Autobomba contro militari a Ankara, 28 morti e 61 feriti

Pubblicato il 17 febbraio 2016 da redazione

Firefighters work at a scene of fire from an explosion in Ankara, Wednesday, Feb. 17, 2016. (IHA via AP) TURKEY OUT

Firefighters work at a scene of fire from an explosion in Ankara, Wednesday, Feb. 17, 2016. (IHA via AP) TURKEY OUT

ISTANBUL. – Il terrore torna a colpire il cuore della capitale turca Ankara, a poche decine di metri dal Parlamento e dal quartier generale dell’esercito. Decine di morti e di feriti, soprattutto militari, ma anche civili. Un’autobomba è esplosa intorno alle 18 al passaggio di un convoglio militare, all’ora di punta del traffico serale nel centralissimo quartiere di Kizilay.

Uno scoppio potentissimo udito in diverse parti della città che ha colpito mezzi su cui viaggiavano i soldati, facendo prendere fuoco anche a diversi veicoli vicini. Il bilancio, ancora provvisorio, era di almeno 28 morti e 61 feriti intorno alle 21:00 italiane. Tra le vittime ci sono certamente militari, che secondo le prime ricostruzioni erano l’obiettivo di un attacco che l’esercito di Ankara definisce “spregevole e ignobile”. Ma nell’esplosione sono probabilmente rimasti colpiti anche dei civili che si trovavano a passare sul posto.

Al momento dello scoppio, come mostrano le immagini riprese da una telecamera di sicurezza, diversi veicoli procedevano sui due sensi di marcia della carreggiata. L’autobomba è stata fatta saltare in aria mentre il convoglio militare, composto da mezzi apparentemente non blindati, era fermo a un semaforo.

Il premier Ahmet Davutoglu ha subito annullato la sua partenza prevista per Bruxelles, dove era atteso a un Vertice Ue sulla crisi migratoria, per partecipare a un summit sulla sicurezza con il presidente Recep Tayyip Erdogan – che a sua volta ha cancellato il suo viaggio in Azerbaigian – e i vertici dell’esercito. Come da tempo accade ad ogni azione terroristica in Turchia, mentre sono in corso le indagini l’autorità radiotelevisiva ha imposto un divieto di trasmissione delle immagini dal luogo dell’esplosione, comprese quelle di morti e feriti.

“Scopriremo chi c’è dietro questo attacco ben pianificato”, promette in tarda serata il vicepremier Numan Kurtulmus, spiegando che al momento non è giunta alcuna rivendicazione e annunciando la formazione di una task force di 7 procuratori per l’indagine. Le autorità non si sbilanciano sui possibili autori e parlano solo di “organizzazione terroristica”.

Poco più di 4 mesi fa, due kamikaze si erano fatti saltare in aria davanti alla stazione ferroviaria di Ankara, mentre una folla si radunava in un corteo per chiedere la pace nel sud-est curdo, provocando 102 morti. Un attacco attribuito dalle autorità turche all’Isis, che però non lo ha rivendicato. Come non ha rivendicato l’azione del kamikaze che il 12 gennaio ha ucciso 11 turisti tedeschi nel centro storico di Sultanahmet a Istanbul, anche quella perpetrata secondo il governo dallo Stato islamico. Gli attacchi contro i militari sono quasi quotidiani nel conflitto in corso nel sud-est del Paese contro il Pkk curdo.

L’obiettivo delle forze di sicurezza è anche quello privilegiato da sigle di estrema sinistra responsabili di recenti attentati in Turchia, come il Dhkp-c. Una instabilità resa ancora più allarmante dalle tensioni internazionali che coinvolgono il Paese, specie in Siria. Alla Turchia arriva subito la solidarietà della comunità internazionale.

Il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, atteso lunedì proprio ad Ankara, ha espresso le proprie condoglianze al governo turco.

L’attacco solleva ancora una volta forti interrogativi sull’efficacia delle misure di sicurezza e di intelligence. A pochi metri dall’esplosione ha sede il quartier generale delle Forze armate e quello della Marina e dell’Aviazione, poco più distanti ci sono il Parlamento e l’ufficio del primo ministro. Anche per questo, l’autobomba rivela tutta la fragilità della capitale turca e di un Paese sempre più in preda al terrore.

