File ai seggi in Iran. Riformisti sicuri, vinceremo noi

Pubblicato il 26 febbraio 2016 da redazione

 Iranians girls show the ink on their fingers, indicating they have voted, in the parliamentary and Experts Assembly election at a polling station at Ershad Mosque in Tehran, Iran, 26 February 2016. EPA/ABEDIN TAHERKENAREH  EPA/ABEDIN TAHERKENAREH

Iranians girls show the ink on their fingers, indicating they have voted, in the parliamentary and Experts Assembly election at a polling station at Ershad Mosque in Tehran, Iran, 26 February 2016. EPA/ABEDIN TAHERKENAREH EPA/ABEDIN TAHERKENAREH

TEHERAN. – Milioni di iraniani si sono messi in fila ai seggi allestiti in moschee, scuole e, in qualche caso, chiese, templi del fuoco e sinagoghe, per eleggere il nuovo Parlamento, o Majlis, in un voto che rappresenta un primo test popolare sulla politica di apertura al mondo voluta dal presidente Hassan Rohani. Le elezioni in Iran si rivelano spesso una sorpresa e quella di oggi è stata l’alta partecipazione dei quasi 55 milioni di elettori. Le previsioni della vigilia, anche sulla base di un sondaggio fatto dall’Irib, emittente della Repubblica islamica iraniana, parlavano di un astensionismo sul 40%. I seggi invece sono stati presi d’assalto sin dalla loro apertura, alle 8 del mattino, e data l’alta affluenza, il ministero degli Interni ha deciso di posticipare la loro chiusura alle 20, anziché alle 18.

Uno dei primi a votare è stato l’ayatollah Khamenei, la guida suprema della Repubblica islamica, che ha sorriso divertito davanti alle telecamere quando ha dovuto presentare il suo documento d’identità agli scrutatori. Poi ha preso la scheda, l’ha compilata, l’ha infilata nell’urna ed ha poggiato il dito su una spugnetta d’inchiostro, per attestare il dovere compiuto. “Consiglio agli iraniani di votare presto e di scegliere in maniera saggia, una grossa partecipazione rappresenta una sconfitta per i nostri nemici”, ha affermato.

Anche il leader della lista riformista Mohammed Reza Aref si è presentato di buon mattino alla Moschea dell’Hosseinyeh Ershab, un seggio molto frequentato dai vip iraniani oltre che da una folla eterogenea, uno spaccato del paese, composto da mullah, giovani ragazze con i veli appena appoggiati sulla nuca, uomini in vestiti tribali tradizionali, donne in nero e persino un sosia di Mr. Bean che, con un orsacchiotto in mano, si divertiva a prendere in giro chi nei giorni scorsi, a causa di un programma della Bbc in farsi, aveva denunciato un complotto britannico per influenzare le elezioni.

All’interno della Moschea, sotto la grande cupola in blu di lapislazzuli, i candidati votavano e rilasciavano dichiarazioni davanti alle decine di troupe televisive, mentre uomini e donne, prima in un’unica fila, poi in file divise per sesso e infine, di nuovo riuniti a tavoli comuni, riempivano le schede.

“Se vinciamo, il cammino sarà più facile e il nostro primo passo sarà porre le basi per una grande crescita economica”, ha detto Aref ai giornalisti. Un altro candidato della lista, Ali Motahhari, un esponente moderato-conservatore molto popolare in Iran, si è detto sicuro che “ci sarà un Majlis molto forte e con una composizione diversa”. Un clerico della lista riformista, Ahmad Mazami, vice presidente della potente e ricca ‘Fondazione per i Martiri’, ha spiegato all’Ansa che se anche i candidati riformisti sono stati falcidiati dalla selezione pre-elettorale del Consiglio dei Guardiani (organismo giuridico-religioso incaricato della supervisione sul Parlamento), chi è rimasto in corsa “è giovane e forte” e con buone probabilità di vittoria.

