Renzi vola da Macri, per rilanciare i rapporti politici ed economici

Pubblicato il 12 febbraio 2016 da redazione

renzi-macri

ROMA. – Matteo Renzi vola nella nuova Argentina di Mauricio Macri, in una missione di due giorni che lo vedrà lunedì e martedì a Buenos Aires per rilanciare i rapporti. Quelli politici con la nuova presidenza che, archiviata l’era del kirchenismo peronista, è orientata ad un approccio liberista ed a un nuovo rapporto con l’Europa. Ma anche e soprattutto quelli economici, spingendo l’acceleratore su quella che il premier chiama la ‘soft power’, la crescita e la penetrazione dell’Italia e delle sue eccellenze imprenditoriali.

Renzi arriva in Argentina, il ‘paese degli italiani’ che conta oltre 900 mila passaporti tricolori, pronto a mettere una bandierina: sarà il primo premier europeo dopo oltre un decennio ad atterrare a Buenos Aires. E lo farà ‘bruciando’ sul tempo il collega Francois Hollande atteso (anche lui con una scia di imprenditori al seguito) nella capitale argentina a fine mese.

Pronto, grazie anche al recente superamento del macigno dei Tango Bond che da anni ha rappresentato una spina nel fianco nei rapporti bilaterali, a stringere intese e accordi. Anche e soprattutto di ‘business’ in una regione, l’America Latina, che offre immense opportunità e una relativa stabilità rispetto a molte altre parti del mondo dove pesano emergenze globali come il terrorismo. Una regione che è tra le priorità del premier in chiave di penetrazione imprenditoriale e internazionalizzazione delle imprese italiane, come dimostra anche la missione in Cile, Perù, Colombia e Cuba dell’autunno scorso.

Chiusa la travagliata vicenda dei tango bond, con l’accordo per il rimborso ai 50mila risparmiatori italiani che non avevano accettato le ristrutturazioni del 2005 e del 2010, la partita con Buenos Aires per Renzi si gioca anche e soprattutto sui rapporti personali con il neo presidente Macri. Il premier lo vedrà in versione ufficiale alla Casa Rosada martedì mattina, ma è molto probabile che un incontro più intimo ci sia a cena lunedì sera.

In nome non solo dell’italianità che li unisce – Mauricio, è figlio di quel Franco che partendo dalla Calabria tanti anni fa costruì un impero dell’edilizia in Argentina – ma anche di un antico rapporto. Si erano incontrati quando entrambi erano primi cittadini, uno di Buenos Aires l’altro di Firenze. E all’indomani della vittoria di Macri che ha ‘spodestato’ la Kirchner, Renzi è stato tra i primi a telefonargli.

Fitta l’agenda delle due giorni del premier in Argentina, tra incontri istituzionali, lectio magistralis all’Università, incontri con la comunità italiana. Il premier visiterà anche il cantiere del progetto del sotterramento della linea ferroviaria “Sarmiento” che vede in prima fila il gruppo italiano Ghella. La sua missione sarà seguita da diversi imprenditori italiani. Quelli già presenti e consolidati nel paese come Enel, Pirelli, Fiat, Technit e Rocca, e altri che guardano alle opportunità del paese. Sul fronte energetico, ma anche infrastrutturale (da poco è stato restituito un ministero dei Trasporti).

E mentre dalla Casa Rosada – cita la stampa locale – si precisa che tra i temi dell’incontro ci saranno gli investimenti italiani, la lotta al terrorismo, il clima e le ipotesi di accordo tra Ue e Mercosur, c’è anche chi scommette che Macri è pronto a dare un benvenuto particolare all’amico Matteo: la promessa di rimettere sulla piazza di fronte al palazzo presidenziale la grande statua di Cristoforo Colombo rimossa da Cristina Fernandez de Kirchner.

Ultima ora

17:26Cade da scogli durante pesca, muore vigile urbano in Salento

(ANSA) - OTRANTO (LECCE), 24 GEN - Un pescatore dilettante è morto precipitando da un tratto di scogliera in località 'Palombara' ad Otranto. La vittima era il vice comandante dei vigili urbani di Collepasso, il maresciallo Antonio Campa, di 57 anni. L'uomo era uscito di buon'ora per andare a pesca con una canna lungo la scogliera. A dare l'allarme intorno alle 13.30 alla Capitaneria di Porto di Otranto, è stata la figlia della vittima, allarmata per il mancato rientro a casa del padre. Sul posto sono intervenute due motovedette della Guardia costiera e una pattuglia da terra. Dopo un giro di perlustrazione, il cadavere è stato trovato in una cavità rocciosa dov'era finito dopo un volo da un'altezza di circa cinque metri, forse a causa di un piede messo in fallo o di un malore. La salma è stata recuperata dai vigili del fuoco. (ANSA).

