Migliaia di migranti marciano in Grecia, rischio collasso

Pubblicato il 25 febbraio 2016 da redazione

migranti_grecia

BRUXELLES. – Un fiume umano che non si ferma in Grecia. Sono più di mille i migranti che hanno rotto le recinzioni del campo di Diavata, mettendosi in marcia verso Idomeni, al confine con la Macedonia. E’ una colonna di disperazione e determinazione, con uomini, donne, bambini pronti ad affrontare la polizia alla frontiera, pur di avanzare nel viaggio della speranza attraverso l’Europa.

Mentre da Bruxelles il commissario all’Immigrazione Dimitris Avramopoulos lancia l’allarme: se non ci saranno risultati concreti nei prossimi giorni nella messa in pratica delle soluzioni europee, “c’è il rischio che l’intero sistema” europeo “collassi”. Dal terreno, foto scattate nella centrale piazza della Vittoria ad Atene, diventata luogo di pellegrinaggio per migliaia delle 28mila anime rimaste intrappolate nella penisola ellenica, raccontano storie di rassegnazione: due pakistani hanno tentato di togliersi la vita impiccandosi ad un albero, dopo aver capito che il loro viaggio era al capolinea.

“La situazione sulla rotta dei Balcani occidentali è davvero critica. La possibilità di una crisi umanitaria su larga scala è molto reale e molto vicina”, ha avvertito Avramopoulos al termine della riunione dei ministri dell’Interno Ue, dove è emersa l’ennesima spaccatura, con i Paesi dell’est e l’Austria che ormai pensano solo a blindare i confini, tagliando fuori la Grecia. Nella penisola ellenica le recenti azioni unilaterali dei Paesi balcanici, che alla frontiera macedone bloccano anche i profughi siriani privi di documenti in regola, fanno sentire tutti i loro effetti negativi.

E Bruxelles sta lavorando con l’Alto commissario Onu per i rifugiati (Unhcr) Filippo Grandi ad un piano d’emergenza umanitario. “Non accetteremo di diventare il Libano d’Europa e un magazzino di anime”, ha protestato il viceministro per l’Immigrazione greco Ioannis Mouzalas, furibondo per il trattamento riservato al suo Paese, escluso dal vertice organizzato ieri dall’Austria a Vienna. Per questo Atene ha anche richiamato in patria per consultazioni il suo ambasciatore nella capitale austriaca.

Alla riunione con i colleghi Ue Mouzalas si è ritrovato più volte sul banco degli imputati, dove lo hanno inchiodato i quattro ministri dei Visegrad – il polacco Mariusz Blaszczak, lo slovacco Robert Kalinak, l’ungherese Sandor Pinter, il ceco Milan Chovanec – ma anche quello austriaco Johanna Mikl-Leitner, con la quale lo scambio è stato se possibile ancora più acceso.

In difesa del greco hanno parlato Angelino Alfano, il francese Bernard Cazeneuve e il tedesco Thomas de Maiziere, che con la Commissione Ue premono per l’attuazione delle soluzioni europee. Ma la situazione è tesissima. Quando alla richiesta di aiuto di Atene in modo quasi surreale Chovanec ha spiegato che la Repubblica Ceca, a dimostrazione della sua solidarietà, “ha già inviato cinquemila coperte”, Mouzalas è sbottato.

Avramopoulos ha messo in guardia: “Servono risultati chiari e tangibili sul terreno nei prossimi dieci giorni, o c’è il rischio che l’intero sistema collassi”. Tra dieci giorni ci sarà infatti un nuovo vertice straordinario dei leader dei 28 sulla crisi dei profughi con la Turchia. All’inviato di Ankara i ministri dell’Unione hanno chiesto di ridurre drasticamente i flussi entro quella data e se per il 7 marzo non saranno stati drasticamente ridotti “si dovranno trovare altre misure e fare nuovi piani di emergenza”, ha avvertito il ministro dell’Immigrazione olandese Klaas Dijkhoff.

“Con i muri si generano solo illusioni”, ha evidenziato Alfano, che è tornato alla carica sulla necessità di rivedere il regolamento di Dublino. E’ “inaccettabile” l’idea di risolvere i problemi “sulle spalle di altri Paesi”, ha affermato De Maiziere. Mentre Cazneuve – risentito dai controlli alle frontiere imposte dal Belgio per lo smantellamento della ‘Giungla’ di Calais senza preavviso – ha detto “no alle politiche che mettano in difficoltà la Grecia”.

(di Patrizia Antonini/ANSA)

Ultima ora

14:13Mattarella, grazie a Protezione Civile, paese riconoscente

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Il Paese vi è riconoscente, grazie per quello che fate". Con queste parole il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha consegnato la medaglia d'oro al Valore Civile al dipartimento della Protezione civile per l'intervento nei terremoti che dall'agosto 2016 hanno colpito il centro Italia.

14:12Champions: Totti, sorteggio non male ma Shakhtar forte

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Per quello che c'era è andata abbastanza bene, ma non bisogna sottovalutare lo Shakhtar, squadra forte fisicamente e atleticamente. Sarà una partita apertissima. L'unico piccolo vantaggio potrebbe essere quello di giocare il ritorno in casa, ci sono tre mesi per preparare a questa partita, ma per adesso pensiamo al campionato". Così Francesco Totti commenta ai microfoni di Premium Sport l'esito del sorteggio degli ottavi di finale di Champions League a Nyon, che vedrà la Roma affrontare lo Shakhtar Donetsk.

