Balneari: Corte Ue verso no alla proroga delle concessioni

Pubblicato il 25 febbraio 2016 da redazione

Un bagnino apre un ombrellone in uno stabilimento balneare, Viareggio, 20 luglio 2010.  ANSA/FRANCO SILVI

Un bagnino apre un ombrellone in uno stabilimento balneare, Viareggio, 20 luglio 2010.
ANSA/FRANCO SILVI

BRUXELLES. – Burrasca all’orizzonte per i balneari: la proroga delle concessioni sino al 2020 decisa dal governo italiano rischia di essere bocciata dalla Corte di giustizia Ue. E’ arrivato un primo pollice verso, infatti, dall’avvocatura generale di Lussemburgo, che nelle sue conclusioni presentate ha ritenuto che la legge italiana sia contraria al diritto europeo. Perché, di fatto, crea una discriminazione tra gli operatori economici impedendo l’ingresso sul mercato ai nuovi entranti.

Immediata la levata di scudi del settore, da Assobalneari al Sib, e di alcune città e regioni come la Liguria, che chiedono al governo di muoversi con Bruxelles, minacciando altrimenti di agire autonomamente. Secondo l’avvocato generale della Corte Maciej Szpunar, la direttiva servizi Ue, nota come ‘Bolkenstein’ dal nome del commissario Ue che la concepì, “impedisce alla normativa nazionale di prorogare in modo automatico la data di scadenza delle concessioni per lo sfruttamento economico del demanio pubblico marittimo e lacustre”.

Ovvero le concessioni balneari “non costituiscono ‘servizi’ ai sensi delle norme dell’Unione in materia di appalti pubblici ma ‘servizi’ ai sensi della citata direttiva”, secondo cui quando “il numero di autorizzazioni disponibili sia necessariamente limitato in ragione della rarità o comunque della limitatezza delle risorse naturali”, queste “debbono essere concesse secondo una procedura di selezione imparziale e trasparente, per una durata limitata, e non possono essere oggetto di una proroga automatica”.

Il caso è da tempo sotto la lente della Commissione Ue. Bruxelles, sin dai decreti e leggi proroghe italiane del 2009-2012 e poi del 2015 che hanno allungato automaticamente le concessioni sino al 2020 – a dispetto dell’entrata in vigore della controversa ‘Bolkenstein’ -, ha sempre espresso fortissime riserve. Il caso è poi approdato alla Corte di Lussemburgo in seguito a due cause, intentate una in Lombardia dalla Promoimpresa per uno stabilimento balneare sul Lago Garda, e un’altra in Sardegna da diversi gestori. Questi avevano chiesto una proroga delle rispettive concessioni, ma le amministrazioni locali le hanno respinte. Da qui il ricorso al Tar della Lombardia e della Sardegna, che si sono rivolti alla Corte Ue.

La sentenza vera e propria arriverà nell’arco dei prossimi mesi, e le conclusioni dell’avvocatura non sono vincolanti, ma nella maggior parte dei casi vengono seguite. C’è quindi “seria preoccupazione” da parte di Assobalneari, per cui è “necessario che il governo italiano si rechi a Bruxelles per negoziare con la Commissione Ue un periodo transitorio non inferiore ai trent’anni”. E in ogni caso, ha avvertito, è “pronta a sostenere qualsiasi azione” a difesa del settore. Il Sib, invece, chiede una “attenta lettura e valutazioni” con i suoi legali, invitando a “tenere i nervi saldi e la mente lucida”.

Già sul piede di guerra l’assessore ligure Marco Scajola: “se lo Stato non dovesse intervenire” allora “la Liguria è pronta a muoversi autonomamente”. Chiedono invece “chiarezza” e l’approvazione “con la massima urgenza” della legge sulle spiagge i balneari di Viareggio, mentre il leader della Lega Nord Matteo Salvini avverte che “sosterremo solo sindaci che difenderanno i lavoratori italiani”.

(di Lucia Sali/ANSA)

Ultima ora

00:30Calcio: Nicola, mantengo la promessa e vado in bici a Torino

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Io ci credevo". Davide Nicola è forse il meno sorpreso della salvezza del suo Crotone. "Sono molto soddisfatto e gratificato - le sue parole a Premium Sport - Ero convinto che attraverso il lavoro e la costruzione di un gruppo si potesse raggiungere quest'obiettivo. La squadra ha lavorato per meritare di rimanere in A: l'ho sempre detto ai ragazzi. Dal punto di vista tecnico, tattico e mentale c'è stato un grande lavoro dietro ed è per questo che non volevo sentir parlare del Crotone come di una favola. Avremmo potuto salvarci prima, ma anche retrocedere prima: la realtà è che più si vuole ottenere un obiettivo, più si deve essere disposti a perderlo". Poi il tecnico rivela che manterrà fede alla promessa fatta in caso di salvezza: "Crotone-Torino in bicicletta? È la parte più facile: lo farò con grande piacere, le promesse le mantengo. In questo momento la prima parola che mi viene in mente è gratitudine. E sono dispiaciuto per l'Empoli, perché so che per una squadra che festeggia ce n'è una che soffre".

