Crisi Italia: sempre più culle vuote, è record dal 1861

Pubblicato il 19 febbraio 2016 da redazione

culle

ROMA. – Che l’Italia fosse nota ai più come un “Paese per vecchi” è un dato di fatto. I tempi del “baby boom” sono ormai ricordi lontani. Ma mai, come nel 2015, le culle italiane sono rimaste così vuote. Secondo le stime dell’Istat, l’anno scorso si è registrato un nuovo record storico negativo, dopo quello del 2014. Il dato peggiore dall’Unità d’Italia.

A nascere sono stati solo 488 mila bambini, 15 mila in meno rispetto al 2014 (503 mila). Mentre i decessi sono aumentati del 9,1% (in totale 653 mila) e il Paese ha raggiunto il più alto tasso di mortalità (10,7 per mille) tra quelli misurati dal Secondo dopoguerra in poi. Diminuisce, inoltre, l’aspettativa di vita alla nascita e, come se non bastasse, cala la popolazione residente, che in un anno perde 139 mila unità.

E’ un’Italia in “crisi” demografica quella che emerge dal Report dell’Istat. Un Paese che non soffre solo un saldo naturale negativo (differenza tra nascite e decessi), ma anche gli “adii” dei connazionali: nel 2015 100 mila persone hanno lasciato il Belpaese e trasferito la loro residenza all’estero. Nello stesso periodo i rientri si sono fermati a quota 28 mila.

ITALIA NON ‘BABY FRIENDLY’ – Nel 2015 il tasso di natalità è sceso all’8 per mille (8,3 per mille nel 2014). Il Trentino-Alto Adige è l’area a più intensa natalità del Paese (9,7 per mille), segue la Campania (8,7 per mille). “Maglia nera” invece a Liguria (6,5) e Sardegna (6,7). Per il quinto anno consecutivo, inoltre, si registra una riduzione del numero medio di figli per donna, che nel 2015 scende all’1,35 (1,28 per le cittadine italiane; 1,93 per le cittadine straniere). E l’età media della madre al momento del parto raggiunge i 31,6 anni contro i 31,5 del 2014.

“Le culle vuote sono il principale problema economico del paese”, afferma il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, che annuncia misure allo studio per il sostegno delle donne che lavorano ma anche sul fronte del bonus bebè. “L’impegno del Governo è chiaro – aggiunge il ministro per gli Affari regionali, con delega alla Famiglia, Enrico Costa – realizzare politiche attive che mettano la famiglia al centro. Non un provvedimento, ma una rete organica di misure, atti, scelte, in primo luogo in ambito fiscale, orientate a favorire e a sviluppare la spina dorsale del Paese. La prossima settimana alla Camera si discuteranno le mozioni a sostegno della famiglia; al Senato le unioni civili. Io sarò alla Camera”.

IL PICCO DEI DECESSI – Nel 2015 sono stati 653 mila, 54 mila in più dell’anno precedente. L’aumento di mortalità risulta concentrato nelle classi di età molto anziane (75-95 anni). Dal punto di vista demografico, il picco di mortalità del 2015 è in parte dovuto a effetti strutturali connessi all’invecchiamento e in parte al posticipo delle morti non avvenute nel biennio 2013-2014, più favorevole per la sopravvivenza. Il saldo naturale scende a -165 mila e diminuisce anche la speranza di vita alla nascita. Per gli uomini si attesta a 80,1 anni (da 80,3 del 2014), per le donne a 84,7 anni (da 85). Non è la prima volta che la speranza di vita alla nascita registra variazioni congiunturali di segno negativo – osserva l’Istat – ma mai di questa intensità, in particolar modo per le donne.

POPOLAZIONE IN CALO, STRANIERI AUMENTANO – Nel 2015 la popolazione residente si riduce di 139 mila unità (-2,3 per mille). Al primo gennaio 2016 la popolazione totale è di 60 milioni 656 mila residenti. Alla stessa data, gli stranieri residenti in Italia sono 5 milioni 54 mila e rappresentano l’8,3% della popolazione totale. Il 59% della popolazione straniera risiede nel Nord e per ben oltre un quinto del totale nella sola Lombardia. Rispetto al 2014 gli stranieri aumentano di 39 mila unità, mentre i cittadini italiani scendono a 55,6 milioni, conseguendo una perdita di 179 mila residenti.

ITALIANI CON LA VALIGIA, NEL 2015 PARTITI IN 100 MILA – A fronte di 100 mila cancellazioni anagrafiche stimate (+12,4 rispetto al 2014), in Italia, nel 2015, sono rientrati solo 28 mila connazionali (-5,6%). Per quanto riguarda gli stranieri, le iscrizioni dall’estero sono state 245 mila (-1,3% sul 2014), le cancellazioni per l’estero 45 mila (-4,8%). L’anno scorso i trasferimenti di residenza dentro i confini nazionali sono scesi, dopo 12 anni, sotto il livello del milione e 300 mila, con una contrazione del 3% sul 2014.

UN PAESE CHE INVECCHIA – Non arretra il processo di invecchiamento, assoluto e relativo, dell’Italia. Gli ultrasessantacinquenni sono 13,4 milioni, il 22% del totale. In diminuzione risultano sia la popolazione in età attiva (15-64 anni) sia quella fino a 14 anni di età. La prima scende a 39 milioni, il 64,3% del totale, la seconda comprende 8,3 milioni di ragazzi e rappresenta il 13,7%. L’età media della popolazione aumenta di ulteriori due decimi, arrivando a 44,6 anni. Le regioni più anziane sono Liguria (28,2% di ultra65enni), Friuli Venezia Giulia (25,4%) e Toscana (24,9%). Quelle più giovani Sicilia (20,2%), Provincia di Bolzano (19,1%) e Campania (17,9%).

