Partono le privatizzazioni in Russia, ma il Cremlino alza un muro

Pubblicato il 02 febbraio 2016 da redazione

russia

MOSCA. – La situazione del bilancio statale è tale da non poter rimandare oltre le privatizzazioni. A dirlo, senza giri di parole, è il ministro per lo Sviluppo Economico Aleksey Ulyukayev. “La sfida – aggiunge – è farlo in modo efficiente e trasparente in condizioni di mercato sfavorevoli”. Non è affare da poco. Anche perché Vladimir Putin è stato chiaro: di vendere i gioielli di Stato “a prezzi stracciati” non se ne parla. E neppure di perdere le quote di controllo di aziende “strategiche” per la nazione. Paletti stringenti che fanno sorgere non pochi dubbi sulla sostenibilità stessa dell’operazione.

I caveat però non finiscono qui. La dottrina Putin prevede infatti che siano da escludere strutture off-shore dal ‘buffet’ prossimo venturo: le società acquirenti, insomma, dovranno ricadere sotto la giurisdizione russa. Chi metterà i quattrini, poi, dovrà avere una “strategia dello sviluppo”. Vietata inoltre la vendita a società in competizione tra loro, perché non compatibile con le regole del mercato.

Traduzione: improbabile che quote della Bashnesft passino alla LUKoil. L’ultimo diktat esclude infine che le acquisizioni possano essere finanziate con prestiti provenienti dalle banche di Stato. Se l’obiettivo è fare cassa, è il ragionamento ineccepibile del Cremlino, non serve procedere con alchimie contabili.

Secondo il quotidiano Kommersant, emerge un ritratto dell’investitore ideale: proprietari di grandi asset nazionali, che negli ultimi anni hanno registrato notevoli profitti, pronti a investire senza chiedere nulla in cambio tranne i possibili dividendi, rinunciando all’appoggio dello Stato. In pratica 10-20 persone in tutta la Russia: i padroni di Surgutneftegaz, LUKoil, Novatek, holding metallurgiche, e le più grandi banche private.

All’incontro con Putin erano presenti capi delle sanzionate Rosneft e VTB, nonché il direttore generale delle Ferrovie russe e il capo della Sovkomflot, grande compagnia di spedizioni marittime pronta da tempo alla privatizzazione; di particolare interesse la presenza dei direttori di ALROSA, Aeroflot e Bashneft (non a caso i titoli delle società hanno girato al rialzo). Assenti invece i top manager della Rostelcom, il che ne rende poco probabile la privatizzazione.

Detto questo, il Cremlino ha sottolineato che la lista delle società da vendere “non è ancora pronta” e che il presidente ha incaricato il governo di occuparsene. “La Russia – ha sottolineato il portavoce – è aperta agli investimenti stranieri”, cercando così di minimizzare le critiche di chi sostiene l’esatto contrario. Eppure, notano diversi analisti, il ‘firewall’ alzato dal Cremlino renderà difficile arrivare a quota 10-15 miliardi di dollari di introiti, cifra stimata necessaria per arginare l’emorragia delle casse pubbliche.

Stando a Vedomosti, o il Cremlino punta a una divisione degli asset statali “a prezzi vantaggiosi” sfruttando il momento giusto, e qui bisogna vedere come verrà gestita la ‘glasnost’ voluta da Putin, oppure le privatizzazioni in realtà non le si vuole fare proprio perché il ‘cerchio magico’ del presidente è restio “a disfarsi di beni che può influenzare”. Se però l’operazione dovesse andare in porto, il presidente di Banca Intesa Russia Antonio Fallico vede per l’Italia “opportunità importantissime, soprattutto nel settore energetico”.

(di Mattia Bernardo Bagnoli/ANSA)

Ultima ora

14:35Calcio: Verratti al Barcellona, contatti tra agente e club

(ANSA) - ROMA, 28 APR - L'ipotesi del passaggio di Marco Verratti dal Paris Saint-Germain al Barcellona comincia ad essere suffragata da qualche indizio più concreto delle semplici voci di mercato. Secondo il quotidiano spagnolo "Mundo Deportivo", infatti, l'agente del centrocampista 24enne Donato Di Campli è stato al Camp Nou due volte nel giro di una quarantina di giorni: la prima, in occasione della partita di Champions League dei blaugrana contro lo stesso Psg; la seconda, per la gara con la Juventus. Una circostanza, quest'ultima, molto meno spiegabile della prima se non, appunto, con un motivo specifico come quello di incontrare i dirigenti del Barcellona. Proprio quello che, rivela il giornale, sarebbe avvenuto: con gli intenti da parte del procuratore di sondare le reali intenzioni del club catalano e da parte della società di vedersi confermare come prima scelta del giocatore in caso di un suo addio a Parigi. Il Psg, dove Verratti approdò nel 2012, ha rinnovato lo scorso agosto il contratto con l'azzurro fino al 2021.

