Usa 2016: Hillary e Trump dominano Super Tuesday. Flop Rubio

Pubblicato il 02 marzo 2016 da redazione

US Democratic presidential candidate Hillary Clinton holds a campaign rally at a film studio in Miami, Florida, USA, 01 March 2016. EPA/JOE SKIPPER .

US Democratic presidential candidate Hillary Clinton holds a campaign rally at a film studio in Miami, Florida, USA, 01 March 2016. EPA/JOE SKIPPER .

NEW YORK. – Nessuna sorpresa nel Super Tuesday, o quasi. Hillary Clinton e Donald Trump la fanno da padroni, vincendo sette stati per uno, mentre – come ampiamente previsto – Ted Cruz vince nel suo Texas e Bernie Sanders nel suo Vermont. Ma il senatore democratico si consola portando a casa anche altri tre stati, Oklahoma, Colorado e Minnesota: “Questa campagna è per cambiare l’America”, esulta. Mentre Cruz la spunta anche lui in Oklahoma, ritagliandosi almeno per una notte il ruolo del vero anti-Trump: “Sono l’unico che può batterlo”.

Finisce infatti quasi a mani vuote la serata di Marco Rubio, primo solo in Minnesota, quando mancano solo i risultati dell’Alaska. Su di lui puntava l’establishment del partito repubblicano sperando nel miracolo. Ma il miracolo non c’è stato, e ora il giovane senatore di origini cubane dovrà tentare il tutto per tutto il 15 marzo nel suo stato, la Florida. Dove però i sondaggi non lo danno come favorito, ma sempre dietro Trump. Ecco allora che la maggior parte dei commentatori politici dà ormai Rubio a fine corsa.

La sfida in vista della volata finale verso la Casa Bianca, insomma, è sempre più tra l’ex first lady e il tycoon newyorchese. “Questo Paese appartiene a tutti noi, non solo a chi guarda in una direzione, prega in una direzione o pensa in una direzione”, ha detto un’entusiasta Hillary Clinton parlando nel suo quartier generale di Miami, avendo oramai nel mirino solo lui, Donald Trump, che replica a pochi chilometri di distanza, a Palm Beach: “Quello che ha fatto Hillary è un atto criminale”, attacca riferendosi allo scandalo delle email.

Tutti in Florida, dunque, come del resto Rubio. E’ li’ che fra due settimane si svolgera’ una partita decisiva. Ed è lì, come in altri stati-chiave, che si assegneranno molti delegati con la regola del ‘winners-takes-all’, chi vince piglia tutto. “Mi dispiace per Rubio, per lui è stata una serata molto dura. E ha speso anche un sacco di soldi…”, ironizza Trump, che negli ultimi giorni è stato al centro di attacchi pesantissimi da parte del giovane senatore che ha cercato disperatamente di rimontare. Troppo tardi però, con i vertici del partito repubblicano che vedono l’incubo Trump materializzarsi sempre più. Così come lo spettro di una Casa Bianca per almeno altri 4 anni in mano democratica.

Poco conta che il tycoon nella notte del Super Tuesday cerchi di smorzare i toni definendosi “un conservatore di buon senso”. Anche se il muro col Messico, insiste, ci sarà eccome: “Come la Muraglia cinese”. Dietro di lui sul palco Chris Christie, il governatore del New Jersey che gli ha dato a sorpresa l’endorsement.

A conti fatti la Clinton trionfa in 7 stati (Georgia, Virginia, Tennessee, Alabama, Arkansas, Texas e Massachusetts). Lo stesso Trump (Georgia, Alabama, Tennessee, Massachusetts, Virginia, Arkansas e Vermont). In totale negli stati del Super Tuesday erano in palio 595 delegati per i repubblicani, quasi la metà dei 1.237 necessari per la nomination. E ce n’erano 865 per i democratici, più di un terzo del ‘numero magico’ di 2.383.

Ultima ora

04:20Trump, mie critiche ad atleti non c’entrano con razza

NEW YORK - "Questa vicenda non ha niente a che vedere con la razza. Riguarda solo il rispetto per la nostra bandiera e per il nostro Paese": cosi' parlando con i giornalisti Donald Trump e' tornato sulla protesta dei giocatori di football, inginocchiatisi su tutti i campi durante l'esecuzione dell'inno nazionale. Alcuni sono anche rimasti negli spogliatoi.

