8 Marzo: la mimosa simbolo italiano, compie 70 anni

Pubblicato il 06 marzo 2016 da redazione

8marzo

ROMA. – La mimosa dell’8 marzo compie 70 anni. Come il voto alle donne in Italia, così come la ripresa – dopo gli anni del fascismo e della guerra – sul nostro territorio nazionale della celebrazione della Giornata internazionale della donna. E’ l’8 marzo 1946 quando appare per la prima volta la mimosa. Fiore simbolo della festa solo italiano, è ormai diventato tradizione.

“La scelta della mimosa – racconta Vittoria Tola, presidente dell’Udi (Unione donne in Italia) – è attribuita a Teresa Mattei e a Marisa Rodano. Con il primo 8 marzo dopo la guerra e il fascismo, e il voto solo due giorni dopo, il 10 marzo, a cui hanno partecipato per la prima volta anche le donne, l’Udi voleva regalare insieme ai volantini anche un fiore, così come avveniva in Francia con le violette.

Ma i soldi per comprare e regalare fiori non ce n’erano. Roma però nei primi giorni di marzo era tappezzata di mimose, un fiore che cresce spontaneamente. Da qui probabilmente l’idea della mimosa, caratteristica di questo periodo dell’anno. Scelta quindi magari per il suo costo contenuto o forse perché era il fiore che una di quelle donne intravvedeva dalla sua finestra”.

E’ così che da allora, ed ancora oggi, questo fiore dal colore brillante, che ispira gioia ed allegria, richiama al forte significato di questa Giornata. La mimosa si regala alle donne. E lo fanno gli uomini sempre più spesso verso le loro compagne, compiendo magari un gesto più legato a festeggiamenti ludici – come lo sono diventate negli anni le cene al ristorante, le uscite fra donne per questa giornata – che non nel significato originario della rivendicazione del ruolo delle donne nella società.

Tuttora, quindi, la mimosa è un fiore che si regala per l’8 marzo ma – secondo Tola – ha il suo vero senso solo se il regalo “avviene fra donna e donna per ricordare lotte comuni”.

Anche il voto alle donne compie quest’anno 70 anni. Il 10 marzo 1946 le donne italiane entrarono per la prima volta nelle cabine elettorali e dare il loro voto alle elezioni amministrative. Un diritto che ormai era acquisito in gran parte del mondo. Una battaglia cominciata un secolo prima e della quale – ricorda ancora Tola – nella fase finale, l’Udi nata da qualche mese ne fa il suo primo impegno politico.

L’8 marzo 1946 è anche la data che ridà impulso in Italia a livello diffuso della Giornata internazionale della donna. Nel nostro paese la prima celebrazione di questa giornata avviene nel 1922, presto soppressa dal fascismo. Durante la guerra in alcune realtà locali le donne italiane provano a celebrare la ricorrenza ma è con la Liberazione e in concomitanza con il primo voto ‘rosa’ che le donne dell’Udi nel 1946 si riorganizzano sull’intero territorio nazionale e ridanno vita alla Giornata internazionale della donna. Ed appare la mimosa.

(di Agnese Malatesta/ANSA)

Ultima ora

14:35Calcio: Montella punge Sarri, Napoli ha budget da Champions

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 20 GEN - "Bisogna alzare l'asticella anche per arrivare in Europa League". Vincenzo Montella sogna la Champions ma avverte il suo Milan che anche per il traguardo minimo serve di più, a partire dalla sfida di domani con il Napoli. "E' una partita di alta classifica, e questo è motivo di orgoglio e responsabilità ma non dobbiamo accontentarci: vale molto in termini di risultato -ha detto il rossonero. Affrontiamo una squadra fortissima che gioca a alti livelli da anni, che ha iniziato un percorso internazionale con Benitez ed è costruita con un budget da Champions, per giocare tre competizioni. E lo dico al mio amico Sarri che ci tiene ai fatturati...". "E' uno stimolo in più affrontare il Napoli nel suo miglior momento" ha notato Montella, augurandosi che la visita di Maradona a Napoli "abbia distratto allenatore e giocatori: lui è uno che muove cuori e coscienze dei napoletani, mi auguro che la sua presenza abbia disturbato".

14:34Rigopiano: Cc, 8 i vivi, 2 bambini

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Sono arrivati a otto i sopravvissuti della tragedia dell'hotel Rigopiano. Tra loro - si apprende dai carabinieri - due bambini. Due al momento le persone estratte dalle macerie.

