Rivolta di narcos in carcere, 52 morti in Messico

Pubblicato il 11 febbraio 2016 da redazione

narcos

CITTA’ DEL MESSICO. – E’ un Messico insanguinato e che ha il marchio dei narcos quello che attende la visita del Papa. Prima si è saputo dell’uccisione di una giovane giornalista a Veracruz, mentre a scuotere adesso il paese è il bilancio di una rivolta in un carcere di Monterrey: 52 morti e 12 feriti, cinque dei quali in gravi condizioni.

Nella prigione di ‘Topo Chico’, alla periferia della città, il caos si è scatenato verso mezzanotte. Secondo le ricostruzioni dei media, un gruppo di detenuti ha preso il controllo di due padiglioni del carcere provocando tra l’altro un incendio. Inizialmente alcuni media locali parlavano di una settantina di morti. Dopo qualche ora di sconcerto, a dare i primi dati ufficiali sono state le autorità: nell’escludere un tentativo di fuga, il governatore di Nuevo Leon, Jaime Rodriguez, ha precisato che i morti sono 52. Il bilancio potrebbe però aggravarsi visto che cinque dei 12 feriti ricoverati negli ospedali si trovano in condizioni critiche.

Circa le cause di quella che ha definito “una tragedia”, Rodriguez ha segnalato uno scontro tra gli uomini di due dei tanti cartelli narco messicani, quello ‘del Golfo’ e quello degli ‘Zetas’, che si affrontano da anni per avere il controllo delle aree del nordest del paese, da Veracruz alla frontiera con gli Usa.

A guidare la battaglia nel carcere sono stati i boss Iván Hernandez “El Credo” e Pedro Sald¡var “El Z-27”. L’ammutinamento è terminato solo dopo la mezzanotte a seguito dell’intervento degli uomini dell’esercito, della marina e della polizia nazionale, chiamati dalle guardie carceriere. Fuori dal carcere intanto ci sono state proteste, incluso un lancio di pietre contro la polizia, e scene di disperazione da parte di circa 400 familiari dei reclusi.

Rodriguez ha assicurato che si sta completando l’identificazione delle vittime: “Per rispetto ai parenti, vogliamo finire il lavoro che stiamo facendo ed essere sicuri del nome dei morti”. Già dal pomeriggio le autorità carcerarie hanno d’altro lato predisposto lo spostamento di un centinaio di reclusi in altri centri di detenzione del paese.

La rivolta di ‘Topo Chico’ è esplosa a soli sei giorni dalla visita del Papa in un altro carcere messicano, ‘Cereso 3’ a Ciudad Juarez, fino a pochi anni fa ritenuta la prigione più pericolosa dell’America Latina. Già nel febbraio del 2012, nel corso di una rivolta in una prigione di Apodaca, sempre a Nuevo Leon, morirono 44 carcerati. E nel 2013 la Commissione nazionale per i diritti umani ha sottolineato che sulle 101 carceri più affollate del Paese ben 65 erano gestite dai carcerati e non dalle autorità.

Ultima ora

11:07Uomo attacca con un coltello a Monaco, 4 feriti

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Un uomo ha attaccato e ferito quattro persone con un coltello a Monaco. Lo riferisce Skynews precisando che l'aggressore è in fuga e ricercato dalla polizia. Secondo la polizia nessuno dei feriti sarebbe in pericolo di vita.

10:53Gip nega domiciliari ‘perché a Napoli controlli saltuari’

(ANSA) - NAPOLI, 21 OTT - Niente arresti domiciliari per tre cingalesi perché "vivono a Napoli, città ad alta densità criminale nella quale il carattere saltuario dei controlli di polizia non sarebbe idoneo ad evitare il concreto pericolo di evasione, considerata anche l'elevata abilità degli indagati nel celare la propria reale identità". A sostenerlo, come si legge oggi su Il Mattino, è un gip di Firenze, Paola Belsito, che ha lasciato in carcere tre cingalesi, residenti a Napoli, e indagati per ricettazione di carte di credito e documenti di identità, reato che avrebbero commesso a Firenze. Una decisione che ha lasciato perplesso il legale dei tre extracomunitari, l'avvocato Riccardo Ferone. "Mi sono offeso come cittadino napoletano - dice - e sono esterrefatto come operatore del diritto. Ho avuto la netta sensazione che anche il giudice napoletano delegato per rogatoria abbia provato lo stesso imbarazzo". Il legale annuncia che farà richiesta di Riesame "perché parliamo di incensurati in cella per motivi 'ambientali'".