14:30Falsa incinta per comprare bimba, la rifiuta perché mulatta

(ANSA) - ROMA, 28 APR - Il prezzo pattuito era di 20mila euro. Così una donna italiana, residente a Latina, nella zona di Borgo Podgora, voleva acquistare una neonata portata in grembo da una romena. Per tutta la durata della gravidanza della madre naturale della bimba, la donna aveva indossato una pancia finta acquistata online e aveva simulato una gravidanza con tutti i conoscenti. Ma dopo la consegna della neonata, inaspettatamente mulatta, la donna l'ha restituita. Una storia agghiacciante scoperta dalla Squadra mobile di Latina, guidata da Antonio Galante, che è riuscita il 15 marzo, con pochissimi elementi a disposizione, a rintracciare la neonata e a salvarla. Tre persone sono finite in manette: l'aspirante madre Francesca Zorzo, di 35 anni, Nicoleta Tanase, romena di 25 anni, e un marocchino residente a Latina, Joussef Berrazzuk, 48 anni, l' intermediario tra le due donne. Le indagini erano cominciate a metà marzo, dopo una segnalazione inviata in Procura da un funzionario dello stato civile del Comune di Latina.

14:15Renzi, Lega-M5s allergici a democrazia interna

(ANSA) - BRUXELLES, 28 APR - "Forza Italia e Movimento 5 Stelle sono allergici alla democrazia interna". Lo dice Matteo Renzi parlando al pubblico in un evento organizzato a Bruxelles per la chiusura, assieme a Maurizio Martina, della campagna per le primarie del Pd. "Siamo gli unici che lunedì avranno un segretario legittimato da alcune centinaia di migliaia di voti, ma speriamo anche da qualche milione".

14:13Thailandia: mandato di arresto contro rampollo Red Bull

(ANSA) - BANGKOK, 28 APR - La Corte penale di Bangkok ha emesso oggi un mandato di arresto contro Vorayuth "Boss" Yoovidhya, il nipote del fondatore thailandese della bevanda Red Bull, accusato di aver ucciso un poliziotto alla guida della sua Ferrari il 3 settembre 2012 a Bangkok. La decisione è stata presa dopo che Vorayuth, 32 anni, non ha risposto all'ottava convocazione in cinque anni per vedersi notificate le accuse, in una saga che in Thailandia è diventata il simbolo dell'impunità dell'élite e dei doppi standard della giustizia nazionale. La famiglia Yoovidhya è una delle più ricche del Paese.

14:08Fake news: Boldrini, non sono goliardata ma grave minaccia

(ANSA) - ROMA, 28 APR - "Le fake news non sono una goliardia, una ragazzata, ma sono una minaccia alla collettività, chi le inventa ha un progetto in mente che è quello di creare caos e di fare soldi alterando l'opinione pubblica". Lo afferma la presidente della Camera Laura Boldrini presentando all'istituto Luigi Einaudi il suo libro "La comunità possibile. Una nuova rotta per il futuro dell'Europa". L'invito che la presidente rivolge ai ragazzi presenti è quello di "verificare sempre la fonte delle notizie. Non dovete dare per vero tutto quello che gira in rete". Boldrini fa sapere di aver istituito una commissione Internet e anche una sui fenomeni dell'odio "spero poi - aggiunge - che la legge sul cyber bullismo sia approvata quanto prima". La presidente di Montecitorio si rivolge poi alle ragazze presenti invitandole a fare attenzione: "Quello che oggi pensate possa essere divertente, domani può diventare un ricatto. Il web è la nuova frontiera della violenza contro le donne".

14:07Pd: Orlando, notabili tutti schierati a sostegno di Renzi

(ANSA) - FIRENZE, 28 APR - I notabili del Partito Democratico "sono tutti saldamente a sostegno di Matteo Renzi" in questa campagna per le primarie del 30 aprile. Lo ha detto Andrea Orlando, candidato alla segreteria del Pd, a margine di una iniziativa a Campi Bisenzio (Firenze). "In questi anni la rottamazione ha funzionato così - ha affermato - si sono tolte le prime file e le seconde hanno fatto un passo avanti, ma le dinamiche sono rimaste le stesse in molte realtà del Paese. Questo non l'ho detto io, lo ha detto Matteo Renzi quando all'indomani del referendum ha detto di aver sbagliato ad affidarsi ai notabili per costruire il consenso per il referendum: ecco, in questo momento i notabili sono tutti saldamente a sostegno di Matteo Renzi".

14:02Emiliano, io come Guevara, Renzi-Napoleone, Orlando-Pilato

(ANSA) - ROMA, 28 APR - "A questo punto il mio paragone con un personaggio storico che mi viene in mente più facilmente è Che Guevara, nel senso che ho amato questo personaggio tutta la vita, ho cercato di combattere, di non valutare quando dovevo scegliere la battaglia se era possibile vincere o perdere, ma solo se era giusta". Lo ha dichiarato Michele Emiliano, candidato alla segreteria del Pd ai microfoni di RTL 102.5, che dopo aver paragonato Matteo Renzi a Napoleone e alle Giovani Marmotte, ha così risposto alla domanda sul ruolo che assegnerebbe a Orlando. "In questo mi sembra un po' Ponzio Pilato - ha proseguito con i paralleli -, con un sussulto finale, è stato lì a guardare per tre anni, è stato un ministro della Giustizia di Renzi, bravo, un bravissimo ragazzo, ora ha capito che l'aria era cambiata e ha provato a sganciarsi. Meglio tardi che mai, brava persona, ma ha questo problema alla sua credibilità rispetto al progetto alternativo al renzismo".

Archivio Ultima ora