Apple apre a Napoli il primo Centro Europeo Sviluppo App

Pubblicato il 21 gennaio 2016 da redazione

FILE - In this Wednesday, Dec. 9, 2015, file photo, Apple CEO Tim Cook, right, and Apple software engineer and Vice President Cheryl Thomas watch third grade students work on coding at an Apple Store, in New York. You really want kids to learn these building blocks as young as possible and then build on them, said Cook. (ANSA/AP Photo/Mark Lennihan, File)

FILE – In this Wednesday, Dec. 9, 2015, file photo, Apple CEO Tim Cook, right, and Apple software engineer and Vice President Cheryl Thomas watch third grade students work on coding at an Apple Store, in New York. You really want kids to learn these building blocks as young as possible and then build on them, said Cook. (ANSA/AP Photo/Mark Lennihan, File)

NAPOLI. – Apple sceglie Napoli per aprire il primo Centro di sviluppo per app d’Europa. Seicento i posti di lavoro previsti. L’annuncio è stato dato dal Premier Matteo Renzi, che incontrerà a Roma il Ceo di Apple, Tim Cook. La struttura – ha reso noto da Cupertino il colosso informatico – fornirà agli studenti competenze pratiche e formazione sullo sviluppo di applicazioni per iOS, il sistema operativo per dispositivi mobili dell’azienda californiana.

“L’Europa è la patria di alcuni degli sviluppatori più creativi al mondo e siamo entusiasti di aiutare la prossima generazione di imprenditori in Italia ad acquisire le competenze necessarie per avere successo”, ha detto Cook. Per il successore di Steve Jobs alla guida della multinazionale informatica, “il fenomenale successo dell’App Store è una delle forze trainanti dietro gli oltre 1,4 milioni di posti di lavoro che Apple ha creato in Europa e presenta opportunità illimitate per le persone di tutte le età e aziende di ogni dimensione in tutto il continente”.

Nato meno di 10 anni fa, il settore delle applicazioni per smartphone e tablet dà attualmente lavoro a oltre 97mila persone in Italia, dove gli acquisti dai negozi di app valgono 300 milioni di euro. Solo Apple nel Belpaese ha registrato 264mila sviluppatori, su un totale europeo di 2,96 milioni che finora hanno guadagnato 10,2 miliardi di euro. Il Centro Apple di Napoli si svilupperà in sinergia con l’ Università Federico II, ha reso noto il Rettore Gaetano Manfredi.

L’annuncio del premier Renzi è stato accolto con entusiasmo dagli studenti di informatica della Facoltà di Ingegneria. “E’ una bella scommessa. Speriamo di poter dare una mano a migliorare un’ azienda forte come la Apple”. Questi alcuni dei commenti. Coro di elogi tra i politici, colti quasi tutti di sorpresa dall’annuncio di Renzi.

Per il presidente della giunta regionale della Campania, Vincenzo De Luca, si tratta di “un investimento di grande rilievo al quale stavano lavorando da tempo il governo e l’ Istituto per il commercio estero”. Soddisfatto Luigi Nicolais, presidente del CNR, che intrattiene rapporti di collaborazione con Apple. “Si tratta di aziende che creano lavoro di qualità ed un indotto forte”, commenta.

Già si discute dell’area di insediamento del futuro Centro Apple. In testa alle preferenze l’ex Centro Olivetti a Pozzuoli, sul litorale flegreo, alle porte di Napoli. De Luca non esclude Bagnoli, dove è in corso la bonifica dell’ex area Italsider e la Federico II dispone a San Giovanni a Teduccio, di capannoni ristrutturati della ex Cirio, dove sono già in funzione una trentina di laboratori. Meno probabile appare la scelta di Scampia, area verso per la quale ha già espresso interesse Cisco.

Ultima ora

06:15Manchester: media Gb, ancora liberi alcuni complici

LONDRA - Gli arresti delle scorse ore, pur definiti ''importanti'' dalla polizia nelle indagini sull'attacco kamikaze di lunedi' alla Manchester Arena, non significano che l'intera cellula che si presume abbia assistito l'attentatore Salman Abedi sia stata sgominata. Lo scrive il Guardian citando fonti investigative e svelando che alcuni complici ''sono ancora a piede libero''. Mentre il Telegraph riferisce che il materiale ritrovato nel 'covo' del terrorista a Manchester conferma i timori di piani gia' pronti per ''una seconda bomba''.

