File ai seggi in Iran. Riformisti sicuri, vinceremo noi

Pubblicato il 26 febbraio 2016 da redazione

 Iranians girls show the ink on their fingers, indicating they have voted, in the parliamentary and Experts Assembly election at a polling station at Ershad Mosque in Tehran, Iran, 26 February 2016. EPA/ABEDIN TAHERKENAREH  EPA/ABEDIN TAHERKENAREH

Iranians girls show the ink on their fingers, indicating they have voted, in the parliamentary and Experts Assembly election at a polling station at Ershad Mosque in Tehran, Iran, 26 February 2016. EPA/ABEDIN TAHERKENAREH EPA/ABEDIN TAHERKENAREH

TEHERAN. – Milioni di iraniani si sono messi in fila ai seggi allestiti in moschee, scuole e, in qualche caso, chiese, templi del fuoco e sinagoghe, per eleggere il nuovo Parlamento, o Majlis, in un voto che rappresenta un primo test popolare sulla politica di apertura al mondo voluta dal presidente Hassan Rohani. Le elezioni in Iran si rivelano spesso una sorpresa e quella di oggi è stata l’alta partecipazione dei quasi 55 milioni di elettori. Le previsioni della vigilia, anche sulla base di un sondaggio fatto dall’Irib, emittente della Repubblica islamica iraniana, parlavano di un astensionismo sul 40%. I seggi invece sono stati presi d’assalto sin dalla loro apertura, alle 8 del mattino, e data l’alta affluenza, il ministero degli Interni ha deciso di posticipare la loro chiusura alle 20, anziché alle 18.

Uno dei primi a votare è stato l’ayatollah Khamenei, la guida suprema della Repubblica islamica, che ha sorriso divertito davanti alle telecamere quando ha dovuto presentare il suo documento d’identità agli scrutatori. Poi ha preso la scheda, l’ha compilata, l’ha infilata nell’urna ed ha poggiato il dito su una spugnetta d’inchiostro, per attestare il dovere compiuto. “Consiglio agli iraniani di votare presto e di scegliere in maniera saggia, una grossa partecipazione rappresenta una sconfitta per i nostri nemici”, ha affermato.

Anche il leader della lista riformista Mohammed Reza Aref si è presentato di buon mattino alla Moschea dell’Hosseinyeh Ershab, un seggio molto frequentato dai vip iraniani oltre che da una folla eterogenea, uno spaccato del paese, composto da mullah, giovani ragazze con i veli appena appoggiati sulla nuca, uomini in vestiti tribali tradizionali, donne in nero e persino un sosia di Mr. Bean che, con un orsacchiotto in mano, si divertiva a prendere in giro chi nei giorni scorsi, a causa di un programma della Bbc in farsi, aveva denunciato un complotto britannico per influenzare le elezioni.

All’interno della Moschea, sotto la grande cupola in blu di lapislazzuli, i candidati votavano e rilasciavano dichiarazioni davanti alle decine di troupe televisive, mentre uomini e donne, prima in un’unica fila, poi in file divise per sesso e infine, di nuovo riuniti a tavoli comuni, riempivano le schede.

“Se vinciamo, il cammino sarà più facile e il nostro primo passo sarà porre le basi per una grande crescita economica”, ha detto Aref ai giornalisti. Un altro candidato della lista, Ali Motahhari, un esponente moderato-conservatore molto popolare in Iran, si è detto sicuro che “ci sarà un Majlis molto forte e con una composizione diversa”. Un clerico della lista riformista, Ahmad Mazami, vice presidente della potente e ricca ‘Fondazione per i Martiri’, ha spiegato all’Ansa che se anche i candidati riformisti sono stati falcidiati dalla selezione pre-elettorale del Consiglio dei Guardiani (organismo giuridico-religioso incaricato della supervisione sul Parlamento), chi è rimasto in corsa “è giovane e forte” e con buone probabilità di vittoria.

I riformisti sono convinti che un’alta affluenza li possa avvantaggiare, coscienti dell’errore commesso nel 2012, quando invitarono al boicottaggio del voto lasciando la stragrande maggioranza del Majlis ai conservatori-fondamentalisti. Allora era ancora troppo fresco il ricordo della repressione sanguinosa delle manifestazioni del 2009 contro i brogli elettorali che avevano portato ad un secondo mandato di Ahmadinejad. Nel frattempo però, vi è stata l’elezione del presidente moderato Rohani, l’accordo sul ridimensionamento del programma nucleare iraniano e la fine delle sanzioni, che hanno aperto le porte dell’Iran al mondo e le porte del mondo all’Iran.

