Il Napoli fallisce il sorpasso, solo un pareggio con il Milan

Pubblicato il 22 febbraio 2016 da redazione

Napoli's Gonzalo Higuain (R) and Milan's Alex in action during the Italian Serie A soccer match SSC Napoli vs AC Milan at San Paolo stadium in Naples, Italy, 22 February 2016. ANSA/CIRO FUSCO

Napoli’s Gonzalo Higuain (R) and Milan’s Alex in action during the Italian Serie A soccer match SSC Napoli vs AC Milan at San Paolo stadium in Naples, Italy, 22 February 2016.
ANSA/CIRO FUSCO

NAPOLI. – Controsorpasso fallito. Il Napoli non va al di là del pareggio con il Milan (1-1) e non riesce a riprendersi il primo posto in classifica, sfruttando appieno il mezzo passo falso di venerdì scorso della Juventus sul campo del Bologna. Dopo due sconfitte consecutive, in campionato ed in Europa League, gli azzurri cercavano il riscatto ed il successo in un San Paolo stracolmo, ma la prova ancora una volta non è convincente, nonostante il sostegno di un pubblico che risponde all’appello di Sarri ed accompagna la sua squadra con passione e partecipazione totale.

Il Milan, però, è abile a rimanere in partita con un atteggiamento tattico più da provinciale che da squadra che punta ad inserirsi nella lotta per un posto in Champions.

Il gioco degli azzurri è sempre lo stesso, fatto di supremazia a centrocampo, di possesso palla, ma ancora una volta, come già accaduto in occasione dei recenti rovesci di Torino e di Villarreal, le punte non fanno fino in fondo il loro dovere. Sarri ha smarrito l’attacco, l’arma micidiale del Napoli e per i rossoneri è tutto sommato agevole contenere gli avversari con mire da capolista. Il tecnico del Napoli non ha dubbi di alcun genere e schiera i titolarissimi, gli uomini che danno maggiore fiducia all’allenatore e che rendono la squadra più armonica ed imprevedibile.

Anche Mihajlovic manda in campo la squadra che, negli ultimi tempi, è diventata quella dei titolari fissi. Il tecnico serbo può affiancare a centrocampo il rientrante Kucka a Montolivo e rispolvera Abate sulla fascia destra della difesa. Mihajlovic, però, è costretto a rinunciare a Romagnoli, non ancora perfettamente guarito, e l’assenza dell’ex blucerchiato in mezzo all’area di rigore si rivela probabilmente decisiva.

La partita ha un andamento già visto nelle recenti gare del Napoli. La squadra di Sarri attacca ed il Milan aspetta gli avversari nella propria metà campo. Mihajlovic non soltanto tiene i quattro difensori allineati ma limita moltissimo le uscite di Abate ed Antonelli che non si vedono quasi mai oltre la linea di metà campo. Quanto a Kucka, è piazzato sistematicamente davanti alla lunetta dell’area di rigore e si oppone a tutti i tentativi di penetrazione per vie centrale degli azzurri, chiudendo ogni linea di passaggio.

Fino al gol del vantaggio del Napoli, che arriva al 38′ con una conclusione di Insigne deviata da Abate, i rossoneri non si vedono mai sotto la porta di Reina. Una volta in svantaggio, però, gli uomini di Mihajlovic incominciano a giocare non solo per difendersi ma anche e soprattutto per offendere e dopo soli cinque minuti trovano la via della rete. Il pareggio è di Bonaventura che scaglia in porta un traversone di Honda da destra, deviato di testa da Koulibaly, il quale finisce per fare un assist involontario all’avversario.

Nella ripresa l’atteggiamento passivo del Milan diventa ancor più evidente ed i rossoneri non mettono praticamente mai piede nella metà campo avversaria. Sarri, espulso da Banti per proteste, manda addirittura in campo contemporaneamente Higuain, Insigne, Mertens e Gabbiadini, a testimonianza del fatto che contro un Milan così platealmente passivo non rischiava praticamente nulla in difesa.

Il risultato però non cambia anche perché nel recupero El Kaddouri, solo davanti alla porta, si divora un gol. Al Napoli resta l’amarezza del mancato controsorpasso. Il Milan, per come Mihajlovic ha impostato la partita, è ben felice di portare a casa un punto.

Ultima ora

20:53Ultrà: processo appello Agnelli il 15 novembre

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - E' stato fissato per il 15 novembre prossimo l'appello per il processo sportivo al presidente Andrea Agnelli e alla Juve, per rapporti non consentiti con la tifoseria. Lo apprende l'Ansa. In primo grado Agnelli era stato condannato a un anno di inibizione, il club a 300 mila euro di multa. La corte d'appello della Figc si riunirà il 15 novembre alle 15, per esaminare i ricorsi.

