Addio a Umberto Eco, da semiologo a romanziere star

Pubblicato il 20 febbraio 2016 da redazione

eco2

ROMA. – Lutto nel mondo della cultura per la scomparsa a 84 anni di Umberto Eco. La notizia della morte dello scrittore, filosofo e semiologo è stata data dalla famiglia a Repubblica.

Eco, nato ad Alessandria il 5 gennaio del 1932, è deceduto alle 22:30 di ieri nella sua abitazione. Tra i suoi maggiori successi letterari ‘Il nome della rosa’ del 1980, che ispirò il film di Jean-Jacques Annaud e ‘Il pendolo di Foucault’ (1988). Il suo ultimo libro critica al giornalismo, ‘Numero zero’ è stato pubblicato lo scorso anno da Bompiani. Oltre che di romanzi di successo internazionale, nella sua lunga carriera Eco è stato autore di numerosi saggi di semiotica, estetica medievale, linguistica e filosofia.

Profondo cordoglio per la scomparsa di Umberto Eco è stato espresso ai familiari dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi. “Esempio straordinario di intellettuale europeo, univa una intelligenza unica del passato a una inesauribile capacità di anticipare il futuro”, sottolinea Renzi che con lui si era intrattenuto a Milano, a Expo, lo scorso giugno assieme al Presidente francese Francois Hollande, proprio sui temi della identità europea, dell’innovazione scientifica, della memoria e della lotta contro l’intolleranza. “Una perdita enorme per la cultura, cui mancherà la sua scrittura e voce, il suo pensiero acuto e vivo, la sua umanità”, conclude il presidente del consiglio.

La stampa internazionale rende omaggio a Umberto Eco, e la maggior parte gli dedica un articolo sulla prima pagina online. “Morte di Umberto Eco, l’autore del romanzo medievale ‘Il nome della rosa”, è il titolo che campeggia su Le Monde che gli dedica numerosi articoli e una grande foto; titolo simile anche per Liberation. La notizia della morte di Eco compare anche sul giornale emiratino, Gulf News e su tutte le edizioni di Huffington Post.

Quasi tutta la stampa britannica dedica la copertina al filosofo, ricordato soprattutto per ‘Il nome della rosa’, dal quale era stato tratto l’omonimo film con Sean Connery nel 1986. ‘Lo scrittore italiano Umberto Eco muore a 84 anni’, è il titolo della Bbc, seguito dal Guardian che lo ricorda anche come critico, dall’Independent (‘conquistò la notorietà a livello mondiale per ‘Il nome della rosa’) e dal Daily Telegraph il quale sottolinea che “era considerato da molti come uno dei più grandi scrittori della letteratura italiana”.

‘Muore lo studioso e romanziere italiano Umberto Eco, era un esperto nel campo arcano della semiotica, le cui 7 opere di narrativa include anche il blockbuster ‘Il nome della rosa’, è il titolo del New York Times, seguito dal Wall Street Journal, ‘Muore l’autore del nome della rosa’. Mentre il Los Angeles Times lo ricorda come “l’intellettuale che tesseva semiotica, storia e religione nei suoi romanzi diventati bestseller”.

Ultima ora

14:35Bankitalia: Orfini a Calenda, non incidente, è democrazia

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - "Il Parlamento che esprime una valutazione non è "un incidente". È democrazia". Lo scrive su Twitter il presidente del Pd Matteo Orfini, commentando le parole di Carlo Calenda su Bankitalia".

14:35Bankitalia: Gentiloni, non parlo nemmeno sotto tortura

(ANSA) - BRUXELLES, 20 OTT - "Sulle soluzioni per Bankitalia non parlo neanche sotto tortura né un tanto al chilo, è un compito rilevante che spetta in parte al Governo, c'è una procedura che investe diverse istituzioni, il Governo prenderà le sue decisioni nel rispetto dell'autonomia della banca. Non facciamo indiscrezioni o cose di questo genere": lo ha detto il premier Paolo Gentiloni al termine del vertice Ue.