(di Alice Fumis/ANSA)

Ultima ora

16:26Calcio: Sousa, allenare Kalinic è una gioia

(ANSA) - FIRENZE, 20 GEN - "Ho sempre detto e lo ripeto che allenare giocatori come Kalinic è una gioia per chi fa questo mestiere". Così Paulo Sousa parla dell'attaccante croato da tempo chiacchierato sul mercato, nel mirino dei cinesi del Tianjin. Intanto per domani, in trasferta contro il Chievo, Kalinic mancherà per squalifica, sarà l'occasione per Babacar per confermare di essere pronto se il tecnico viola lo schiererà titolare. Dall'Inghilterra confermano la chiusura dell'acquisto di Zarate per circa 2,5 milioni da parte del Watford di Mazzarri.

16:24Tenta rapina a poliziotto ma lascia curriculum nello scooter

(ANSA) - NAPOLI, 20 GEN - Era in cerca di lavoro, girava con un curriculum vitae, ma nel frattempo faceva il rapinatore: è stato grazie ai dati contenuti in quei fogli A4, lasciati sotto la sella del suo scooter, che la Polizia è riuscita a rintracciare e arrestate, nella sua abitazione di Napoli, un pregiudicato di 31 anni, Luca Donnarumma, che all'alba ha tentato di rapinare un sovrintendente capo della Polizia di Stato. Donnarumma è entrato in azione in via Salvator Rosa: ha preso di mira una persona in strada - il poliziotto - che stava per salire a bordo della sua auto per recarsi a lavoro. Ne è nata una colluttazione al termine della quale il rapinatore, approfittando della strada in discesa, è comunque riuscito a scappare. L'agente ha fornito un'esatta descrizione sia dell'abbigliamento indossato dal rapinatore sia dello scooter, intercettato a poco distanza. Sotto la sella c'era il curriculum vitae, grazie al quale la Polizia è riuscita a individuare e arrestare il rapinatore.

16:23Calcio: Pioli, concentrati per vincerle tutte

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 20 GEN - "Champions? Ho l'esperienza necessaria per capire che dobbiamo aspettare la fine della stagione. Ma dobbiamo rimanere concentrati e vincerle tutte": lo dice il tecnico dell'Inter Stefano Pioli in vista della partita con il Palermo. "Insieme a noi - aggiunge - c'e' una società molto forte con grande ambizione. Vogliamo costruire un buon presente che sia base per un grande futuro". L'allenatore ha molte alternative a centrocampo ma non teme che i giocatori possano essere delusi dalle sue scelte: "La squadra viene prima di tutto e i giocatori sono sintonizzati in questa direzione. Sono contento di avere l'imbarazzo della scelta". Il mercato nerazzurro non e' finito: "Mi aspetto delle cessioni oltre a quelle che sono già state fatte".

16:20Calcio: Sarri “Milan cresciuto, sarà difficilissima”

(ANSA) - NAPOLI, 20 GEN - "La gara con il Milan ci dirà a che punto siamo noi e loro. Il Milan ha fatto passi in avanti giganteschi negli ultimi mesi, fanno benissimo in casa e hanno ricompattato un ambiente difficile, per noi sarò una gara difficilissima". Maurizio Sari si prepara così al big match con i rossoneri. "Ci saranno momenti in cui dovremo usare il fioretto e altri in cui servirà la sciabola, loro ci creeranno sofferenza ma avremo anche delle opportunità. Dobbiamo essere bravi a interpretare i momenti della partita". Sui singoli, Sarri ha spiegato che "Suso e Bonaventura sono bravi tecnicamente, saltano avversario e ci creeranno difficoltà, sicuramente saranno un punto di pericolo".

16:11Merkel riceve Fillon in cancelleria lunedì prossimo

(ANSA) - BERLINO, 20 GEN - La cancelliera tedesca Angela Merkel riceverà il candidato alla presidenza francese François Fillon, lunedì prossimo in cancelleria. Lo ha comunicato il suo portavoce, Steffen Seibert, oggi in conferenza stampa. Subito dopo Fillon terrà un discorso alla Fondazione Adenauer, vicina alla Cdu. Rispondendo alle domande dei giornalisti, Seibert ha affermato che un incontro del genere "non rappresenta alcuna interferenza" nella campagna elettorale francese, e ha ricordato che Merkel in passato ha incontrato altri candidati, sia conservatori che socialdemocratici.

16:11Di Maio, eroi salvano persone, antieroi le banche

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - "Ci sono eroi e antieroi. Gli eroi sono quelli che si mettono a disposizione, rischiando l'incolumità, per salvare gli altri. Gli antieroi sono quelli che si nascondono dietro sobrietà per celare disorganizzazione e incapacità". Così Luigi Di Maio commentando i salvataggi a Rigopiano. "Non è polemica è la verità. Gli antieroi hanno tempi da Bolt quando si tratta di tirar fuori dalle tasche degli italiani 20 mld per salvare la banca che hanno distrutto e sono insopportabilmente lenti quando si tratta di dare ai terremotati 28 milioni che gli italiani hanno donato con grande solidarietà".

16:11Calcio: Coppa Italia, tre giornate a Zarate

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Tre giornate di squalifica sono state inflitte a Mauro Zarate (Fiorentina) dal giudice sportivo che ha esaminato i referti relativi alla gare degli ottavi di Coppa Italia. L'attaccante argentino è stato fermato "per condotta violenta avendo, al 26' del secondo tempo, con il pallone non a distanza di giuoco, colpito con un calcio un avversario", ovvero Bastien, del Chievo. Una giornata dovranno scontare Barreca (Torino) e Radovanovic (Chievo), entrambi espulsi per doppia ammonizione.

Archivio Ultima ora