20:38Champions: Qarabag-Atletico Madrid 0-0

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Buone notizie per la Roma da Baku, dove il Qarabag ha imposto lo 0-0 all'Atletico Madrid, in una partita della terza giornata del Gruppo C di Champions League. Con questo punteggio gli spagnoli salgono a 2 punti ma restano alle spalle dei giallorossi, che di punti ne hanno invece 4 e hanno già vinto in trasferta contro gli azeri. Il Qarabag, reduce dalle sconfitte con Chelsea e Roma, ottiene il suo primo punto.

20:37Chelsea-Roma: De Rossi e Florenzi fuori

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Eusebio Di Francesco rinuncia a Daniele De Rossi e Alessandro Florenzi per Chelsea-Roma, nella terza giornata della fase a gironi della Champions League. Al loro posto, il tecnico giallorosso metterà in campo Maxime Gonalons e Gerson, per un inedito 4-3-2-1. Per il Chelsea, in campo dal primo minuto, l'ex Juventus Alvaro Morata, recuperato da un infortunio.

20:26Hiv: condannato per aver trasmesso virus al compagno

(ANSA) - TEMPIO, 18 OTT - E' stato condannato a otto anni di carcere senza sospensione condizionale della pena per aver nascosto al convivente di essere sieropositivo. Un olbiese di 36 anni dovrà scontare la pena per lesioni gravi perché, non informando l'uomo che viveva con lui ed avendo rapporti sessuali non protetti, gli ha trasmesso il virus dell'Hiv. La sentenza è stata emessa dal Tribunale di Tempio Pausania, collegio presieduto dal magistrato Marco Contu, che ha accolto le richieste del pm Cristina Carunchio. Si tratta di una delle prime sentenze per casi di questo tipo in Italia.

20:01Papa: chi lotta per il potere non santifica nome di Dio

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 18 OTT - "Diciamo di essere cristiani, di avere un Padre, ma viviamo, non dico come animali, ma come persone che non credono né in Dio né nell'uomo, senza fede, e viviamo anche facendo del male, non nell'amore ma nell'odio, nella competizione, nelle guerre. E' santificato nei cristiani che lottano fra loro per il potere? E' santificato nella vita di quelli che assoldano un sicario per liberarsi di un nemico? E' santificato nella vita di coloro che non si curano dei propri figli? No, lì non è santificato il nome di Dio". Così Papa Francesco a don Marco Pozza, cappellano del carcere di Padova, nel colloquio in onda su Tv2000 nel programma 'Padre nostro', dal 25 ottobre ogni mercoledì alle 21.00. L'anteprima è stata presentata oggi alla Filmoteca Vaticana dal prefetto per la Comunicazione, mons. Dario E. Viganò, il direttore di Tv2000, Paolo Ruffini, don Pozza e il regista Andrea Salvadore. Dall'incontro è nato anche il libro 'Padre nostro' di Papa Francesco (Rizzoli-Lev) in uscita il 23 novembre.

19:52Noemi:conferito incarico perizia psichiatrica,Lucio presente

(ANSA) - LECCE, 18 OTT - Era presente anche Lucio, questa mattina, nel Tribunale per i minorenni di Lecce al conferimento dell'incarico per la perizia psichiatrica che dovrà accertare se il diciassettenne fosse in grado di intendere e volere nel momento in cui ha ucciso Noemi Durini, la sua fidanzata 16enne. La ragazza di Specchia, scomparsa il 3 settembre scorso, fu trovata morta il 13 settembre sotto un cumulo di pietre in una campagna di Acquarica del Capo (Lecce). Il 17enne reo confesso del delitto si é presentato a sorpresa, accompagnato dagli educatori dell'Ipm di Quartuccio (Cagliari), dove attualmente é detenuto. Il giovane, accusato di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione, dalla crudeltà e dai utili motivi, é rimasto in silenzio per tutta l'udienza facendo rientro già in giornata in Sardegna. Il gip del Tribunale per i Minorenni Ada Colluto ha dato 80 giorni per il deposito delle consulenze. Il 3 novembre cominceranno le operazioni peritali.

19:50Calcio: Fiorentina, allenamento a porte aperte

(ANSA) - FIRENZE, 18 OTT - Dopo la lezione tattica ai giornalisti la scorsa settimana, Stefano Pioli questa mattina ha permesso loro di assistere all'allenamento all'interno del centro sportivo. Una novità assoluta considerando le precedenti gestioni, e non è finita qui. Perché in vista della gara con la Roma del 5 novembre il tecnico della Fiorentina ha intenzione di aprire l'allenamento in un giorno precedente anche ai tifosi, facendolo svolgere dentro lo stadio Franchi. Alla sessione di stamani erano presenti anche il dg Corvino, il ds Freitas e il club manager Antognoni. Il tecnico viola ha lavorato in particolare sull'intensità, con esercitazioni e una partitella finale. Il ritorno al successo contro l'Udinese ha riportato serenità nella squadra viola attesa dalla trasferta con il Benevento per la quale Pioli dovrà fare a meno degli infortunati Saponara e Gil Dias. L'obiettivo è sfruttare il calendario che vedrà la Fiorentina impegnata, oltre che in Campania, con il Torino in casa e il Crotone fuori prima della Roma.

Archivio Ultima ora