Carpi in 10 fa 1-1: Lasagna indigesta per l’Inter a San Siro

Pubblicato il 24 gennaio 2016 da redazione

Carpi Fc forward Jerry Mbakogu ( c ) kicks against Fc Inter goalkeeper Samir Handanovic during the Italian serie A soccer match between Fc Inter and Carpi Fc at Giuseppe Meazza stadium in Milan, 24  January 2016.  ANSA / MATTEO BAZZI

Carpi Fc forward Jerry Mbakogu ( c ) kicks against Fc Inter goalkeeper Samir Handanovic during the Italian serie A soccer match between Fc Inter and Carpi Fc at Giuseppe Meazza stadium in Milan, 24 January 2016.
ANSA / MATTEO BAZZI

MILANO. – L’Inter delle nove vittorie per 1-0 questa volta non ce la fa, incassa un pareggio che fa molto male al 92′, resta al terzo posto con 41 punti e il Napoli che allunga di sei lunghezze: un Carpi – fra le ultime della classe – in dieci uomini fa l’impresa e porta a casa un risultato davvero memorabile.

I nerazzurri – dopo una settimana nervosa, fatta di polemiche e veleni seguiti al caso Mancini-Sarri – ne escono fortemente ridimensionati nelle loro ambizioni e nei loro sogni. Mancano gioco e gol e i tifosi nerazzurri si lasciano andare alla rabbia, fischiando sonoramente la loro squadra. Teste basse e musi lunghi per l’ennesimo harakiri dell’Inter che in casa non sa più vincere (un punto in tre partite), mostra lacune preoccupanti, smagliature gravi in difesa e carenze clamorose soprattutto in avanti.

Un’ Inter – brutta e disordinata – affronta il Carpi bravo a difendersi senza disdegnare qualche ripartenza. E’ inutile tenere palla se i gol arrivano con il contagocce, e solo grazie all’abnegazione di un intramontabile Palacio che suda, corre, difende e segna. Icardi è solitario e statico, Ljajic gira a vuoto in una squadra ancora una volta rivoluzionata nell’assetto tattico (venti volte su 21).

Mancini evidentemente pensa già alle imminenti sfide, contro la Juventus in coppa Italia e il Milan nel derby di domenica prossima. Risparmia i diffidati e si affida, forse con ottimistica fiducia, a Juan Jesus (colpevole sul gol del pari firmato da Lasagna), a Telles, poi sostituito, a Melo e a Montoya, autore di una pessima prestazione. Tiene fuori Medel e Miranda (per un tempo) e si sente. Jovetic resta in panchina e quando entra, al 39’st, non fa la differenza.

Qualcosa non va e si capisce subito che il pomeriggio potrebbe riservare amare sorprese: Mbakougu va in gol al 3′ ma l’arbitro Andrea Gervasoni annulla per un fallo precedente di Martinho. L’Inter sembra scuotersi e Perisic cerca con ostinazione la rete da fuoriarea: due volte di sinistro, all’8′ e al 13′. Icardi viene atterrato in area ma non c’è fallo. Poi piccolo show ancora di Mbakougu, pericoloso per ben tre volte in pochi minuti, segnali che la difesa dell’Inter vacilla pericolosamente. Preoccupa Juan Jesus che per poco non propizia la rete del Carpi.

I nerazzurri vogliono segnare, cercano di bucare la coriacea e folta linea difensiva degli avversari e iniziano a creare qualche buona occasione: Handanovic salva su Martinho, poco dopo Crimi evita il gol su deviazione di Palacio con un salvataggio sulla linea. Al 39′ finalmente sblocca l’Inter con un bel gol di Palacio su contropiede nerazzurro incredibilmente seguito a un corner del Carpi. E’ la sua prima rete in questo campionato, l’argentino non segnava dal 31 maggio scorso.

La partita sembra a una svolta per l’Inter colpevole però di non riuscire a chiuderla. Il Carpi al 45′ chiede il rigore per un tocco di mano di Murillo considerato involontario da Gervasoni.

Nel secondo tempo, Mancini cambia e sostituisce Telles con Miranda. Belec si supera su Perisic, lo stesso Miranda ci prova, anche Melo tenta da fuori ma al 29′ è Martinho a ubriacare la difesa nerazzurra. Arriva il turno di Nagatomo insieme a mutamenti tattici e pizzini di Mancini. Al 38′ il Carpi resta in 10 in seguito all’espulsione di Pasciuti per somma di ammonizioni. Belec si supera e protegge la sua porta dalle incursioni di Palacio e Melo. Poi, Icardi avrebbe la palla del 2-0 ma un ottimo Romagnoli si impone sull’attaccante in modo ruvido.

Sembra tutto finito ma nei 4 minuti di recupero, si consuma la beffa finale: colpevoli prima Miranda, Murillo e Melo che lasciano passare la palla di Bianco destinata a Lasagna sul quale Juan Jesus non riesce a chiudere. Tiro angolato e pari del Carpi. San Siro si lascia andare a fischi e insulti. Mancini, alla fine è sconsolato e deluso: “Forse non siamo neppure da terzo posto…”.

