Fine della vicenda dei Tango Bond, Argentina paga i risparmiatori

Pubblicato il 02 febbraio 2016 da redazione

tangobond

ROMA. – L’Argentina decide di pagare i risparmiatori italiani e chiudere una ‘ferita’ durata quasi 15 anni, che ha pesato a lungo nei rapporti fra due paesi legati da vincoli storici, economici e di ‘sangue’. I Tango bond hanno rappresentato infatti, assieme a Cirio e Parmalat per arrivare ora alle 4 banche in risoluzione, un paradigma del ‘risparmio tradito’.

L’Accordo preliminare firmato dal nuovo governo guidato da Mauricio Macri con la Tfa guidata dal banchiere Nicola Stock che raggruppa gli oltre 50mila risparmiatori italiani prevede un pagamento di 1,35 miliardi di dollari in contanti (il valore del capitale dei bond è di 900 milioni) e chiude il contenzioso avviato all’Icsid (il tribunale della Banca Mondiale) che Buenos Aires aveva cercato in vari modi di ostacolare.

In questo modo l’Argentina guadagna punti nella considerazione sui mercati internazionali da cui è di fatto esclusa da anni per via della politica della precedente presidente peronista Cristina Kichner e spiana la strada per un rapporto più stretto con l’Italia che possa far ripartire interscambio e investimenti, ora molto ridotti rispetto agli scorsi anni.

Certo il corrispettivo è inferiore al ‘petitum’ di 2,5 miliardi avanzato dalla Tfa e non comprende gli interessi trattandosi appunto di un accordo di risoluzione della controversia che ristorna il capitale investito più un 50% come compensazione. Ma è un pagamento che verrà in tempi brevi e sopratutto non in nuova ‘carta’ argentina ma in contanti.

Dopo il via libera del Congresso argentino atteso all’inizio di aprile, secondo quanto afferma all’ANSA Stock, il pagamento potrebbe concretizzarsi a maggio/giugno. Dettagli non di poco conto visto che l’Argentina dopo il default aveva ristrutturato unilaterlamente il debito e tagliato il valore delle obbligazioni del 70% lanciando due offerte di cambio nel 2005 e nel 2010.

Oltre il 90% aveva aderito o ceduto i propri titoli. Ma un gruppo di hedg fund capitanati dalla Elliot del finanziere americano Paul Singer e chiamati in Argentina ‘buitres’ (avvoltoio) si è sempre dichiarato contrario a ogni haircut ingaggiando una furiosa battaglia giudiziaria contro Buenos Aires in tutte le sedi, arrivando anche a pignorarne la nave scuola della Marina Militare e ottenendo poi giudizi favorevoli (ma non ancora denaro) alla Corte di New York.

Intanto si stanno svolgendo nuovi negoziati fra il nuovo governo e i fondi che reclamano un conto salatissimo fra i 9 e 10 miliardi di dollari a causa degli interessi accumulati negli anni. Diverso il caso della Tfa costituita dalle banche italiane che scelse una strada diversa nel 2006: consigliare i risparmiatori a non accettare e portare la controversia al tribunale Icsid. Decisione criticata all’epoca perchè lunga e incerta ma che, va detto, alla fine sembra aver pagato.

I 450mila che delegarono la Tfa a negoziare sono ora 50mila, molti dei quali anziani ma che appunto riceveranno un buon risarcimento. Certo l’accordo è preliminare e dovrà passare il vaglio del Congresso Argentino ma i fondi ci sono. A rimpinguare le riserve della banca centrale, finite a livelli di sicurezza per via della recessione e del tentativo di fissare un tasso di cambio della precedente amministrazione (quella nuova ha svalutato del 40%), sono arrivati 5 miliardi di un prestito di 7 banche internazionali.

E l’obiettivo di Macri e della sua squadra di economisti è quello di tornare, grazie al peso favorevole e all’abolizione delle misure protezionistiche ad attrarre capitali. Certo i prezzi delle materie prime non sono più quelli di qualche anno fa e il contesto economico mondiale non aiuta. Tutte sfide non facili.

