Coppa Libertadores: l’italo-venezuelano Andreutti carica i suoi, la rimonta é possibile

Pubblicato il 09 febbraio 2016 da redazione

prevhur20162

CARACAS – La Coppa Libertadores 2016 sceglie le sue protagoniste e una di queste uscirà dalla sfida di questa sera tra gli argentini dell’Huracan e i venezuelani del Caracas. All’andata, in terra argentina, hanno avuto la meglio i padroni di casa, che però hanno sofferto non poco per sbloccare il risultato: ci sono voluti ben 75’ per trovare la via della rete e l’autore è stato la nostra vecchia conoscenza Mariano Gonzalez (ex Palermo e Inter) entrato tra l’altro solo 10’ prima di realizzare il gol vittoria.

E’ finita 1-0, un risultato importante che, però, non fa certo dormire sogni tranquilli ai ragazzi di Dominguez, anche perché stasera li attende un ambiente molto caldo: uno stadio Olímpico pronto a cantare 90’ e di piú se sará necessario.

Il Caracas ci crede eccome nella “remuntada”, anche perché entrare nella fase finale della Libertadores per i venezuelani sarebbe un’impresa da ricordare.

Una partita così può dare senso a una vita. La storia del Venezuela é iniziata a Caracas, eppure la storia passa anche da piccoli fatti: anche da una partita così. Perché se ci tieni a una partita così, se la vinci, per qualche ora ti cambia il modo di vedere il mondo. Tutto questo lo sa bene il Caracas e sopratutto l’italo-venzuelano Riccardo Andreutti, che questa sera indosserá la fascia da capitano a causa dell’assenza di Miguel Mea Vitali che salterá il match per squalifica.

Il calciatore di origine friulana sa che il forfait forzato di ‘Miky’ si sentirá in campo, ma che nel grupo c’é tranquillitá e che faranno di tutto per rimontare il risultato. “L’assenza di qualsiasi giocare si fa sempre notare, però noi siamo tranquilli perché abbiamo lavorato tanto, ognuno di noi conosce bene il suo potenziale nel suo ruolo. Ovvio, in questa gara, l’assenza del capitano sará difficile da coprire, ma sappiamo che il sostituto lo fará bene”.

Per affrontare questa difficile sfida, la squadra allenata dal mister Antonio Franco, ha svolto tre sessioni di allenamento tra sabato e lunedí. Da segnalare che i ‘rojos del Ávila’ nel turno di campionato hanno battuto per 1-0 l’Aragua, mentre l’Huracán é stato battuto con lo stesso risultato dall’Atlético Rafaela per la Primera División argentina.

Riccardo Andreutti, crede nella ‘remundata’ contro l’Huracán e carica i suoi: “Dobbiamo mantenere lo stesso ordine che abbiamo avuto nelle ultime gare disputate. La missione é non lasciare spazi al nostro avversario, mantenere il nostro stile di gioco ed essere piú cinici quando avremo il possesso palla. Penso che se ci riusciamo, potremo staccare il pass per la fase a gironi”.

Il Caracas scenderá in campo con la missione di scrivere il suo nome nel girone D della massima competizione continentale, in quella fase giá ci sono: Atlético Nacional (Colombia), Peñarol (Uruguay) e Sporting Cristal (Peru). In caso di approdo nella fase a gironi, i capitolini riceverebbero dalla Conmebol un montepremio di 1 milione ed 800 mila dollari.

L’ultima presenza dei ‘rojos del Ávila’ tra le 32 migliori d’America risale al 2013. Nei playoff valevoli per la Libertadores solo due team venezuelani sono riusciti a superare gli spareggi: il Deportivo Italia (1964) e Deportivo Táchira (2015).

Come dato curioso, nell’edizione 2015 della Coppa Sudamericana, l’Huracán é stato battuto per 3-0 dal Mineros, che in quell’occasione era allenato dall’italo-venezuelano Antonio Franco che attualmente é sulla panchina del Caracas. Tra i titolari della formazione argentina ci sono sette superstiti. Anche se ogni partita ha una storia diversa.

