Polemiche per un viaggio in Venezuela di dirigenti di Podemos

Pubblicato il 21 gennaio 2016 da redazione

Podemos

MADRID. – Suscita polemiche in Spagna il viaggio effettuato in Venezuela nel dicembre 2014, a spese del regime di Caracas, da due dirigenti di Podemos e dalla capogruppo del partito secessionista catalano antisistema Cup. I tre dirigenti della sinistra alternativa spagnola hanno viaggiato in Venezuela a bordo di un aereo inviato dal governo chavista di Caracas.

Podemos è accusato regolarmente di avere legami con le autorità venezuelane. Secondo la stampa di Madrid inoltre la polizia spagnola ha avviato accertamenti su presunti finanziamenti illeciti che il partito post-indignado avrebbe ricevuto da Iran e Venezuela.

I tre esponenti politici spagnoli, Maria José Aguilar e Ignacio Gil di Podemnos, la capogruppo di Cup Anna Gabriel, avevano partecipato a Caracas a un convegno sull’autodeterminazione del popolo basco. Il ministro degli interni Jorge Fernandez Diaz ha detto che “non è normale che il presidente di un paese mandi un aereo, e chi è andato deve dire perché”.

“Podemos dovrà dare spiegazioni su questa e su altre questioni” ha detto anche la dirigente socialista Maria Gonzalez Veracruz. Podemos ha replicato che i suoi esponenti avevano viaggiato in Venezuela “a titolo personale” e la dirigente della Cup ha detto di “non avere mai nascosto la propria simpatia” per il Venezuela.

Ultima ora

07:26Cina:Xi,Pcc deve mantenere assoluto controllo militari

PECHINO - Il Partito comunista cinese "deve mantenere l'assoluto controllo sulle forze armate". Lo ha detto il segretario generale del Pcc Xi Jinping, nel discorso d'apertura del 19/mo congresso assicurando che il Partito "si opporra' a ogni azione che metta a rischio la leadership".

07:23Cina:XI,rinnovamento nazione non ‘come passeggiata’ in parco

PECHINO - Raggiungere il rinnovamento della Cina non sara' "come una passeggiata nel parco". Nel suo intervento introduttivo al 19/mo congresso del Partito comunista, il segretario generale Xi Jinping ha rimarcato che il "sogno cinese" richiede una lotta decisa alle contraddizioni e forte impegno su progetti e cause.

07:19Cina: Xi, economia restera’ a passo medio-alto

PECHINO - La Cina manterra' il tasso di crescita della sua economia "a un passo medio-alto". Lo ha detto il segretario generale Xi Jinping nella relazione d'apertura del 19/mo congresso del Partito comunista cinese.

07:15Cina: Xi, prospettive luminose ma sfide impegnative

PECHINO - Le prospettive della Cina ''sono luminose ma restano sfide impegnative''. Lo ha affermato il segretario generale del Partito comunista cinese Xi Jinping, nella sua relazione d'apertura. Negli ultimi 5 anni, ha ricordato, il Pil E' aumentato da 54.000 miliardi di yuan a quota 80.000, pari a 12.100 miliardi di dollari circa.

07:10Cina: aperti lavori 19/mo congresso Partito comunista

PECHINO - Il premier cinese Li Keqiang ha aperto ufficialmente i lavori dEl 19/mo congresso del Partito comunista, chiamato a rinnovare gli organismi interni a partire dal Comitato centrale. Il segretario generale Xi Jinping ha iniziato la sua relazione dedicata ai cinque anni passati e alle prospettive del prossimo quinquennio e oltre. Xi, nelle attese, dovrebbe rafforzare i suoi poteri quale ''core leader'', nucleo del Partito.

07:01Amnesty,centinaia Rohingya uccisi da sicurezza birmana

BANGKOK - Le forze di sicurezza birmane hanno ucciso centinaia di persone nell'ambito di una campagna sistematica per espellere dal paese la minoranza musulmana dei Rohingya. La denuncia viene da Amnesty International. Per il suo rapporto, diffuso oggi, l'organizzazione umanitaria ha intervistato piu' di 120 Rohingya fuggiti alle violenze.

06:58Trump, non demolire storia Usa. E difende Colombo

WASHINGTON - Gli Usa dovrebbero celebrare e preservare la loro storia, ''non demolirla'': lo ha detto Donald Trump intervenendo davanti al think tank conservatore Heritage Foundation, dove ha criticato il movimento che mira ad abbattere le statue sudiste ed altri simboli del controverso passato americano. ''Ora stanno tentando anche di abbattere le statue di Cristoforo Colombo, cosa succedera' dopo?'', si e' chiesto il presidente, che nel proclamare il Columbus day aveva difeso in modo netto la figura dell'esploratore genovese.

Archivio Ultima ora