Petrolio ai minimi da 12 anni. Borse a picco

Pubblicato il 11 febbraio 2016 da redazione

Opec, 4 dicembre 2015

Opec, 4 dicembre 2015

MILANO. – La bufera che sta investendo i mercati non si placa. Dopo il rimbalzo dell’altro giorno dei listini europei, c’è stata una nuova ‘giornata di passione’ per le borse, che hanno chiuso tutte con pesanti ribassi, con Milano a segnare il risultato peggiore.

Discorso analogo per il prezzo del petrolio, crollato a New York a 26,14 dollari al barile, cioè ai minimi da 12 anni. Tensioni anche sullo spread btp-bund che ha toccato i 160 punti base per poi chiudere a 152.

La scintilla è scoccata in Asia, a ranghi ridotti per le festività cinesi e giapponesi, con Hong Kong (-3,85%) in affanno. In Europa si è capito subito che il temporale non era isolato, così gli indici di Borsa hanno imboccato senza esitazione la via del ribasso, con Milano (Ftse Mib -5,63% in chiusura) maglia nera. Da sola Piazza Affari ha bruciato oltre 23,4 miliardi di euro, vale a dire quasi un decimo di quanto è andato in fumo in Europa (242 miliardi).

Protagoniste dell’ecatombe ancora una volta le banche. Dopo aver guidato i rialzi dell’altro giorno, sono state la zavorra dei listini, insieme ai titoli petroliferi, sorprendendo perfino la presidente della Fed Janet Yellen, ascoltata ancora dal Parlamento Usa. Yellen ha affermato che “non è da escludere” l’ipotesi “di tassi negativi”, parole giunte però troppo tardi per influire sui listini europei, ma che non hanno scaldato i cuori neanche a Wall Street.

L’ennesimo scivolone del greggio ha smosso i paesi membri dell’Opec, che sarebbero pronti a cooperare su un taglio della produzione.

Lunedì sarà la volta del presidente della Bce Mario Draghi, che parlerà davanti al Parlamento Ue, ma i mercati, come commenta un gestore di fondi da Lucerna che vede “avvicinarsi lo spettro del 2008”, appaiono “molto disorientati”, poiché, con i tassi d’interesse “quasi a zero”, la percezione diffusa – spiega – è che “le Banche centrali non hanno altri strumenti di intervento e quindi il mercato si sente alla deriva”.

Proprio le banche vengono ora scambiate in Borsa con uno sconto di circa il 40% rispetto ai normali prezzi di mercato. Oggi sono crollate SocGen (-12,57%), dopo dati inferiori alle stime degli analisti, Credit Suisse (-8,41%), che li ha delusi la settimana scorsa, Ubi Banca (-12,11%) dopo i conti e Deutsche Bank (-6,14%), i cui Cds, i titoli-polizza sul rischio di insolvenza, sono balzati a 292 punti base, contro i 103 dello scorso 4 febbraio.

La tempesta si è riversata anche sui titoli di stato, con i Btp triennali italiani andati oggi all’asta che hanno visto salire il rendimento allo 0,11%, contro lo 0,2% precedente. Lo spread con i Bund tedeschi per i titoli decennali è salito a 152,4 punti, dopo essere volato fino a 160 dai 139,5 della chiusura di ieri. Manca poco ormai ai 158,8 punti dei Bonos spagnoli.

Sul fronte delle valute è crollato il rublo, legato all’andamento del greggio, mentre il biglietto verde è sceso sia nei confronti dell’euro che dello yen, creando le condizioni ideali per il rialzo dell’oro salito del 5,8% ai massimi degli ultimi 12 mesi.

Ultima ora

12:36Massacrato da branco: Pm, indagini difficili, anche omertà

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "Molti sono stati ascoltati, alcuni sono stati reticenti, omertosi, altri solo suggestionati dal fatto gravissimo e confusi e ciò può avere determinato ricordi attendibili". Così il procuratore capo di Frosinone Giuseppe De Falco ha spiegato la "difficoltà delle indagini che sono alla fase iniziale e proseguono: il fatto si presta a letture sociologiche ma l'autorità inquirente deve attenersi alla valutazione delle emergenze istruttorie - ha aggiunto il magistrato - e non possiamo farci condizionare da affermazioni tipo pestaggio di gruppo, dobbiamo valutare la posizione di tutti".

12:28Massacrato da branco: Emanuele aggredito più volte

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "I due fermati sono gli autori dell'aggressione letale che ha causato le lesioni al capo mortali". Così il Procuratore capo di Frosinone Giuseppe De Falco sui fermi per la morte di Emanuele Morganti. "Una volta fuori da locale e in posti diversi ci sono state più aggressioni da parte di alcune persone, aggressioni con modalità diverse ed intensità diverse", ha aggiunto. "Sono stati ravvisati indizi gravi nei confronti di due persone che sono state fermate a Roma - ha detto ancora -. Sono quelle nei cui confronti alla luce della ricostruzioni ci sono indizi univoci sulla condotta violenta nella fase terminale".