14:09Calcio: Ps Catania arresta ultra Matera, altri 33 denunciati

(ANSA) - CATANIA, 11 DIC - Cinquantadue bombe carta, 10 mazze di ferro e 4 da baseball, martelli ed 1 noccoliera, oltre a due tre bombe carte artigianali due a fontana e sette fumogeni sono stati sequestrati ieri dalla Digos di Catania durante le perquisizioni eseguite nei confronti dei 50 tifosi del Matera e dei due bus sui quali viaggiavano per assistere alla partita di calcio allo stadio Massimino valida per il torneo di Lega Pro. Il materiale è stato sequestrato e un ultra del Matera, M. P., di 35 anni, è stato arrestato. Altri 33 sono stati denunciati in stato di libertà. Tutti sono stati identificati e fotosegnalati. Il questore di Catania, Giuseppe Gualtieri, che aveva predisposto il piano di controlli della Digos etnea, procederà anche con i Daspo. (ANSA).

14:07Ginnastica: Biles, da Olimpiadi Rio a cheerleader Nfl

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Vincitrice di 4 medaglie d'oro all'Olimpiade di Rio 2016, e di dieci titoli mondiali in carriera, la fuoriclasse statunitense della ginnastica artistica, Simone Biles, ieri ha vissuto una domenica decisamente diversa. Cresciuta a Houston e tifosa del team locale di football americano, i Texans che giocano nella Nfl, ieri ha incitato la squadra del cuore vestendo i panni della cheerleader. Poi, sui social, ha documentato l'esperienza, twittando prima del match la frase "non vedo l'ora che arrivi la mia prima partita...forza Texans!" e pubblicando anche una foto scattata insieme all'ex fuoriclasse del basket (2 titoli vinti con i Rockets) Hakeem Olajuwon, anche lui allo stadio per tifare Houston, che affrontava i San Francisco 49ers. n realtà la Biles non ha portato molta fortuna ai Texans, sconfitti per 26-16 e privati, nel corso dell'incontro, del quarterback titolare, Tom Savage, costretto a uscire dopo aver preso un colpo in testa.

14:05Cause di favore per amici, arrestato magistrato

(ANSA) - NAPOLI, 11 DIC - Il giudice Mario Pagano, già magistrato del Tribunale di Salerno, attualmente in servizio presso il Tribunale di Reggio Calabria, è agli arresti domiciliari al termine di indagini disposte e coordinate dalla Procura di Napoli. Secondo la Procura, Pagano "si sarebbe adoperato nel tempo per favorire imprenditori ai quali era legato da consolidati rapporti di amicizia, trattando cause riferibili a tali amici con esito favorevole per questi ultimi" e "ricevendo dagli imprenditori utilità varie".Pagano è uno dei sette destinatari delle ordinanze cautelari disposte dal Gip di Napoli: due ai domiciliari, quattro applicative del divieto di dimora ed una applicativa dell'obbligo di dimora. Ai domiciliari anche il funzionario giudiziario Nicola Domenico Montone. Divieto di dimora nei confronti degli imprenditori Luigi Celestre Angrisani, Riccardo De Falco, Giovanni Di Iura e Roberto Leone ed infine obbligo di dimora nel comune di residenza nei confronti del consulente fiscale Antonio Piluso.

14:05India: Rahul Gandhi presidente eletto partito del Congresso

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Rahul Gandhi è diventato oggi a New Delhi il nuovo presidente eletto dello storico partito del Congresso indiano (Inc), attualmente all'opposizione. Lo ha annunciato il presidente della Commissione centrale elettorale di questa formazione politica, Mullappally Ramachandran. L'elezione del figlio di Sonia Gandhi, che ha 47 anni e non è sposato, è divenuta automatica perché alla scadenza odierna della presentazione delle candidature per l'incarico, nessun'altra personalità del partito si è fatta avanti. Si tratta del sesto membro della famiglia Nehru-Gandhi (solo lontanamente imparentata con il Mahatma) ad assumere l'importante carica. Gli altri cinque sono stati: Motilal Nehru, Jawaharlal Nehru, Indira Gandhi, Rajiv Gandhi e Sonia Gandhi. Quest'ultima è stata la più longeva, mantenendo la presidenza per 19 anni. La trasmissione del comando fra madre e figlio, si è infine appreso, avverrà il prossimo 16 dicembre.

14:04Cancellato volo Francoforte-Orio

(ANSA) - BERGAMO, 11 DIC - Duecento passeggeri sono rimasti bloccati a Francoforte dopo che ieri sera un volo Ryanair diretto a Orio al Serio è stato cancellato per le avverse condizioni meteo. Ora i passeggeri, tra cui molti italiani, non sanno quando riusciranno a tornare. Il servizio di assistenza di Ryanair infatti ha confermato che il volo successivo, quello in programma oggi alla stessa ora, è già al completo e forse si libereranno solo 10 posti. Alcuni passeggeri hanno contattato il numero dell'assistenza della compagnia lowcost, senza ottenere risposta.

Archivio Ultima ora