Coppa Libertadores: l’italo-venezuelano Andreutti carica i suoi, la rimonta é possibile

Pubblicato il 09 febbraio 2016 da redazione

prevhur20162

CARACAS – La Coppa Libertadores 2016 sceglie le sue protagoniste e una di queste uscirà dalla sfida di questa sera tra gli argentini dell’Huracan e i venezuelani del Caracas. All’andata, in terra argentina, hanno avuto la meglio i padroni di casa, che però hanno sofferto non poco per sbloccare il risultato: ci sono voluti ben 75’ per trovare la via della rete e l’autore è stato la nostra vecchia conoscenza Mariano Gonzalez (ex Palermo e Inter) entrato tra l’altro solo 10’ prima di realizzare il gol vittoria.

E’ finita 1-0, un risultato importante che, però, non fa certo dormire sogni tranquilli ai ragazzi di Dominguez, anche perché stasera li attende un ambiente molto caldo: uno stadio Olímpico pronto a cantare 90’ e di piú se sará necessario.

Il Caracas ci crede eccome nella “remuntada”, anche perché entrare nella fase finale della Libertadores per i venezuelani sarebbe un’impresa da ricordare.

Una partita così può dare senso a una vita. La storia del Venezuela é iniziata a Caracas, eppure la storia passa anche da piccoli fatti: anche da una partita così. Perché se ci tieni a una partita così, se la vinci, per qualche ora ti cambia il modo di vedere il mondo. Tutto questo lo sa bene il Caracas e sopratutto l’italo-venzuelano Riccardo Andreutti, che questa sera indosserá la fascia da capitano a causa dell’assenza di Miguel Mea Vitali che salterá il match per squalifica.

Il calciatore di origine friulana sa che il forfait forzato di ‘Miky’ si sentirá in campo, ma che nel grupo c’é tranquillitá e che faranno di tutto per rimontare il risultato. “L’assenza di qualsiasi giocare si fa sempre notare, però noi siamo tranquilli perché abbiamo lavorato tanto, ognuno di noi conosce bene il suo potenziale nel suo ruolo. Ovvio, in questa gara, l’assenza del capitano sará difficile da coprire, ma sappiamo che il sostituto lo fará bene”.

Per affrontare questa difficile sfida, la squadra allenata dal mister Antonio Franco, ha svolto tre sessioni di allenamento tra sabato e lunedí. Da segnalare che i ‘rojos del Ávila’ nel turno di campionato hanno battuto per 1-0 l’Aragua, mentre l’Huracán é stato battuto con lo stesso risultato dall’Atlético Rafaela per la Primera División argentina.

Riccardo Andreutti, crede nella ‘remundata’ contro l’Huracán e carica i suoi: “Dobbiamo mantenere lo stesso ordine che abbiamo avuto nelle ultime gare disputate. La missione é non lasciare spazi al nostro avversario, mantenere il nostro stile di gioco ed essere piú cinici quando avremo il possesso palla. Penso che se ci riusciamo, potremo staccare il pass per la fase a gironi”.

Il Caracas scenderá in campo con la missione di scrivere il suo nome nel girone D della massima competizione continentale, in quella fase giá ci sono: Atlético Nacional (Colombia), Peñarol (Uruguay) e Sporting Cristal (Peru). In caso di approdo nella fase a gironi, i capitolini riceverebbero dalla Conmebol un montepremio di 1 milione ed 800 mila dollari.

L’ultima presenza dei ‘rojos del Ávila’ tra le 32 migliori d’America risale al 2013. Nei playoff valevoli per la Libertadores solo due team venezuelani sono riusciti a superare gli spareggi: il Deportivo Italia (1964) e Deportivo Táchira (2015).

Come dato curioso, nell’edizione 2015 della Coppa Sudamericana, l’Huracán é stato battuto per 3-0 dal Mineros, che in quell’occasione era allenato dall’italo-venezuelano Antonio Franco che attualmente é sulla panchina del Caracas. Tra i titolari della formazione argentina ci sono sette superstiti. Anche se ogni partita ha una storia diversa.

