File ai seggi in Iran. Riformisti sicuri, vinceremo noi

Pubblicato il 26 febbraio 2016 da redazione

 Iranians girls show the ink on their fingers, indicating they have voted, in the parliamentary and Experts Assembly election at a polling station at Ershad Mosque in Tehran, Iran, 26 February 2016. EPA/ABEDIN TAHERKENAREH  EPA/ABEDIN TAHERKENAREH

Iranians girls show the ink on their fingers, indicating they have voted, in the parliamentary and Experts Assembly election at a polling station at Ershad Mosque in Tehran, Iran, 26 February 2016. EPA/ABEDIN TAHERKENAREH EPA/ABEDIN TAHERKENAREH

TEHERAN. – Milioni di iraniani si sono messi in fila ai seggi allestiti in moschee, scuole e, in qualche caso, chiese, templi del fuoco e sinagoghe, per eleggere il nuovo Parlamento, o Majlis, in un voto che rappresenta un primo test popolare sulla politica di apertura al mondo voluta dal presidente Hassan Rohani. Le elezioni in Iran si rivelano spesso una sorpresa e quella di oggi è stata l’alta partecipazione dei quasi 55 milioni di elettori. Le previsioni della vigilia, anche sulla base di un sondaggio fatto dall’Irib, emittente della Repubblica islamica iraniana, parlavano di un astensionismo sul 40%. I seggi invece sono stati presi d’assalto sin dalla loro apertura, alle 8 del mattino, e data l’alta affluenza, il ministero degli Interni ha deciso di posticipare la loro chiusura alle 20, anziché alle 18.

Uno dei primi a votare è stato l’ayatollah Khamenei, la guida suprema della Repubblica islamica, che ha sorriso divertito davanti alle telecamere quando ha dovuto presentare il suo documento d’identità agli scrutatori. Poi ha preso la scheda, l’ha compilata, l’ha infilata nell’urna ed ha poggiato il dito su una spugnetta d’inchiostro, per attestare il dovere compiuto. “Consiglio agli iraniani di votare presto e di scegliere in maniera saggia, una grossa partecipazione rappresenta una sconfitta per i nostri nemici”, ha affermato.

Anche il leader della lista riformista Mohammed Reza Aref si è presentato di buon mattino alla Moschea dell’Hosseinyeh Ershab, un seggio molto frequentato dai vip iraniani oltre che da una folla eterogenea, uno spaccato del paese, composto da mullah, giovani ragazze con i veli appena appoggiati sulla nuca, uomini in vestiti tribali tradizionali, donne in nero e persino un sosia di Mr. Bean che, con un orsacchiotto in mano, si divertiva a prendere in giro chi nei giorni scorsi, a causa di un programma della Bbc in farsi, aveva denunciato un complotto britannico per influenzare le elezioni.

All’interno della Moschea, sotto la grande cupola in blu di lapislazzuli, i candidati votavano e rilasciavano dichiarazioni davanti alle decine di troupe televisive, mentre uomini e donne, prima in un’unica fila, poi in file divise per sesso e infine, di nuovo riuniti a tavoli comuni, riempivano le schede.

“Se vinciamo, il cammino sarà più facile e il nostro primo passo sarà porre le basi per una grande crescita economica”, ha detto Aref ai giornalisti. Un altro candidato della lista, Ali Motahhari, un esponente moderato-conservatore molto popolare in Iran, si è detto sicuro che “ci sarà un Majlis molto forte e con una composizione diversa”. Un clerico della lista riformista, Ahmad Mazami, vice presidente della potente e ricca ‘Fondazione per i Martiri’, ha spiegato all’Ansa che se anche i candidati riformisti sono stati falcidiati dalla selezione pre-elettorale del Consiglio dei Guardiani (organismo giuridico-religioso incaricato della supervisione sul Parlamento), chi è rimasto in corsa “è giovane e forte” e con buone probabilità di vittoria.