(di Andrea D’Ortenzio/Ansa)

Ultima ora

23:28Calcio: decide Zaza, il Valencia piega la Real Sociedad

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Il Valencia è la quarta forza della Liga, dopo Barcellona, Atletico Madrid e Siviglia. La squadra allenata da Marcelino Garcìa Toral è andata a vincere 3-2 sul difficilissimo terreno dell'Anoeta, a San Sebastian, contro la Real Sociedad. A decidere il posticipo della 6/a giornata ci ha pensato ancora una volta Simone Zaza, che ha battuto Rulli al 40' st. Moreno per i 'pipistrelli' aveva aperto le danze, dopo 26', il pari dei padroni di casa è arrivato al 33' grazie a Elustondo; Vidal ha riportato avanti il Valencia al 10' st, 4' più tardi Oyarzabal aveva firmato il momentaneo 2-2. A rompere l'equilibrio nei Paesi Baschi ci ha pensato l'attaccante italiano, al quarto gol in due partite (dei cinque in totale in questa Liga). Adesso in classifica Valencia 12 punti, Siviglia a 13, Atletico Madrid 14 e Barcellona in vetta con 18. Il Real Madrid è a -7 dai catalani. (ANSA).

23:24Ira Trump contro atleti, inaccettabile

(ANSA) - NEW YORK, 24 SET - "Grande solidarietà per il nostro inno nazionale e per il nostro Paese. Stare in ginocchio è inaccettabile": così il presidente americano Donald Trump replica su Twitter all'ondata di proteste sui campi di football americano. "Patrioti coraggiosi hanno combattuto e sono morti per la nostra grande bandiera, dobbiamo onorarli e rispettarli" aggiunge Trump.

23:22Maria: Jennifer Lopez dona a Porto Rico 1 milione di dollari

(ANSA) - SAN JUAN, 24 SET - Jennifer Lopez ha annunciato di avere donato 1 milione di dollari ai portoricani per aiutarli dopo il passaggio dell'uragano Maria che ha devastato l'isola. La cantante e attrice, nata negli Usa, ma con origini portoricane, ha aggiunto di essersi impegnata insieme all'ex giocatore di baseball Alex Rodriguez, il cantante Marc Anthony alcuni musicisti latinoamericani e atleti e imprenditori a ottenere risorse e aiuti per l'isola caraibica. La popstar emozionata ha lanciato il suo appello oggi ad un evento organizzato a New York e ha parlato in spagnolo.

23:14Calcio: Serie A, Fiorentina-Atalanta 1-1

(ANSA) - ROMA, 24 SET - La Fiorentina pareggia 1-1 con l'Atalanta di Gian Piero Gasperini, nell'ultimo posticipo della sesta giornata del campionato di calcio di Serie A. I viola erano passati in vantaggio dopo 12' con Chiesa, ma sono stati raggiunti in pieno recupero da una bordata di Freuler. I bergamaschi avrebbero potuto vincere se il 'Papu' Gomez non si fosse fatto neutralizzare un rigore al 17' st da Sportiello.

22:01Meloni, sono in campo per la leadership del centrodestra

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Io sono in campo per la leadership del centrodestra e quindi in Italia, del resto se è in campo di Maio possiamo agevolmente competere anche noi. Ci dicano qual è lo strumento, compatibilmente con la legge elettorale, se sono le primarie o le preferenze. Io voglio un metodo con cui potermi misurare e ognuno di noi chiederà agli italiani quale sia la proposta piu' credibile". Lo afferma Giorgia Meloni, leader di Fdi a margine dell'ultima giornata della festa di Atreju

22:00M5S: Fico, il candidato premier non è il capo del Movimento

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Oggi il candidato premier è il capo della forza politica, ovvero è riferito alla legge elettorale e non è capo della vita politica generale del movimento. Questa è una grande distinzione". Lo ha detto il deputato M5S Roberto Fico, parlando con alle telecamere della Rai che lo attendevano davanti al suo albergo.

21:59Casaleggio, aiutiamo Di Maio, M5s sia squadra volontari

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "In bocca al lupo a Di Maio. Lo dovremo aiutare tutti assieme perche' dobbiamo essere una squadra di volontari ignoti". Lo afferma Davide Casaleggio dal palco di Italia 5 Stelle. "Dobbiamo aiutare il M5S a cambiare l'Italia senza cercare qualcosa subito ma per cercare di cambiare questa nazione", prosegue Casaleggio ribadendo come su Rousseau saranno fatte le scelte piu' importanti per "creare una smart nation, una nazione intelligente"

Archivio Ultima ora