Il team della ‘Cota 905’ pensa in grande e sogna il colpaccio. “Siamo carichi e la voglia di approdare alla fase successiva è tanta. Questa squadra lo merita e siamo ansiosi di iniziare la gara” – confessa il centrocampista italo-venezuelano, aggiungendo – Penso che possiamo rimontare il risultato, la qualificazione é ancora in gioco. Il vantaggio é che ce la giocheremo in casa davanti al nostro pubblico. So che scriveremo una delle pagine piú belle del calcio venezuelano”.

Riccardo Andreutti spera di festeggiare la seconda vittoria consecutiva dopo la vittoria ottenuta venerdí contro l’Aragua. “La carica del nostro pubblico ci aiuterá tanto. Ogni domenica ed ogni volta che é necesario ci sostengono, sono bravissimi a mettere pressione. Poi c’é anche il sostegno dei nostri familiari. Non ci sono dubbi, che l’ambiente dell’Olímpico é indescrivibile” racconta Andreutti.

Oltre all’assenza di Miguel Mea Vitali (espulso nella gara d’antada), il mister dei ‘rojos’ dovrá fare a meno di Armando Maita che ha saltato anche la gara d’andata per un problema alle ginocchia. Dovrebbero far parte della gara i gioiellini del vivaio Leonardo Flores e Rodrigo Febres, quest’ultimo é all’esordio con la prima squadra.

La Conmebol ha designato come direttore di gara il paraguaiano Enrique Cáceres, che sará coadiuvato dai suoi connazionali Rodney Aquino e Carlos Cáceres, mentre il quarto uomo sará Eber Aquino. Il fischio d’inizio é fissato per le 20:15.

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

13:29Amb. Madrid, il primo ottobre non ci sarà referendum

(ANSA) - ROMA, 26 SET - Il primo ottobre non ci sarà un referendum, perchè è illegale". Lo ha detto l'Ambasciatore spagnolo a Roma, Jesus Manuel Aldaz, in un forum all'ANSA. "Il grave problema è che il governo regionale della Catalogna non rispetta le leggi e le sentenze della Corte costituzionale", ha aggiunto sottolineando che "si può parlare di tutto ma la legge che è la garanzia dei cittadini nei confronti dei poteri pubblici".

13:28Terremoto’97: De Vincenti,Umbria esempio nuova ricostruzione

(ANSA) - ASSISI (PERUGIA), 26 SET - L'Umbria ricorda oggi il terremoto di 20 anni fa. Prima con una messa nella Basilica di San Francesco di Assisi, poi con un convegno a Palazzo Trinci di Foligno, i cui lavori si sono interrotti alle 11.42, per un minuto di silenzio in memoria delle undici vittime che, proprio a quell'ora del 26 settembre 1997, il terremoto fece tra Umbria e Marche. Era presente, tra gli altri, il ministro per la coesione territoriale e il Mezzogiorno, Claudio De Vincenti: "Il ricordo delle vittime del sisma del 1997 - ha detto - ci spinge ad avere ben presenti tutti quelli che sono stati colpiti dal terremoto del 2016. Ma la ricostruzione e la rinascita dell'Umbria dopo il '97 ci dà un'indicazione molto seria e forte su come procedere ora nell'Italia centrale. L'esperienza di 20 anni fa ci dice che le popolazioni devono restare sul loro territorio nella massima sicurezza antisismica". Il sindaco di Foligno, Nando Mismetti, ricordando i fatti del 1997. ha detto che "il terremoto è stata anche una opportunità per un nuovo sviluppo grazie a una buona ricostruzione e la nostra esperienza deve essere un faro per quei territori che sono oggi alle prese con i danni del sisma". La presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, assieme al ministro De Vincenti ha visitato la singolare mostra "RileggiAmo. 20 anni dal terremoto", dove gli articoli dei giornali dell'epoca hanno avuto una rivisitazione in chiave poetica da parte degli studenti delle scuole superiori della città di Foligno. Hanno raccontato i giorni del '97 e la successiva ricostruzione anche gli allora presidenti di Regione, Bruno Bracalente e Maria Rita Lorenzetti. (ANSA).

