Addio a Umberto Eco, da semiologo a romanziere star

Pubblicato il 20 febbraio 2016 da redazione

eco2

ROMA. – Lutto nel mondo della cultura per la scomparsa a 84 anni di Umberto Eco. La notizia della morte dello scrittore, filosofo e semiologo è stata data dalla famiglia a Repubblica.

Eco, nato ad Alessandria il 5 gennaio del 1932, è deceduto alle 22:30 di ieri nella sua abitazione. Tra i suoi maggiori successi letterari ‘Il nome della rosa’ del 1980, che ispirò il film di Jean-Jacques Annaud e ‘Il pendolo di Foucault’ (1988). Il suo ultimo libro critica al giornalismo, ‘Numero zero’ è stato pubblicato lo scorso anno da Bompiani. Oltre che di romanzi di successo internazionale, nella sua lunga carriera Eco è stato autore di numerosi saggi di semiotica, estetica medievale, linguistica e filosofia.

Profondo cordoglio per la scomparsa di Umberto Eco è stato espresso ai familiari dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi. “Esempio straordinario di intellettuale europeo, univa una intelligenza unica del passato a una inesauribile capacità di anticipare il futuro”, sottolinea Renzi che con lui si era intrattenuto a Milano, a Expo, lo scorso giugno assieme al Presidente francese Francois Hollande, proprio sui temi della identità europea, dell’innovazione scientifica, della memoria e della lotta contro l’intolleranza. “Una perdita enorme per la cultura, cui mancherà la sua scrittura e voce, il suo pensiero acuto e vivo, la sua umanità”, conclude il presidente del consiglio.

La stampa internazionale rende omaggio a Umberto Eco, e la maggior parte gli dedica un articolo sulla prima pagina online. “Morte di Umberto Eco, l’autore del romanzo medievale ‘Il nome della rosa”, è il titolo che campeggia su Le Monde che gli dedica numerosi articoli e una grande foto; titolo simile anche per Liberation. La notizia della morte di Eco compare anche sul giornale emiratino, Gulf News e su tutte le edizioni di Huffington Post.

Quasi tutta la stampa britannica dedica la copertina al filosofo, ricordato soprattutto per ‘Il nome della rosa’, dal quale era stato tratto l’omonimo film con Sean Connery nel 1986. ‘Lo scrittore italiano Umberto Eco muore a 84 anni’, è il titolo della Bbc, seguito dal Guardian che lo ricorda anche come critico, dall’Independent (‘conquistò la notorietà a livello mondiale per ‘Il nome della rosa’) e dal Daily Telegraph il quale sottolinea che “era considerato da molti come uno dei più grandi scrittori della letteratura italiana”.

‘Muore lo studioso e romanziere italiano Umberto Eco, era un esperto nel campo arcano della semiotica, le cui 7 opere di narrativa include anche il blockbuster ‘Il nome della rosa’, è il titolo del New York Times, seguito dal Wall Street Journal, ‘Muore l’autore del nome della rosa’. Mentre il Los Angeles Times lo ricorda come “l’intellettuale che tesseva semiotica, storia e religione nei suoi romanzi diventati bestseller”.

Ultima ora

11:08Migranti: Viminale, 2,8 mld euro spesa per accoglienza

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Nel Def 2017 è previsto uno stanziamento di 4,7 miliardi di euro per il fenomeno migratorio ipotizzando uno scenario di crescita dei flussi: di questa quota il 18,8% è destinata alle operazioni di soccorso, il 68% per l'accoglienza ed il 13,3% per l' assistenza sanitaria e l'istruzione. Per l'accoglienza, dunque, la spesa prevista è di 2,8 miliardi di euro, dei quali 2 miliardi sono gestiti dal Dipartimento delle Libertà civili e l'Immigrazione del ministero dell'Interno. Lo ha detto il prefetto Gerarda Pantalone, capo del Dipartimento, in audizione alla commissione Migranti. "Dei 2 miliardi che gestiamo noi - ha spiegato Pantalone - 1 miliardo e 895 milioni di euro sono destinati all'accoglienza in senso stretto: 1 miliardo e 320 milioni vanno ai centri d'accoglienza". Il prefetto ha poi fatto sapere che c'è una lista dei primi dieci Centri di permanenza per i rimpatri che dovrebbero sorgere in altrettante regioni e che nel 2017 sono stati allontanati 8.935 migranti trovati in posizione irregolare.

