I pensionati in Venezuela sono stanchi di promesse e attendono risposte positive

Pubblicato il 29 gennaio 2016 da redazione

Circa un migliaio di pensionati si sono assiepati nel salone di conferenze di un noto hotel di Caracas il 26 novembre 2015 per ascoltare dalla bocca dell’Ambasciatore e dei Patronati quali possibilità ci siano di recuperare il valore della pensione.

Circa un migliaio di pensionati si sono assiepati nel salone di conferenze di un noto hotel di Caracas il 26 novembre 2015 per ascoltare dalla bocca dell’Ambasciatore e dei Patronati quali possibilità ci siano di recuperare il valore della pensione.

ROMA – “Mentre i nostri pensionati in Venezuela sono alle prese con il dramma delle pensioni quasi azzerate ed i conseguenti e gravi disagi economici ed umani, continua da mesi lo stucchevole balletto delle responsabilità tra ministeri ed enti competenti che si sono impegnati a trovare una soluzione “giusta e tempestiva” al problema”.

La denuncia arriva dal presidente del Comitato italiani nel mondo della Camera, Fabio Porta, deputato PD eletto in Sud America, il quale riferisce che il Ministero del Lavoro e l’Inps sono in attesa del “via libera” del Ministero dell’Economia sull’adozione di un cambio parallelo e più favorevole per le loro pensioni.

– In seguito anche ai nostri numerosi, multiformi e pressanti interventi – spiega Porta – ci sembra di capire che la questione sia all’ordine del giorno del Governo e che il Ministero dell’Economia stia effettuando, purtroppo con la lentezza che caratterizza da sempre i nostri apparati burocratici, una serie di conclusive verifiche, presso Inps, Ministero del Lavoro e Banca d’Italia, sulla fattibilità delle proposte relative all’utilizzo di un cambio parallelo (ancorché sempre ufficiale) della valuta italiana in bolívares e dei relativi costi da affrontare.

Porta ricorda che da tempo “la comunità italiana in Venezuela chiede alle Stato italiano di considerare una priorità l’adozione di un sistema di cambio per le pensioni pagate in Venezuela che non penalizzi i nostri pensionati ivi residenti e che tenga conto del reale potere d’acquisto del bolívar, delle pensioni venezuelane artificialmente rivalutate negli ultimi anni dal Governo venezuelano e dell’elevato tasso di inflazione anch’esso causa di una crescente sopravvalutazione del tasso di cambio reale”.

– I nostri pensionati in Venezuela – continua il deputato italobrasiliano – sono esasperati e, data la precaria situazione socio-economica in quel Paese, la maggioranza di loro con la perdita delle prestazioni assistenziali (trattamento minimo, maggiorazioni sociali, assegni familiari) ha anche perso la serenità e il reddito di sussistenza.

Quindi il presidente Porta ribadisce di aspettarsi “una manifestazione di responsabilità e solidarietà da parte dei Ministeri competenti che non possono e non devono ignorare le istanze di aiuto e di giustizia che giungono dalla nostra comunità di pensionati in Venezuela”.

In tal senso ricorda “nuovamente che le pensioni pagate in Venezuela sono diminuite da 6.096 nel 2010 a 4.713 nel 2014 e continuano a diminuire sia nel numero che nell’importo, per un risparmio da parte dell’Inps di circa 15 milioni di euro”.

Per il deputato PD “sono senz’altro presenti quindi i margini non solo umani ma anche economici per venire incontro alle legittime richieste dei nostri connazionali residenti in quel Paese”. – So – afferma – che i nostri connazionali si aspettano, anche da me, una risposta urgente, definitiva e soprattutto positiva alle loro drammatiche istanze e sono stufi di sentire ripetere solo annunci e promesse.

Proprio per questo – assicura – nei limiti che il mio ruolo e il mio personale impegno obiettivamente comportano, continuerò a seguire, vigilare e sollecitare l’attività di Ministeri ed enti coinvolti per la soluzione di questa triste vicenda che potrebbe essere risolta senza grossi oneri per lo Stato italiano e con un segnale di solidarietà e di attenzione verso i nostri connazionali e il Paese latino americano con il quale l’Italia ha da sempre degli ottimi rapporti umani, sociali, politici ed economici.

Ultima ora

19:53Colombia: crolla un ponte in sospensione, muoiono 10 operai

(ANSA) - BOGOTA', 16 GEN - Dieci operai sono morti nel crollo di un ponte a sospensione in costruzione sopra una gola in Colombia. La Protezione civile ha precisato che gli operai stavano lavorando al drenaggio lungo il ponte, che si trova a circa 95 chilometri da Bogotà, quando la struttura è crollata. Nove persone sono morte sul colpo. Una decima è morta poco dopo in ospedale per le gravi ferite. Si sta ancora cercando di chiarire quante persone fossero sul posto al momento del crollo e se vi siano eventuali dispersi. Il ponte crollato era una struttura in sospensione di 450 metri, sull'autostrada tra Bogotà e Villavicencio. I lavoratori si stavano occupando del drenaggio sul lato della struttura, appesa a dei cavi a centinaia di metri dal fondovalle, quando questa è crollata. L'incidente si è verificato nel settore noto come Chirajara, una zona molto montuosa dove è stata costruita l'autostrada Bogotá-Villavicencio, che lungo i suoi 120 chilometri comprende decine di viadotti e gallerie.

