Fine della vicenda dei Tango Bond, Argentina paga i risparmiatori

Pubblicato il 02 febbraio 2016 da redazione

tangobond

ROMA. – L’Argentina decide di pagare i risparmiatori italiani e chiudere una ‘ferita’ durata quasi 15 anni, che ha pesato a lungo nei rapporti fra due paesi legati da vincoli storici, economici e di ‘sangue’. I Tango bond hanno rappresentato infatti, assieme a Cirio e Parmalat per arrivare ora alle 4 banche in risoluzione, un paradigma del ‘risparmio tradito’.

L’Accordo preliminare firmato dal nuovo governo guidato da Mauricio Macri con la Tfa guidata dal banchiere Nicola Stock che raggruppa gli oltre 50mila risparmiatori italiani prevede un pagamento di 1,35 miliardi di dollari in contanti (il valore del capitale dei bond è di 900 milioni) e chiude il contenzioso avviato all’Icsid (il tribunale della Banca Mondiale) che Buenos Aires aveva cercato in vari modi di ostacolare.

In questo modo l’Argentina guadagna punti nella considerazione sui mercati internazionali da cui è di fatto esclusa da anni per via della politica della precedente presidente peronista Cristina Kichner e spiana la strada per un rapporto più stretto con l’Italia che possa far ripartire interscambio e investimenti, ora molto ridotti rispetto agli scorsi anni.

Certo il corrispettivo è inferiore al ‘petitum’ di 2,5 miliardi avanzato dalla Tfa e non comprende gli interessi trattandosi appunto di un accordo di risoluzione della controversia che ristorna il capitale investito più un 50% come compensazione. Ma è un pagamento che verrà in tempi brevi e sopratutto non in nuova ‘carta’ argentina ma in contanti.

Dopo il via libera del Congresso argentino atteso all’inizio di aprile, secondo quanto afferma all’ANSA Stock, il pagamento potrebbe concretizzarsi a maggio/giugno. Dettagli non di poco conto visto che l’Argentina dopo il default aveva ristrutturato unilaterlamente il debito e tagliato il valore delle obbligazioni del 70% lanciando due offerte di cambio nel 2005 e nel 2010.

Oltre il 90% aveva aderito o ceduto i propri titoli. Ma un gruppo di hedg fund capitanati dalla Elliot del finanziere americano Paul Singer e chiamati in Argentina ‘buitres’ (avvoltoio) si è sempre dichiarato contrario a ogni haircut ingaggiando una furiosa battaglia giudiziaria contro Buenos Aires in tutte le sedi, arrivando anche a pignorarne la nave scuola della Marina Militare e ottenendo poi giudizi favorevoli (ma non ancora denaro) alla Corte di New York.

Intanto si stanno svolgendo nuovi negoziati fra il nuovo governo e i fondi che reclamano un conto salatissimo fra i 9 e 10 miliardi di dollari a causa degli interessi accumulati negli anni. Diverso il caso della Tfa costituita dalle banche italiane che scelse una strada diversa nel 2006: consigliare i risparmiatori a non accettare e portare la controversia al tribunale Icsid. Decisione criticata all’epoca perchè lunga e incerta ma che, va detto, alla fine sembra aver pagato.

I 450mila che delegarono la Tfa a negoziare sono ora 50mila, molti dei quali anziani ma che appunto riceveranno un buon risarcimento. Certo l’accordo è preliminare e dovrà passare il vaglio del Congresso Argentino ma i fondi ci sono. A rimpinguare le riserve della banca centrale, finite a livelli di sicurezza per via della recessione e del tentativo di fissare un tasso di cambio della precedente amministrazione (quella nuova ha svalutato del 40%), sono arrivati 5 miliardi di un prestito di 7 banche internazionali.

E l’obiettivo di Macri e della sua squadra di economisti è quello di tornare, grazie al peso favorevole e all’abolizione delle misure protezionistiche ad attrarre capitali. Certo i prezzi delle materie prime non sono più quelli di qualche anno fa e il contesto economico mondiale non aiuta. Tutte sfide non facili.

(di Andrea D’Ortenzio/Ansa)

Ultima ora

14:22Gentiloni a Berlino

(ANSA) - BERLINO, 18 GEN - Il presidente del consiglio Paolo Gentiloni è appena giunto a Berlino nella sede della Cancelleria dove lo ha accolto Angela Merkel. Il premier, in costante contatto con l'Italia per seguire l'evoluzione delle forti scosse di terremoto che hanno colpito l'Italia centrale, avrà ora un bilaterale con la cancelliera, al termine del quale è prevista una conferenza stampa.