I riformisti sono convinti che un’alta affluenza li possa avvantaggiare, coscienti dell’errore commesso nel 2012, quando invitarono al boicottaggio del voto lasciando la stragrande maggioranza del Majlis ai conservatori-fondamentalisti. Allora era ancora troppo fresco il ricordo della repressione sanguinosa delle manifestazioni del 2009 contro i brogli elettorali che avevano portato ad un secondo mandato di Ahmadinejad. Nel frattempo però, vi è stata l’elezione del presidente moderato Rohani, l’accordo sul ridimensionamento del programma nucleare iraniano e la fine delle sanzioni, che hanno aperto le porte dell’Iran al mondo e le porte del mondo all’Iran.

Rohani, che ha detto di aspettarsi “un’affluenza epocale” al voto, potrebbe avere finalmente un parlamento dalla sua parte, in grado di sbloccare leggi economiche, sociali e politiche. Oltre che per i 290 seggi del Majilis (di cui quattro eletti dalle minoranze religiose, due deputati dai cristiani, uno dagli zoroastriani e uno dagli ebrei), oggi si è votato anche per l’Assemblea degli esperti, un organismo di religiosi, con durata di 8 anni, che avrà il compito di nominare la prossima Guida Suprema, ovvero l’uomo che controlla tutti i poteri in Iran, qualora Khamenei morisse nel frattempo. Di 800 aspiranti ne sono stati ammessi solo 163, per lo più conservatori, per 88 posti. In corsa vi è comunque anche Rohani, che manterrebbe la sua carica di presidente.

I risultati del voto saranno resi noti nei prossimi giorni. Se alcuni candidati non dovessero passare al primo turno, ci sarà un ballottaggio nell’arco di un mese.

(di Elisa Pinna/ANSA)

Ultima ora

14:13Calcio: De Laurentiis Higuain? Ha dimostrato scarsa cultura

(ANSA) - NAPOLI, 26 APR - "Può indicare me col dito per assolversi di fronte ai tifosi, ma i tifosi non sono stupidi e capiscono perfettamente". Aurelio De Laurentiis torna a parlare di Gonzalo Higuain. "Se tu sei una persona di buon gusto e conosci la storia - aggiunge il presidente - non puoi tradire la tua squadra dove hai giocato e ti sei affermato a livello mondiale, perché tutti ti hanno visto, per andare nella squadra acerrima nemica che è la Juventus". "Credo - conclude De Laurentiis - che sia una caduta di gusto, dove non c'entra più né il presidente né il fratello del giocatore, ma c'entra soltanto la sua cultura che ha dimostrato di essere piccola".

14:11Brasile:indios con archi e frecce manifestano per loro terra

(ANSA) - ROMA, 26 APR - Migliaia di membri di una tribù brasiliana si sono scontrati a Brasilia, armati di archi e frecce, con la polizia in tenuta antisommossa che ha risposto con gas lacrimogeni: gli indigeni hanno dimostrato nella capitale del Paese per ottenere maggiori diritti e denunciare la continua espansione del settore agricolo nelle loro riserve, riportano i media internazionali. Indossando i tradizionali copricapi ricoperti di penne, gli indigeni hanno portato nel centro della città decine di finte bare per ricordare la strage dei loro antenati morti difendendo le terre ancestrali. La protesta coincide con la cosiddetta 'Settimana Indigena', che prevede a Brasilia una serie di attività per denunciare i crescenti problemi delle tribù. I dimostranti hanno detto che almeno quattro indigeni sono stati arrestati negli scontri, mentre la polizia non ha fornito alcuna informazione.

14:09Napoli: Loreto Mare, fogna intasata,liquami corridoi reparti

(ANSA) - NAPOLI, 26 APR - "Improvvisamente è uscita acqua maleodorante dai gabinetti, il reparto è stato invaso dalla puzza ma devo dire anche che sono intervenuti gli idraulici che hanno lavorato fino a tarda notte". Così Salvatore racconta, dal suo letto in Chirurgia al secondo piano dell'Ospedale Loreto Mare di Napoli, la rottura della colonna fecale della struttura. La rottura è avvenuta dal secondo piano: è lì che lunedì sera si è otturato il tubo, fino a rompersi, sversando le acque nei bagni e fuori, fino al corridoio dei reparti. "L'acqua sporca non è arrivata nelle stanze - dice - gli operai l'hanno fermata in tempo. Abbiamo aperto le finestre e cercato di tollerare il cattivo odore". E ora la corsa è contro il tempo per riattivare al più presto i bagni. Ma perché si è rotta la fecale? Lo spiega Mariella Corvino, direttore sanitario: "Si è otturata perché i pazienti ci buttano di tutto: pannoloni, garze, ovatta. Gli idraulici stavolta hanno trovato anche grossi pezzi di plastica e bicchierini del caffé''.