(di Cristoforo Spinella/ANSA)

Ultima ora

17:40Calcio: Buffon “Juve-Napoli spot, guai perdersi in miserie”

(ANSA) - TORINO, 29 MAR - "Il Napoli è una delle migliori espressioni di calcio a livello internazionale". Capitan Buffon parla così dei partenopei alla vigilia della doppia sfida del San Paolo. "Grandi meriti vanno all'allenatore e ai giocatori - dice il capitano bianconero ai microfoni di Sky Sport - credo però che la consacrazione possa arrivare coniugando bel gioco a risultati concreti". "Affronteremo un Napoli temibile con il giusto entusiasmo e con l'attenzione che merita una grande squadra", aggiunge il portiere. Dopo le polemiche delle ultime settimane, i toni si stanno abbassando, grazie anche alle parole concilianti di Sarri nei confronti di Higuain: "Quelle parole gli fanno onore, ma poi c'è una partita da giocare, un dopo-partita da gestire. Napoli-Juventus è uno spot troppo importante per perderci in questioni misere o piccole, che non fanno il bene di nessuno".

17:36Migranti: Boschi, orgogliosa per legge su minori

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - "Un'altra legge giusta, la legge sui minori non accompagnati. Giusta e umana. Orgogliosa del lavoro che stiamo facendo". Così il sottosegretario alla Presidenza, Maria Elena Boschi, commenta su Twitter l'approvazione della legge sui minori stranieri non accompagnati.

17:29Brexit: Alfano, diritti assicurati per italiani in Gb

(ANSA) - LONDRA, 29 MAR - "Ho avuto dal collega Boris Johnson l'assicurazione piena per i diritti degli italiani residenti nel Regno Unito e che non avranno nulla da temere sul tema dei diritti, della permanenza e delle modalità di vivere". Lo ha detto il ministro degli Esteri Angelino Alfano dopo un incontro a Londra con Johnson. "E' una buona notizia nel giorno in cui parte un negoziato (sulla Brexit) che sarà comunque su altro" rispetto al tema dei diritti degli italiani.

17:27Segretario Ps scomunica Valls, fuori chi sta con Macron

(ANSA) - PARIGI, 29 MAR - "Chi sta con Macron non è più nel Partito socialista": Jean-Christophe Cambadelis, segretario del Ps francese, lacerato fra chi vota Benoit Hamon, e chi gli volta le spalle a favore di Emmanuel Macron, lancia la "scomunica". In una lettera ai militanti del partito, citata da Bfm Tv, Cambadelis ha messo in guardia tutti coloro che volessero seguire l'esempio dell'ex premier Manuel Valls: "La nostra posizione è semplice: Hamon è il candidato uscito dalle primarie, legittimato da una convention unanime. Quelli che sono andati con En Marche (il il movimento creato da Macron) non sono quindi più nel Partito socialista".

17:22Terremoto: sindaco Norcia, tutto mondo veda fioritura

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 29 MAR - "Se il problema della semina è stato risolto, adesso dobbiamo porci l'obiettivo di far vedere a tutto il mondo lo spettacolo della fioritura di Castelluccio di Norcia": a dirlo è il sindaco di Norcia, Nicola Alemanno. "Siamo soddisfatti per la soluzione individuata che consente agli agricoltori di seminare la lenticchia e permette loro di salire e scendere quotidianamente per una ventina di giorni a Castelluccio. Ora dobbiamo fare di tutto perché la viabilità per il borgo venga riaperta al più presto a tutti", ha aggiunto il sindaco che si pone la "metà di giugno come data utile per riportare migliaia di turisti nella piana tanto famosa". (ANSA).

17:07Editoria: Grasso, si trovi soluzione su agenzie

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - "C'è stata tensione tra le agenzie di stampa e il Governo sul rinnovo dei contratti dei servizi di abbonamento della P.A, una tensione che ha condotto sabato scorso allo sciopero generale dei sindacati dei giornalisti dell'informazione primaria. È necessario trovare una soluzione soddisfacente". Lo ha detto il presidente del Senato Grasso intervenendo alla presentazione dell'Osservatorio sul giornalismo a palazzo Giustiniani.

17:06Valanga: slavina sopra Courmayeur, due in ospedale

(ANSA) - AOSTA, 29 MAR - Sette freerider francesi sono stati travolti da una valanga nella zona del Toula, lungo un itinerario in fuoripista sopra Courmayeur. Due di loro sono stati trasportati in ospedale ad Aosta con l'elicottero, gli altri cinque risultano illesi. Sul posto è intervenuto il soccorso alpino valdostano. Non risultano dispersi. (ANSA).

Archivio Ultima ora