Carpi in 10 fa 1-1: Lasagna indigesta per l’Inter a San Siro

Pubblicato il 24 gennaio 2016 da redazione

Carpi Fc forward Jerry Mbakogu ( c ) kicks against Fc Inter goalkeeper Samir Handanovic during the Italian serie A soccer match between Fc Inter and Carpi Fc at Giuseppe Meazza stadium in Milan, 24  January 2016.  ANSA / MATTEO BAZZI

Carpi Fc forward Jerry Mbakogu ( c ) kicks against Fc Inter goalkeeper Samir Handanovic during the Italian serie A soccer match between Fc Inter and Carpi Fc at Giuseppe Meazza stadium in Milan, 24 January 2016.
ANSA / MATTEO BAZZI

MILANO. – L’Inter delle nove vittorie per 1-0 questa volta non ce la fa, incassa un pareggio che fa molto male al 92′, resta al terzo posto con 41 punti e il Napoli che allunga di sei lunghezze: un Carpi – fra le ultime della classe – in dieci uomini fa l’impresa e porta a casa un risultato davvero memorabile.

I nerazzurri – dopo una settimana nervosa, fatta di polemiche e veleni seguiti al caso Mancini-Sarri – ne escono fortemente ridimensionati nelle loro ambizioni e nei loro sogni. Mancano gioco e gol e i tifosi nerazzurri si lasciano andare alla rabbia, fischiando sonoramente la loro squadra. Teste basse e musi lunghi per l’ennesimo harakiri dell’Inter che in casa non sa più vincere (un punto in tre partite), mostra lacune preoccupanti, smagliature gravi in difesa e carenze clamorose soprattutto in avanti.

Un’ Inter – brutta e disordinata – affronta il Carpi bravo a difendersi senza disdegnare qualche ripartenza. E’ inutile tenere palla se i gol arrivano con il contagocce, e solo grazie all’abnegazione di un intramontabile Palacio che suda, corre, difende e segna. Icardi è solitario e statico, Ljajic gira a vuoto in una squadra ancora una volta rivoluzionata nell’assetto tattico (venti volte su 21).

Mancini evidentemente pensa già alle imminenti sfide, contro la Juventus in coppa Italia e il Milan nel derby di domenica prossima. Risparmia i diffidati e si affida, forse con ottimistica fiducia, a Juan Jesus (colpevole sul gol del pari firmato da Lasagna), a Telles, poi sostituito, a Melo e a Montoya, autore di una pessima prestazione. Tiene fuori Medel e Miranda (per un tempo) e si sente. Jovetic resta in panchina e quando entra, al 39’st, non fa la differenza.

Qualcosa non va e si capisce subito che il pomeriggio potrebbe riservare amare sorprese: Mbakougu va in gol al 3′ ma l’arbitro Andrea Gervasoni annulla per un fallo precedente di Martinho. L’Inter sembra scuotersi e Perisic cerca con ostinazione la rete da fuoriarea: due volte di sinistro, all’8′ e al 13′. Icardi viene atterrato in area ma non c’è fallo. Poi piccolo show ancora di Mbakougu, pericoloso per ben tre volte in pochi minuti, segnali che la difesa dell’Inter vacilla pericolosamente. Preoccupa Juan Jesus che per poco non propizia la rete del Carpi.

I nerazzurri vogliono segnare, cercano di bucare la coriacea e folta linea difensiva degli avversari e iniziano a creare qualche buona occasione: Handanovic salva su Martinho, poco dopo Crimi evita il gol su deviazione di Palacio con un salvataggio sulla linea. Al 39′ finalmente sblocca l’Inter con un bel gol di Palacio su contropiede nerazzurro incredibilmente seguito a un corner del Carpi. E’ la sua prima rete in questo campionato, l’argentino non segnava dal 31 maggio scorso.

La partita sembra a una svolta per l’Inter colpevole però di non riuscire a chiuderla. Il Carpi al 45′ chiede il rigore per un tocco di mano di Murillo considerato involontario da Gervasoni.

Nel secondo tempo, Mancini cambia e sostituisce Telles con Miranda. Belec si supera su Perisic, lo stesso Miranda ci prova, anche Melo tenta da fuori ma al 29′ è Martinho a ubriacare la difesa nerazzurra. Arriva il turno di Nagatomo insieme a mutamenti tattici e pizzini di Mancini. Al 38′ il Carpi resta in 10 in seguito all’espulsione di Pasciuti per somma di ammonizioni. Belec si supera e protegge la sua porta dalle incursioni di Palacio e Melo. Poi, Icardi avrebbe la palla del 2-0 ma un ottimo Romagnoli si impone sull’attaccante in modo ruvido.

Sembra tutto finito ma nei 4 minuti di recupero, si consuma la beffa finale: colpevoli prima Miranda, Murillo e Melo che lasciano passare la palla di Bianco destinata a Lasagna sul quale Juan Jesus non riesce a chiudere. Tiro angolato e pari del Carpi. San Siro si lascia andare a fischi e insulti. Mancini, alla fine è sconsolato e deluso: “Forse non siamo neppure da terzo posto…”.