Rohani, che ha detto di aspettarsi “un’affluenza epocale” al voto, potrebbe avere finalmente un parlamento dalla sua parte, in grado di sbloccare leggi economiche, sociali e politiche. Oltre che per i 290 seggi del Majilis (di cui quattro eletti dalle minoranze religiose, due deputati dai cristiani, uno dagli zoroastriani e uno dagli ebrei), oggi si è votato anche per l’Assemblea degli esperti, un organismo di religiosi, con durata di 8 anni, che avrà il compito di nominare la prossima Guida Suprema, ovvero l’uomo che controlla tutti i poteri in Iran, qualora Khamenei morisse nel frattempo. Di 800 aspiranti ne sono stati ammessi solo 163, per lo più conservatori, per 88 posti. In corsa vi è comunque anche Rohani, che manterrebbe la sua carica di presidente.

I risultati del voto saranno resi noti nei prossimi giorni. Se alcuni candidati non dovessero passare al primo turno, ci sarà un ballottaggio nell’arco di un mese.

(di Elisa Pinna/ANSA)

Ultima ora

23:43Con Trump 22 milioni di americani senza sanità entro il 2026

(ANSA) - WASHINGTON, 26 GIU - La nuova versione della riforma sanitaria repubblicana presentata al Senato Usa ridurrà il deficit pubblico di 321 miliardi di dollari entro il 2026, ma aentro quell'anno lascerà 22 milioni di persone negli Stati Uniti senza assicurazione sanitaria. E' la stima dell'ufficio budget del Congresso (Cbo), organo bipartisan. La versione precedente approvata dalla Camera lasciava senza copertura un milione di persone in più (23 mln). La riduzione è pari quasi all'aumento delle persone assicurate con l'Obamacare. Se la riforma fosse approvata, secondo il Cbo, le persone che perderebbero la copertura sanitaria salirebbero complessivamente a 49 milioni nel 2026 (quasi un sesto della popolazione Usa), contro i 28 milioni con la legge attuale. Il risparmio maggiore, secondo Cbo, arriverà dal taglio del Medicaid (il programma per le persone con redditi bassi o disabili), che nel 2026 sarà 26 punti percentuali più basso di adesso.

22:29Rapinatore ucciso: in centinaia a presidio per gioielliere

(ANSA) - PISA, 26 GIU - Centinaia di persone stanno partecipando al presidio promosso da Confcommercio per rinnovare la loro solidarietà a Daniele Ferretti, il gioielliere pisano che due settimane fa ha ucciso un rapinatore reagendo a un tentativo di rapina nel suo negozio. Alla manifestazione è presente anche il presidente regionale dell'associazione dei commercianti, Anna Lapini. L'iniziativa serve anche a sostenere la raccolta fondi per il pagamento delle spese legali dell'orefice attraverso la vendita di una maglietta sulla quale campeggia la scritta #iostocondaniele che è già stata acquistata in varie parti d'Italia. Tra i politici presente il vicesindaco pisano Paolo Ghezzi, l'assessore Andrea Serfogli, il consigliere regionale e vicesegretario toscano del Pd, Antonio Mazzeo, e il sindaco leghista di Cascina (Pisa), Susanna Ceccardi. Durante la tentata rapina di due settimane fa Ferretti, ora indagato per omicidio, sparò con la sua pistola legalmente detenuta dopo essersi accorto che uno dei due banditi entrati nel negozio aveva puntato una pistola in faccia alla moglie. A terra i carabinieri hanno repertato due bossoli: sei colpi furono dall'orefice e due dal bandito armato. Nella sparatoria è rimasto ucciso l'altro malvivente che non impugnava l'arma mentre il complice e un altro uomo rimasto all'esterno a fare da palo sono riusciti a fuggire.(ANSA).

21:42Anziana morta in casa, accanto figlio in stato confusionale

(ANSA) - TORINO, 26 GIU - Il cadavere di una donna di 74 anni, in avanzato stato di decomposizione, è stato trovato questa sera nella sua abitazione di Poirino, nel Torinese. Il corpo non presenta segni di violenza, ma soltanto l'autopsia potrà stabilire le cause del decesso. Nell'abitazione era presente anche il figlio, 49 anni, in evidente stato confusionale. Questa mattina la compagna ne aveva denunciato la scomparsa. La posizione dell'uomo, che secondo le prime informazioni soffriva di una forte depressione, è al vaglio dei carabinieri. Il ritrovamento ad opera di questi ultimi, che si erano recati a casa dell'anziana proprio per cercare il figlio scomparso. Le indagini sono coordinate dal pm Donatella Masia, della procura di Asti. Secondo le prime informazioni, nei giorni scorsi i vicini si erano lamentati del fetore proveniente da quella casa.(ANSA).

