Partono le privatizzazioni in Russia, ma il Cremlino alza un muro

Pubblicato il 02 febbraio 2016 da redazione

russia

MOSCA. – La situazione del bilancio statale è tale da non poter rimandare oltre le privatizzazioni. A dirlo, senza giri di parole, è il ministro per lo Sviluppo Economico Aleksey Ulyukayev. “La sfida – aggiunge – è farlo in modo efficiente e trasparente in condizioni di mercato sfavorevoli”. Non è affare da poco. Anche perché Vladimir Putin è stato chiaro: di vendere i gioielli di Stato “a prezzi stracciati” non se ne parla. E neppure di perdere le quote di controllo di aziende “strategiche” per la nazione. Paletti stringenti che fanno sorgere non pochi dubbi sulla sostenibilità stessa dell’operazione.

I caveat però non finiscono qui. La dottrina Putin prevede infatti che siano da escludere strutture off-shore dal ‘buffet’ prossimo venturo: le società acquirenti, insomma, dovranno ricadere sotto la giurisdizione russa. Chi metterà i quattrini, poi, dovrà avere una “strategia dello sviluppo”. Vietata inoltre la vendita a società in competizione tra loro, perché non compatibile con le regole del mercato.

Traduzione: improbabile che quote della Bashnesft passino alla LUKoil. L’ultimo diktat esclude infine che le acquisizioni possano essere finanziate con prestiti provenienti dalle banche di Stato. Se l’obiettivo è fare cassa, è il ragionamento ineccepibile del Cremlino, non serve procedere con alchimie contabili.

Secondo il quotidiano Kommersant, emerge un ritratto dell’investitore ideale: proprietari di grandi asset nazionali, che negli ultimi anni hanno registrato notevoli profitti, pronti a investire senza chiedere nulla in cambio tranne i possibili dividendi, rinunciando all’appoggio dello Stato. In pratica 10-20 persone in tutta la Russia: i padroni di Surgutneftegaz, LUKoil, Novatek, holding metallurgiche, e le più grandi banche private.

All’incontro con Putin erano presenti capi delle sanzionate Rosneft e VTB, nonché il direttore generale delle Ferrovie russe e il capo della Sovkomflot, grande compagnia di spedizioni marittime pronta da tempo alla privatizzazione; di particolare interesse la presenza dei direttori di ALROSA, Aeroflot e Bashneft (non a caso i titoli delle società hanno girato al rialzo). Assenti invece i top manager della Rostelcom, il che ne rende poco probabile la privatizzazione.

Detto questo, il Cremlino ha sottolineato che la lista delle società da vendere “non è ancora pronta” e che il presidente ha incaricato il governo di occuparsene. “La Russia – ha sottolineato il portavoce – è aperta agli investimenti stranieri”, cercando così di minimizzare le critiche di chi sostiene l’esatto contrario. Eppure, notano diversi analisti, il ‘firewall’ alzato dal Cremlino renderà difficile arrivare a quota 10-15 miliardi di dollari di introiti, cifra stimata necessaria per arginare l’emorragia delle casse pubbliche.

Stando a Vedomosti, o il Cremlino punta a una divisione degli asset statali “a prezzi vantaggiosi” sfruttando il momento giusto, e qui bisogna vedere come verrà gestita la ‘glasnost’ voluta da Putin, oppure le privatizzazioni in realtà non le si vuole fare proprio perché il ‘cerchio magico’ del presidente è restio “a disfarsi di beni che può influenzare”. Se però l’operazione dovesse andare in porto, il presidente di Banca Intesa Russia Antonio Fallico vede per l’Italia “opportunità importantissime, soprattutto nel settore energetico”.

(di Mattia Bernardo Bagnoli/ANSA)

Ultima ora

05:05Curry, ‘giornata surreale, Trump non si comporta da leader’

NEW YORK - ''Una giornata surreale'': cosi' la stella della Nba Stephen Curry commenta l'affondo del presidente americano Donald Trump che gli ha ritirato l'invito alla Casa Bianca. ''Non so perche' sente la necessita' di prendere di mira certe persone piuttosto che altre. Io un'idea ce l'ho, ma questo non e' quello che fa un leader''.

