Il Papa di Roma all’anniversario della Riforma di Lutero

Pubblicato il 25 gennaio 2016 da redazione

SS. Papa Francesco - Apertura Porta Santa San Paolo 13-12-2015 @Servizio Fotografico - L'Osservatore Romano

SS. Papa Francesco – Apertura Porta Santa San Paolo
13-12-2015
@Servizio Fotografico – L’Osservatore Romano

CITTA’ DEL VATICANO. – Un Papa di Roma alle celebrazioni per l’anniversario della Riforma protestante avviata da Martin Lutero. E’ l’annuncio, che non è esagerato definire storico, dato oggi da luterani e cattolici. L’annuncio viene a conclusione della settimana di preghiera per l’unità dei cristiani, che ha visto nel pomeriggio papa Francesco celebrare i vespri nella basilica di San Paolo fuori le mura.

A San Paolo Bergoglio ha pronunciato una richiesta di perdono ai cristiani per le colpe commesse nei loro confronti dai cattolici e ha chiesto a questi ultimi di perdonare le offese ricevute dagli altri cristiani. Papa Francesco aveva fatto mea culpa per le persecuzioni cattoliche contro i valdesi, lo scorso 22 giugno a Torino.

Il 31 ottobre prossimo, dunque, papa Bergoglio sarà a Lund, in Svezia, per una cerimonia congiunta che dà l’avvio alle commemorazioni dei cinquecento anni della Riforma, nel 2017. “Certamente – ha rilevato padre Federico Lombardi – si tratta di un gesto di dialogo piuttosto notevole e molto significativo”.

“Tutte le altre celebrazioni della Riforma in passato – ha commentato mons. Brian Farrell ai microfoni di Radiovaticana – sono stati momenti di conflitto, di trionfalismo da una parte o dall’altra. Questa volta cercheremo di commemorare insieme le cose giuste, buone, emerse da quei conflitti terribili con conseguenze di grandi violenze nella storia dell’Europa. Ma, in fondo, – ha aggiunto il segretario del Pontificio consiglio per l’unità dei cristiani – ci sono anche quegli impulsi positivi di riforma, di miglioramento della vita della Chiesa che oggi possiamo commemorare”.

La cerimonia del 31 ottobre a Lund sarà presieduta dal Papa, dal vescovo Munib A. Younan, presidente della Federazione Luterana Mondiale, e dal reverendo Martin Junge, segretario generale della medesima Federazione. E sarà comune fondata sulla guida liturgica cattolico-luterana, “Common Prayer” (Preghiera Comune), di recente pubblicazione.

Dal comunicato diffuso da cattolici e luterani si comprende l’importanza che entrambi attribuiscono a questo evento nel solco del cammino ecumenico. “La Federazione Luterana Mondiale si accinge a commemorare l’anniversario della Riforma in uno spirito di responsabilità ecumenica. – afferma il segretario generale, Martin Junge – Sono profondamente convinto che adoperandoci per la riconciliazione fra luterani e cattolici, operiamo per la giustizia, la pace e la riconciliazione in un mondo lacerato dai conflitti e dalla violenza”.

Il cardinale Koch, presidente del Pontificio consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani (PCPCU) spiega: “Concentrandosi insieme sulla centralità della questione di Dio e su un approccio cristocentrico, i luterani e i Cattolici avranno la possibilità di celebrare una commemorazione ecumenica della Riforma, non semplicemente in modo pragmatico, ma con un senso profondo della fede in Cristo crocifisso e risorto”.

“Pregheremo insieme a tutta la famiglia ecumenica di Svezia – afferma l’arcivescovo Antje Jackelén della Chiesa di Svezia – affinché tale commemorazione contribuisca all’unità dei cristiani nel nostro Paese e nel mondo intero”. “La situazione ecumenica nella nostra parte del mondo è unica ed interessante. Spero che tale incontro ci aiuti a guardare al futuro in modo tale da essere testimoni di Gesù Cristo e del Suo Vangelo nel nostro mondo secolarizzato”, afferma Anders Arborelius, vescovo cattolico svedese.