21:15Ragazzo italiano accoltellato a morte a Londra

(ANSA) - LONDRA, 26 GIU - Un ragazzo italiano, Pietro Sanna, di origini sarde, é stato accoltellato a morte nelle ultime ore a Londra. Lo riferiscono fonti investigative in Gran Bretagna. Il consolato generale italiano, come é stato riferito all'ANSA, é in contatto sia con la famiglia della vittima, sia con la polizia, che sta indagando per fare luce sull'episodio. Non ancora chiare, secondo Scotland Yard, le cause e le circostanze esatte dell'accaduto.

21:00Germania: coalizione Cdu-Fdp in Westfalia, apripista Berlino

(ANSA) - BERLINO, 26 GIU - In Germania torna di moda il nero-giallo. La Cdu di Angela Merkel e i liberali hanno firmato un patto di coalizione per il governo del Land Nordreno- Westfalia, governato precedentemente da socialdemocratici e verdi, clamorosamente sconfitti alle ultime amministrative. Armin Laschet (Cdu) e Christian Lindner (Fdp) hanno sottoscritto il programma a Duesseldorf e Laschet sarà eletto come leader del governo locale dal Landtag (il parlamento della regione). Il Land di Duesseldorf viene ritenuto un apripista, in genere, per le sorti del governo federale di Berlino. E oggi l'autorevole ministro delle finanze, Wolfgang Schaeuble, si è pronunciato chiaramente a favore di una coalizione coi liberali: "Ho sempre ritenuto l'Fdp un partner privilegiato per una coalizione con l'Unione", ha detto all'Handelsblatt. "Non avremmo esitato un secondo nel 2013 ad andare avanti nella coalizione coi liberali. Purtroppo non riuscirono in quel caso a entrare in Parlamento".

20:50Trump, è ‘chiara vittoria’ decisione Corte Suprema su bando

(ANSA) - WASHINGTON, 26 GIU - La decisione della Corte Suprema sul bando "è una chiara vittoria per la nostra sicurezza nazionale": lo afferma il presidente americano, Donald Trump, in una dichiarazione diffusa alla stampa. "La mia prima responsabilità come Commander in Chief è quella di garantire la sicurezza degli americani e la decisione di oggi mi dà uno strumento importante per farlo", aggiunge il tycoon. "La decisione all'unanimità della Corte Suprema è una chiara vittoria per la nostra sicurezza nazionale. Consente la parziale entrata in vigore della sospensione dei viaggi da sei Paesi" a maggioranza musulmana, afferma Trump. "Come presidente non posso consentire a persone che vogliono farci del male di entrare nel Paese". "Sono inoltre gratificato dal fatto che la decisione sia stata assunta 9 a 0", ha concluso, riferendosi all'unanimità dei 'saggi' nel valutare il caso e ascoltare le sue argomentazioni.

20:46Palio Siena:’cencio’ Brocchi per i 200 anni Teatro dei Rozzi

(ANSA) - SIENA, 26 GIU - Un lungo applauso ha accolto nell'Entrone di Palazzo Pubblico a Siena il 'Drappellone' disegnato dall'artista senese Laura Brocchi per il Palio di Provenzano del 2 luglio, dedicato quest'anno ai 200 anni del Teatro dei Rozzi. Sulla sinistra del 'cencio' che viene assegnato alla contrada vittoriosa sul tufo della piazza nella carriera del 2 luglio, le contrade sono rappresentate a sbalzo su mattonelline di rame ricoperto di argento mentre sul lato destro è raffigurata la Madonna che ha il volto della mamma dell'artista. Il velo azzurro ha la forma di un drappeggio che come un sipario si apre sul primo attore della Carriera: il cavallo. Nella pupilla dell'animale il riflesso del giubilo. Le maschere, che richiamano l'attività teatrale, sono inserti di stoffa cuciti dalle amiche di Brocchi, gli stemmi, quelli del Comune e del Popolo sono stati realizzati con lo stile utilizzato da Cesare Olmastroni, una scelta dettata sempre dal cuore nei confronti del pittore recentemente scomparso. E proprio all'artista senese ha rivolto il suo omaggio il sindaco di Siena Bruno Valentini nel suo discorso: "In questo giorno di festa, un pensiero speciale va ad una persona che ha dato tanto e fatto tanto per il Palio, e che se potesse sarebbe senz'altro qui con noi oggi", ha detto il primo cittadino. "Il Palio è la nostra festa, la più bella di tutte, e nessuno potrà mai cancellarla, snaturarla o denigrarla, noi non lo permetteremo", ha concluso Valentini. Presentato anche il Masgalano, il premio che viene assegnato alla Contrada le cui comparse si distinguono nei cortei storici che precedono i Palii di luglio e agosto, realizzato quest'anno dal maestro di arte orafa Paolo Penko, offerto da Lions Club Siena, in occasione del 60esimo anniversario del club senese e dei 100 anni del Lions International. (ANSA).

Archivio Ultima ora