12:26Calcio: cantiere Arsenal, 12 sono in scadenza di contratto

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - L'era di Arsène Wenger volge al termine e molti calciatori, come l'allenatore francese, potrebbero lasciare l'Arsenal. La squadra londinese, in vista del futuro, è un cantiere aperto, come conferma il dato relativo ai contratti di 12 giocatori, che scadranno a giugno o l'anno prossimo. Il primo contratto in scadenza saranno quelli di Santi Cazorla e Yaya Sanogo. Al centrocampista spagnolo, che in questo momento è infortunato, non dispiacerebbe tornare nella Liga. Gli altri 10 'gunners' sono legati al club fino al 2018, tra loro anche Alexis Sanchez e Mesut Ozil: il primo sembra intenzionato a tornare in Serie A, mentre il fantasista tedesco ha recentemente dichiarato di "trovarsi bene", a Londra. Anche i vari Ramsey, Oxlade-Chamberlain, Gibbs, Mertesacker e Jenkinson hanno i contratti in scadenza 2018, come Jack Wilshere, Wojciech Szczesny e Joel Campbell, attualmente in prestito al Bournemouth, alla Roma e allo Sporting Lisbona. Il loro futuro dipenderà dalla scelta dell'allenatore.

12:24Aeronautica: Mattarella a Gioia del Colle per 94/o Arma

(ANSA) - GIOIA DEL COLLE (BARI), 28 MAR - Il presidente della Repubblica e Capo delle Forze armate, Sergio Mattarella, è arrivato all'aeroporto 'Antonio Ramirez' di Gioia del Colle dove poco fa è iniziata la cerimonia per il 94/o anniversario della fondazione dell'Aeronautica militare e per il centenario della costituzione dei primi cinque gruppi 'caccia'. Alla cerimonia partecipano, tra gli altri, il presidente del Senato, Pietro Grasso, la vice presidente della Camera dei deputati, Marina Sereni, il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, il Capo di Stato maggiore della Difesa, gen. Claudio Graziano, il Capo di Stato maggiore dell'Aeronautica, gen. Enzo Vecciarelli, e il comandante del 36/o Stormo dell'Aeronautica militare, di stanza a Gioia del Colle, col. Bruno Levati. Nel corso della cerimonia Mattarella consegnerà cinque onorificenze al valore aeronautico e due al merito aeronautico a sette militari dell'Arma distintisi in complesse operazioni di servizio.

12:23Senato: arrivata lettera dimissioni Minzolini

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Augusto Minzolini ha presentato in mattinata al Senato la sua lettera di dimissioni da parlamentare. Ora le sue dimissioni dovranno essere accettate o meno dall'Assemblea di Palazzo Madama. "Oggi mi sono dimesso. Sono andato stamattina e ho presentato la lettera. Perché sono una persona seria e non prendo lezioni da altri. La lettera l'ho presentata alla Presidenza del Senato", ha detto poi Minzolini a L'aria che tira su La7.

12:23Garlasco: archiviata a Pavia inchiesta bis su Sempio

(ANSA) - MILANO, 28 MAR - Il gip di Pavia Fabio Lambertucci ha archiviato l'inchiesta su Andrea Sempio, il giovane finito indagato per l'omicidio di Chiara Poggi in seguito al deposito al pg di Milano di indagini genetiche commissionate dai legali di Alberto Stasi, l'ex fidanzato della giovane che sta scontando una condanna definitiva a 16 anni di carcere. Il giudice di Pavia con un provvedimento depositato oggi ha accolto l'istanza del procuratore aggiunto Mario Venditti e del pm Giulia Pezzino.

12:22Oltre 8,3 mln donne sottomesse psicologicamente

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Atti sessuali degradanti e umilianti, rapporti non desiderati e subiti come violenza, abusi o molestie fisiche sessuali gravi come stupri o tentati stupri: il 21% delle donne, oltre 4,5 milioni, li ha subiti nel corso della propria vita, un milione e 157 mila nelle sue forme più gravi, lo stupro (653mila) e tentato stupro (746mila). E ancora: il 20,2% delle donne tra i 16 e i 70 anni, 4,3 milioni, è stata vittima di violenza fisica, minacce, schiaffi, pugni, calci. Un crescendo che in una minoranza dei casi, l'1,5%, ha portato a danni seri e permanenti, per strangolamento, ustione, soffocamento. E il 40,4% delle donne, oltre 8,3 milioni di donne, è stata vittima di violenza psicologica al centro di una giornata di approfondimento sul tema. "Prima di arrivare alla violenza efferata ci sono i sintomi - commenta la sottosegretaria alla presidenza del Consiglio Maria Teresa Amici -. E questo avviene fin dai banchi di scuola. È impressionante la regressione nei rapporti tra sessi nella scuola italiana".

Archivio Ultima ora