La partecipazione del Papa alla cerimonia di Lund suggella 50 anni di relazioni ecumeniche iniziate con il Concilio Vaticano II, ed è resa possibile prima di tutto da quel documento fondamentale che è stata nel 1999 la Dichiarazione congiunta sulla dottrina della giustificazione, il problema teologico più rilevante che divideva luterani e cattolici.

La Dichiarazione congiunta sulla Dottrina della Giustificazione, (JDDJ) è stata firmata dalla Federazione Luterana Mondiale e dalla Chiesa Cattolica nel 1999, e accolta dal Consiglio Metodista Mondiale nel 2006. La Dichiarazione ha annullato dispute antiche di secoli fra Cattolici e Luterani sulle verità fondamentali della dottrina della giustificazione, che era al centro della Riforma del XVI secolo.

L’evento in programma a Lund si inquadra poi nel processo di ricezione del documento di studio From Conflict to Communion, (Dal conflitto alla comunione) pubblicato nel 2013, che da allora è stato largamente diffuso fra le comunità luterane e cattoliche. Il documento è il primo tentativo delle due parti di descrivere insieme, a livello internazionale, la storia della Riforma e delle sue intenzioni.

(giovanna.chirri@ansa.it)

Ultima ora

14:39Migranti tentano espatrio attraverso fogne, salvati

(ANSA) - VENTIMIGLIA (IMPERIA), 21 OTT - Due migranti sono stati soccorsi a Mentone dopo essere rimasti intrappolati nell'impianto fognario nel tentativo di espatriare abusivamente in Francia passando da un tombino. E' accaduto, ieri sera, vicino alla frontiera franco-italiana di Ponte San Ludovico, a Menton. Secondo quanto anticipato sul quotidiano francese Nice Matin, sono stati i sapeurs pompiers a estrarre i due migranti, ormai in crisi ipotermica. Una volta visitati e identificati sono stati riammessi alla polizia di frontiera italiana. Si tratterebbe della prima volta che viene utilizzato un sottoservizio per espatriare in modo clandestino. Molti i metodi utilizzati finora - il tetto dei treni, le cabine degli impianti elettrici, lungo ferrovia e autostrada e attraverso i passeur - ma mai in questo modo. (ANSA).

14:02Bankitalia: Alfano, autonomia istituto ma non è enclave

(ANSA) - CAPRI (NAPOLI), 21 OTT - Su Bankitalia "adesso c'è solo da attendere la proposta del presidente del Consiglio e del ministro dell'Economia. Non alimenterei ulteriori polemiche, perché il punto essenziale adesso è la decisione del governo, su cui occorrerà concentrasi per fare la scelta più giusta". Così il ministro degli Esteri, Angelino Alfano: c'è "l'autonomia della Banca d'Italia e al tempo stesso la possibilità, il diritto delle forze politiche di dire la propria opinione. Non è una enclave la Banca d'Italia, della quale e sulla quale non si può discutere".

13:58L.elettorale: Di Maio, faremo di tutto per fermarla

(ANSA) - SCIACCA (AGRIGENTO), 21 OTT - "Faremo di tutto per fermare questa legge, e chiediamo a tutti gli italiani di scendere in piazza con noi mercoledì 25 al Senato. Circonderemo pacificamente il Senato per far sentire la nostra voce su una legge che non è contro il M5S ma contro gli italiani e la democrazia". Così Luigi Di Maio, a Sciacca per la campagna elettorale a sostegno del candidato M5s a Governatore della Sicilia Giancarlo Cancelleri. "Una legge elettorale - ha aggiunto il leader grillino - che favorisce le ammucchiate e i piccoli partiti. Non a caso Mastella intende rifare l'Udeur".

