Usa 2016: primo round a Cruz e Hillary, flop di Trump

Pubblicato il 02 febbraio 2016 da redazione

US Democratic presidential candidate Hillary Clinton (C) speaks as her husband former US President Bill Clinton (L) and her daughter Chelsea Clinton (R) look on, during the Democratic Caucuses night campaign rally at Olmsted Center, Drake University in Des Moines, Iowa, USA, 01 February  2016. EPA/CRAIG LASSIG

US Democratic presidential candidate Hillary Clinton (C) speaks as her husband former US President Bill Clinton (L) and her daughter Chelsea Clinton (R) look on, during the Democratic Caucuses night campaign rally at Olmsted Center, Drake University in Des Moines, Iowa, USA, 01 February 2016. EPA/CRAIG LASSIG

DES MOINES (IOWA). – Ted Cruz e Hillary Clinton escono vincitori dal primo test nella corsa per la Casa Bianca. I caucus dell’Iowa hanno così aperto la stagione delle primarie in America dando una nuova impronta ad una lotta finora condotta tra i confini tracciati dai sondaggi. I numeri per mesi hanno visto Donald Trump alla guida dei repubblicani, e invece sul campo è stato premiato il senatore del Texas Cruz, che dello Stato del Midwest, hanno ripetuto in molti festeggiando il trionfo, “rappresenta i veri valori”.

Sull’altro fronte il risultato è sul filo di lana, con la ex segretario di Stato che la spunta per pochi decimali su Bernie Sanders, a conferma in questo caso delle previsioni che già indicavano un serrato testa a testa. A conteggio concluso Hillary è al 49,8% (conquista così 23 delegati) e il senatore del Vermont al 49,6% (21 delegati).

Una manciata di voti, eppure sufficienti per far dire al partito che questo primo punto se l’è aggiudicato proprio l’ex first lady. Anche se Sanders non concede facilmente la vittoria e invoca verifiche, fino ad un riconteggio dei voti. Non è chiaro tuttavia quali siano i margini per tale ‘ricorso’, visto il peculiare processo di votazione dei caucus democratici in Iowa: nelle piccole assemblee spesso si vota per alzata di mano e se un candidato non raggiunge la soglia necessaria, i votanti possono anche cambiare idea in corsa.

E’ accaduto ad Ankeny, una ventina di chilometri da Des Moines, dove gli elettori democratici riuniti in una chiesa luterana si erano dapprima divisi perfettamente a metà tra Hillary e Bernie, 115 a 115. E’ stato quindi necessario ‘riallinearsi’ e ridistribuire gli indecisi prima di proclamare la vittoria del senatore del Vermont. Così, pur con un vantaggio poco più che percettibile, la candidata può volare subito in New Hampshire senza l’onta dell”incubo Iowa’, boccone amaro che aveva dovuto ingoiare nella battaglia con Barack Obama otto anni fa. In queste ore è di nuovo sul palco a parlare, con accanto Bill.

Anche Sanders può alla fine rivendicare un successo: replicare l’impresa di Obama lo escludeva anche lui, ma in fondo Hillary l’ha quasi battuta e con la prossima tappa sul territorio a lui favorevole, il senatore liberal può ancora sperare. L’Iowa è dunque già Storia. La ‘febbre della politica’ nel piccolo Stato è già coperta da una coltre di neve dopo che la preannunciata tempesta si è abbattuta puntuale alle prime ore del mattino.

Proprio per sventarla tutti i candidati hanno lasciato di corsa il Midwest nella notte, diretti nel New England. I repubblicani ci arrivano per una lotta a tre: l’Iowa ha infatti dettato il podio e rimescolato gli equilibri. Ha premiato Cruz (28%) per la sua campagna quasi d’altri tempi, con il porta a porta a stringere le mani delle comunità locali e degli evangelici, che non lo hanno tradito. Ma significativo è il risultato di Marco Rubio, con il 24% e a un solo punto di distanza da Donald Trump, al secondo posto.

