L’inter cala il triplete e si riporta a -5 dalla zona Champions

Pubblicato il 06 marzo 2016 da redazione

(www.inter.it)

(www.inter.it)

MILANO. – L’Inter riparte, batte 3-1 il Palermo e si riporta a -5 dalla zona Champions. A San Siro i nerazzurri si sbarazzano senza troppa diffocoltà dei rosanero che adesso rischiano davvero, solo a +1 dal Frosinone terz’ultimo. Il tris dei padroni di casa porta la firma di Ljajic, Icardi e Perisic. Di Vazquez, per il momentaneo 2-1, il gol degli ospiti.

Buona proba dell’undici di Mancini che dopo il doppio confronto con la Juve in campionato e coppa, ritrovano iL sorriso e si riportano a 5 punti dalla Roma, terza, e a – 2 dalla Fiorentina, quarta. Reti nel primo tempo di Ljajic e Icardi, Vazquez accorcia le distanze poco prima dell’intervallo. Ad inizio ripresa Perisic fissa il risultato

Senza Handanovic, influenzato, esordio tra i pali in campionato per Carrizo; Nagatomo, Miranda, Murillo e D’Ambrosio compongono la cerniera difensiva, Medel e Kondogbia in mediana hanno il compito di sostenere i quattro giocatori offensivi, Ljajic, Perisic, Palacio e il capitano Icardi.

Prime fasi di gioco in cui l’Inter mantiene il possesso di palla senza però rendersi pericolosa. Il primo corner lo conquistano così gli ospiti al sesto minuto, Medel libera l’area. I nerazzurri provano a sfondare sulla fascia sinistra con Perisic, ed è proprio dai piedi del croato che nasce il vantaggio: il numero 44 scappa sulla fascia, serve al limite dell’area Ljajic che controlla, si libera della marcatura di Andelkovic e fa partire un destro incrociato che bacia il montante e non lascia scampo a Sorrentino.

La partita è viva: al 14′ Chochev temporeggia al limite dell’area nerazzurra e si fa murare la conclusione, due minuti dopo Perisic e Palacio rubano palla a centrocampo, l’argentino centra dalla sinistra per Ljajic che con il destro fa partir qualcosa a metà tra un tiro e un cross che si spegne sul fondo. Al 21′ ci prova Vazquez da lontanissimo dopo una bella giocata nello stretto a centrocampo, ma Carrizo non si fa sorprendere.

Sulla ripartenza arriva il raddoppio interista: azione insistita, il pallone arriva a Palacio che crossa teso dalla destra, Icardi taglia sul primo palo e con l’esterno sinistro anticipa Gonzalez e batte nuovamente Sorrentino sul palo più lontano.

La spinta dei nerazzurri non si esaurisce: al 27′ altra combinazione Palacio-Ljajic, il serbo si libera bene a centro area ma il destro stavolta è assolutamente fuori misura. A 10′ dall’intervallo si fa vedere il Palermo: Gilardino per Hiljemark, che con il tacco trova Vazquez, sinistro di prima intenzione potente ma centrale, Carrizo respinge con i pugni.

Prima dell’intervallo è ancora pericoloso Perisic, prima con un sinistro messo in corner dalla difesa ospite, poi con una fuga sulla sinistra che non trova la zampata vincente di Icardi per questione di centimetri. Al 44′ i rosanero conquistano una punizione dai 25 metri con Maresca, ma il destro del campano sbatte sulla barriera.

Pochi secondi prima dell’intervallo il Palermo accorcia le distanze. Rispoli fugge sulla destra, cross morbido che trova Vazquez all’altezza del dischetto del rigore, l’argentino colpisce al volo con il mancino e non lascia scampo a Carrizo.

Si riparte senza cambi. Al 48′ brivido per la retroguardia nerazzurra: Chochev entra in area dalla sinistra e va a cercare Gilardino sul palo più lontano. Il pallone taglia tutta l’area senza che qualcuno possa intervenire e si spegne sul fondo. Al 54′ ripartenza letale dell’Inter: Palacio per Kondobia, il francese allarga su Ljiaic che serve Icardi, bravo ad allargarsi oltre la linea difensiva rosanero.

Il capitano crossa di prima sul secondo palo, dove Perisic di testa in tuffo non lascia scampo a Sorrentino e sigla il 3-1. Aò 58′ ancora Inter pericolosa: Palacio ruba palla a Gonzalez al limite dell’area di rigore ospite, dialoga con Perisic e prova il cross teso sul primo palo, dove lo stesso Gonzalez anticipa in maniera provvidenziale Icardi.

Al 66′ il primo cambio scelto da mister Mancini è Brozovic, che sostituisce l’autore del primo gol Adem Ljajic. Non rallentano i nerazzurri: al 70′ sugli sviluppi di una punizione calciata proprio da Brozovic è Palacio ad anticipare tutti e a girare di testa sul palo più lontano, ma l’estremo difensore rosanero è bravo a distendersi sulla propria destra e a mettere in angolo.

Il Palermo torna a farsi vedere con un sinistro al volo del solito Vazquez prima e con una conclusione di Rispoli poi, ma entrambi non inquadrano lo specchio della porta. Alla mezz’ora ci prova ancora Perisic, molto ispirato, con una punizione a giro sul secondo palo, ma ancora una volta Sorrentino è bravo a neutralizzare in tuffo.