Ultima ora

13:20F.1: Mercedes in Formula E dalla stagione 2019/’20

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - La Mercedes gareggerà in Formula E, il Campionato mondiale con vetture elettriche, a partire dalla stagione 2019/'20: lo annuncia la Casa tedesca, precisando che, per finanziare il nuovo impegno, verrà invece cessata la partecipazione alla Dtm (Deutsche Tourenwagen Masters, il Campionato tedesco turismo), classe in cui sin dal 2000 ha dominato vincendo 10 titoli Piloti e 6 Costruttori. "La Formula E - ha commentato il capo della Mercedes Motorsport, Toto Wolff - ha un format nuovo che ci consentirà di promuovere le tecnologie attuali e quelle future. La combinazione con la F1 ci darà la possibilità di esplorare settori innovativi: insomma, è come un'appassionante start up".

13:07Senza nome morto trovato in montagna in Alto Adige

(ANSA) - BOLZANO, 25 LUG - E' ancora senza nome il morto trovato in montagna, in Alto Adige. L'uomo, deceduto, secondo i primi accertamenti, circa un mese fa, è stato trovato a 2.200 metri di quota sopra l'abitato di Plan, in Val Passiria, nei pressi del confine con l'Austria. La salma è stata recuperata dalla Guardia di Finanza. I Carabinieri stanno indagando per chiarire l'identità del morto.

13:04Portavoce Boldrini: trasloco pagato da lei, Libero sbaglia

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - "Il recente trasloco di Laura Boldrini non costa un euro ai contribuenti, perché la Presidente ha provveduto di tasca sua alle spese per il trasporto dei mobili da un'abitazione all'altra e per la sistemazione del nuovo alloggio, e perché non c'è stata alcuna blindatura. Il titolo 'Trasloco oneroso. E noi paghiamo' è dunque totalmente infondato". E' quanto afferma in una nota Roberto Natale, Portavoce del Presidente della Camera dei Deputati a proposuito di un articolo di Libero. "'Libero' riceverà un dettagliato elenco di tutti gli errori contenuti nell'articolo. Ma, ai tempi della rete, è utile dare immediata diffusione alla smentita, anche a beneficio dei siti che subito si sono gettati a rilanciare la presunta 'notizia' senza curarsi di verificarne la fondatezza", afferma ancora Natale.

13:04Italiana uccisa in Kenya, arrestato il giardiniere

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - Nuovi sviluppi nell'inchiesta in Kenya sull'uccisione dell'italiana, Maria Laura Satta avvenuta lo scorso 23 luglio sulla costa nord del Paese durante una rapina nella sua villa. La polizia - scrive il sito Africa Express - ha arrestato e tiene in custodia il giardiniere, sospettato, ma non si sa su quali evidenze, di essere coinvolto nell'aggressione o, almeno, nella sua parte organizzativa. Oggi - continua il sito - arriveranno in Kenya in tarda mattinata i figli, Roberto e Stefano. Il marito della donna, Luigi Scassellati, 72 anni, è rimasto ferito durante la rapina. Dal suo letto presso il Mombasa Hospital, l'uomo non sa darsi pace per la perdita della moglie caduta sotto i violenti colpi di machete degli aggressori. "Lei non ce l'ha fatta - dice - e mi sento in colpa perché sono stato io ad insistere affinché acquistassimo questa villetta in Kenya".

12:47Benzina per eliminare pidocchi, bimba in condizioni critiche

(ANSA) - FIRENZE, 25 LUG - Resta in prognosi riservata presso la rianimazione dell'Ospedale pediatrico Meyer la ragazzina di 12 anni che ha riportato ustioni estese di secondo e terzo grado, dopo un tentativo di eliminare i pidocchi dalla testa della piccola con benzina o altro materiale infiammabile. Le sue condizioni permangono critiche, riferisce l'ospedale in un bollettino medico. La ragazzina è seguita dagli specialisti del Centro Ustioni ed è già stata sottoposta un primo intervento per ridurre le lesioni da ustione. Altri interventi saranno programmati successivamente in base alla evoluzione del suo quadro clinico. La madre, che è stata trasferita nel reparto grandi ustionati di Pisa, è in condizioni stabili, in prognosi riservata. Ma non sarebbe in pericolo di vita.

12:43Precipita da quarto piano e muore dopo tentativo di furto

(ANSA) - TORINO, 25 LUG - Il cadavere di un trentenne è stato trovato questa mattina, in una pozza di sangue, nel cortile di un edificio di via Bibiana, a Torino. Secondo le prime informazioni, sarebbe caduto da un balcone al quarto piano del palazzo, nel popolare quartiere Madonna di Campagna, dopo un furto. Sul caso indaga la polizia. La vittima, sempre secondo le prime informazioni, abitava nello stesso edificio. A tracolla un borsone con all'interno quella che ad un primo esame degli investigatori della Squadra Mobile e delle Volanti sembra essere della refurtiva.(ANSA).

12:40Vitalizi: Mazziotti, ok Richetti ma mia proposta migliore

(ANSA) - ROMA, 25 LUG "È sicuramente positivo che oggi arrivi in aula la proposta Richetti sui vitalizi. Sono stato il primo a proporre in aula emendamenti alla riforma costituzionale (bocciati da tutti, Pd incluso) per un ricalcolo anche sul passato in chiave contributiva e poi a riproporre una proposta di legge costituzionale in commissione". Lo scrive sulla sua pagina Facebook Andrea Mazziotti (Civici e Innovatori), presidente della commissione Affari Costituzionali di Montecitorio. "Appena diventato presidente - aggiunge - ho calendarizzato subito sia la mia pdl che quelle ordinarie. Il Pd ha scelto di andare avanti solo con la proposta di legge ordinaria ed è un peccato perché con la mia proposta sarebbe stato evitato ogni rischio, vero o presunto, di incostituzionalità".

Archivio Ultima ora