14:22Pd: Rossi, io mai in staff Renzi, vincerò corsa congressuale

(ANSA) - FIRENZE, 18 GEN - "Faccio il presidente della Regione Toscana, mi candido per fare il segretario nazionale del Pd e vincerò pure la corsa congressuale", e "quindi non entrerò mai nello staff di Renzi". Lo ha detto il presidente della Regione Toscana, e candidato alla segreteria nazionale del partito, Enrico Rossi, rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano un commento sulle ipotesi di composizione della nuova segreteria del Pd guidato da Matteo Renzi. Per Rossi "il partito ha bisogno di essere profondamente ricostruito, però bisogna partire anche da un'autocritica sugli errori fatti sia come segretario sia come premier". "Siamo nello stesso partito, non c'è storia, non c'è prospettiva fuori dal Pd - ha aggiunto -. Voglio costruire all'interno del Pd un'area che si ispiri e che si richiami alle idee di fondo del socialismo, dell'eguaglianza, della redistribuzione della ricchezza. Insomma, occorre spostare l'asse del Pd a sinistra".

14:21Terremoto: Gentiloni, rafforzare impegno esercito

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, in contatto continuo con la Protezione Civile e il Commissario Errani, ha chiesto al Ministro Pinotti un ulteriore, rafforzato impegno dell'esercito - assieme alla strutture operative già presenti - per garantire la massima presenza e prossimità dello Stato nei luoghi già colpiti dal sisma e oggi interessati dalle nuove scosse.

14:19Esercito Iraq, abbiamo preso pieno controllo Mosul est

(ANSA) - BAGHDAD, 18 GEN - Le forze militari irachene hanno annunciato di avere preso "il pieno controllo" della parte orientale della città di Mosul, dopo averne scacciato i militanti del cosiddetto Stato islamico (Isis).

14:17M5S: inizia voto per scelta candidato a sindaco di Palermo

(ANSA) - PALERMO, 18 GEN - Beppe Grillo dà il via al voto sulla piattaforma Rousseau degli iscritti certificati dei Cinquestelle a Palermo, per scegliere il candidato sindaco del M5S alle amministrative di primavera. Da cinque candidati a sindaco iniziali ne sono rimasti due: l'avvocato Ugo Forello e il poliziotto Igor Gelarda. In casa M5S, nei giorni scorsi, a battere in ritirata per prima dalla sfida a cinque per la carica di sindaco è stata Tiziana Di Pasquale, seguita da Giulia Argiroffi e Giancarlo Caparrotta; gli ultimi due restano in corsa per un seggio in Consiglio comunale. La selezione sul web, partita alle 10, si chiuderà alle 19.

14:16Salvini, Santo Trump, Nato è obsoleta

(ANSA) - MILANO, 18 GEN - "Santo Trump, la Nato è obsoleta, avere il nostro territorio disseminato di basi è assolutamente inutile": così Matteo Salvini a Radio Padania sulle posizioni del presidente americano sulla Nato. Salvini ha lodato Trump anche per l'economia: "Trump ha la flat tax e i dazi nel suo programma, è quello che farei io domani mattina. Loro controllano moneta e banca centrale, è un obiettivo che abbiamo anche noi. Il nostro obiettivo è l'uscita dal sistema della moneta unica che lega paesi che soffrono tutti. Il 15 marzo ci sono le elezioni politiche in Olanda, e tutti i sondaggi dicono che l'alleato della Lega è primo e rischia di vincere le elezioni, nel suo programma ci sono l'uscita dall'euro e dall'Unione europea. Se anche l'Olanda dopo la Gran Bretagna darà questa lezione di democrazia questo processo si accelererà".

14:10Incidenti stradali: auto travolge e uccide madre e figlia

(ANSA) - BRESCIA, 18 GEN - Madre e figlia di 56 e 32 anni, di origine egiziana, sono state travolte e uccise mentre attraversavano la strada sulle strisce pedonali a Brescia. È accaduto vicino alla Questura. Le due donne sono morte sul colpo, travolte alle spalle. Come ha riferito il 118, la 70enne che era alla guida dell'auto che le ha investite è ora sotto choc.

Archivio Ultima ora