06:12Manchester: Times, attentatore si preparava da un anno

LONDRA - Salman Abedi, l'attentatore suicida di Manchester, si preparava ad agire da almeno ''un anno''. Lo scrive oggi il Times, sulla base di notizie investigative stando alle quali il 22enne figlio di ex rifugiati politici libici avrebbe creato mesi fa un fondo bancario inattivo, da utilizzare per acquistare il materiale necessario a confezionare l'ordigno della strage.

06:08Russiagate: Nbc, Kushner d’interesse in inchiesta Fbi

WASHINGTON - Jared Kushner, il genero e stretto consigliere del presidente Usa Donald Trump, e' oggetto di interesse dell'Fbi nell'ambito dell'inchiesta sul Russiagate. Lo riferisce la Nbc citando diverse fonti ufficiali. Gli inquirenti ritengono che Kushner abbia informazioni rilevanti per l'inchiesta. Cio' non vuol dire che e' sospettato di alcun crimine.

06:04Afghanistan: 21 Paesi il 6 giugno a Kabul per la pace

KABUL - Il governo dell'Afghanistan ha invitato i rappresentanti di 21 Paesi del mondo ad un incontro denominato 'Processo di Kabul', che si svolgerà il 6 giugno prossimo nella capitale afghana, per tentare di mettere fine al conflitto in corso. Lo ha reso noto oggi il vice portavoce del governo, Javid Faisal. Al riguardo il portavoce ha voluto sottolineare che "qualsiasi sforzo per raggiungere la pace in Afghanistan deve essere per iniziativa, guida e gestione del governo afghano". Fra i Paesi invitati vi sono quelli dell'Asia centrale insieme a Arabia Saudita, Iran, Pakistan, India, Cina, Stati Uniti e Norvegia. E' è prevista inoltre la partecipazione di rappresentanti dell'Onu e dell'Unione europea (Ue).

05:33Manchester: Gb torna a condividere informazioni con Usa

ROMA - Le autorità britanniche hanno ripreso a condividere le informazioni con gli Stati Uniti sull'attacco terroristico di Manchester. Lo ha annunciato Mark Rowley, numero 2 di Scotland Yard, responsabile dell'unità nazionale antiterrorismo citato dall''Huffington Post.

00:22Omicidio a Reggio Calabria, ucciso tabaccaio

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 25 MAG - Un commerciante, Bruno Ielo, di 66 anni, titolare di una rivendita di tabacchi, è stato ucciso stasera in un agguato a Catona, frazione di Reggio Calabria. Secondo quanto ricostruito dalla polizia di Stato, Ielo, mentre rientrava a casa alla guida del proprio scooter, sarebbe stato affiancato da un automezzo con a bordo almeno due persone che gli hanno sparato contro alcuni colpi di pistola. La morte del commerciante é stata istantanea. Ielo, nel momento dell'agguato, stava tornando a casa dopo avere chiuso la rivendita di tabacchi che gestiva nel quartiere Gallico. Il commerciante era preceduto in auto da una delle figlie. Tra le prime ipotesi avanzate dagli investigatori quella di un tentativo di rapina per sottrargli l'incasso della giornata. Ielo era armato ma non ha fatto in tempo a prendere la pistola per difendersi. Già lo scorso anno il commerciante aveva subito un tentativo di rapina ed anche in quell'occasione era stato fatto segno da alcuni colpi d'arma da fuoco.

23:53Moto:paura per Valentino Rossi, incidente in motocross

(ANSA) - RIMINI, 25 MAG - Paura per Valentino Rossi rimasto vittima di un incidente durante un allenamento in motocross nella pista di Cavallara. Nulla di grave comunque per il pilota di Tavullia che avrebbe rimediato un trauma cranico e toracico addominale. Valentino è cosciente e parla ma i medici dell'Ospedale 'Infermi' di Rimini hanno comunque deciso di tenerlo in osservazione nel Reparto di rianimazione ma solo per motivi di privacy e riservatezza. Ci sono con lui i genitori.

Archivio Ultima ora