All’80esimo ospiti pericolosi con Quaison che serve a centro area Djurdjevic, subentrato a Gilardino: la conclusione di prima del serbo è bloccata in due tempi da Carrizo. Nei minuti finali i nerazzurri si limitano a gestire il doppio vantaggio e a portare al novantesimo un match mai in discussione, sfiorando il quarto gol ancora con Perisic, che in scivolata non trova la porta, ben imbeccato da Biabiany.

I ragazzi di Mancini conquistano così la terza vittoria consecutiva in campionato al ‘Meazza’ dopo Chievo e Sampdoria, e si preparano ad ospitare sabato 12 marzo il Bologna.

(fonte: inter.it)

Ultima ora

23:28Calcio: decide Zaza, il Valencia piega la Real Sociedad

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Il Valencia è la quarta forza della Liga, dopo Barcellona, Atletico Madrid e Siviglia. La squadra allenata da Marcelino Garcìa Toral è andata a vincere 3-2 sul difficilissimo terreno dell'Anoeta, a San Sebastian, contro la Real Sociedad. A decidere il posticipo della 6/a giornata ci ha pensato ancora una volta Simone Zaza, che ha battuto Rulli al 40' st. Moreno per i 'pipistrelli' aveva aperto le danze, dopo 26', il pari dei padroni di casa è arrivato al 33' grazie a Elustondo; Vidal ha riportato avanti il Valencia al 10' st, 4' più tardi Oyarzabal aveva firmato il momentaneo 2-2. A rompere l'equilibrio nei Paesi Baschi ci ha pensato l'attaccante italiano, al quarto gol in due partite (dei cinque in totale in questa Liga). Adesso in classifica Valencia 12 punti, Siviglia a 13, Atletico Madrid 14 e Barcellona in vetta con 18. Il Real Madrid è a -7 dai catalani. (ANSA).

23:24Ira Trump contro atleti, inaccettabile

(ANSA) - NEW YORK, 24 SET - "Grande solidarietà per il nostro inno nazionale e per il nostro Paese. Stare in ginocchio è inaccettabile": così il presidente americano Donald Trump replica su Twitter all'ondata di proteste sui campi di football americano. "Patrioti coraggiosi hanno combattuto e sono morti per la nostra grande bandiera, dobbiamo onorarli e rispettarli" aggiunge Trump.

23:22Maria: Jennifer Lopez dona a Porto Rico 1 milione di dollari

(ANSA) - SAN JUAN, 24 SET - Jennifer Lopez ha annunciato di avere donato 1 milione di dollari ai portoricani per aiutarli dopo il passaggio dell'uragano Maria che ha devastato l'isola. La cantante e attrice, nata negli Usa, ma con origini portoricane, ha aggiunto di essersi impegnata insieme all'ex giocatore di baseball Alex Rodriguez, il cantante Marc Anthony alcuni musicisti latinoamericani e atleti e imprenditori a ottenere risorse e aiuti per l'isola caraibica. La popstar emozionata ha lanciato il suo appello oggi ad un evento organizzato a New York e ha parlato in spagnolo.

23:14Calcio: Serie A, Fiorentina-Atalanta 1-1

(ANSA) - ROMA, 24 SET - La Fiorentina pareggia 1-1 con l'Atalanta di Gian Piero Gasperini, nell'ultimo posticipo della sesta giornata del campionato di calcio di Serie A. I viola erano passati in vantaggio dopo 12' con Chiesa, ma sono stati raggiunti in pieno recupero da una bordata di Freuler. I bergamaschi avrebbero potuto vincere se il 'Papu' Gomez non si fosse fatto neutralizzare un rigore al 17' st da Sportiello.

22:01Meloni, sono in campo per la leadership del centrodestra

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Io sono in campo per la leadership del centrodestra e quindi in Italia, del resto se è in campo di Maio possiamo agevolmente competere anche noi. Ci dicano qual è lo strumento, compatibilmente con la legge elettorale, se sono le primarie o le preferenze. Io voglio un metodo con cui potermi misurare e ognuno di noi chiederà agli italiani quale sia la proposta piu' credibile". Lo afferma Giorgia Meloni, leader di Fdi a margine dell'ultima giornata della festa di Atreju

22:00M5S: Fico, il candidato premier non è il capo del Movimento

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Oggi il candidato premier è il capo della forza politica, ovvero è riferito alla legge elettorale e non è capo della vita politica generale del movimento. Questa è una grande distinzione". Lo ha detto il deputato M5S Roberto Fico, parlando con alle telecamere della Rai che lo attendevano davanti al suo albergo.

21:59Casaleggio, aiutiamo Di Maio, M5s sia squadra volontari

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "In bocca al lupo a Di Maio. Lo dovremo aiutare tutti assieme perche' dobbiamo essere una squadra di volontari ignoti". Lo afferma Davide Casaleggio dal palco di Italia 5 Stelle. "Dobbiamo aiutare il M5S a cambiare l'Italia senza cercare qualcosa subito ma per cercare di cambiare questa nazione", prosegue Casaleggio ribadendo come su Rousseau saranno fatte le scelte piu' importanti per "creare una smart nation, una nazione intelligente"

Archivio Ultima ora