13:27Madre italiana ma è albanese, a 82 anni ottiene cittadinanza

(ANSA) - BARI, 26 SET - Un artista albanese di 82 anni, Besnik Sopoti, dopo anni di battaglie amministrative, ha ottenuto la cittadinanza italiana con una sentenza del Tribunale di Roma. Sopoti, nato a Bari da madre italiana e padre albanese, nel 2013 aveva ricevuto la cittadinanza onoraria dal sindaco di Modugno, Nicola Magrone, città in cui vive. La mamma di Sopoti aveva perso automaticamente la cittadinanza italiana dopo aver sposato, il 30 giugno 1934, il giornalista albanese, divenuto poi patriota del Fronte nazionale, Mazar Sopoti, padre di Besnik. Ciò avvenne in base alla legge 555/1912. L'automatismo della perdita della cittadinanza italiana da parte della donna nel 1975 fu dichiarato incostituzionale; inoltre, dopo l'entrata in vigore della nuova legge sulla cittadinanza (n.91/1992), la donna divenne cittadina italiana, ma all'epoca il figlio era maggiorenne ed autonomo. Besnik presentò la domanda per ottenere in via amministrativa la cittadinanza italiana, ma la richiesta fu rigettata.

13:15Accoltella giudici: notte tranquilla magistrati in ospedale

(ANSA) - PERUGIA, 26 SET - Hanno passato una nottata tranquilla, i due giudici del tribunale civile di Perugia, Francesca Altrui e Umberto Rana, ricoverati nell'ospedale del capoluogo umbro dopo essere stati feriti a coltellate, in modo non grave, da un uomo entrato ieri mattina nei locali della sezione fallimentare del tribunale. Fonti ospedaliere li descrivono rasserenati non solo dopo aver ricevuto le visite dei loro famigliari, ma anche e soprattutto per la solidarietà manifestata loro da colleghi e amici che sono venuti a sincerarsi delle loro condizioni. In particolare, ha destato ammirazione il gesto del giudice Rana, intervenuto in modo determinante in soccorso della collega. (ANSA).

13:01F1: Toro Rosso dà benservito a Kvyat, in Malesia corre Gasly

(ANSA) - ROMA, 26 SET - Nei prossimi Gp, Pierre Gasly guiderà al fianco di Carlos Sainz per la Toro Rosso, al posto di Daniil Kvyat. Lo annuncia la scuderia italiana con una nota pubblicata sul suo sito. Alla base della decisione il pessimo rendimento del pilota russo durante la stagione dove ha raccolto appena 4 punti in 14 Gran Premi, contro i 48 del suo compagno di squadra spagnolo. "Questo però non è un addio al nostro Daniil, che rimane a far parte della famiglia Red Bull", aggiunge la scuderia.

12:59Terremoto: Lotti, ad Amatrice si riparte dallo sport

(ANSA) - ROMA, 26 SET - "Si riparte dallo sport, lo sport può fare molto e aiutare e questa è una buona occasione per dimostrarlo. Avevamo detto che non dovevamo spegnere i riflettori e anche da qui cerchiamo di dare una mano. Giovedì, grazie ai fondi della Lega di A e del ministero partiranno i lavori per il campo sportivo: piccoli pezzi che possono fare tanto". Lo dice il ministro dello Sport, Luca Lotti, all'inaugurazione del Palazzetto di Amatrice. "E' veramente bello stare qui con voi e dico grazie, ai ragazzi che hanno cantato l'inno, a queste donne tenaci che hanno creduto a un sogno" ha aggiunto Lotti rivolgendosi ai presenti, adulti e bambini. "Questa comunità oggi è un esempio, grazie al vostro esempio le istituzioni possono e devono fare qualcosa", ha concluso il ministro.

12:57Coni: Campriani ritira Premio ‘Onesti’ ad Amatrice

(ANSA) - ROMA, 26 SET - All'olimpionico del tiro a segno, Niccolo Campriani, va il Premio Giulio Onesti 2017 "per essersi distinto come uomo e come atleta - recita la motivazione - con comportamenti esemplari, e per aver conseguito risultati straordinari a favore dello sport italiano". Il Premio, istituito dalla Fondazione 'Giulio Onesti' nel 2001, è stato consegnato oggi all'azzurro in occasione dell'inaugurazione del Palazzetto dello Sport di Amatrice: "Oggi per me è un'occasione speciale - ha spiegato Campriani - lo sport a me ha insegnato ad accettare le sconfitte e che per reagire bisogna fare squadra. Sono contento di far parte di questo mondo, spero che da qui uscirà uno dei campioni che vinceranno nuove medaglie".

Archivio Ultima ora