Apple apre a Napoli il primo Centro Europeo Sviluppo App

Pubblicato il 21 gennaio 2016 da redazione

FILE - In this Wednesday, Dec. 9, 2015, file photo, Apple CEO Tim Cook, right, and Apple software engineer and Vice President Cheryl Thomas watch third grade students work on coding at an Apple Store, in New York. You really want kids to learn these building blocks as young as possible and then build on them, said Cook. (ANSA/AP Photo/Mark Lennihan, File)

FILE – In this Wednesday, Dec. 9, 2015, file photo, Apple CEO Tim Cook, right, and Apple software engineer and Vice President Cheryl Thomas watch third grade students work on coding at an Apple Store, in New York. You really want kids to learn these building blocks as young as possible and then build on them, said Cook. (ANSA/AP Photo/Mark Lennihan, File)

NAPOLI. – Apple sceglie Napoli per aprire il primo Centro di sviluppo per app d’Europa. Seicento i posti di lavoro previsti. L’annuncio è stato dato dal Premier Matteo Renzi, che incontrerà a Roma il Ceo di Apple, Tim Cook. La struttura – ha reso noto da Cupertino il colosso informatico – fornirà agli studenti competenze pratiche e formazione sullo sviluppo di applicazioni per iOS, il sistema operativo per dispositivi mobili dell’azienda californiana.

“L’Europa è la patria di alcuni degli sviluppatori più creativi al mondo e siamo entusiasti di aiutare la prossima generazione di imprenditori in Italia ad acquisire le competenze necessarie per avere successo”, ha detto Cook. Per il successore di Steve Jobs alla guida della multinazionale informatica, “il fenomenale successo dell’App Store è una delle forze trainanti dietro gli oltre 1,4 milioni di posti di lavoro che Apple ha creato in Europa e presenta opportunità illimitate per le persone di tutte le età e aziende di ogni dimensione in tutto il continente”.

Nato meno di 10 anni fa, il settore delle applicazioni per smartphone e tablet dà attualmente lavoro a oltre 97mila persone in Italia, dove gli acquisti dai negozi di app valgono 300 milioni di euro. Solo Apple nel Belpaese ha registrato 264mila sviluppatori, su un totale europeo di 2,96 milioni che finora hanno guadagnato 10,2 miliardi di euro. Il Centro Apple di Napoli si svilupperà in sinergia con l’ Università Federico II, ha reso noto il Rettore Gaetano Manfredi.

L’annuncio del premier Renzi è stato accolto con entusiasmo dagli studenti di informatica della Facoltà di Ingegneria. “E’ una bella scommessa. Speriamo di poter dare una mano a migliorare un’ azienda forte come la Apple”. Questi alcuni dei commenti. Coro di elogi tra i politici, colti quasi tutti di sorpresa dall’annuncio di Renzi.

Per il presidente della giunta regionale della Campania, Vincenzo De Luca, si tratta di “un investimento di grande rilievo al quale stavano lavorando da tempo il governo e l’ Istituto per il commercio estero”. Soddisfatto Luigi Nicolais, presidente del CNR, che intrattiene rapporti di collaborazione con Apple. “Si tratta di aziende che creano lavoro di qualità ed un indotto forte”, commenta.

Già si discute dell’area di insediamento del futuro Centro Apple. In testa alle preferenze l’ex Centro Olivetti a Pozzuoli, sul litorale flegreo, alle porte di Napoli. De Luca non esclude Bagnoli, dove è in corso la bonifica dell’ex area Italsider e la Federico II dispone a San Giovanni a Teduccio, di capannoni ristrutturati della ex Cirio, dove sono già in funzione una trentina di laboratori. Meno probabile appare la scelta di Scampia, area verso per la quale ha già espresso interesse Cisco.

Ultima ora

05:38Corea Sud: procura vuole arresto ex presidente Park

(ANSA) - PECHINO, 27 MAR - La procura sudcoreana chiederà un mandato di cattura per l'ex presidente della Repubblica Park Geun-hye, decaduta il 10 marzo dopo che la Corte costituzionale ha validato la procedura di impeachment approvata il 9 dicembre dal parlamento. Lo riporta l'agenzia Yonhap, ricordando che Park è coinvolta nello scandalo per abuso di potere e corruzione che ha portato all'arresto la sua confidente e "sciamana" Choi Soon-sil.

04:58Terremoto: scossa 3.2 nel Reatino, Amatrice trema ancora

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - Una scossa di magnitudo 3.2 è stata registrata alle 4:08 dall'Ingv nella provincia di Rieti ad una profondità di 9 km. I comuni più vicini all'epicentro sono Amatrice, Campotosto, Accumoli e Capitignano. (ANSA).

00:24Mondiali 2018: Montenegro-Polonia 1-2

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Vittoria esterna delle Polonia che ha battuto 2-1 Montenegro in una partita giocata a Podgorica e valida per il gruppo E delle qualificazioni al Mondiale del 2018. Ha aperto le marcature Lewandowski al 40' per la Polonia, pari di Mugosa al 62'. La rete della vittoria porta la firma di Piszczek all'81'.

00:22Mondiali 2018: Scozia-Slovenia 1-0

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - La Scozia ha battuto 1-0 la Slovenia in una partita giocata a Glasgow e valida per il gruppo F delle qualificazioni al Mondiale del 2018. La rete è stata segnata da Martin all'88'.

00:13Mondiali 2018: Irlanda del Nord-Norvegia 2-0

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - A Belfast l'Irlanda del Nord ha battuto 2-0 la Norvegia in una partita valida per il gruppo C delle qualificazioni ai mondiali di Russia 2018. Le reti sono state segnate da Ward al 2' e Washington al 32'.

23:28Calcio: Bari-Novara 0-0, pugliesi rallentano ancora

(ANSA) - BARI, 26 MAR - Il Bari, dopo la debacle di Trapani, rallenta ancora la sua marcia verso l'alta classifica pareggiando 0-0 con il Novara al San Nicola. Nonostante il sostegno dei 21mila sugli spalti, Floro Flores e Brienza non sono riusciti a scardinare l'ordinata difesa disposta da Boscaglia. Nella ripresa Floro Flores ha avuto due buone occasioni non concretizzate, mentre il Novara si è difeso con ordine. Nel finale c'è stato lo sterile forcing pugliese, ma l'innesto di Maniero per un attacco a due punte non ha accresciuto il potenziale balistico biancorosso e soprattutto non ha dato i risultati sperati. Il Bari sale a quota 47, mentre il Novara resta in scia con 46 punti.

22:32Ventenne pestato da branco ad Alatri, è morto a Roma

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - E' morto stasera all'Umberto I di Roma il ventenne di Alatri pestato a sangue in piazza nella città in provincia di Frosinone. Lo si è appreso da fonti investigative. Emanuele Morganti non ce l'ha fatta dopo ore di agonia ed un intervento chirurgico. Era stato aggredito due notti fa da un gruppo di persone dopo una lite in un locale nel centro storico del comune frusinate per difendere la fidanzata. Il pm della procura di Frosinone ed i carabinieri stanno interrogando alcuni sospettati.

Archivio Ultima ora