Commissario diritti umani Muiznieks, Italia non discrimini le adozioni

Pubblicato il 05 febbraio 2016 da redazione

adozioni

STRASBURGO. – Estendere alle coppie dello stesso sesso i diritti e doveri delle coppie eterosessuali, è giusto e necessario, e nel farlo l’Italia “non crea nuovi diritti ma elimina la discriminazione basata sull’orientamento sessuale”. In un’intervista rilasciata all’Ansa, il commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa, Nils Miuznieks, incita il parlamento italiano a legiferare sulle unioni civili mantenendo l’articolo sulle adozioni. Inoltre, chiede maggiori tutele per i giornalisti e i media, e chiama il Paese a depenalizzare la diffamazione e a introdurre il reato di tortura.

“Trovo positivo che l’Italia finalmente discuta di una legge che riconosca legalmente le coppie dello stesso sesso, come ha stabilito la Corte europea dei diritti umani nel luglio del 2015” afferma Muiznieks, riferendosi alla sentenza Oliari e altri contro Italia. “Quello che ritengo meno positivo è tutto questo dibattito emotivo e non fattuale sull’articolo che permetterebbe l’adozione dei figli del partner” continua il commissario. “Trovo la discussione sull’impatto negativo che l’essere allevato da una coppia omosessuale ha sul minore, un argomento pretestuoso, smentito da una crescente quantità di ricerche scientifiche”.

Inoltre il commissario avverte che la posizione della Corte è chiara: se le coppie etero non sposate possono adottare i figli del partner, lo stesso devono poter fare le coppie dello stesso sesso. “Mi auguro quindi che il parlamento italiano faccia la cosa giusta e adotti una legge sulle unioni civili che includa l’adozione”.

Il Commissario reagisce poi alle minacce fatte a Lirio Abbate e alla perquisizione a Piazza Pulita (La 7), oggetto di 2 allerte sulla piattaforma per la protezione e la sicurezza dei giornalisti del Consiglio d’Europa. “Questi casi sono emblematici della preoccupante vulnerabilità strutturale cui devono far fronte i media in Italia, dove la mancanza di sicurezza per i giornalisti, l’impunità per i crimini commessi contro di loro, e le pressioni politiche sui media sono un problema di lunga data” denuncia Muiznieks.

Lo Stato, afferma, non deve rimanere in silenzio di fronte a questi fatti, ma deve tutelare i media, condannando tutti i casi di minacce e violenze contro i giornalisti e assicurando che i crimini commessi contro di loro siano perseguiti con maggiore efficacia. E sul fronte della difesa dei giornalisti Muiznieks si augura che il parlamento italiano “riprenda presto i lavori sulla questione della depenalizzazione della diffamazione e che l’Italia non perda un’importante opportunità per riformare la sua legge sulla stampa”.

Infine il commissario ricorda che come stabilito dalla Corte l’anno scorso, con la sentenza Cestaro, l’Italia deve anche adottare leggi che puniscano adeguatamente i responsabili di atti di tortura. “È necessario che l’Italia rimedi a queste mancanze non solo perché lo dicono le sentenze della Corte di Strasburgo, ma anche per mostrare che prende seriamente gli impegni assunti per il rispetto dei diritti umani” conclude Muiznieks.

(di Samantha Agrò/ANSA)

Ultima ora

10:00Ucraina: Kiev, leader ribelli Lugansk fuggito in Russia

(ANSA) - MOSCA, 22 NOV - Il presidente dell'autoproclamata repubblica popolare di Lugansk, Igor Plotnitski, si è rifugiato in Russia dopo che ieri la città del Donbass è stata occupata da un misterioso commando senza insegne di riconoscimento, probabilmente legato al suo rivale Igor Kornet: lo sostiene il ministero dell'Interno ucraino. "Secondo le mie fonti - ha scritto su Facebook il capo del dipartimento comunicazione del ministero dell'Interno di Kiev, Artiom Shevchenko - il capobanda dei terroristi di Lugansk, Igor 'Plotva' Plotnitski è fuggito in Russia. I ragni nel barattolo continuano a divorarsi l'un l'altro".

09:43‘Ndrangheta: traffico internazionale droga, 12 arresti

(ANSA) - TORINO, 22 NOV - I carabinieri del Ros hanno smantellato un'organizzazione criminale legata alla 'Ndrangheta e dedita al traffico internazionale di stupefacenti. Dodici gli arresti eseguiti su richiesta della Procura distrettuale antimafia di Torino, tra cui due pericolosi latitanti localizzati a Malaga, in Spagna. L'operazione 'Bellavita', come è stata ribattezzata, ha permesso di individuare i canali di approvvigionamento di ingenti quantità di cocaina e hashish, le modalità di trasporto e la rete di distribuzione. Le misure cautelari sono state eseguite, oltre che in Spagna grazie alla collaborazione della polizia spagnola, nell'area metropolitana di Torino e in altre località italiane. L'organizzazione criminale era dedita anche alla detenzione illecita di armi. (ANSA).

