Autobomba contro militari a Ankara, 28 morti e 61 feriti

Pubblicato il 17 febbraio 2016 da redazione

Firefighters work at a scene of fire from an explosion in Ankara, Wednesday, Feb. 17, 2016. (IHA via AP) TURKEY OUT

Firefighters work at a scene of fire from an explosion in Ankara, Wednesday, Feb. 17, 2016. (IHA via AP) TURKEY OUT

ISTANBUL. – Il terrore torna a colpire il cuore della capitale turca Ankara, a poche decine di metri dal Parlamento e dal quartier generale dell’esercito. Decine di morti e di feriti, soprattutto militari, ma anche civili. Un’autobomba è esplosa intorno alle 18 al passaggio di un convoglio militare, all’ora di punta del traffico serale nel centralissimo quartiere di Kizilay.

Uno scoppio potentissimo udito in diverse parti della città che ha colpito mezzi su cui viaggiavano i soldati, facendo prendere fuoco anche a diversi veicoli vicini. Il bilancio, ancora provvisorio, era di almeno 28 morti e 61 feriti intorno alle 21:00 italiane. Tra le vittime ci sono certamente militari, che secondo le prime ricostruzioni erano l’obiettivo di un attacco che l’esercito di Ankara definisce “spregevole e ignobile”. Ma nell’esplosione sono probabilmente rimasti colpiti anche dei civili che si trovavano a passare sul posto.

Al momento dello scoppio, come mostrano le immagini riprese da una telecamera di sicurezza, diversi veicoli procedevano sui due sensi di marcia della carreggiata. L’autobomba è stata fatta saltare in aria mentre il convoglio militare, composto da mezzi apparentemente non blindati, era fermo a un semaforo.

Il premier Ahmet Davutoglu ha subito annullato la sua partenza prevista per Bruxelles, dove era atteso a un Vertice Ue sulla crisi migratoria, per partecipare a un summit sulla sicurezza con il presidente Recep Tayyip Erdogan – che a sua volta ha cancellato il suo viaggio in Azerbaigian – e i vertici dell’esercito. Come da tempo accade ad ogni azione terroristica in Turchia, mentre sono in corso le indagini l’autorità radiotelevisiva ha imposto un divieto di trasmissione delle immagini dal luogo dell’esplosione, comprese quelle di morti e feriti.

“Scopriremo chi c’è dietro questo attacco ben pianificato”, promette in tarda serata il vicepremier Numan Kurtulmus, spiegando che al momento non è giunta alcuna rivendicazione e annunciando la formazione di una task force di 7 procuratori per l’indagine. Le autorità non si sbilanciano sui possibili autori e parlano solo di “organizzazione terroristica”.

Poco più di 4 mesi fa, due kamikaze si erano fatti saltare in aria davanti alla stazione ferroviaria di Ankara, mentre una folla si radunava in un corteo per chiedere la pace nel sud-est curdo, provocando 102 morti. Un attacco attribuito dalle autorità turche all’Isis, che però non lo ha rivendicato. Come non ha rivendicato l’azione del kamikaze che il 12 gennaio ha ucciso 11 turisti tedeschi nel centro storico di Sultanahmet a Istanbul, anche quella perpetrata secondo il governo dallo Stato islamico. Gli attacchi contro i militari sono quasi quotidiani nel conflitto in corso nel sud-est del Paese contro il Pkk curdo.

L’obiettivo delle forze di sicurezza è anche quello privilegiato da sigle di estrema sinistra responsabili di recenti attentati in Turchia, come il Dhkp-c. Una instabilità resa ancora più allarmante dalle tensioni internazionali che coinvolgono il Paese, specie in Siria. Alla Turchia arriva subito la solidarietà della comunità internazionale.

Il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, atteso lunedì proprio ad Ankara, ha espresso le proprie condoglianze al governo turco.

L’attacco solleva ancora una volta forti interrogativi sull’efficacia delle misure di sicurezza e di intelligence. A pochi metri dall’esplosione ha sede il quartier generale delle Forze armate e quello della Marina e dell’Aviazione, poco più distanti ci sono il Parlamento e l’ufficio del primo ministro. Anche per questo, l’autobomba rivela tutta la fragilità della capitale turca e di un Paese sempre più in preda al terrore.

(di Cristoforo Spinella/ANSA)

Ultima ora

10:23Aggredito sacerdote Reggio Calabria, è grave

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 24 MAG - Un sacerdote, don Giorgio Costantino, è stato aggredito e malmenato da alcune giovani non identificati, nella notte a Reggio Calabria. Don Giorgio, parroco della Madonna del Divino Soccorso, sarebbe stato malmenato dal gruppo di giovani che aveva richiamato dopo che questi si erano introdotti in un locale della parrocchia forzando il cancello d'ingresso. Attualmente il sacerdote che è stato soccorso e trasportato in ospedale si trova ricoverato in prognosi riservata. Ha riportato un ematoma alla testa e dovrebbe essere, in queste ore, sottoposto ad un delicato intervento chirurgico. Sul posto sono intervenuti i carabinieri che hanno avviato le indagini per risalire agli autori dell'aggressione.(ANSA).