19:49Calcio: dall’Arsenal offerta 35 mln e Giroud per Aubameyang

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Olivier Giroud e 35 milioni di sterline per Pierre-Emerick Aubameyang: sarebbe questa, stando all'Evening standard, l'offerta che l'Arsenal starebbe per presentare al Borussia Dortmund per l'attaccante gabonese. Secondo il tabloid britannico, che rilancia anche l'operazione Alexis Sanchez-Manchester United. Il centravanti giallonero, valutato 53,3 milioni di sterline (all'incirca 60 milioni di euro), nello scacchiere di Wenger andrebbe a sostituire l'attaccante cileno in predicato di lasciare l'Emirates stadium.

19:45Circolare Ps, gira pistola grande come carta di credito

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Con l'allarme terrorismo sempre alto, da poco è in commercio una pistola che è poco più grande di una carta di credito: un'arma che si può nascondere con facilità e, soprattutto, può essere portata in giro senza che nessuno se ne accorga. L'allerta arriva dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza che ha inviato una circolare a tutte le Questure d'Italia per invitare le forze di polizia sul territorio a segnalare immediatamente eventuali sequestri o ritrovamenti di questo tipo di pistola.

19:44Yemen: Ong, 8 mln persone a rischio di morte per fame

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - Nello Yemen in preda alla guerra ben 8 milioni di persone sono a rischio di morire di fame: è quanto denunciano in una nota Save the Children e altre 16 organizzazioni umanitarie operanti in territorio yemenita, che chiedono urgentemente la riapertura completa e incondizionata del porto di Hudaydah per consentire l'ingresso ininterrotto di cibo e carburante nel Paese. Inoltre, oltre 3 milioni di bambini sono nati in Yemen dopo l'escalation delle violenze, nel marzo 2015, si legge nel rapporto di Unicef 'Born into War'. Secondo l'agenzia dell'Onu, oltre 5.000 bambini sono stati uccisi o feriti nelle violenze, in media cinque al giorno da marzo 2015. Oltre 11 milioni di bambini hanno bisogno di assistenza umanitaria, praticamente tutti quelli nello Yemen, e circa 1,8 milioni di bambini sono gravemente malnutriti, tra cui circa 400.000 che stanno lottando per la vita. Inoltre, quasi 2 milioni di bambini non vanno a scuola.

19:43Figc: Lega Serie B, obiettivo rafforzare asse con Serie A

(ANSA) - MILANO, 16 GEN - La Lega di Serie B vuole contare e far sentire la propria voce nella scelta sofferta del presidente della Figc, una corsa a tre fra Gravina, Sibilia e Tommasi. Oggi Consiglio della Lega B, una riunione in parte interlocutoria anche se si punta a rafforzare l'asse con la Lega A per non andare in ordine sparso e cercare un'alleanza concreta in nome dell'unità di intenti. Giornate di grandi manovre con il rischio di commissariamento che incombe sulla Federazione. E, proprio la Lega di B, è riuscita a dare un segnale forte eleggendo presidente il 23 novembre scorso Mauro Balata, ricompattandosi intorno al nome dell'ex commissario. Prossima assemblea il 25 gennaio, in attesa di sviluppi.

19:36Repubblica ceca: Parlamento nega fiducia a governo Babis

(ANSA) - PRAGA, 16 GEN - Il governo monocolore di minoranza formato dall'imprenditore populista euroscettico Andrej Babis, il premier e leader del movimento Ano (Azione del cittadino scontento) non ha ottenuto la fiducia in Parlamento. Contrari alla fiducia erano 117 deputati dei 195 presenti in Parlamento. Il governo sarà costretto a dimettersi ma governerà fino alla nomina di un esecutivo nuovo. Il presidente ceco, Milos Zeman, presente alla prima seduta del Parlamento dedicata al voto di fiducia, ma interrotta e spostata a oggi, ha promesso a Babis, il vincitore delle elezioni di ottobre scorso, di reincaricarlo del secondo tentativo di formare un governo, a condizione di ottenere prima da lui i nomi di 101 deputati disposti a sostenerlo. Il Comitato delle immunità parlamentari ha raccomandato al Parlamento di consegnare Babis e il suo vice Jaroslav Faltynek alla giustizia penale per l'affare dell'abuso dei contributi Ue nella costruzione di un agriturismo.

19:34Nonno era famoso primario Mauriziano, lei denuncia ospedale

(ANSA) - TORINO, 15 GEN - Una querela per lesioni colpose aggravate è stata presentata da una paziente contro l'ospedale Mauriziano di Torino. L'autrice - tramite il legale - è Giuseppina Barone, 80 anni, bisnipote del senatore Antonio Carle, noto primario dello stesso Mauriziano a cui è stata dedicata anche l'aula magna dell'ospedale: la donna era affetta da endocardite, ma i medici - è la tesi - hanno scambiato le vegetazioni dell'endocardite per calcificazioni. Barone era stata ricoverata per una polmonite lo scorso settembre. I medici, però, le avevano anche riscontrato un'infezione da enterococco. Barone era stata curata con un antibiotico e sottoposta a esami, tra cui un'ecografia non transesofagea che ha escluso l'endocardite. La donna è stata dimessa, ma dopo pochi mesi l'infezione si è ripresentata. Il 9 novembre è stata sottoposta, questa volta alle Molinette, alla sostituzione della valvola aortica e mitrale: in quest'ultima era presente un ascesso la cui rottura avrebbe potuto causare la morte della donna. (ANSA).

Archivio Ultima ora