10:53Referendum autonomia: Regione Lombardia,la macchina è pronta

(ANSA) - MILANO, 21 OTT - "La macchina è pronta". Lo sostiene Gianni Fava, l'assessore e coordinatore per la Regione Lombardia del referendum sull'autonomia, ricordando che si vota domani dalle 7 alle 23 nei tradizionali seggi, muniti di un documento di identità. "Il referendum per l'autonomia si svolge, per la prima volta in Italia, con modalità di voto elettronico - ricorda l'assessore - e riguarda 7.897.056 elettori, 1.523 Comuni, 3.263 edifici sede di voto e 9.224 sezioni elettorali". "Sono 24.700 le voting machine, attraverso le quali gli elettori esprimeranno il loro voto - spiega -. Sono in grado di funzionare anche in mobilità e di memorizzare i voti degli elettori in modo sicuro su memorie asportabili al termine delle votazioni. Tutte sono dotate di stampante per la verbalizzazione dei voti in fase di scrutinio e almeno 1.300 hanno anche un'urna integrata (non gestita dall'elettore) per la verifica incrociata dei voti memorizzati (ogni voto espresso viene stampato e conservato nell'urna)".

10:49Catalogna: si riunisce il governo Madrid

(ANSA) - MADRID, 21 OTT - Il governo spagnolo si è riunito in seduta straordinaria per dare il via libera all'attivazione dell'articolo 155 della costituzione che consente il commissariamento, almeno parziale, della Catalogna. Il consiglio dei ministri deve adottare il pacchetto di misure che sottoporrà all'approvazione del senato.

10:35Arabia Saudita: poliziotte soccorreranno donne in incidenti

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Il dipartimento generale del traffico dell'Arabia Saudita si sta organizzando affinché le donne saudite coinvolte in incidenti stradali siano soccorse da ufficiali di polizia donne. Lo scrive il quotidiano di Riad, Arab News. Il provvedimento è una conseguenza della recente decisione del governo saudita di concedere alle donne il permesso di guidare. Una scelta storica per alcuni, solo un primo passo per altri nella direzione dell'emancipazione femminile nella monarchia del Golfo. Le saudite, infatti, rimangono vittime di severe restrizioni in un contesto in cui le ancora timide riforme intraprese dal nuovo corso del principe ereditario Muhammad ben Salman, non sembrano intaccare il muro di oppressione.

10:29Bancarotta fraudolenta, sospesi cinque professionisti

(ANSA) - BRINDISI, 21 OTT - Un provvedimento che dispone la sospensione cautelare dalla professione per 4 mesi è stato eseguito nei confronti di due avvocati, due farmacisti e un commercialista operanti a Brindisi, Lecce e Torino, a vario titolo coinvolti in una inchiesta della procura di Brindisi e del nucleo di polizia tributaria della Gdf sul fallimento di una farmacia. Le accuse a vario titolo contestate sono le violazioni della normativa fallimentare e l'estorsione. Nell'ambito dell'indagine, del pm Raffaele Casto, sono stati anche eseguiti perquisizioni e sequestri. Dall'analisi della contabilità della farmacia, la cui società era stata ammessa a concordato preventivo, ci sarebbe stata una distrazione di liquidità pari a 2mln di euro. Perciò è ipotizzato il reato di bancarotta fraudolenta.A due degli indagati è contestata anche l'estorsione in danno dei dipendenti della farmacia, costretti a rinunciare ad alcune mensilità e a parte del Tfr per un totale di 90mila euro, come condizione per il mantenimento del rapporto di lavoro.

10:17Cade da trattore, morto bimbo di un anno

(ANSA) - FIRENZE, 21 OTT - E' morto, al pediatrico Meyer di Firenze, il bambino di un anno ricoverato in condizioni critiche dopo che ieri pomeriggio era caduto da un trattore a Gragnano, nel comune di Capannori (Lucca). Da quanto appreso da fonti sanitarie il piccolo, nella caduta, aveva riportato un grave trauma cranico. Sulla dinamica dell'incidente, in base alle prime informazioni, sembra che il bambino fosse con il nonno sul trattore, che era fermo, quando è caduto. Soccorso dai sanitari del 118 era stato trasferito d'urgenza, con l'elisoccorso, all'ospedale Meyer dove è deceduto stamani intorno alle 6.30.

Archivio Ultima ora