I riformisti sono convinti che un’alta affluenza li possa avvantaggiare, coscienti dell’errore commesso nel 2012, quando invitarono al boicottaggio del voto lasciando la stragrande maggioranza del Majlis ai conservatori-fondamentalisti. Allora era ancora troppo fresco il ricordo della repressione sanguinosa delle manifestazioni del 2009 contro i brogli elettorali che avevano portato ad un secondo mandato di Ahmadinejad. Nel frattempo però, vi è stata l’elezione del presidente moderato Rohani, l’accordo sul ridimensionamento del programma nucleare iraniano e la fine delle sanzioni, che hanno aperto le porte dell’Iran al mondo e le porte del mondo all’Iran.

Rohani, che ha detto di aspettarsi “un’affluenza epocale” al voto, potrebbe avere finalmente un parlamento dalla sua parte, in grado di sbloccare leggi economiche, sociali e politiche. Oltre che per i 290 seggi del Majilis (di cui quattro eletti dalle minoranze religiose, due deputati dai cristiani, uno dagli zoroastriani e uno dagli ebrei), oggi si è votato anche per l’Assemblea degli esperti, un organismo di religiosi, con durata di 8 anni, che avrà il compito di nominare la prossima Guida Suprema, ovvero l’uomo che controlla tutti i poteri in Iran, qualora Khamenei morisse nel frattempo. Di 800 aspiranti ne sono stati ammessi solo 163, per lo più conservatori, per 88 posti. In corsa vi è comunque anche Rohani, che manterrebbe la sua carica di presidente.

I risultati del voto saranno resi noti nei prossimi giorni. Se alcuni candidati non dovessero passare al primo turno, ci sarà un ballottaggio nell’arco di un mese.

(di Elisa Pinna/ANSA)

Ultima ora

16:38Kosovo: a Belgrado folla commossa a funerali Oliver Ivanovic

(ANSAmed) - BELGRADO, 18 GEN - Una folla commossa e silenziosa ha partecipato oggi al cimitero di Belgrado alla cerimonia funebre in memoria di Oliver Ivanovic, il noto esponente politico della comunità serba in Kosovo ucciso a colpi d'arma da fuoco in un agguato martedì scorso a Kosovska Mitrovica. A dare l'estremo saluto a Ivanovic vi erano esponenti politici, rappresentanti della società civile, della cultura, dello sport, dello spettacolo. Ma sopratutto centinaia di comuni cittadini che hanno deposto fiori e acceso candele per rendere omaggio a un uomo considerato uno strenuo difensore degli interessi dei serbi del Kosovo.

16:20Sicurezza: Gabrielli, noi stufi fare ‘foglie fico’

(ANSA) - VERCELLI, 18 GEN - "Nel momento in cui avvengono fatti gravi, il magistrato va a cercare una posizione di garanzia, e molto spesso il questore è il soggetto a cui riferire le responsabilità. Torino docet. Quindi noi abbiamo detto basta, siamo stanchi di fare le foglie di fico rispetto a responsabilità che non sono le nostre". Così il capo della Polizia Franco Gabrielli a Torino rispondendo ad alcune domande sulla circolare per la gestione delle manifestazioni pubbliche che stabilisce precise responsabilità su safety e security. "Il fatto che oggi qualcuno non faccia gli eventi perché non ha i soldi, mi fa sorgere il fondato sospetto che prima si facevano le cose così, perché si è sempre fatto", aggiunge Gabrielli, ricordando che "più che la famigerata circolare Gabrielli esiste un secondo comma dell'articolo 40 del codice penale, secondo il quale chi ha l'obbligo giuridico di impedire che avvenga un tragico fatto, e non lo impedisce, equivale a cagionarlo: e quello è il fondamento del reato colposo".(ANSA).

16:16Calcio: Rosetti,al momento challenge allenatori non previsto

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Se è prevista in futuro la chiamata della Var da parte degli allenatori? Il Var è un protocollo internazionale Ifab ed è questo che determina la stesura delle regole. In questo momento il challenge non è previsto". Lo dice il responsabile Var in Italia, Roberto Rosetti, a margine di un convegno Ussi a Roma. "A fine stagione - ha specificato Rosetti - faremo una relazione e anche delle proposte. Ma in questo momento dobbiamo lavorare sulle regole. Se mi piace come idea? A me piacciono tante idee...". "Spiegare in diretta al pubblico le decisioni? State correndo troppo - conclude l'ex fischietto internazionale - Anche in questo caso non è previsto come non sono previste le immagini sul maxischermo".

