Venezuela: nuovo scontro tra Maduro e Parlamento sulla crisi economica

Pubblicato il 22 gennaio 2016 da redazione

RamosAllupMaduro

CARACAS. – Nuovo scontro in vista fra l’Assemblea Nazionale, in mano all’opposizione, e il governo di Nicolás Maduro: questa volta la posta in gioco è il decreto di emergenza economica presentato dall’esecutivo, sul quale si deve esprimere il Parlamento.

Venerdì scorso, Maduro ha consegnato il decreto al Parlamento, sottolineando che è necessario approvarlo per affrontare i “catastrofici” dati macroeconomici del 2015: inflazione al di sopra del 140%, contrazione del Pil del 7,1% e un tasso di scarsità dei prodotti di prima necessità superiore all’80%.

Il Parlamento ha creato una commissione ad hoc per esaminare la situazione, che doveva essere illustrata dai ministri dell’area economica, ma all’ultimo momento l”appuntamento è stato sospeso, dopo che il governo ha annunciato che i suoi rappresentanti non si presenteranno in aula se la stampa fosse stata presente.

“E’ molto grave che i membri del governo non adempiono all’obbligo costituzionale e legale di presentarsi in aula”, ha detto Il presidente dell’Assemblea Nazionale venezuelana, Henry Ramos Allup,, sottolineando che “forse le cifre e le informazioni che devono dare al paese sono così gravi che vogliono mantenerle segrete”.

Isturiz ha risposto che il governo “non intende partecipare a uno show mediatico” perché “esistono informazioni dello Stato che non possono essere esposte pubblicamente”. “Qui non ci sono pagliacci, bensì uomini e donne che lavorano por la patria”, ha aggiunto.

L’opposizione ha comunque già chiarito che considera inadeguato il piano di emergenza di Maduro, giacché propone di mantenere la stessa politica attuale. Il governo sostiene infatti che non ha alcuna responsabilità e la vera causa della crisi è una “guerra economica” orchestrata dalla “borghesia parassitaria” e l'”imperialismo yankee”.

Maduro ha lasciato così il Parlamento davanti a un dilemma politico: se respinge il decreto, il governo lo accuserà di non voler collaborare nella lotta contro la crisi economica – che è la questione prioritaria per la maggioranza dei venezuelani- e se lo appoggia diventerà co-responsabile di una politica che l’opposizione stessa definisce fallimentare.

Ultima ora

14:29Migranti: Mogherini, serve politica europea dell’asilo

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - L'Europa ha fatto molto per l'immigrazione sul fronte esterno, dal pattugliamento nel Mediterraneo ai compact con i paesi africani, al "grande lavoro" con la Libia. Ma è stata debole "sulla solidarietà interna, l'accoglienza e la gestione dell'asilo", adesso "bisogna andare verso una vera politica europea dell'asilo". Lo ha detto il rappresentante esteri dell'Ue Federica Mogherini, partecipando ai dialoghi europei che precedono la celebrazione dei trattati di Roma.

14:25Francia: Hollande a Fillon,’dignità, nessun ufficio occulto’

(ANSA) - PARIGI, 24 MAR - "Non voglio entrare nel dibattito elettorale, non sono candidato, ma c'è una dignità, una responsabilità da rispettare. Penso che il signor Fillon si sia spinto oltre": il presidente francese, Francois Hollande, ai microfoni di radio France Bleu, torna così a replicare alle pesanti accuse mosse ieri sera contro di lui dal candidato dei Républicains travolto dal Penelopegate. "All'Eliseo non c'è nessun ufficio occulto", ha tuonato Hollande.

14:22Scontri 1 maggio: in appello cade l’accusa di devastazione

(ANSA) - MILANO, 24 MAR - E' caduta oggi in appello anche per l'ultimo dei quattro giovani antagonisti imputati (per gli altri era già caduta in primo grado) l'accusa di devastazione che era stata contestata nel procedimento per gli scontri durante la manifestazione 'No Expo' del primo maggio 2015. Oggi la Corte d'Appello, infatti, ha emesso quattro condanne a pene da 8 mesi fino a 2 anni e 4 mesi, mentre il pg chiedeva condanne fino a 5 anni e 8 mesi anche per devastazione e non solo per resistenza e travisamento.

14:21Le Pen alla Duma, ‘la Francia non è più uno Stato sovrano’

(ANSA) - MOSCA, 24 MAR - La Francia ha cessato di essere una nazione "pienamente sovrana". Così la leader del Front National Marine Le Pen durante la visita alla Duma. La Francia ha infatti "delegato alcuni dei suoi poteri, almeno quelli relativi ai negoziati commerciali e alle funzioni diplomatiche, all'Unione Europea" e l'Ue, dunque, è divenuta un avversario delle idee politiche dello stesso Front National. "Spero - ha proseguito - che la Francia possa ritrovare la sovranità e allora non ci saranno ragioni per prevenire la ripresa delle relazioni russo-francesi così da raggiungere la 'velocità di crociera' necessaria per il loro sviluppo". "Non è un segreto per nessuno di voi che sto cercando di combattere per la Francia per riconquistare la sua sovranità, libertà e una politica estera armoniosa e strategicamente solida come quella di Charles de Gaulle", ha osservato. "Questa è la mia battaglia, la mia strategia, e oso sperare che la vittoria di Donald Trump acceleri questo processo e lo renda più semplice", ha concluso Le Pen.

14:19Germanwings: padre copilota, ‘mio figlio non era depresso’

(ANSA) - BERLINO, 24 MAR - Al tempo della caduta dell'aereo di Germanwings il copilota della compagnia aerea tedesca "non soffriva di depressione". Lo ha detto il padre di Andreas Lubitz, a Berlino, in una conferenza stampa convocata, per esprimere dubbi sugli esiti dell'inchiesta sull'aereo caduto sulle Alpi francesi che, secondo gli inquirenti, è stato distrutto intenzionalmente dal giovane copilota. La tragedia risale a due anni fa, nell'aereo morirono 150 persone. Andreas Lubitz aveva superato la sua depressione già sei anni prima della caduta dell'aereo di Germanwings. "Aveva ritrovato la sua forza originaria e la sua gioia di vivere", ha detto il padre Gunther. Il padre del copilota ha convocato la conferenza stampa, dando la parola ad un esperto di aviazione, assunto per fare chiarezza sull'inchiesta.

14:14Attacco Londra: Gb, 1.500 agenti armati in più

(ANSA) - LONDRA, 24 MAR - E' stata rafforzata la presenza di agenti armati in tutto il Regno Unito dopo l'attacco di Londra. Ne dà notizia l'anti-terrorismo di Scotland Yard, secondo cui se ne contano 1500 in più dislocati in particolare nei grandi centri urbani, a partire dalla capitale. La gran parte dei poliziotti britannici gira disarmata, come lo era Keith Palmer, l'agente di guardia al parlamento ucciso da Khalid Masood.

14:12Calcio: Zanetti, con valori calcio possiamo fare grandi cose

(ANSA) - MILANO, 24 MAR - "Attraverso i valori positivi che trasmette il calcio si possono fare grandi cose. Lo sport è uno strumento fondamentale per la crescita dei ragazzi": così il vicepresidente dell'Inter Javier Zanetti, a Cordoba in Argentina, presentando ai giornalisti il progetto 'Inter Academy' inaugurato mercoledì proprio a Cordoba. Nell'occasione Zanetti ha incontrato anche il governatore della città Juan Schiaretti, a cui ha lasciato in dono la maglia nerazzurra numero dieci e personalizzata.

Archivio Ultima ora