14:34Fidanzati uccisi: Procura chiede ergastolo per Ruotolo

(ANSA) - TRIESTE, 20 OTT - La condanna all'ergastolo con due anni di isolamento diurno è stato chiesto per Giosuè Ruotolo dal pubblico ministero Pier Umberto Vallerin nel processo per il duplice omicidio della coppia di fidanzati, Teresa Costanza e Trifone Ragone, uccisi la sera del 17 marzo 2015 nel parcheggio del palazzetto dello sport di Pordenone. "Ruotolo ha commesso gli omicidi per salvare la sua carriera", ha affermato il pm nelle ultime battute della sua lunga requisitoria cominciata ieri davanti alla Corte d'Assise di Udine. "L'odio verso Trifone e la gelosia verso Teresa lo avevano assalito già da tempo. Togliendoli di mezzo sparivano due rivali, due minacce viventi, due persone verso cui covava odio già da tempo. E il suo futuro sarebbe tornato ad essere roseo", ha aggiunto. Il processo riprenderà lunedì 23 ottobre con gli interventi delle parti civili.

14:25Tusk, esagerato parlare blocco su Brexit

(ANSA) - BRUXELLES, 20 OTT - "Dire che i progressi non sono sufficienti non significa che non ci sono progressi". Lo ha detto il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk in merito ai negoziati della Brexit che definisce "esagerate" le insistenze sulle difficoltà dei colloqui. I progressi "non sarebbero stati possibili senza il nuovo slancio dato dal discorso di Firenze della May", ha aggiunto, sottolineando di "sperare di potere passare alla fase 2 del negoziato a dicembre".

14:24Bankitalia: SI a Boldrini, governo riferisca a Camera

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Il gruppo di Sinistra Italiana alla Camera, in una lettera inviata alla presidente Laura Boldrini, ha chiesto, a quanto si apprende, che il governo riferisca in Aula sulla vicenda Bankitalia. Nella lettera, firmata dal capogruppo Giulio Marcon e dal deputato Giovanni Paglia, SI evidenzia "i motivi di viva preoccupazione rispetto alla vicenda che, da giorni, domina le cronache giornalistiche e che si sta pericolosamente allargando a macchia d'olio coinvolgendo diversi livelli istituzionali e gettando nella bufera il governo".

14:23Card. Bassetti, liberi di emigrare ma non per disperazione

(ANSA) - PERUGIA, 20 OTT - "Siamo tutti liberi di emigrare dal nostro Paese, ma questo non può avvenire per disperazione": lo ha detto il presidente della Cei, Gualtiero Bassetti, intervenendo a un convegno a Perugia sul tema "Giovani e il lavoro che (non) c'è", alla presenza di più di 300 studenti. "L'Italia, che ha bisogno di nuove energie morali, ha bisogno di tutti noi - ha sottolineato Bassetti - ma particolarmente di voi giovani, delle vostre antenne che ci spingono a guardare lontano, dei vostri talenti a cui noi, generazione adulta, dobbiamo dare chance e speranza". "Altrimenti - ha continuato - la fila di giovani che lasceranno l'Italia continuerà ad aumentare e i dati recentemente pubblicati dalla Fondazione Migrantes della Cei sono eloquenti e lasciano una profonda inquietudine". "Carissimi giovani, ci attende una grande missione - ha aggiunto - quella di essere una presenza viva, autorevole e concreta, per tante attese che cogliamo nella povera gente e per il bene delle nostre famiglie e per il futuro dell'Italia".

14:14Studente morto a scuola:c’è biglietto, ipotesi suicidio

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Si sarebbe lanciato dalla tromba delle scale al secondo piano dell'istituto S.Maria, una scuola privata tra le più note a Roma, lo studente di 13 anni morto a Roma. E' quanto ipotizzano al momento i carabinieri. Gli investigatori hanno trovato in classe un biglietto scritto dal ragazzino il cui contenuto farebbe propendere per l'ipotesi del suicidio.

Archivio Ultima ora