Il team della ‘Cota 905’ pensa in grande e sogna il colpaccio. “Siamo carichi e la voglia di approdare alla fase successiva è tanta. Questa squadra lo merita e siamo ansiosi di iniziare la gara” – confessa il centrocampista italo-venezuelano, aggiungendo – Penso che possiamo rimontare il risultato, la qualificazione é ancora in gioco. Il vantaggio é che ce la giocheremo in casa davanti al nostro pubblico. So che scriveremo una delle pagine piú belle del calcio venezuelano”.

Riccardo Andreutti spera di festeggiare la seconda vittoria consecutiva dopo la vittoria ottenuta venerdí contro l’Aragua. “La carica del nostro pubblico ci aiuterá tanto. Ogni domenica ed ogni volta che é necesario ci sostengono, sono bravissimi a mettere pressione. Poi c’é anche il sostegno dei nostri familiari. Non ci sono dubbi, che l’ambiente dell’Olímpico é indescrivibile” racconta Andreutti.

Oltre all’assenza di Miguel Mea Vitali (espulso nella gara d’antada), il mister dei ‘rojos’ dovrá fare a meno di Armando Maita che ha saltato anche la gara d’andata per un problema alle ginocchia. Dovrebbero far parte della gara i gioiellini del vivaio Leonardo Flores e Rodrigo Febres, quest’ultimo é all’esordio con la prima squadra.

La Conmebol ha designato come direttore di gara il paraguaiano Enrique Cáceres, che sará coadiuvato dai suoi connazionali Rodney Aquino e Carlos Cáceres, mentre il quarto uomo sará Eber Aquino. Il fischio d’inizio é fissato per le 20:15.

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

19:49Calcio: Tommasi, per nuova Figc nodo inadempienze Dilettanti

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - E' allarme tra i Dilettanti per le tante società inadempienti: a lanciarlo e' il direttivo dell'assocalciatori, riunitosi oggi a Milano per parlare di elezioni federali e dei nodi da affrontare nel futuro. In attesa che venga fissata la data e si ufficializzino le candidature, l'Aic ha discusso di quali saranno gli argomenti principali da porre sul tavolo del prossimo governo federale. "Abbiamo fatto il punto - sottolinea Damiano Tommasi, presidente Aic - la situazione tra i dilettanti e' preoccupante: molti club non riescono a coprire i rimborsi concordati, e non scendono in campo o sono costretti a schierare le squadre giovanili: abbiamo segnalato gia' la situazione pesante alla Lega Dilettanti, e poi anche all'autorita' mista di controllo sulle scommesse, un atto dovuto visto che quelle sono le situazioni tipo di rischio".

19:45Boldrini,per combattere davvero mafia serve progetto sociale

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Oltre alle buone leggi per il contrasto alle mafie "bisogna dare ai giovani una prospettiva, un lavoro, ridurre le disuguaglianze sociali e territoriali che dividono il Paese. Non si sconfiggono le mafie senza giustizia sociale: questo ci ha insegnato Pio La Torre". Lo ha detto la presidente della Camera Laura Boldrini all'incontro a Montecitorio nel novantesimo anniversario della nascita di Pio La Torre, il segretario regionale del Pci ucciso dalla mafia. Secondo Boldrini, "fare sul serio" nella lotta alla mafia significa "combatterla e proporre ai giovani un progetto di società che sia basato sulla pace e sulla giustizia sociale".