09:01Russiagate: Wsj, Mueller indaga Kushner per risoluzione Onu

(ANSA) - NEW YORK, 22 NOV - Il team investigativo del procuratore speciale del Russiagate, Robert Mueller, sta indagando sui contatti del genero del presidente Donald Trump, Jared Kushner, con leader stranieri e in particolare sul ruolo da lui giocato nel tentativo di fermare una controversa risoluzione Onu approvata il 23 dicembre che condannava Israele per gli insediamenti nei territori occupati. Lo scrive il Wall Street Journal sul suo sito online. Non e' chiaro motivo per cui Mueller sia interessato a Kushner ma il nuovo filone di inchiesta, secondo il quotidiano, apre uno spiraglio sul tipo di domande che gli investigatori del Russiagate stanno facendo dietro le quinte.

08:58Argentina: sottomarino, Marina, entriamo in fase critica

(ANSA) - BUENOS AIRES, 22 NOV - "Non abbiamo perso le speranze, ma stiamo entrando in una fase critica": così Enrique Balbi, portavoce della Marina argentina, ha descritto la situazione dopo sei giorni di intensa ricerca dell'Ara San Juan, il sottomarino sparito nel Sud Atlantico, che non hanno dato finora alcun risultato. In una conferenza stampa, il portavoce militare ha ammesso che "siamo preoccupati, e la nostra preoccupazione va crescendo", anche a causa del problema dell'esaurimento delle riserve d'ossigeno del sottomarino. Interrogato sulle stime degli esperti, citate dai media, secondo i quali -se si è mantenuto in immersione dallo scorso mercoledì- il San Juan avrebbe sette giorni di ossigeno per l'equipaggio di 44 persone, Balbi ha detto che "non esiste un valore preciso, dipende da molte circostanze", ma ha poi aggiunto che "siamo ormai al sesto giorno, e in quanto all'ossigeno questo ci preoccupa".

08:56Corea Nord:Comando Onu,violato armistizio su disertore

(ANSA) - PECHINO, 22 NOV - La Corea del Nord ha violato per due volte, quando i suoi soldati hanno sparato verso il Sud e attraversato il confine nella 'caccia' al commilitone fuggitivo, l'armistizio che chiuse la Guerra di Corea del 1950-53: il caso è quello del 13 novembre che ha visto un militare disertare al varco di Panmunjom. I risultati delle indagini sono stati diffusi dal Comando Onu, a guida Usa, accompagnate dal rilascio del video di 7 minuti che riprende la drammatica successione degli eventi accaduti alla cosiddetta 'Joint Security Area'.

03:03Uber, hackerati dati 57 milioni utenti a fine 2016

(ANSA) - WASHINGTON, 22 NOV - Uber ha tenuto nascosto per oltre un anno di aver subito l'hackeraggio dei dati di 57 milioni di utenti nel mondo, di cui 600 mila conducenti. E secondo Bloomberg avrebbe preferito pagare un riscatto di 100 mila dollari agli autori del maxifurto per evitare che divulgassero la notizia. Ad ammettere il pirataggio e' stato il ceo Dara Khosrowshahi, che ha preso la guida di Uber da agosto e che ha sostenuto di aver saputo dell'incidente solo "recentemente". In particolare sono stati hackerati i nomi, le email e i numeri di telefono degli utenti, oltre ai numeri di patente dei conducenti. Sulla base di accertamenti esterni, ha spiegato Uber, i numeri della carte di credito e dei conti bancari, i numeri della sicurezza sociale (l'equivalente del nostro codice fiscale con cui negli Usa si può rubare l'identità di una persona) e le date di nascita degli utenti non sarebbero stati piratati. Idem i percorsi dei viaggi.

01:14Lasseter, capo Pixar, ammette molestie

(ANSA) - NEW YORK, 21 NOV - John Lasseter, il capo creative della Pixar e degli studi di animazione di Disney, si è messo in aspettativa citando una serie di "passi falsi" da lui compiuti. In un memo allo staff, l'executive che ha costruito i Pixar Animation Studios e resuscitato il business dei cartoni animati Disney, ha spiegato che la decisione è stata presa dopo una serie di "conversazioni difficili". L'aspettativa di Lasseter arriva sulla scia dello scandalo delle molestie sessuali scoppiato con le accuse al capo della Miramax, Harvey Weinstein.

Archivio Ultima ora