17:16Fondazione Ventre, 4 indagati per investimento ‘fantasma’

(ANSA) - BOLOGNA, 24 GEN - Quattro persone sono indagate a Bologna per aver fatto 'sparire' un investimento da circa due milioni, i cui utili avrebbero dovuto finanziare le attività di beneficenza della Fondazione Mariele Ventre, costituita per tutelare l'immagine della musicista fondatrice del Piccolo coro dell'Antoniano, morta nel 1995. Dell'inchiesta, nata da una denuncia della presidente della Fondazione, Maria Antonietta Ventre, sorella di Mariele ha dato notizia il Corriere di Bologna. Il denaro era stato affidato nel 2010 ad un consulente finanziario, uomo di fiducia da tempo della famiglia: ora il professionista è indagato a vario titolo con altri tre per truffa, appropriazione indebita e reati fiscali. Dell'investimento, nel campo delle energie rinnovabili, secondo quanto accertato dalla Procura e dalla Gdf, sarebbero rientrati solo 130mila euro: per l'accusa il resto è finito nelle tasche del promoter e, in misura minore, di un imprenditore ferrarese, di un ex amministratore pubblico e di un manager. (ANSA).

17:11Brasile: scoppia rivolta in carcere Bauru

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 24 GEN - Ennesima rivolta carceraria in Brasile, che dall'inizio dell'anno è stato colpito da una crisi senza precedenti del sistema penitenziario, con ripetute sommosse seguite da stragi: incidenti sono scoppiati nel 'Centro de Progressao Penitenciaria' di Bauru, comune nell'entroterra dello stato di San Paolo. In base alle prime informazioni della polizia militare, i reclusi hanno dato fuoco a due ale dell'edificio e almeno duecento sarebbero riusciti a fuggire.

17:05Trump riceve i big dell’auto alla Casa Bianca

(ANSA) - NEW YORK, 24 GEN - Siamo di fronte a un ambientalismo fuori controllo: lo ha detto il presidente degli Stati Uniti Donald Trump incontrando alla Casa Bianca i big dell'industria automobilistica Usa, tra cui il numero uno di Fiat Chrysler, Sergio Marchionne. ''Agli Stati Uniti serve una forte spinta per costruire fabbriche nel paese'', ha aggiunto Trump assicurando una riduzione delle regole e un taglio delle tasse.

17:03Calcio: Serie A, Corini quinta panchina saltata

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - Eugenio Corini è il quinto allenatore della stagione in Serie A, il terzo al Palermo, a lasciare la panchina prima della fine del campionato, non contando l'addio all'Inter di Roberto Mancini avvenuto l'8 agosto scorso (ancora in fase di ritiri e amichevoli). Il primo esonero era avvenuto il 6 settembre, dopo la seconda giornata, con il benservito a Davide Ballardini e l'arrivo del giovane Roberto De Zerbi, poi a sua volta caduto il 30 novembre dopo l'eliminazione dalla Coppa Italia ad opera dello Spezia. Dopo la settima giornata, il 2 ottobre, era toccato invece al tecnico dell'Udinese Giuseppe Iachini (ex Palermo), sostituito da Luigi Delneri. Quindi, dopo l'undicesima giornata, nella prima settimana di novembre, la fine dell'avventura di Frank De Boer all'Inter, che ha lasciato il posto a Stefano Pioli.

17:03Germania: Stern, Gabriel rinuncia alla candidatura

(ANSA) - BERLINO, 24 GEN - Bild online anticipa la copertina del nuovo numero di Stern secondo cui Sigmar Gabriel rinuncia alla candidatura alla cancelleria. Il successore di Sigmar Gabriel alla testa del partito socialdemocratico tedesco sarà Martin Schulz. Lo scrive Spiegel on line che citando fonti proprie titola sulla rinuncia di Gabriel. La prassi vuole che il leader del Spd si candidi per la cancelleria: salvo sorprese Schulz sarà l'avversario della cancelliera uscente Angel Merkel alle elezioni di fine settembre.

16:47Calcio: Palermo, club dispiaciuto per l’addio di Corini

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - "Mi è dispiaciuto per la scelta di Corini, si era instaurato un buon rapporto. È una persona seria, in questi pochi giorni ho visto che ha ottime qualità". Lo ha detto il ds del Palermo Nicola Salerno commentando le dimissioni di Eugenio Corini. La settimana scorsa era stato proprio Salerno a convincere il presidente Maurizio Zamparini a rinnovare la fiducia al tecnico. "Lui avrebbe voluto un lavoro finalizzato anche in prospettiva - ha spiegato il ds - ma in questo momento nessuno può dare garanzie sul futuro: ci sono altri problemi da risolvere, anche perché non abbiamo ancora alzato bandiera bianca (in chiave salvezza, ndr)". Il club cerca ora un nuovo tecnico. "Ballardini probabilmente non è convinto della situazione - ha proseguito Salerno - Il Palermo ha iniziato male, ma a volte qualche risultato dà la svolta, come per il Cagliari, la cui salvezza partì da un match con il Napoli. Abbiamo fatto una buona gara con l'Inter, ma c'è stata quella disattenzione difensiva. C'era anche un rigore per noi".

Archivio Ultima ora