14:33Maltempo: Sardegna, si spala ancora, ora rischio esondazioni

(ANSA) - NUORO, 20 GEN - Piove a Nuoro città, ma nei paesi di montagna ha ripreso a nevicare. All'indomani delle polemiche tra i sindaci e la Protezione civile, con i primi che accusano di essere stati lasciati soli nel pieno dell'emergenza e la Regione che parla di evento eccezionale e di una palese impreparazione da parte dei Comuni, si continua a lavorare per ripristinare la viabilità e togliere così dall'isolamento interi paesi, da Fonni a Desulo a Talana ma anche vaste zone dell'Ogliastra. Si teme ora per le esondazioni: a Torpè sono ancora evacuate le famiglie della parte bassa del paese per paura che la diga straripi. Le scuole rimangono chiuse nei centri più alti, a Nuoro invece sono state riaperte. Sul fronte delle strade, si lavora incessantemente sulla statale 389 da Jenna Erru e Lanusei per liberare la carreggiata dalla neve: per farlo è arrivato un potente spazzaneve a turbina dell'Anas. Già sgombra invece la bretella che dalla 389 collega l'abitato di Fonni, mentre i mezzi dell'Anas sono all'opera sulla provinciale 7 Fonni-Desulo e sulla 71 Tonara-Tascusì. "Sulle cime nevica - conferma all'ANSA l'assessore ai Lavori Pubblici di Fonni Mario Piras - speriamo non arrivi anche in paese. Stiamo lavorando per raggiungere alcuni ovili isolati con ruspe di privati e per liberare le strade dalla montagna di neve e ghiaccio. Ci preoccupano gli allevamenti, la nostra principale attività - sottolinea - sono molti i capannoni crollati sotto il peso della neve e tantissimi gli animali morti per assideramento. Il danno ancora non si può quantificare, lo faremo nelle prossime ore. Piuttosto non siamo pronti per il turismo del fine settimana: l'invito è di non venire a Fonni - avverte Piras - non siamo in grado di assicurare la transitabilità delle strade e non abbiamo gli spazi per i parcheggi". L'unità di crisi della Prefettura di Nuoro è sempre attiva. Il vice prefetto Vincenzo D'Angelo fa sapere che un elicottero sta sorvolando la zona di Montes, a Orgosolo, dove ci sono tanti ovili isolati e animali senza sostentamento. Elicottero che più tardi si sposterà nell'agro di Urzulei. (ANSA).

14:31Ferisce alla gola uomo, arrestato giornalista a Forlì

(ANSA) - FORLÌ, 20 GEN - E' stato arrestato dai carabinieri con l'ipotesi di tentato omicidio Antonio De Carolis, 45 anni, giornalista noto in Romagna per la sua attività in una emittente televisiva e per essere il figlio di Stelio De Carolis, per oltre un ventennio politico di spicco del Pri, senatore per alcune legislature e con incarichi governativi in qualità di sottosegretario al ministero della difesa. De Carolis al culmine di una lite scoppiata, ieri pomeriggio, all'interno della sua abitazione a Meldola, sulle prime colline forlivesi, avrebbe colpito alla gola con un fendente scagliato con un paio di forbici un 31enne, già noto alle forze dell'ordine, ospite nella casa assieme ad una donna. Sarebbe stato lo stesso De Carolis a chiamare i soccorsi. Il 31enne è stato trasportato d'urgenza al trauma center dell'ospedale Bufalini di Cesena, e sottoposto ad un delicato intervento chirurgico. Non è in pericolo di vita, ma, sarebbe bastata una diversa traiettoria del fendente di pochi millimetri per danni potenzialmente mortali.(ANSA).

14:31Sci: Italia sul podio, Innerhofer 2/o SuperG Kitzbuehel

(ANSA) - KITZBUEHEL (AUSTRIA), 20 GEN - Italia ancora sul podio nella coppa del mondo di sci. L'azzurro Christof Innerhofer e' arrivato 2/o nel superG di Kitzbuehel in 1.11.34. E' il 14/o podio in carriera per il campione altoatesino di 32 anni ed il 19/o per l'Italia in questa stagione. Vince l'austriaco Matthias Mayer in 1.11.25. Terzo lo svizzero Beate Feuz in 1.11.69. Per l'Italia ci sono poi Dominik Paris 6/o in 1.12.04 e Peter Fill 7/o in 1.12.09.

14:30Trump: proteste in Cisgiordania

(ANSAmed) - GERUSALEMME, 20 GEN - Centinaia di palestinesi hanno manifestato a Ramallah, Hebron e Nablus, in Cisgiordania, contro l'intenzione del presidente eletto Donald Trump, che oggi si insedia alla Casa Bianca, di trasferire l'ambasciata Usa in Israele da Tel Aviv a Gerusalemme. Le manifestazioni, organizzate in gran parte da Fatah, il partito del presidente Abu Mazen, hanno confermato la contrarietà della leadership palestinese alla mossa. A Nablus, il governatore Akram Rujoub - citato dai media di Ramallah - ha detto che la protesta "è il messaggio nazionale palestinese al mondo in cui si esprime chiaramente che qualsiasi cambio di questa fatta della politica Usa" ha il significato che "non ci sarà uno Stato palestinese o diritti nazionali per il popolo". "Questo - ha spiegato - è il più pericoloso messaggio che Trump potesse mandare".

14:24Papa: cristiani superino la mentalità che condanna sempre

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 20 GEN - Vincere la mentalità egoista dei dottori della legge che sempre condanna. E' stato il monito di papa Francesco nella messa mattutina di oggi a Casa Santa Marta. Prendendo spunto dalla Prima Lettura, il Papa ha sottolineato che la nuova alleanza che fa Dio con noi in Gesù Cristo ci rinnova il cuore e ci cambia la mentalità. Francesco - riferisce Radio Vaticana - ha fatto l'esempio di un'opera alla quale un architetto può guardare in modo freddo, con invidia oppure con un atteggiamento di gioia e "benevolenza": "La nuova alleanza ci cambia il cuore e ci fa vedere la legge del Signore con questo nuovo cuore, con questa nuova mente", ha detto. "Pensiamo ai dottori della legge che perseguitavano Gesù. Questi facevano tutto, tutto quello che era prescritto dalla legge, avevano il diritto in mano, tutto, tutto, tutto. Ma la loro mentalità era una mentalità lontana da Dio. Era una mentalità egoista, centrata su loro stessi: il loro cuore era un cuore che condannava, sempre condannando".

Archivio Ultima ora