I pensionati in Venezuela sono stanchi di promesse e attendono risposte positive

Pubblicato il 29 gennaio 2016 da redazione

Circa un migliaio di pensionati si sono assiepati nel salone di conferenze di un noto hotel di Caracas il 26 novembre 2015 per ascoltare dalla bocca dell’Ambasciatore e dei Patronati quali possibilità ci siano di recuperare il valore della pensione.

Circa un migliaio di pensionati si sono assiepati nel salone di conferenze di un noto hotel di Caracas il 26 novembre 2015 per ascoltare dalla bocca dell’Ambasciatore e dei Patronati quali possibilità ci siano di recuperare il valore della pensione.

ROMA – “Mentre i nostri pensionati in Venezuela sono alle prese con il dramma delle pensioni quasi azzerate ed i conseguenti e gravi disagi economici ed umani, continua da mesi lo stucchevole balletto delle responsabilità tra ministeri ed enti competenti che si sono impegnati a trovare una soluzione “giusta e tempestiva” al problema”.

La denuncia arriva dal presidente del Comitato italiani nel mondo della Camera, Fabio Porta, deputato PD eletto in Sud America, il quale riferisce che il Ministero del Lavoro e l’Inps sono in attesa del “via libera” del Ministero dell’Economia sull’adozione di un cambio parallelo e più favorevole per le loro pensioni.

– In seguito anche ai nostri numerosi, multiformi e pressanti interventi – spiega Porta – ci sembra di capire che la questione sia all’ordine del giorno del Governo e che il Ministero dell’Economia stia effettuando, purtroppo con la lentezza che caratterizza da sempre i nostri apparati burocratici, una serie di conclusive verifiche, presso Inps, Ministero del Lavoro e Banca d’Italia, sulla fattibilità delle proposte relative all’utilizzo di un cambio parallelo (ancorché sempre ufficiale) della valuta italiana in bolívares e dei relativi costi da affrontare.

Porta ricorda che da tempo “la comunità italiana in Venezuela chiede alle Stato italiano di considerare una priorità l’adozione di un sistema di cambio per le pensioni pagate in Venezuela che non penalizzi i nostri pensionati ivi residenti e che tenga conto del reale potere d’acquisto del bolívar, delle pensioni venezuelane artificialmente rivalutate negli ultimi anni dal Governo venezuelano e dell’elevato tasso di inflazione anch’esso causa di una crescente sopravvalutazione del tasso di cambio reale”.

– I nostri pensionati in Venezuela – continua il deputato italobrasiliano – sono esasperati e, data la precaria situazione socio-economica in quel Paese, la maggioranza di loro con la perdita delle prestazioni assistenziali (trattamento minimo, maggiorazioni sociali, assegni familiari) ha anche perso la serenità e il reddito di sussistenza.

Quindi il presidente Porta ribadisce di aspettarsi “una manifestazione di responsabilità e solidarietà da parte dei Ministeri competenti che non possono e non devono ignorare le istanze di aiuto e di giustizia che giungono dalla nostra comunità di pensionati in Venezuela”.

In tal senso ricorda “nuovamente che le pensioni pagate in Venezuela sono diminuite da 6.096 nel 2010 a 4.713 nel 2014 e continuano a diminuire sia nel numero che nell’importo, per un risparmio da parte dell’Inps di circa 15 milioni di euro”.

Per il deputato PD “sono senz’altro presenti quindi i margini non solo umani ma anche economici per venire incontro alle legittime richieste dei nostri connazionali residenti in quel Paese”. – So – afferma – che i nostri connazionali si aspettano, anche da me, una risposta urgente, definitiva e soprattutto positiva alle loro drammatiche istanze e sono stufi di sentire ripetere solo annunci e promesse.

Proprio per questo – assicura – nei limiti che il mio ruolo e il mio personale impegno obiettivamente comportano, continuerò a seguire, vigilare e sollecitare l’attività di Ministeri ed enti coinvolti per la soluzione di questa triste vicenda che potrebbe essere risolta senza grossi oneri per lo Stato italiano e con un segnale di solidarietà e di attenzione verso i nostri connazionali e il Paese latino americano con il quale l’Italia ha da sempre degli ottimi rapporti umani, sociali, politici ed economici.

Ultima ora

00:40Ovazione per Trump a concerto inaugurale

(ANSA) - NEW YORK, 19 GEN - Ovazione per Donald TRump all'ingresso al Lincoln Memorial, dove è in corso il concerto per l'inaugurazione. Dal pubblico si è alzato il coro 'Trump, Trump'. Il presidente eletto è arrivato mano nella mano con Melania al Lincoln Memorial. Un ingresso sulle note dei Rolling Stones, 'Heart of Stone'. Trump e Melania, sorridenti, hanno salutato il pubblico e hanno preso posto nel palco d'onore, in prima fila a fianco a Ivanka e Jared Kushner.

