La Russia punta molto sull’incontro tra il Papa e Kirill

Pubblicato il 12 febbraio 2016 da redazione

epa05157058 (R) and the Patriarch Kirill (L) of Moscow and All Russia, meet at Jose Marti international airport, in Havana, Cuba, 12 February 2016.  EPA/Max Rossi/POOL

epa05157058 (R) and the Patriarch Kirill (L) of Moscow and All Russia, meet at Jose Marti international airport, in Havana, Cuba, 12 February 2016. EPA/Max Rossi/POOL

MOSCA. – In Russia si guarda con grande interesse allo storico incontro tra papa Francesco e il patriarca di Mosca Kirill. E’ stato lo stesso capo della Chiesa ortodossa russa a sottolineare, praticamente subito dopo aver stretto la mano a Raul Castro, di nutrire “grande speranza” per il primo faccia a faccia della storia tra un patriarca di Mosca e un papa.

Ma secondo alcuni analisti l’inedito vertice all’Avana potrebbe anche rappresentare l’inaugurazione di un nuovo tipo di diplomazia per il Cremlino. Nonché un modo per il patriarcato di Mosca di assumere una sorta di ruolo guida all’interno del mondo dei cristiani orientali, magari in vista del congresso dei leader ortodossi di giugno.

Gli ottimi rapporti tra Kirill e Putin sono noti da tempo. Quattro anni fa il sostegno del capo della Chiesa ortodossa russa allo ‘zar’ nel periodo delle presidenziali fu tutt’altro che velato: allora Kirill non esitò a definire il governo di Putin “un miracolo di Dio”. Ma il Patriarcato assicura che l’incontro tra Kirill e papa Francesco riguarda “due leader religiosi” e non ha quindi “nessun significato politico”. Anche se avviene di certo in un momento molto delicato, con Russia e Occidente ai ferri corti per i conflitti in Siria e Ucraina.

L’ambasciatore russo presso la Santa Sede, Aleksandr Avdeyev, ha comunque evidenziato che a rendere possibile l’incontro sono stati anche i “rapporti personali” tra il pontefice e Putin nonché “le buone relazioni interstatali tra Russia e Vaticano”. Parole che sembrano svelare il ruolo della Mosca politica dietro quella religiosa. Proprio mentre alcuni media estoni sostengono che Kirill sia volato a Cuba su un aereo Yliushin-96 messo a disposizione dal Cremlino.

Il portavoce di Putin in ogni caso assicura che la presidenza russa non sta partecipando ai preparativi per l’evento a Cuba, dove Kirill dovrebbe incontrare anche il leader della rivoluzione, Fidel Castro. Del resto è anche vero che in politica estera il patriarca di Mosca non ha sempre seguito la linea del Cremlino: due anni fa, quando la Russia si è annessa la Crimea e ha sostenuto i separatisti del Donbass, forse anche con armi e uomini, Kirill non si è schierato apertamente né con Kiev né con Putin, probabilmente nel timore di perdere i milioni di fedeli che ha in Ucraina, tra cui lo stesso presidente Poroshenko.

Abbracciandosi all’Avana, Francesco e Kirill mettono da parte, almeno momentaneamente, le irrisolte dispute tra Vaticano e Patriarcato per il proselitismo cattolico nei territori dell’Europa orientale che gli ortodossi considerano di propria competenza, e la storica questione della Chiesa greco-cattolica, diffusa soprattutto in Ucraina occidentale.

Quello tra papa Francesco e Kirill è anche un incontro tra due leader molto diversi: mentre il primo ha uno stile alquanto sobrio, il secondo – accusato di essere stato un informatore del Kgb ai tempi dell’Urss – non disdegna il lusso, al punto da suscitare scandalo quando qualche anno fa apparve in pubblico con al polso un orologio da 30.000 dollari.

(di Giuseppe Agliastro/ANSA)

Ultima ora

02:19Trump e Melania entrano alla Casa Bianca

(ANSA) - NEW YORK, 21 GEN - Donald Trump e Melania entrano alla Casa Bianca con tutta la famiglia Trump al completo. La coppia uscirà a breve per partecipare ai balli in loro onore.

02:17Trump: polizia, 217 arresti in scontri a Washington

(ANSA) - WASHINGTON, 21 GEN - Sono 217 gli arresti effettuati a Washington durante le proteste nel corso dell'Inauguration Day. Lo ha reso noto la Polizia della capitale americana, riferendo inoltre che sei poliziotti sono rimasti feriti in maniera lieve negli scontri con i manifestanti.