10:59Stoltenberg, oggi piano d’azione Nato anti-terrorismo

(ANSA) - BRUXELLES, 25 MAG - Nel vertice straordinario dei leader della Nato in programma nel pomeriggio "adotteremo un piano d'azione per aumentare il contributo della Nato nella lotta contro il terrorismo" in cui l'Alleanza "è impegnata da anni". Lo ha detto il segretario generale Jens Stoltenberg sottolineando che "la più grande operazione militare dell'Alleanza è stata quella lanciata in Afghanistan in risposta diretta agli attacchi terroristici dell'11 settembre negli Stati Uniti". Dopo aver ricordato che, dopo la fine della missione di combattimento nel 2015, ora sono 13mila i soldati che partecipando alla missione di addestramento e assistenza, Stoltenberg ha affermato che in Afghanistan "non torneremo ad una missione di combattimento", ma la missione continuerà e "più avanti decideremo il livello delle truppe", di cui è stato richiesto un aumento. "Addestrare le forze locali è una delle armi migliori nella lotta contro il terrorismo" ha puntualizzato Stoltenberg, ricordando che "stiamo già addestrando le forze irachene".

10:46Manchester: media, trovato materiale per altre bombe

(ANSA) - LONDRA, 25 MAG - La polizia di Manchester ha trovato materiale per realizzare altri ordigni esplosivi nei raid compiuti dopo la strage all'arena. Ne dà notizia l'Independent, secondo cui potevano essere utilizzati in "attacchi imminenti". Sui media del Regno Unito l'ipotesi che circola è che l'appartamento perquisito ieri dagli agenti nel centro della città fungesse da luogo per la costruzione delle bombe.

10:19Stoltenberg, Nato avrà coordinatore anti-terrorismo

(ANSA) - BRUXELLES, 25 MAG - La Nato avrà una "nuova cellula di intelligence contro il terrorismo" che sarà creata nel quartier generale di Bruxelles ed il cui scopo è quello di "migliorare la condivisione di intelligence, comprese quelle sui foreign fighters". Inoltre sarà nominato un "coordinatore per supervisionare gli sforzi nella lotta contro il terrorismo" Lo ha annunciato il segretario generale dell'Alleanza, Jens Stoltenberg, arrivando nella sede della Nato.

10:17Stoltenberg conferma, Nato membro coalizione anti-Isis

(ANSA) - BRUXELLES, 25 MAG - Il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, ha confermato che nel vertice straordinario del pomeriggio i leader "concorderanno sulla partecipazione a pieno titolo nella coalizione anti-Isis". "Questo - ha specificato - manderà un forte messaggio politico di unità nella lotta contro il terrorismo e migliorerà il coordinamento all'interno della coalizione, ma questo non significa che la Nato si impegnerà in operazioni di combattimento".

10:15Manchester: E.League, United omaggiato dai “cugini” del City

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Il Manchester City omaggia via social il club cittadino tradizionalmente rivale, lo United, poco dopo la vittoria dell'Europa League da parte della squadra di Mourinho nella finale di Stoccolma contro l'Ajax. Il club di Guardiola, infatti, ha pubblicato su Twitter la scritta "ACityUnited", con le parole "City" in celeste e "United" in rosso. Lo United, a sua volta, ha risposto pubblicando una foto con i suoi giocatori che sorreggono uno striscione con la frase in bianco su sfondo rosso: "Manchester - A City United".

10:12Coniugi uccisi: indagini, forse donna eliminata per vendetta

(ANSA) - SAN SEVERO (FOGGIA), 25 MAG - Nell'indagine sull'uccisione dei due coniugi compiuta ieri nella loro profumeria a San Severo "non è certo da scartare l'ipotesi che si sia trattato di una vendetta legata all'uccisione del minorenne Mario Morelli, avvenuta lo scorso anno per mano del figlio, anch'egli minorenne, delle due vittime di ieri: Nicola Salvatore e Isabella Rotondo". Ed è proprio l'uccisione della donna che farebbe propendere per la seconda ipotesi. "Se si fosse trattato - spiega il dirigente della squadra mobile della questura di Foggia, Roberto Pititto, che coordina le indagini - di un problema legato a dissidi nella criminalità locale, difficilmente avrebbero ucciso anche la donna, anche perché, non avrebbe potuto identificare i due killer visto che avevano il volto coperto da caschi integrali da motociclisti. Non avrebbe senso". "Al momento, tuttavia - rileva Pititto - non possiamo escludere nessuna ipotesi investigativa. Potrebbe anche essersi verificata una rottura degli equilibri interni alla mala locale".

Archivio Ultima ora