19:36Mose: Mazzacurati confuso e disorientato davanti a perito

(ANSA) - VENEZIA, 16 GEN - Giovanni Mazzacurati avrebbe manifestato una sostanziale incapacità di intendere e volere nel corso della perizia svolta nei giorni scorsi negli Stati Uniti, dove l'ex presidente del Consorzio Venezia Nuova risiede, ed effettuata nell'ambito del processo a carico di otto imputati nell'inchiesta Mose. La perizia è stata effettuata, per conto del Tribunale di Venexis, dal dott. Carlo Schenardi che presenterà l'esito dell'accertamento in aula il 26 gennaio. L'esame peritale si è svolto a La Jolla, in California, dove Mazzacurati abita, alla presenza del proprio legale di fiducia, Giovanni Battista Muscari Tomaioli, del prof. Pietro Pietrini, consulente di una difesa, e del giudice Massimo Manduzio, che si è recato negli Usa, a sue spese, per provvedere qualora fossero nati problemi sul fronte processuale con la giustizia americana. Secondo quanto si è appreso, Mazzacurati sarebbe apparso estremamente confuso e disorientato, tanto che a precise domande non avrebbe saputo dare adeguate minime risposte.

19:31Pugilato: Tricolore superwelter, c’è anche ricco sottoclou

(ANSA) - ANDRIA, 16 GEN - L'organizzazione Roundzero, in collaborazione con la Pugilistica Andriese e il Comune di Andria, sta lavorando per allestire al meglio la riunione pugilistica di sabato 21 gennaio al Palasport di Andria. Oltre al main event, la sfida per il titolo italiano dei pesi superwelter, che ora è vacante, tra i due pugliesi Francesco Lezzi, detto 'Il Gladiatore della libertà', e Felice 'Faccia d'angelo' Moncelli, in programma un ricco sottoclou, tra cui spicca il 'derby' tra due pesi medi laziali, Diego Di Luisa ed Alex Marongiu. Il vincitore combatterà per il titolo italiano.

19:29Maltempo: freddo record al Nord, disagi per neve al Centro

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - L'ondata di freddo polare che attanaglia lo Stivale non molla la presa: a Nord la colonnina di mercurio prosegue senza interruzioni la sua picchiata, con temperature quasi siberiane registrate sull'Altopiano di Asiago (-32 gradi); al Centro e in Sardegna la neve è caduta abbondante, costringendo molte amministrazioni a chiudere le scuole. I fiocchi sono caduti copiosi anche nelle zone terremotate, cosa che ha peggiorato ulteriormente la vivibilità degli sfollati ancora presenti nel cratere e allocati nelle tensostrutture. Massima attenzione poi dei Vigili del Fuoco e Protezione Civile sugli edifici pericolanti, resi ancora più fragili dal peso della neve. Nel frattempo le temperature artiche hanno prodotto un'altra vittima: a Canicattì, nell'Agrigentino, un senzatetto di 53 anni è stato trovato senza vita dai carabinieri.

19:17Grasso, modificare in tempi brevi codice antimafia

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Auspico che si dia corso immediatamente alla discussione delle modifiche al Codice Antimafia, che peraltro attengono anche proprio alla materia delle confische dei patrimoni illeciti, e alle riforme che riguardano il processo penale". Lo ha detto il presidente del Senato Pietro Grasso intervenendo all'incontro, a Montecitorio, per il novantesimo anno dalla nascita di Pio La Torre. Un appello in tal senso era stato poco prima lanciato dalla presidente della commissione Antimafia Rosy Bindi.

19:15Sci: Cdm donne, positiva verifica neve su Olimpia Cortina

(ANSA) - CORTINA D'AMPEZZO (BELLUNO), 16 GEN - I delegati e i tecnici della Fis hanno dato una valutazione positiva sullo stato dell'innevamento della pista Olimpia delle Tofane, a Cortina, dove si disputeranno due gare di Coppa del mondo di sci femminile il 28 e 29 gennaio prossimi. L'ispezione effettuata a partire da ieri, domenica, ha soddisfatto i requisiti di sicurezza e garanzia del regolare svolgimento delle competizioni del prossimo fine settimana. Cortina ospiterà la discesa libera il prossimo sabato 28 (partenza alle 10.30) e il Super G domenica 29 (start alle 11.30). Le prove della discesa saranno due e andranno in scena giovedì 26 e venerdì 27.

Archivio Ultima ora