04:56James ancora contro Trump, usa sport per dividere Paese

NEW YORK - LeBron James torna ad attaccare Donald Trump, stavolta con un video: ''Mi sento frustrato, perche' questa persona che abbiamo messo al potere dopo quello che e' successo dopo Charlottesville sta tentando di usare lo sport per dividere ancor di piu' il popolo americano. E non e' una cosa che posso tollerare, non e' una cosa su cui posso tacere''. Oltre al caso del suo collega della Nba Stephen Curry, James critica Trump anche per aver chiesto di licenziare i giocatori di football americano che non cantano l'inno in segno di protesta.

04:41Londra: 6 feriti in attacchi con acido, no terrorismo

LONDRA - Sei persone sono state ferite ieri sera in diversi attacchi con acido in un centro commerciale a Stratford, nella zona orientale di Londra. La polizia ha arrestato un uomo, sospettato di lesioni personali gravi e ne sta cercando altri. Un portavoce ha dichiarato che la polizia esclude il movente terroristico e ha aggiunto che le persone ferite non sono in pericolo di vita.

04:36Trump, test dimostra accordo Iran non e’ un granche’

NEW YORK - "L'Iran ha appena testato un missile balistico capace di raggiungere Israele. E stanno anche lavorando con la Corea del Nord. Non e' un granche' di accordo quello che abbiamo": cosi' il presidente americano, Donald Trump, commenta il test su un nuovo missile balistico eseguito da Teheran.

23:38Calcio: Udinese in ritiro da lunedì

(ANSA) - UDINE, 23 SET - L'Udinese andrà in ritiro da lunedì. Lo ha deciso la società dopo la sconfitta di questo pomeriggio con la Roma, la quinta in sei gare da inizio campionato. Il ritiro, annunciato in serata dal club con una breve nota, è stato deciso "per preparare al meglio l'importante sfida di sabato prossimo con la Sampdoria". Una partita dal risultato che appare obbligato per i bianconeri, ancora fermi a 3 punti in classifica.

23:30Calcio: Baselli si scusa, ‘troppa voglia derby,ho sbagliato’

(ANSA) - TORINO, 23 SET - "Avevo troppo voglia di derby, tenevo troppo a questa partita. Ho sbagliato". Daniele Baselli commenta così, su Twitter, l'espulsione che ha condizionato la prestazione del Torino, battuto 4-0 dalla Juventus. "Chiedo scusa ai miei compagni, ai nostri tifosi, alla società", aggiunge il giocatore granata, che posta la foto in cui esce dal campo. "Superfluo aggiunge altro. Momento durissimo - scrive il centrocampista -. Mi assumo tutte le responsabilità. Sempre e comunque forza Toro".

23:18Serie A: Juve padrona, demolisce Toro 4-0 e fa suo il derby

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Una Juve padrona all'Allianz Stadium fa suo il derby della Mole, cancellando il Torino 4-0. Primo tempo sontuoso degli uomini di Allegri che prima a passano in vantaggio grazie al 9/o gol stagionale di Dybala e poi approfittano di uno sciagurato fallo di Baselli che costa al centrocampista granata il doppio giallo e l'inevitabile espulsione. Era il 25' e da lì la partita è corsa su un unico binario: il raddoppio di Pjanic al 40', il tris firmato da Alex Sandro al 12' st e il sigillo ancora del n.10 argentino allo scadere. Il punteggio sarebbe addirittura potuto essere ancora più severo per i granata, ma i pali, le parate di Sirigu e l'imprecisione degli attaccanti bianconeri hanno limitato i danni. Higuain ha iniziato in panchina per poi entrare negli ultimi dieci minuti. La squadra di Mihajlovic paga caro l'errore di Baselli ma già l'approccio alla gara non era stato dei migliori, sentendo forse troppo il match a cui per la prima volta dopo anni erano arrivata senza i panni dell'eterna sconfitta.

Archivio Ultima ora