, ha detto, mostrandosi tranquilla: “Io sono la migliore scelta per fare il prossimo presidente degli Stati Uniti. Per esperienza e visione”.

Quella esperienza e quella visione che – a suo dire – Sanders non ha. Sanders che intanto tira dritto per la sua strada, e lancia una nuova serie di spot tra cui uno nel quale si affida alla fama di Simon & Garfunkel e al loro storico brano ‘America’.

Intanto nel campo repubblicano Donald Trump raccoglie i primi frutti dell’entrata in scena al suo fianco di Sarah Palin, rafforzando il suo vantaggio in Iowa sul senatore texano Ted Cruz. Probabilmente attraendo una parte di quell’elettorato legato al movimento antitasse dei Tea Prty e che ha sempre guardato con ammirazione l’ex governatrice dell’Alaska. Il tycoon newyorchese gode adesso in Iowa del 37% delle preferenze, contro il 26% del suo avversario. Terzo il senatore di origini cubane Marco Rubio, fermo al 14%. Mentre staccatissimo è Jeb Bush.

Ultima ora

04:38Trump: Wsj, dollaro forte, non possiamo competere con Cina

NEW YORK - Il dollaro e' ''troppo forte'' e lo yuan sta scendendo a picco. Lo afferma Donald Trump in un'intervista al Wall Street Journal, suggerendo che le recenti azioni di Pechino a sostegno della valuta cinese ''sono solo perche' non vogliono farci arrabbiare''. ''Le nostre aziende non possono competere'' con quelle cinesi perche' la nostra valuta e' troppo forte e questo ci sta uccidendo''.

04:31Trump:Wsj, boccia piano tasse repubblicani, troppo complesso

NEW YORK - Donald Trump critica il piano per la revisione della tassazione sulle aziende dei repubblicani, aprendo di fatto un nuovo fronte di scontro con i membri della Camera del suo partito. Trump ritiene le misure proposte ''troppo complicate'' e non in grado di aiutare l'economia. I repubblicani alla Camera propongono di tassare le importazioni esentando allo stesso tempo le esportazioni.

04:26Trump:Nyt,caccia affari in Russia dal 1987,ma senza successo

NEW YORK - Donald Trump ha esplorato la possibilita' di opportunita' d'affari in Russia per anni, dal 1987. E ha presentato le carte per registrare il marchio Trump in Russia nel 1996. Lo riporta il New York Times, sottolineando che i figli del presidente eletto sono stati visti piu' volte a Mosca alla ricerca di joint venture, incontri con esponenti del governo e costruttori. Nel 2013 a visitare Mosca e' stato lo stesso Donald Trump, in occasione della vendita dei diritti per ospitare nel paese Miss Universo.

04:17Istanbul: tutti stranieri i 5 sospetti arrestati col killer

ROMA - Sono tutti stranieri i 5 sospetti - 2 uomini e 3 donne - arrestati ieri sera dall'antiterrorismo turca durante lo stesso blitz che ha portato alla cattura di Abdulkadir Masharipov, accusato di essere il killer che la notte di Capodanno ha ucciso 39 persone al nightclub 'Reina' di Istanbul. Lo riporta la Cnn Turk, secondo cui si tratta di presunti affiliati all'Isis con passaporti di Kirghizistan, Somalia, Egitto e Senegal.

00:53Cnn turca, arrestato killer di Capodanno a Istanbul

(ANSAmed) - ROMA, 16 GEN - Il killer del nightclub 'Reina' a Istanbul, l'uzbeko Abdulkadir Masharipov, è stato arrestato stasera con il figlio di 4 anni nel quartiere di Esenyurt a Istanbul. Lo riferisce la Cnn Turk. Altre 3 persone sono state arrestate stasera dall'antiterrorismo turca. I 3 sospetti sono stati trovati nella stessa abitazione dell'attentatore nel quartiere di Esenyurt, alla periferia europea di Istanbul, durante il blitz che ha portato al suo arresto. Abdulkadir Masharipov si sarebbe nascosto 3 giorni fa nell'abitazione in cui è stato arrestato. Lo riferisce Ntv, secondo cui si tratterebbe di un covo dell'Isis e le 3 persone trovate insieme a lui sarebbero anche loro militanti jihadisti. La polizia turca ha rilasciato una foto in cui si vede il volto del principale sospettato per la strage del Reina con ecchimosi e ferite e macchie di sangue sulla maglietta.

00:36Maradona ‘dopo 30 anni chiedo scusa a mio figlio Diego’

(ANSA) - NAPOLI 16 GENNAIO - 'Chiedo scusa dopo 30 anni a mio figlio Diego. Non ti lascerò mai più''. Così Diego Maradona ha concluso a sorpresa lo spettacolo 'Tre volte dieci', rivolgendosi al figlio avuto dalla napoletana Cristiana Sinagra che sedeva nella platea del San Carlo. Il ragazzo si è alzato ed ha salutato inchinandosi verso il pubblico che applaudiva. Prima, accanto a Alessandro Siani, autore dello show, Maradona aveva detto: 'Auguro che il Napoli vinca tutto quello che deve vincere. So che la gente di Napoli ha bisogno'. Ora devo andare a Dubai, ho tre anni di contratto. Ma ci sono giocatori del Napoli che vogliono che la gente sia felice, quindi sono tranquillo. E il presidente vuole vincere''.

00:11Calcio: Torino-Milan 2-2

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Torino-Milan 2-2 (2-0) nell'ultimo posticipo della 20/a giornata della Serie A. A segno per i granata Belotti (21' pt) e Benassi (26' pt). Per i rossoneri in gol Bertolacci all'11' st (rete convalidata da Tagliavento grazie all'ausilio della gol-line technology) e Bacca su rigore al 15' st. Nel primo tempo Ljajic fallisce un calcio di rigore.

Archivio Ultima ora