01:00Calcio: rientro Balotelli non basta, Nizza fa 1-1 con Bastia

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Il ritorno di Mario Balotelli, al rientro dopo aver scontato due giornate di squalifica, non è bastato al Nizza per vincere sul campo dei 'rivali storici' del Bastia nell'anticipo di oggi della Ligue 1. Al vantaggio della squadra della Corsica con Oniangué ha risposto per il Nizza il difensore Souquet. Così adesso per il Nizza sono trascorsi 32 giorni dall'ultima vittoria, quella del 18 dicembre in casa per 2-1 contro il Digione, con doppietta di Balotelli (oggi poco assistito dai compagni). Da quel giorno la squadra rossonera ha ottenuto tre pareggi in campionato e una sconfitta in Coppa di Francia. E ora il Nizza, che è in vetta con 46 punti con + 1 sul Monaco, rischia di perdere il primato ed essere staccato dalla squadra del Principato, in campo domenica contro il Lorient penultimo.

00:42Rugby: 6 Nazioni, lunedì 23 allenamento azzurri è aperto

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - La nazionale italiana di rugby apre subito le porte al proprio pubblico in vista dell'esordio nel 6 Nazioni 2017 fissato per domenica 5 febbraio all'Olimpico di Roma contro il Galles. Parisse e compagni si raduneranno al Centro di Preparazione Olimpica "Giulio Onesti" di Roma nella serata di domenica 22 gennaio, per una tre giorni di raduno in vista delle prime due gare del torneo (l'11 febbraio, sempre a Roma, è in calendario il secondo turno contro l'Irlanda). Lunedì 23 alle ore 14.30 svolgeranno sul prato dell'Onesti la prima sessione di allenamento, interamente aperta ai sostenitori azzurri. Per i tifosi ci sarà la possibilità di incontrare i giocatori, dopo il lavoro sul campo, per foto e autografi di rito.

00:24Atletica: Tamberi ha problemi, venerdì 27 consulto medico

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Su richiesta di Gianmarco Tamberi e del padre allenatore Marco, il medico della Fidal Andrea Billi ha disposto un consulto per definire la natura dei problemi alla caviglia di stacco (operata nel luglio scorso) ancora avvertiti dall'azzurro. Il consulto si terrà venerdì 27 gennaio a Roma, presso l'Istituto di Medicina dello sport, alla presenza degli specialisti in chirurgia artroscopica della caviglia Francesco Allegra, Francesco Lioi, e Raul Zini, oltre che del Direttore dell'Istituto, prof. Antonio Spataro. Tamberi, che ha affrontato un primo periodo di preparazione in Sudafrica, a Stellebosch, a cavallo dei mesi di dicembre e gennaio, è rientrato in Italia da una settimana. L'obiettivo del campione del mondo indoor dell'alto, grande assente dell'Olimpiade di Rio de Janeiro a causa dell'infortunio patito al meeting Diamond League di Montecarlo del 15 luglio scorso, è quello di rientrare alle gare nel corso della stagione estiva. "Ma potrei tornare di nuovo in sala operatoria", commentato l'azzurro.

00:21Calcio: Coppa Africa, Marocco-Togo 3-1

(ANSA) - LIBREVILLE, 20 GEN - Il Marocco ha battuto il Togo per 3-1 in una partita del gruppo C della Coppa d'Africa. Togolesi in vantaggio al 5' pt con Dossevi, poi le reti dei marocchini di capitan Benatia con Bouhaddouz (15' pt) Saiss (21' pt) ed En Nesyri (27' st). Quest'ultimo era entrato al 15' st al posto del napoletano El Kaddouri. Questa del Marocco è una vittoria molto importante, visto che riapre il discorso qualificazione: ora la nazionale del ct Renard se la giocherà contro la Costa d'Avorio. Il Togo, invece, è praticamente fuori dal torneo continentale.

23:01Rigopiano:estratti vivi ultimi 3 bambini

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Tra gli ultimi tre bambini estratti vivi dalle macerie dell'hotel Rigopiano c'é anche Ludovica Parete, figlia del cuoco, Giampiero, sopravvissuto fin dal primo momento alla tragedia e che aveva dato l'allarme del crollo dell'albergo. Questa mattina erano stati estratti vivi la moglie di Parete Adriana e l'altro figlio, Gianfilippo: la famiglia si è così ricomposta. Ci sono ancora superstiti sotto le macerie dell'hotel Rigopiano spazzato via da una slavina. Tre bambini, su quattro salvati, sono stati estratti vivi dai vigili del Fuoco nel tardo pomeriggio dopo oltre 40 ore. L'ultimo salvato è Edoardo Di Carlo, che era nell'albergo con i genitori Sebastiano e Nadia (finora dispersi).

Archivio Ultima ora