14:08Scuola senza fondi non fa corso recupero, nulla bocciatura

(ANSA) - GENOVA, 26 APR - Una scuola, anche se mancano i fondi, non può bocciare uno studente se prima non garantisce nei tempi dovuti un corso di recupero per dare la possibilità di rimediare a carenze in una materia di studio. Così il Tar della Liguria ha permesso a una studentessa di un istituto superiore di Chiavari di opporsi alla non ammissione alla terza classe obbligando la scuola a rivalutare la sua preparazione dopo il ricorso presentato dai genitori. La ragazza è stata promossa alla fine del percorso di applicazione del piano di offerta formativa (Pof) imposto dal Tar consistente in un corso di recupero di 6 ore e una nuova verifica in matematica, la materia in cui aveva evidenziato insufficienze. La vicenda giudiziaria si riferisce all'anno scolastico 2015-2016 ma si è conclusa in questi giorni con la pronunzia del Tar che ha preso atto dell'ammissione alla classe successiva verbalizzata dal consiglio di classe a inizio 2017 condannando il Ministero dell'Istruzione al pagamento di 2 mila euro per le spese di giudizio. "Il Pof richiede nei casi più gravi, come quello della studentessa, l'attivazione di corsi di recupero - spiega il Tar nell'ordinanza che ha messo in discussione la bocciatura -. Il mero invito a intensificare lo studio non appare sufficiente a ritenere adempiuto quanto richiesto dal Pof".(ANSA).

14:03Calcio: De Laurentiis, Sarri ha clausola da 8 milioni

(ANSA) - NAPOLI, 26 APR - "Sarri ha un contratto che lo lega a noi per molti anni e ha una clausola penale, che può scattare soltanto tra un'altra stagione, di 8 milioni di euro". Così il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis parlando in un'intervista a Beln Sports dei rapporti tra la società e l'allenatore azzurro. "Non mi sembra poco come penale per andare ad allenare da qualche altra parte", ha aggiunto De Laurentiis.

14:02Killer ricercato: rubato nella zona kit di pronto soccorso

(ANSA) - BOLOGNA, 26 APR - Un kit di pronto soccorso, con bende, garze e disinfettante. La cassetta era in un garage-ripostiglio vicino ad un casolare ed è sparita nella zona in cui si sta concentrando da giorni la caccia a Norbert Feher, serbo accusato di tre omicidi dalle Procure di Bologna, Ferrara e Ravenna. A constatarne la mancanza è stato di recente il proprietario dello stabile, che però non ha saputo dire agli investigatori con esattezza a quando risale il furto. Bisognerà approfondire se parte del contenuto del kit sia il materiale trovato l'8 aprile nel Fiorino abbandonato dal killer a Molinella, prima di far perdere le tracce. Nel furgoncino erano state repertate garze e cerotti, utilizzate presumibilmente dal ricercato per le ferite rimediate il primo aprile nella colluttazione con il barista di Budrio Davide Fabbri, ucciso con un colpo di pistola. Intanto le ricerche proseguono e in mattinata c'è stato un nuovo approfondito controllo in un casolare a Consandolo (Ferrara) da parte dei Carabinieri. (ANSA).

13:59Calcio: serie A, quattro squalificati per un turno

(ANSA) - ROMA, 26 APR - Cristiano Biraghi (Pescara), Mattia De Sciglio e Jose Sosa (Milan), Blerim Dzemaili (Bologna). Sono i quattro giocatori di serie A che dovranno saltare il prossimo turno, secondo quanto deciso dal giudice sportivo dopo le gare dello scorso fine settimana.

Archivio Ultima ora