16:15Cadavere uomo in giardino, droga tra ipotesi decesso

(ANSA) - CAMAIORE (LUCCA), 18 GEN - Non si esclude un malore dovuto all'assunzione di droga e al freddo della scorsa notte, come causa del decesso dell'uomo, identificato poi come un tunisino di 43 anni, rinvenuto privo di vita stamani nel cortile di una villa in ristrutturazione in Versilia, a Camaiore (Lucca). E' quanto emerge dagli investigatori. Le indagini sono seguite dai carabinieri. Sarà comunque l'autopsia, affidata al medico legale Stefano Pierotti, a chiarire le cause del decesso. Secondo quanto ricostruito, il nordafricano, già noto alle forze dell'ordine, viveva in una casa poco distante dalla villa, abitazione che aveva ricevuto in eredità da un italiano, deceduto anni fa. L'uomo è stato rinvenuto nudo nel giardino: gli abiti sono stati trovati, a terra, poco lontano.(ANSA). Ad accorgersi del corpo senza vita alcuni passanti che hanno immediatamente allertato i soccorsi.

16:13Obitorio ospedale troppo piccolo,bare con salme in corridoio

(ANSA) - SERRA SAN BRUNO (VIBO VALENTIA), 18 GEN - Lamentele e proteste nell'ospedale di Serra San Bruno per l'impossibilità di collocare le salme di persone decedute nell'obitorio del nosocomio per mancanza di spazi. La direzione dell'ospedale si é vista costretta a fare collocare in un corridoio due bare con le salme, suscitando le proteste dei parenti dei defunti. Nel corridoio in cui sono state collocate le salme, tra l'altro, si é determinato un sovraffollamento per la presenza dei parenti delle persone decedute. Una situazione difficile da gestire per i responsabili dell'ospedale, che già in passato avevano dovuto fare fronte a difficoltà dello stesso tipo. La Direzione sanitaria dell'ospedale ha reso noto, con un comunicato, di avere "ulteriormente sollecitato all'Azienda sanitaria provinciale di Vibo Valentia la soluzione del problema", chiedendo l'ampliamento della sala mortuaria. (ANSA).

16:04Catalogna: Puigdemont chiede voto delegato in Parlament

(ANSA) - MADRID, 18 GEN - Il presidente catalano uscente Carles Puigdemont, e gli altri neo deputati della lista JxCat in esilio a Bruxelles Clara Ponsati e Lluis Puig hanno chiesto oggi alla nuova presidenza del Parlament di poter delegare il voto. Nella seduta costitutiva ieri è stata accolta la richiesta di voto delegato dei tre deputati in carcere a Madrid Oriol Junuqeras, Jordi Sanchez e Joaquim Forn. Il governo di Madrid ha però annunciato che farà ricorso alla Corte costituzionale se a Puigdemont sarà consentito votare dall'esilio belga.

16:04Sci: Marsaglia il migliore in prova discesa Kitzbuehel

(ANSA) - KITZBUEHEL (AUSTRIA), 18 GEN - L'azzurro Matteo Marsaglia è stato il più veloce nelle prove della discesa libera di coppa del mondo in programma sabato prossimo a Kitzbuehel, disputate su un tracciato ridotto, sulla parte alta della pista, per salvaguardare il fondo nella parte finale date le condizioni meteo non buone. Marsaglia ha fermato il cronometro sull'1'24''73, solo un centesimo più veloce del francese Brice Roger. Poco più distante si è piazzato l'austriaco Vincent Krieschmayr. Appena fuori dalla top ten si sono classificati quattro italiani: Dominik Paris 13/o, Peter Fill 14/o, Mattia Casse 16/o e Werner Hell 18/o. Molto più distanti Christof Innerhofer ed Emanuele Buzzi, che hanno preferito provare le linee da utilizzare in gara.

Archivio Ultima ora