Usa 2016: primo round a Cruz e Hillary, flop di Trump

Pubblicato il 02 febbraio 2016 da redazione

US Democratic presidential candidate Hillary Clinton (C) speaks as her husband former US President Bill Clinton (L) and her daughter Chelsea Clinton (R) look on, during the Democratic Caucuses night campaign rally at Olmsted Center, Drake University in Des Moines, Iowa, USA, 01 February  2016. EPA/CRAIG LASSIG

US Democratic presidential candidate Hillary Clinton (C) speaks as her husband former US President Bill Clinton (L) and her daughter Chelsea Clinton (R) look on, during the Democratic Caucuses night campaign rally at Olmsted Center, Drake University in Des Moines, Iowa, USA, 01 February 2016. EPA/CRAIG LASSIG

DES MOINES (IOWA). – Ted Cruz e Hillary Clinton escono vincitori dal primo test nella corsa per la Casa Bianca. I caucus dell’Iowa hanno così aperto la stagione delle primarie in America dando una nuova impronta ad una lotta finora condotta tra i confini tracciati dai sondaggi. I numeri per mesi hanno visto Donald Trump alla guida dei repubblicani, e invece sul campo è stato premiato il senatore del Texas Cruz, che dello Stato del Midwest, hanno ripetuto in molti festeggiando il trionfo, “rappresenta i veri valori”.

Sull’altro fronte il risultato è sul filo di lana, con la ex segretario di Stato che la spunta per pochi decimali su Bernie Sanders, a conferma in questo caso delle previsioni che già indicavano un serrato testa a testa. A conteggio concluso Hillary è al 49,8% (conquista così 23 delegati) e il senatore del Vermont al 49,6% (21 delegati).

Una manciata di voti, eppure sufficienti per far dire al partito che questo primo punto se l’è aggiudicato proprio l’ex first lady. Anche se Sanders non concede facilmente la vittoria e invoca verifiche, fino ad un riconteggio dei voti. Non è chiaro tuttavia quali siano i margini per tale ‘ricorso’, visto il peculiare processo di votazione dei caucus democratici in Iowa: nelle piccole assemblee spesso si vota per alzata di mano e se un candidato non raggiunge la soglia necessaria, i votanti possono anche cambiare idea in corsa.

E’ accaduto ad Ankeny, una ventina di chilometri da Des Moines, dove gli elettori democratici riuniti in una chiesa luterana si erano dapprima divisi perfettamente a metà tra Hillary e Bernie, 115 a 115. E’ stato quindi necessario ‘riallinearsi’ e ridistribuire gli indecisi prima di proclamare la vittoria del senatore del Vermont. Così, pur con un vantaggio poco più che percettibile, la candidata può volare subito in New Hampshire senza l’onta dell”incubo Iowa’, boccone amaro che aveva dovuto ingoiare nella battaglia con Barack Obama otto anni fa. In queste ore è di nuovo sul palco a parlare, con accanto Bill.

Anche Sanders può alla fine rivendicare un successo: replicare l’impresa di Obama lo escludeva anche lui, ma in fondo Hillary l’ha quasi battuta e con la prossima tappa sul territorio a lui favorevole, il senatore liberal può ancora sperare. L’Iowa è dunque già Storia. La ‘febbre della politica’ nel piccolo Stato è già coperta da una coltre di neve dopo che la preannunciata tempesta si è abbattuta puntuale alle prime ore del mattino.

Proprio per sventarla tutti i candidati hanno lasciato di corsa il Midwest nella notte, diretti nel New England. I repubblicani ci arrivano per una lotta a tre: l’Iowa ha infatti dettato il podio e rimescolato gli equilibri. Ha premiato Cruz (28%) per la sua campagna quasi d’altri tempi, con il porta a porta a stringere le mani delle comunità locali e degli evangelici, che non lo hanno tradito. Ma significativo è il risultato di Marco Rubio, con il 24% e a un solo punto di distanza da Donald Trump, al secondo posto.

Il senatore della Florida di origine cubana sembra poter adesso sperare davvero di proporsi come l’ ‘alternativa moderata’. Lo sconfitto è Trump: se il ‘fenomeno’ si sia già ridimensionato è presto per dirlo, ma in Iowa non ha fatto breccia, la svolta conservatrice del miliardario di New York qui non ha convinto. Un altro brutto colpo in New Hampshire e la voce dell’antipolitica per eccellenza potrebbe diventare molto più fioca.

(dell’inviata Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

22:28Usa: McCain resiste su Obamacare, ‘non voto nuovo testo’

(ANSA) - WASHINGTON, 22 SET - Il senatore repubblicano John McCain ha annunciato che non voterà per la nuova proposta di legge per la revoca di Obamacare, infliggendo così un altro duro colpo al tentativo dei repubblicani di raggiungere i 50 voti necessari al Senato per mandare avanti l'iter. "Non posso in buona coscienza votare per la proposta Graham-Cassidy. Credo che possiamo fare meglio, lavorando insieme repubblicani e democratici, e non abbiamo ancora davvero provato", ha affermato McCain. Il testo, messo a punto dai senatori Bill Cassidy e Lindsey Graham, è l'ultima possibilità di passare una proposta di legge che smantelli l'Affordable Care Act (detto Obamacare) voluto da Barack Obama, prima della scadenza del 30 settembre. Il voto è previsto infatti per la prossima settimana. La determinazione di McCain, che invoca collaborazione bipartisan dopo averne già interrotto l'iter in luglio, mette così nuovamente a rischio il tentativo dei repubblicani di sostituire l'Obamacare, su cui spinge il presidente Donald Trump.