23:28Calcio: decide Zaza, il Valencia piega la Real Sociedad

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Il Valencia è la quarta forza della Liga, dopo Barcellona, Atletico Madrid e Siviglia. La squadra allenata da Marcelino Garcìa Toral è andata a vincere 3-2 sul difficilissimo terreno dell'Anoeta, a San Sebastian, contro la Real Sociedad. A decidere il posticipo della 6/a giornata ci ha pensato ancora una volta Simone Zaza, che ha battuto Rulli al 40' st. Moreno per i 'pipistrelli' aveva aperto le danze, dopo 26', il pari dei padroni di casa è arrivato al 33' grazie a Elustondo; Vidal ha riportato avanti il Valencia al 10' st, 4' più tardi Oyarzabal aveva firmato il momentaneo 2-2. A rompere l'equilibrio nei Paesi Baschi ci ha pensato l'attaccante italiano, al quarto gol in due partite (dei cinque in totale in questa Liga). Adesso in classifica Valencia 12 punti, Siviglia a 13, Atletico Madrid 14 e Barcellona in vetta con 18. Il Real Madrid è a -7 dai catalani. (ANSA).

23:24Ira Trump contro atleti, inaccettabile

(ANSA) - NEW YORK, 24 SET - "Grande solidarietà per il nostro inno nazionale e per il nostro Paese. Stare in ginocchio è inaccettabile": così il presidente americano Donald Trump replica su Twitter all'ondata di proteste sui campi di football americano. "Patrioti coraggiosi hanno combattuto e sono morti per la nostra grande bandiera, dobbiamo onorarli e rispettarli" aggiunge Trump.

23:22Maria: Jennifer Lopez dona a Porto Rico 1 milione di dollari

(ANSA) - SAN JUAN, 24 SET - Jennifer Lopez ha annunciato di avere donato 1 milione di dollari ai portoricani per aiutarli dopo il passaggio dell'uragano Maria che ha devastato l'isola. La cantante e attrice, nata negli Usa, ma con origini portoricane, ha aggiunto di essersi impegnata insieme all'ex giocatore di baseball Alex Rodriguez, il cantante Marc Anthony alcuni musicisti latinoamericani e atleti e imprenditori a ottenere risorse e aiuti per l'isola caraibica. La popstar emozionata ha lanciato il suo appello oggi ad un evento organizzato a New York e ha parlato in spagnolo.

23:14Calcio: Serie A, Fiorentina-Atalanta 1-1

(ANSA) - ROMA, 24 SET - La Fiorentina pareggia 1-1 con l'Atalanta di Gian Piero Gasperini, nell'ultimo posticipo della sesta giornata del campionato di calcio di Serie A. I viola erano passati in vantaggio dopo 12' con Chiesa, ma sono stati raggiunti in pieno recupero da una bordata di Freuler. I bergamaschi avrebbero potuto vincere se il 'Papu' Gomez non si fosse fatto neutralizzare un rigore al 17' st da Sportiello.

22:01Meloni, sono in campo per la leadership del centrodestra

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Io sono in campo per la leadership del centrodestra e quindi in Italia, del resto se è in campo di Maio possiamo agevolmente competere anche noi. Ci dicano qual è lo strumento, compatibilmente con la legge elettorale, se sono le primarie o le preferenze. Io voglio un metodo con cui potermi misurare e ognuno di noi chiederà agli italiani quale sia la proposta piu' credibile". Lo afferma Giorgia Meloni, leader di Fdi a margine dell'ultima giornata della festa di Atreju

22:00M5S: Fico, il candidato premier non è il capo del Movimento

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Oggi il candidato premier è il capo della forza politica, ovvero è riferito alla legge elettorale e non è capo della vita politica generale del movimento. Questa è una grande distinzione". Lo ha detto il deputato M5S Roberto Fico, parlando con alle telecamere della Rai che lo attendevano davanti al suo albergo.

Archivio Ultima ora