09:40Migranti sfruttati, arrestati coniugi del Bangladesh

(ANSA) - VENEZIA, 24 MAG - Una coppia di coniugi del Bangladesh, titolari di una impresa agricola nel veneziano, sono stati arrestati dai carabinieri in esecuzione di un ordine di custodia cautelare per riduzione in schiavitù di connazionali costretti a lavorare per oltre 12 ore al giorno nei campi senza mai un giorno si riposo e senza alcuna retribuzione. I due sono accusati anche di minaccia aggravata nei confronti dei lavoratori e favoreggiamento della permanenza in Italia di persone senza permesso.

09:31Card. Bagnasco, grande onore per me aver servito la Cei

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "E' stato per me un grande onore e una grande grazia poter servire, come meglio ho saputo, la nostra Conferenza che ha il dono di un legame unico con il Vescovo di Roma, il Papa. Insieme abbiamo servito le nostre Chiese e il nostro amato Paese. Come sempre, ci affidiamo alla Vergine Maria, la grande Madre di Dio e della Chiesa". Lo ha detto il Card. Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente uscente della Cei, al termine dell'omelia della messa di conclusione dell'assemblea generale dei vescovi italiani, ultimo atto prima della nomina da parte di Papa Francesco del nuovo presidente. "E grazie per l'esempio, la parola saggia, l'amore alla Chiesa, che in questi dieci anni ho sempre visto in tutti e in ciascuno", ha aggiunto Bagnasco. E' attesa nelle prossime ore la nomina del nuovo presidente Cei da parte del Papa dopo la terna dei candidati: il cardinale di Perugia Gualtiero Bassetti, mons. Francesco Giulio Brambilla, vescovo di Novara e il cardinale Francesco Montenegro, vescovo di Agrigento.

09:28Clan e affari, arrestati Cesaro, fratelli deputato FI

(ANSA) - NAPOLI, 24 MAG - Gli imprenditori Aniello e Raffaele Cesaro, fratelli del deputato di Fi Luigi Cesaro, sono stati arrestati stamane dai carabinieri del Ros con altre tre persone, in esecuzione di un'ordinanza di custodia della Dda di Napoli. L'inchiesta è relativa alle infiltrazioni del clan Polverino negli investimenti da 40 milioni di euro per il piano di insediamento produttivo del Comune di Marano (Napoli).

09:16Filippine: gruppo filoIsis attacca chiesa

(ANSA) - MANILA, 24 MAG - Il gruppo terroristico filippino ispirato all'Isis, Maute, ha preso in ostaggio un prete, il personale di una chiesa e alcuni fedeli a Marawi City dopo aver dato fuoco alla cattedrale della città nel sud del Paese. Lo ha detto oggi il vescovo Edwin dela Peña, secondo quanto riporta il giornale online Philstar Global. L'arcivescovo Socrates Villegas, presidente della conferenza episcopale cattolica delle Filippine, ha detto che uomini armati hanno fatto irruzione nella cattedrale ed hanno preso in ostaggio il reverendo Chito Suganob e oltre 10 persone tra fedeli e personale della chiesa. Secondo Villegas il gruppo armato ha minacciato di uccidere gli ostaggi "se le forze governative scatenate contro di loro non vengono richiamate". Ieri il presidente Rodrigo Duterte ha imposto la legge marziale sull'isola di Mindanao dopo i violenti scontri a Marawi, dove almeno 15 uomini armati del gruppo Maute hanno impegnato l'esercito in una vera e propria battaglia.

09:10Manchester: due polacchi tra le vittime

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - I due cittadini polacchi che risultavano tra i dispersi nell'attacco alla Manchester Arena sono morti. Lo ha reso noto il ministero degli esteri di Varsavia secondo quanto riferisce l'Independent.

09:06Trump dal Papa: presidente Usa in Vaticano

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Il presidente Usa Donald Trump è giunto in Vaticano per l'udienza di papa Francesco. Il corteo presidenziale, proveniente da Villa Taverna, è entrato in Vaticano dalla porta laterale del Perugino per dirigersi al Cortile di San Damaso. Da lì la delegazione è entrata nel Palazzo Apostolico vaticano. Al suo arrivo, Trump, accompagnato dalla moglie Melania, è stato accolto da monsignor Georg Gaenswein, prefetto della Casa Pontificia. Trump è in abito scuro e cravatta regimental, la signora Melania in abito scuro. Al momento dell'incontro, Trump e il Papa si sono scambiati una cordiale stretta di mano e alcune parole di saluto.

Archivio Ultima ora