13:55Renzi, se Gentiloni confermasse Visco prenderò atto

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - "Qualsiasi nome il premier farà, non ci saranno problemi. Anche se dovesse confermare Visco, nessun problema. Prenderò atto della decisione del governo e qualsiasi decisione sarà non intaccherà minimamente i nostri rapporti. Gentiloni non ha bisogno di consigli. Paolo ha la mia stima, il mio rispetto e la mia amicizia. E le sue parole sull'indipendenza e l'autonomia della Banca d'Italia sono giuste". Così Matteo Renzi in una intervista all'Avvenire di domani (anticipazioni sul sito del quotidiano).

13:55Calcio: Delneri, Buffon si ritira? Spero continui a giocare

(ANSA) - UDINE, 21 OTT - "Buffon è un grande professionista; io sono onorato di averlo allenato e penso i tifosi di averlo visto all'opera". Lo ha detto oggi il tecnico dell'Udinese Gigi Delneri a chi gli ha ricordato che quella di domani potrebbe essere l'ultima al Friuli per il numero uno della Juventus se veramente il campione bianconero dovesse decidere di ritirarsi nella prossima stagione. "Spero per lui non lo sia. Mi sembra che abbia lasciato una traccia importante per la visione di un ruolo come quello del portiere. E’ stato artefice del cambiamento strutturale del ruolo dei portieri. Credo abbia dimostrato come si possa diventare un attaccante pur essendo in porta", ha aggiunto ricordando anche la sua figura di uomo. "Un ragazzo a posto che ha dimostrato che in tutti gli ambienti bisogna avere professionalità, essere uomini, credere in quello che si fa. Un esempio per tutti, anche per i bambini".

13:47Sport e fair play: consegnati gli Award 2017 per videospot

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Sport e fair play: consegnati a Roma gli Award della quarta edizione del Video-spot Festival alle scuole superiori italiane sul tema 'Vivere da sportivi, a scuola di fair play'. Si tratta di una competizione multimediale inserita in una campagna di sensibilizzazione giovanile sul significato sociale dei valori etici dello sport. 12 le scuole finaliste, 6 i premi assegnati nella sezione Video, 7 per gli Spot, due alla sezione Speciale e 2 fuori concorso agli Ospedali Pediatrici. I best video 2017 sono 'Salviamo gli ultras' realizzato dagli studenti dell'istituto Tommaso D'Oria di Ciriè (Torino) e 'Si gioca solo con regole condivise' dei ragazzi del liceo sportivo Galilei di Siena. La cerimonia finale di premiazione si è svolta alla Scuola Superiore di Polizia. Tema della competizione multimediale 2017 lanciata da Monica Promontorio, sono stati in particolare i temi d'integrazione, inclusione, bullismo e cyber-bullismo, parità di genere, ambiente. (ANSA).

13:40Incendio Como: un mese fa il padre aveva scritto al giornale

(ANSA) - COMO, 21 OTT - Faycal Haitot, l'uomo che ieri a Como ha dato fuoco all'appartamento in cui è morto con i quattro figli, un mese fa aveva scritto a La provincia di Como una lettera in cui denunciava di non avere mai ricevuto la visita dei servizi sociali. "Ho chiesto l'aiuto economico e l'assistente: zero. Ho scritto al dirigente e diceva che il Comune paga l'affitto. Come fanno a mangiare questi bimbi, forse sono troppi. La scuola è gia cominciata e il primo giorno sono andato dai carabinieri per non prendere una denuncia, noi siamo a casa". Poi lamenta di non avere mai ricevuto "nessuna visita a casa dei servizi sociali per controllare la vita quotidiana dei bambini. Non vado via per paura del servizio sociale. Se ci sono problemi tra me e loro, cosa c'entrano i bambini?". Da parte sua il Comune di Como già ieri aveva specificato quali erano state le iniziative prese a sostegno della famiglia Haitot: housing sociale dal 2014, supporti all'assistenza scolastica, mensa gratuita, diurnato pomeridiano.

Archivio Ultima ora