22:20Maria: cede diga Porto Rico, allagate due cittadine

(ANSA) - SAN JUAN DE PORTORICO (STATI UNITI), 22 SET - La diga di Guajataca, a Porto Rico, ha ceduto e sta provocando alluvioni "estremamente pericolose", in particolare in due cittadine lungo il fiume: lo ha annunciato il servizio meteo Usa (Nws), citato da Bbc, aggiungendo che è in corso l'evacuazione della popolazione di due centri abitati lungo il fiume. Sotto l'azione delle piogge portate dall'uragano Maria, che sta devastando i Caraibi, il cedimento è avvenuto alle 14:10 locale, le 21.10 italiane, allagando subito le cittadine di Isabela e Quebradillas.

21:46Uccisa da veicolo poi in fuga, denunciato camionista

(ANSA) - CASTELFIORENTINO (FIRENZE), 22 SET - È un camionista residente nel Pisano la persona denunciata dai carabinieri perché accusato dell'omicidio stradale di Sara Scimmi, la 19enne investita e uccisa il 9 settembre scorso a Castelfiorentino (Firenze) lungo la strada regionale 429. Secondo gli accertamenti dei carabinieri l'uomo quella sera era alla guida di un tir di proprietà di un'azienda umbra, i cui segni delle gomme sarebbero riconducibili a quelli lasciati sull'asfalto. Il dettaglio chiave è stato un logo sul telone del mezzo pesante, individuato in una ripresa di videosorveglianza visionata dai carabinieri. Il confronto con alcune riprese effettuate a distanza di ore a un casello autostradale, seguendo un ipotetico tracciato, ha permesso di individuare definitivamente mezzo e autista. Il conducente ha negato ogni coinvolgimento e il veicolo, sequestrato, sarà oggetto di approfondimenti da parte dei Ris di Roma.

21:46Calcio: Balotelli a segno, Nizza riacciuffa l’Angers

(ANSA) - ROMA, 22 SET - Con un gol siglato al 39' su rigore Mario Balotelli ha avviato la rimonta del Nizza che contro l'Angers si era trovato sotto 2-0, in casa, nell'anticipo della settima giornata di Ligue 1. Il doppio vantaggio degli ospiti nasceva dalle reti di Pavlovic al 12' ed Toko Ekambi al 34'. Al 31' della ripresa l'autogol di Ismael Traoré ha fissato il risultato sul 2-2. Il Nizza sale a 10 punti, l'Angers a 8.

21:04Migranti: archiviata inchiesta molestie in Cpa nel Padovano

(ANSA) - PADOVA, 22 SET - La Procura di Padova ha disposto l'archiviazione dell'inchiesta che vedeva alcuni migranti ospitati nel centro di accoglienza di Bagnoli di Sopra (Padova) accusati di molestie sessuali nei confronti di alcune dipendenti di una cooperativa che si occupa delle pulizie nel centro. La denuncia era stata avanzata nello scorso marzo da un gruppo di lavoratrici che hanno raccontato ai carabinieri di essere state prima vittime di battute oscene da parte dei richiedenti asilo, poi di essere state seguite nei locali della base durante il turno di lavoro. Tra le motivazioni dell'archiviazione da parte della Procura c'è anche l'impossibilità di individuare con certezza i responsabili delle presunte molestie. (ANSA).

20:55Peschereccio sequestrato: marinai bloccati a Sfax

(ANSA) - PALERMO, 22 SET - L'equipaggio del peschereccio Anna Madre, da una settimana a Sfax dopo il sequestro ad opera delle autorità tunisine, non potrà fare ritorno in Italia perché "bloccato per motivi burocratici" nel paese maghrebino. L'hanno detto i familiari dei marinai che vivono a Mazara del Vallo. L'annuncio del loro ritorno, previsto in serata, era stato dato dall'armatore del peschereccio, Giampiero Giacalone.

20:54Tar sospende test ammissione Psicologia La Sapienza

(ANSA) - ROMA, 22 SET - Il nuovo test di psicologia alla Sapienza è stato sospeso con un provvedimento del Tar del Lazio. Il Tar il prossimo 18 ottobre dovrà decidere anche sulla richiesta dei ricorrenti a riconoscere come libero e a numero aperto l'accesso al primo anno del corso di laurea in Psicologia Clinica, Psicologia della Comunicazione e del Marketing, Psicologia applicata ai contesti della salute, del lavoro e giuridico-forense, Neuroscienze cognitive e Riabilitazione psicologica, Psicologia dello sviluppo tipico ed atipico e psicopatologia dinamica e dello sviluppo.

Archivio Ultima ora