Usa 2016: Caos repubblicani, Romney guida la rivolta anti-Trump

Pubblicato il 03 marzo 2016 da redazione

trump-romney

NEW YORK. – Un ciarlatano, un’impostore, una persona falsa e inaffidabile, inadatta a fare il presidente degli Stati Uniti. E che potrebbe portare l’America alla rovina. Mitt Romney non usa mezzi termini per attaccare Donald Trump, lanciando un accorato appello agli americani: “Non votatelo, consegnereste il Paese a Hillary Clinton”. O peggio, lo condannereste “a una lunga recessione, e tutti saremmo più poveri e meno sicuri”.

Il ritorno sulla scena politica che conta dell’ex candidato repubblicano alla presidenza è di quelli che fanno gran clamore. Qualcuno già lo definisce ‘storico’, il discorso che potrebbe far girare la campagna elettorale. E in molti interpretano l’intervento dal palco della University of Utah, a Salt Lake City, come le prove generali per una possibile discesa in campo di Romney. Una candidatura ‘last minute’ nel caso il ciclone Donald si rivelasse davvero inarrestabile.

L’affondo contro il tycoon newyorchese – a poche ore dall’ennesimo dibattito tv tra i candidati repubblicani – è di una durezza inusuale: “Trump non è intelligente, non è un genio, la sua ricchezza non l’ha creata lui, l’ha ereditata. E non svelerà mai le sue dichiarazioni dei redditi, perché ha molto da nascondere”. Senza contare “l’allarme che crea nei Paesi alleati”, anche per le sue parole sulle torture e sui bambini profughi.

Ecco allora l’invito agli elettori: “E’ il tempo delle scelte. L’America può essere migliore del passato e del presente. Ma la scelta della nomination repubblicana avrà un impatto decisivo sul futuro. E una scelta improvvida sarebbe disastrosa”.

E’ il paradosso di questa incredibile campagna elettorale per la Casa Bianca: i repubblicani costretti a sparare contro il proprio candidato più forte, nel tentativo di fermare la corsa del tycoon che imbarazza gli Stati Uniti nel mondo intero.

Il partito, dopo il trionfo di Trump nel Super Tuesday, è nel caos. “Un pandemonio, titola il Washington Post, descrivendo una destra profondamente divisa, spaccata, con i vertici incapaci di reagire e di imporre una linea e un candidato alternativo. Così l’establishment gioca la carta Romney, che in verità più che un jolly o un asso nella manica assomiglia a una mossa disperata.

Trump intanto liquida l’ex candidato come sempre, senza peli sulla lingua: “E’ un cadavere, un morto”. “Ha già fallito due volte. E’ stato un candidato orribile, una catastrofe. E’ stato ucciso, e ora cerca ancora rilevanza politica”, ma i suoi attacchi “sono irrilevanti”.

Tutti sanno nel partito repubblicano che se il 15 marzo Trump vince in Florida, e magari anche in Ohio e in Illinois, avrà la nomination in tasca. Uno scenario catastrofico per il Grand Old Party, che per la prima volta in 40 anni potrebbe arrivare alla convention di fine luglio senza un accordo. Col rischio di una scissione come quella che nel 1912 portò Theodore Roosevelt ad abbandonare la convention e a fondare un movimento alternativo.

Ma Romney non è solo. Lui è stato scelto per guidare quella che sta assumendo i contorni di una vera e propria rivolta. Dalla sua parte c’è l’altro ‘saggio’ del partito, John McCain, eroe di guerra e anche lui ex candidato alla presidenza. E ci sono oltre 70 esperti di politica estera che hanno sottoscritto una lettera in cui scrivono che Trump “non può essere Commander in Chief” per questioni di sicurezza: tra loro l’ex ministro degli interni Michael Chertoff e l’ex consigliere della Casa Bianca su terrorismo e sicurezza Frances Townsend, entrambi tra i più stretti collaboratori dell’allora presidente George W.Bush.

Si va costituendo poi, sempre in campo repubblicano, un’alleanza di manager, imprenditori, strateghi finanziari pronti a lanciare un’offensiva senza precedenti contro Trump. A partire dalla Florida dove già sono stati messi a disposizione almeno 5 milioni di dollari per finanziare un’aggressiva campagna di spot televisivi. Primo passo di un piano anti-Trump ben più ampio. Basterà per fermare ‘The Donald’?

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

10:00Usa: Alabama, giustiziato detenuto sfuggito al boia 7 volte

(ANSA) - MONTGOMERY (ALABAMA), 26 MAG - Era stato soprannominato 'Houdini' perché per ben sette volte era riuscito ad evitare il boia con vari appigli legali. Ma dopo l'ennesimo rinvio, per lui ieri sera non c'è stato più nulla da fare. Il detenuto Tommy Arthur, 75 anni, è stato giustiziato in un carcere nel sudest dell'Alabama, in Usa, con un'iniezione letale dopo essere stato condannato per un omicidio avvenuto nel 1982. La vittima, Troy Wicker, fu ammazzata a colpi di pistola mentre dormiva nella cittadina di Muscle Shoals. All'epoca, la moglie disse di essere stata violentata da un afroamericano che poi ammazzò il marito. Dopo confessò dicendo di aver pianificato con Arthur l'uccisione del consorte e l'uomo si presentò a casa loro con una parrucca stile afro per compiere il delitto. La donna lo pagò con 10mila dollari. Tra il 2001 e il 2016 sono state fissate sette condanne a morte, tutte rinviate dopo i vari appelli degli avvocati. Fino a ieri sera.