Ultima ora

10:02Violenza sessuale: Cc,arrestato sanitario ospedale Cattolica

(ANSA) - BOLOGNA, 24 OTT - La scorsa notte i Carabinieri della Compagnia di Riccione, a compimento di un'indagine condotta sotto la direzione della Procura della Repubblica di Rimini, hanno notificato un'ordinanza di custodia cautelare a un operatore socio-sanitario 66enne servizio all'ospedale di Cattolica, nel Riminese, "ritenuto responsabile di un episodio di violenza sessuale avvenuto all'interno della struttura sanitaria ai danno di una giovane paziente". E' quanto si legge in una nota dell'Arma. Ulteriori particolari saranno illustrati alle 11 in una conferenza stampa presso la sede del Comando Provinciale Carabinieri di Rimini.(ANSA).

09:09Cina: Xi Jinping nella Costituzione del Pcc

(ANSA) - PECHINO, 24 OTT - Le teorie e il nome di di Xi Jinping, segretario generale del Partito comunista cinese, sono state iscritte nella costituzione del Pcc insieme al suo nome. In questo modo, Xi raggiunge i "padri nobili" Mao Zedong e Deng Xiaoping. Lo ha deciso il 19/mo congresso del Pcc, che si è appena chiuso.

09:07Siria: tv Stato, raid aereo su Dayr Zor, almeno 14 morti

(ANSAmed) - BEIRUT, 24 OTT - E' di almeno 14 uccisi e oltre 30 feriti il bilancio di raid aerei effettuati nella notte sulla città siriana di Dayr az Zor, in parte ancora controllata dallo 'Stato islamico'. Lo riferisce la tv di Stato siriana attribuendo i bombardamenti alla Coalizione anti-Isis, che tuttavia smentisce parlando di "falsità". L'emittente afferma che i raid hanno colpito il quartiere di Qusur, nella parte controllata dalle forze governative siriane.

08:39Cina: Xi, futuro radioso e senso responsabilità

(ANSA) - PECHINO, 24 OTT - Il popolo e la nazione cinesi "hanno un luminoso futuro davanti. In questo grande momento, ci sentiamo più fiduciosi e orgogliosi e,allo stesso tempo, avvertiamo un forte senso di responsabilità". Lo ha detto Xi Jinping, segretario generale del Partito comunista cinese e presidente della Repubblica popolare, chiudendo i lavori del 19/mo congresso del Pcc. Tra gli applausi, i leader si sono scambiati le prime strette di mano.

00:04Calcio: Cristiano Ronaldo premiato come miglior giocatore

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Cristiano Ronaldo ha ricevuto il Best Fifa Awards come miglior giocatore della scorsa stagione, nel corso della cerimonia di premiazione svoltasi a Londra. La stella del Real Madrid e della nazionale portoghese, vincitore dell'ultima edizione della Champions League, ha battuto la concorrenza di altri due 'marziani' del calcio come Neymar (da questa stagione al Psg) e Messi (Barcellona). Il premio come miglior allenatore è andato al tecnico del Real Madrid, Zinedine Zidane, che ha superato due tecnici italiani: Massimiliano Allegri ed Antonio Conte, vincitori rispettivamente del campionato italiano con la Juventus e della Premier inglese con il Chelsea.

23:14Calcio: Serie B, Brescia-Bari 2-1

(ANSA) - BRESCIA, 23 OTT - Prima vittoria per il Brescia di Marino ai danni di un Brescia che in trasferta continua a non ingranare. L'anticipo dell'undicesima giornata di Serie B finisce 2-1 con la squadra di casa che passa al 17' con un gol di Caracciolo che infila Micaj con un diagonale in progressione. Il pareggio del Bari al 33' con Galano che batte Minelli di testa sotto misura. All'8' st Brescia di nuovo avanti con un autogol di Capradossi a deviare un innocuo cross di Furlan. Il Brescia sale a 13 punti in classifica, il Bari resta a 16.

22:01Calcio: Tavecchio, Var da valutare in base ai dati

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "Il Var si valuta sulle statistiche, non sulle dichiarazioni dei singoli. Bisogna vedere quanti elementi sono stati giudicati, quanti sono stati ritenuti errori e quanti quindi sono stati ripristinati nella legalità'". Così il presidente della Figc Carlo Tavecchio, a margine della consegna delle 'Stelle al Merito Sociale' al teatro Dal Verme di Milano, commenta le ultime polemiche scatenate dalla video assistenza agli arbitri, con Montella protagonista ("mi gioco la carriera"). "Certamente è un periodo di studio - aggiunge Tavecchio - dovete tenere conto che ci sono dieci campi di calcio e almeno tre arbitri che controllano: in totale sono 30 arbitri che devono avere una preparazione molto particolare e non è semplice. Ma il Var sarà il futuro del controllo del calcio".

Archivio Ultima ora