22:39Moda: Pitti Bimbo, Trussardi Junior partner di Brave Kid

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - Debutta oggi a Pitti Bimbo 84 la prima collezione Trussardi Junior prodotta e distribuita in licenza mondiale da Brave Kid, azienda del gruppo Otb di Renzo Rosso. "Abbiamo trovato in Brave Kid il partner ideale in grado di rappresentare al meglio i valori Trussardi nell'ambito del kidswear", dice Tomaso Trussardi, Ad del gruppo. La collezione, da 4 a 14 anni, propone una versione mignon dei codici di stile dell'azienda fondata a Bergamo nel 1911: dettagli con l'iconico levrieo, stampe floreali, loghi all over. E' un total look completo, con cappottino, bomber in pelle, piumini bi-color, completi di felpa, gilet, giubboni di nylon, T-shirts.

22:11Poliziotto cede mitraglietta a pregiudicato, due in carcere

(ANSA) - LECCE, 19 GEN - Un poliziotto in servizio alla Questura di Lecce è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria, trasferito in carcere e sospeso dal servizio per aver rubato un'arma da guerra, una pistola mitraglietta Beretta M12, custodita nell'armeria della Questura, cedendola ad un pregiudicato di Merine, frazione di Lizzanello (Lecce), arrestato per detenzione illegale di arma da guerra. La mancanza dell'arma è stata scoperta durante una verifica in armeria e l'indagine interna è scattata immediatamente. L'agente sospettato ha subito ammesso le proprie responsabilità e di aver ceduto l'arma ad un pregiudicato di Merine, nella cui abitazione è stata trovata. Il poliziotto dovrà rispondere di furto e detenzione illegale di arma da guerra. Il questore di Lecce, Pierluigi D'Angelo: "E' un episodio di estrema gravità che ci addolora profondamente, ma è significativo che a portarla alla luce ed a sventare il tentativo siano stati altri poliziotti e che la struttura sia stata in grado di reagire tempestivamente".

22:11Polemica su spettacolo transgender, Arcigay invita assessore

(ANSA) - VENEZIA, 19 GEN - Ha scatenato una polemica in Veneto la programmazione il 7 marzo prossimo al teatro Astra di Vicenza dello spettacolo "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro", lavoro del regista siciliano Giuliano Scarpinato il quale racconta la storia di un bambino che non ha ancora deciso se essere maschio o femmina, o meglio, vorrebbe essere tutti e due. L'Arcigay di Vicenza ha ringraziato l'assessore regionale veneto Elena Donazzan (Fi), che ieri aveva inviato una lettera al ministro dell'istruzione, Valeria Fedeli, chiedendole di non consentire alle scuole di proporre lo spettacolo sul bambino transgender. "Ringraziamo l'assessore regionale Elena Donazzan per la notevole visibilità offerta a "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro'" scrive l'Arcigay, che invita l'esponente regionale a vedere assieme lo spettacolo, disposto ad offrirle il biglietto di ingresso. (ANSA).

22:01Terremoto: Salvini, ho riportato voci dei sindaci arrabbiati

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Polemiche sul terremoto? Io ho riportato la voce dei sindaci e dei cittadini arrabbiati. Se la Boldrini dice che è grave il ritardo dei soccorsi, è un richiamo delle istituzioni, ma se lo dice Salvini scoppia la polemica...". Così il leader della Lega Nord Matteo Salvini, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7. "La nomina di Errani a comandante in capo per la ricostruzione, è una nomina politica per un organismo che è tecnico e secondo me non è una cosa buona. Renzi - conclude - aveva bisogno di sistemare una casella politica".

21:59Terremoto: domani in cdm estensione stati di emergenza

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Il consiglio dei ministri, a quanto si apprende da fonti di governo, dovrebbe domani mattina alle 11 procedere, con provvedimenti fuori sacco, con l'estensione degli stati di emergenza nei territori colpiti negli ultimi giorni da nuove scosse di terremoto e dai danni dell'eccezionale ondata di maltempo. Saranno aumentati, a quanto si apprende, gli interventi sui territori colpiti senza allargare il cratere dei comuni colpiti già definiti nei mesi scorsi.

21:48Hotel Rigopiano: Curcio, finora due vittime

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 19 GEN - Finora dall'hotel Rigopiano "sono state estratte due vittime": lo ha detto a Penne il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio. "I numeri li da' la prefettura, che qui ha parlato di due vittime e quindi io mi attengo a questo numero", ha aggiunto Curcio, a margine del vertice sui soccorsi all'Hotel Rigopiano. "Si continuerà a lavorare tutta la notte, compatibilmente con le esigenze di sicurezza degli operatori, tenendo presente che si tratta di un'operazione molto complicata - ha aggiunto Curcio - sono all'opera 135 persone, con più di 20 mezzi". Curcio ha rimarcato: "Ci sono persone che stanno lavorando al limite del possibile e che stanno svolgendo il proprio compito con grande professionalità e passione. È un lavoro di soccorso, in una situazione difficile".

Archivio Ultima ora