09:58‘Ndrangheta: confiscata villa a esponente e sicario cosca

(ANSA) - LAMEZIA TERME (CATANZARO), 26 MAG - La Guardia di finanza del gruppo di Lamezia Terme ha eseguito un provvedimento di confisca di una villa appartenente ad un esponente di rilievo, indicato anche come sicario, di una cosca locale della 'ndrangheta. Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale di Catanzaro su richiesta della Procura distrettuale antimafia del capoluogo. Le indagini dei finanzieri hanno consentito di mettere completamente in luce la pericolosità sociale del soggetto, la sua appartenenza alla cosca, tra le più agguerrite del lametino, e il compimento di gravi reati. La villa ubicata a Lamezia Terme, nella disponibilità del soggetto anche se intestata ad un congiunto, è valutata circa 300 mila euro, valore ritenuto sproporzionato ed ingiustificato rispetto ai redditi effettivamente dichiarati.(ANSA).

09:58Migranti: in 465 su nave arrivata nel porto di Taranto

(ANSA) - TARANTO, 26 MAG - Sono in corso all'hotspot di Taranto le procedure di identificazione dei 465 migranti sbarcati questa mattina al molo san Cataldo del porto mercantile dalla nave general cargo ship 'Sds Green'. I migranti sono stati salvati mercoledì scorso nel golfo della Sirte, al largo della Libia. La nave, assistita da un'agenzia del Gruppo Campostano, li ha presi in consegna da due unità Search and Rescue Vessels (ricerca e soccorso): 252 dalla Echo H87 e 213 dalla Iuventa. Una parte dei migranti, dopo l'identificazione, sarà subito smistata verso altre località a bordo di bus privati. Si tratta del secondo sbarco a Taranto nel giro di pochi giorni. Altri 952 erano giunti la notte tra il 21 e il 22 maggio scorsi a bordo del pattugliatore "Diciotti" della Guardia Costiera. (ANSA).

09:58Basket: Nba, James supera Jordan, record punti playoff

(ANSA) - BOSTON, 26 MAG - LeBron James spodesta Michael Jordan dalla testa della classifica dei migliori marcatori di sempre dei playoff Nba. La 'stella' dei Cleveland Cavaliers ha messo a segno una 'bomba' da tre punti nel terzo quarto di gara-5 nella finale Est a Boston contro i Celtics raggiungendo i 29 punti nella partita e i 5.989 complessivi nella sua carriera della fase finale del torneo. L'asso dei Chicago Bulls aveva messo a referto 5.987 in 179 gare dei playoff dal 1985 al 2003. Quello di stasera e' invece il 212/o match di James nella fase decisiva della stagione.

09:55Giro: si sale ancora da San Candido a Piancacallo, 191 km

(ANSA) - SAN CANDIDO (BOLZANO), 26 MAG - Il Giro d'Italia continua a procedere con il naso all'insù, oggi 19/a tappa, da San Candido (Bolzano) a Piancavallo (Pordenone), per un totale di 191 km. E grande spazio per gli ultimi attacchi alla vetta della classifica generale, sempre dominata da Tom Dumoulin. La tappa, classificata come di 'alta montagna', presenta ampi tratti pianeggianti nella parte finale, prima dell'ultima salita. I corridori, tuttavia, saranno subito chiamati a superare il Gpm del Passo di Monte Croce Comelico (dopo 13,9 km, a 1.696 di quota) e la Cima Sappada (1.242 metri, dopo 47,3 km), su strade mediamente ampie e in buono stato, prima della lunga discesa fino a Tolmezzo. Il secondo Gpm di giornata (2/a Categoria) arriverà dopo 104,7 km, a quota 955 metri. Il percorso diventerà pianeggiante fino ad Aviano. L'ultima salita che porterà all'arrivo di Piancavallo (1.290 metri) misura 15,4 km, e una pendenza media del 7,3%, con un picco del 14%.

09:46Basket: Nba, Golden State-Cavs finale per 3/o anno di fila

(ANSA) - BOSTON, 26 MAG - Per il terzo anno consecutivo e' Golden State Warriors contro Cleveland Cavaliers la finale dei playoff Nba che assegnera' l'anello dei vincitori. Grazie ai 35 punti di LeBron James, che gli danno il primo posto nella classifica 'all time' dei marcatori dei playoff, i Cavaliers hanno battuto i Celtics a Boston in gara-5 per 135-102 chiudendo sul 4-1 la serie di finale della Eastern Conference e potranno cosi' provare a difendere il titolo conquistato nel 2016. Kyrie Irving ha messo a segno 24 punti e Kevin Love 15, in una partita senza storia, con Cleveland avanti anche di 39 punti. Per Lebron James, in particolare, sara' la settima finale Nba consecutiva, dopo le quattro con Miami (due vinte e due perse) e quelle degli ultimi due anni con i Cavaliers contro i Golden State (persa nel 2015 e vinta lo scorso anno).

09:45Sequestro reperti archeologici in Veneto, quattro denunce

(ANSA) VENEZIA, 26 MAG - Una quarantina di reperti archeologici risalenti al III e IV secolo a.C., di cui 12 falsi ma posti in vendita come autentici, sono stati recuperati in varie province del Veneto dai carabinieri del nucleo tutela patrimonio culturale di Venezia. Quattro persone, residenti tra le province di Venezia Verona e Treviso, sono state denunciate per ricettazione, impossessamento di beni culturali e contraffazione. Il valore dei reperti è di un milione di euro.

Archivio Ultima ora