Il senatore della Florida di origine cubana sembra poter adesso sperare davvero di proporsi come l’ ‘alternativa moderata’. Lo sconfitto è Trump: se il ‘fenomeno’ si sia già ridimensionato è presto per dirlo, ma in Iowa non ha fatto breccia, la svolta conservatrice del miliardario di New York qui non ha convinto. Un altro brutto colpo in New Hampshire e la voce dell’antipolitica per eccellenza potrebbe diventare molto più fioca.

(dell’inviata Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

21:57Salvini, Cav non è candidabile e non può fare il premier

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Se la Lega prende un voto in più rispetto agli altri alleati è chiaro che sono io il premier, Berlusconi non è candidabile quindi non può essere premier. Una cosa che voglio dire è che chi vota Lega non vota governi di inciuci e questo Berlusconi lo deve aver chiaro...". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini a "Zapping" su Radio1 Rai.

21:53Germania: nuovo aeroporto ‘Ber’ aprirà ad ottobre 2020

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - Il nuovo aeroporto della capitale tedesca 'BER', dopo ripetuti ritardi, dovrebbe entrare in funzione ad ottobre 2020. Lo ha comunicato il numero uno del consiglio di sorveglianza, Rainer Bretschneider, oggi a Berlino. I lavori sono cominciati nel 2006 e l'aeroporto avrebbe dovuto entrare in attività nel 2011. Ma i ritardi si sono accumulati e i costi sono lievitati da 2 a 6,5 mld, fino all'ultimo piano finanziario previsto per la primavera del 2018.

21:41Calcio: Fassone,no a strategie per ridurre valore Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - "Nessuno pensi di adottare strategie per far sì che Donnarumma possa essere ceduto a valori di mercato inferiori rispetto al suo reale valore. A gennaio non abbiamo intenzione di fare nuovi acquisti e non abbiamo necessità di cassa". Così l'ad del Milan Marco Fassone, in un video sul sito del club, commenta le voci sul futuro del portiere, dopo il botta e risposta tra il ds Mirabelli e Mino Raiola. "Donnarumma è un patrimonio umano, tecnico ed economico del club. Siamo qui per tutelarlo e non c'è nessuna volontà di cederlo - aggiunge il dirigente - Mi ha fatto piacere la sua dichiarazione distensiva, ha confermato che non c'è stata nessuna forzatura. Oggi l'ho visto più sereno. Se sarà lui a dirci che vorrà andar via, saremo aperti a valutare le offerte".

21:07Terremoti: sisma 6.5 su costa Java, in Indonesia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Un sisma di magnitudo 6.5 è stato registrato sulla costa di Java, in Indonesia e si sontano un numero imprecisato di vittime. Lo riferisce l'Usgs americano. Le autorità indonesiane hanno emesso un'allerta tsunami. L'epicentro del sisma è stato localizzato a 92 chilometri di profondità, 50 km a sudovest della città di Tasikmalaya. Il portavoce dell'agenzia locale per il contenimento dei disastri, Sutopo Purwo Nugroho, ha riferito di alcuni edifici danneggiati nell'area ovest dell'isola. Nugroho ha aggiunto che il sisma è stato sentito per 20 secondi nella capitale Giacarta ed in altre città e villaggi di Giava.

20:59Milan:Fassone, richieste Uefa impossibili per chiunque

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - ''La Uefa ci ha chiesto due cose impossibili, non solo per noi ma per qualunque club che si trova nelle condizioni del Milan''. Così l'ad Marco Fassone spiega, con un video sul sito del club, perché l'Uefa ha negato al Milan la richiesta di Voluntary Agreement. ''L'Uefa - aggiunge Fassone - ci ha chiesto di completare prima il rifinanziamento del debito con Elliott e di fornire garanzie per dimostrare la capacità della proprietà di sostenere le perdite del club con un deposito. La nostra documentazione era sufficiente''.

20:44Nuoto: Europei, bronzo di Dotto nei 50 stile libero

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Bronzo di Luca Dotto nei 50 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen, con il tempo di 20"78. L'oro è andato al russo Vladimir Morozov (20"31), l'argento al britannico Benjamin Proud (20"66). Ottavo ed ultimo tempo della finale per Marco Orsi.

Archivio Ultima ora