00:27Auto: Indianapolis, guasto al motore e Alonso si ritira

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Il team Andretti Autosport si aggiudica la 500 Miglia a Indianapolis, ma non è Fernando Alonso a regalargli la vittoria, bensì l'ex pilota di Formula 1 Takuma Sato, primo giapponese a vincere su questo circuito in questa classe, che ha beffato Helio Castroneves nel finale di gara. Per lo spagnolo, che oggi ha saltato il Gran Premio di Monaco, restano invece da ricordare solo i 27 giri condotti in testa, prima di essere costretto al ritiro a 20 dalla fine per un guasto al motore della sua McLaren-Honda (in quel momento era settimo). Un peccato perché l'ex ferrarista stava ben animando la gara e il pubblico lo aveva anche accolto molto calorosamente.

00:04Totti: Zeman, oggi non è stata una festa ma una tragedia

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Mi spiace per Totti, perché non è stato lui a decidere. E oggi, anziché una festa, è stata una tragedia. Oggi gli consiglierei di continuare a giocare: lui ha ancora voglia. In Italia no, bisogna vedere se fuori troverà una squadra adatta alle sue qualità". Così Zdenek Zeman a Premium Sport sull'addio di Francesco Totti alla maglia giallorosa.

00:01Basket: semifinali playoff, Venezia-Avellino 88-77

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - L'Umana Reyer Venezia risponde alla sconfitta in gara-1 di semifinale dominando la Sidigas Avellino: l'88-77 finale, infatti, è frutto del relax con cui Venezia ha chiuso la gara, che aveva portato sull'88-65. A trascinare i veneziani è stato l'mvp Peric (23 punti), ma ha pagato anche la scelta di coach De Raffaele di inserire nel quintetto un centro di peso come Batista. Venezia, infatti, ha dominato anche a rimbalzo: 39-23 il conto. Avellino, invece, ha dovuto fare i conti con la serata negativa di Ragland, fermatosi a 5 punti in 19 minuti in campo, quando la sua squadra ha subìto un parziale negativo di 18 punti rispetto agli avversari. Avellino ha provato più volte a riavvicinarsi nel punteggio, ma non è mai scesa sotto i quattro punti di ritardo, soffrendo l'intensità difensiva e il dinamismo offensivo dell'Umana Reyer, che ha mandato in doppia cifra ben cinque giocatori: oltre a Peric, anche Haynes (13), Ejim (11), Batista e McGee (entrambi 10 punti personali). Martedì, ad Avellino, gara-3.

23:50Calcio: Roma, per Emerson rottura del crociato

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro: questa la diagnosi riscontrata ad Emerson Palmieri, infortunatosi oggi nel primo tempo dell'ultima di campionato tra Roma e Genoa. Il terzino giallorosso, peraltro, era stato appena convocato dal ct Ventura in azzurro, ma dovrà rimandare il suo esordio con l'Italia. Domani sarà operato a Villa Stuart, a Roma.

23:49Dante: Gifuni legge Paradiso dalla Torre di Pisa

(ANSA) - PISA, 28 MAG - Finale ad effetto per "Danteprima", la manifestazione dedicata a Dante Alighieri, con l'attore Fabrizio Gifuni che ha letto alcuni canti del Paradiso dall'alto della Torre pendente di Pisa. Quello di stasera è stato l'ultimo appuntamento con la rassegna che Pisa, capitale dantesca, dedica a Dante in vista delle celebrazioni per il settecentenario dalla morte del sommo poeta nel 2021. (ANSA).

23:46Pallavolo: verso la World League, all’Italia la Vesuvio Cup

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Con due vittorie su due, la Nazionale italiana di pallavolo maschile si aggiudica la prima edizione della Vesuvio Cup, torneo triangolare disputato a Napoli. Dopo aver sconfitto ieri l'Argentina 3-1, oggi i ragazzi del ct Blengini hanno battuto con lo stesso risultato il Giappone: 25-17, 11-25, 25-15, 25-22. Il gruppo azzurro si ritroverà a Pesaro martedì sera per riprendere la preparazione in vista del primo weekend di World League, da venerdì a domenica, con le gare contro Brasile, Polonia e Iran.

Archivio Ultima ora