L’inter cala il triplete e si riporta a -5 dalla zona Champions

Pubblicato il 06 marzo 2016 da redazione

(www.inter.it)

(www.inter.it)

MILANO. – L’Inter riparte, batte 3-1 il Palermo e si riporta a -5 dalla zona Champions. A San Siro i nerazzurri si sbarazzano senza troppa diffocoltà dei rosanero che adesso rischiano davvero, solo a +1 dal Frosinone terz’ultimo. Il tris dei padroni di casa porta la firma di Ljajic, Icardi e Perisic. Di Vazquez, per il momentaneo 2-1, il gol degli ospiti.

Buona proba dell’undici di Mancini che dopo il doppio confronto con la Juve in campionato e coppa, ritrovano iL sorriso e si riportano a 5 punti dalla Roma, terza, e a – 2 dalla Fiorentina, quarta. Reti nel primo tempo di Ljajic e Icardi, Vazquez accorcia le distanze poco prima dell’intervallo. Ad inizio ripresa Perisic fissa il risultato

Senza Handanovic, influenzato, esordio tra i pali in campionato per Carrizo; Nagatomo, Miranda, Murillo e D’Ambrosio compongono la cerniera difensiva, Medel e Kondogbia in mediana hanno il compito di sostenere i quattro giocatori offensivi, Ljajic, Perisic, Palacio e il capitano Icardi.

Prime fasi di gioco in cui l’Inter mantiene il possesso di palla senza però rendersi pericolosa. Il primo corner lo conquistano così gli ospiti al sesto minuto, Medel libera l’area. I nerazzurri provano a sfondare sulla fascia sinistra con Perisic, ed è proprio dai piedi del croato che nasce il vantaggio: il numero 44 scappa sulla fascia, serve al limite dell’area Ljajic che controlla, si libera della marcatura di Andelkovic e fa partire un destro incrociato che bacia il montante e non lascia scampo a Sorrentino.

La partita è viva: al 14′ Chochev temporeggia al limite dell’area nerazzurra e si fa murare la conclusione, due minuti dopo Perisic e Palacio rubano palla a centrocampo, l’argentino centra dalla sinistra per Ljajic che con il destro fa partir qualcosa a metà tra un tiro e un cross che si spegne sul fondo. Al 21′ ci prova Vazquez da lontanissimo dopo una bella giocata nello stretto a centrocampo, ma Carrizo non si fa sorprendere.

Sulla ripartenza arriva il raddoppio interista: azione insistita, il pallone arriva a Palacio che crossa teso dalla destra, Icardi taglia sul primo palo e con l’esterno sinistro anticipa Gonzalez e batte nuovamente Sorrentino sul palo più lontano.

La spinta dei nerazzurri non si esaurisce: al 27′ altra combinazione Palacio-Ljajic, il serbo si libera bene a centro area ma il destro stavolta è assolutamente fuori misura. A 10′ dall’intervallo si fa vedere il Palermo: Gilardino per Hiljemark, che con il tacco trova Vazquez, sinistro di prima intenzione potente ma centrale, Carrizo respinge con i pugni.

Prima dell’intervallo è ancora pericoloso Perisic, prima con un sinistro messo in corner dalla difesa ospite, poi con una fuga sulla sinistra che non trova la zampata vincente di Icardi per questione di centimetri. Al 44′ i rosanero conquistano una punizione dai 25 metri con Maresca, ma il destro del campano sbatte sulla barriera.

Pochi secondi prima dell’intervallo il Palermo accorcia le distanze. Rispoli fugge sulla destra, cross morbido che trova Vazquez all’altezza del dischetto del rigore, l’argentino colpisce al volo con il mancino e non lascia scampo a Carrizo.

Si riparte senza cambi. Al 48′ brivido per la retroguardia nerazzurra: Chochev entra in area dalla sinistra e va a cercare Gilardino sul palo più lontano. Il pallone taglia tutta l’area senza che qualcuno possa intervenire e si spegne sul fondo. Al 54′ ripartenza letale dell’Inter: Palacio per Kondobia, il francese allarga su Ljiaic che serve Icardi, bravo ad allargarsi oltre la linea difensiva rosanero.

Il capitano crossa di prima sul secondo palo, dove Perisic di testa in tuffo non lascia scampo a Sorrentino e sigla il 3-1. Aò 58′ ancora Inter pericolosa: Palacio ruba palla a Gonzalez al limite dell’area di rigore ospite, dialoga con Perisic e prova il cross teso sul primo palo, dove lo stesso Gonzalez anticipa in maniera provvidenziale Icardi.

Al 66′ il primo cambio scelto da mister Mancini è Brozovic, che sostituisce l’autore del primo gol Adem Ljajic. Non rallentano i nerazzurri: al 70′ sugli sviluppi di una punizione calciata proprio da Brozovic è Palacio ad anticipare tutti e a girare di testa sul palo più lontano, ma l’estremo difensore rosanero è bravo a distendersi sulla propria destra e a mettere in angolo.

Il Palermo torna a farsi vedere con un sinistro al volo del solito Vazquez prima e con una conclusione di Rispoli poi, ma entrambi non inquadrano lo specchio della porta. Alla mezz’ora ci prova ancora Perisic, molto ispirato, con una punizione a giro sul secondo palo, ma ancora una volta Sorrentino è bravo a neutralizzare in tuffo.

All’80esimo ospiti pericolosi con Quaison che serve a centro area Djurdjevic, subentrato a Gilardino: la conclusione di prima del serbo è bloccata in due tempi da Carrizo. Nei minuti finali i nerazzurri si limitano a gestire il doppio vantaggio e a portare al novantesimo un match mai in discussione, sfiorando il quarto gol ancora con Perisic, che in scivolata non trova la porta, ben imbeccato da Biabiany.

I ragazzi di Mancini conquistano così la terza vittoria consecutiva in campionato al ‘Meazza’ dopo Chievo e Sampdoria, e si preparano ad ospitare sabato 12 marzo il Bologna.

(fonte: inter.it)

Ultima ora

14:15Calcio: offende Guardiola su Twitter, denunciato

(ANSA) - MADRID, 24 MAG - "Che delusione, fra i 20 morti di Manchester non c'è Guardiola!": per questo commento pubblicato sul suo profilo Twitter un cittadino spagnolo, Jorge Larios, è stato denunciato alla procura per "incitazione all'odio e alla violenza" dall'associazione dei giuristi catalani Drets. Oltre al commento violento contro l'allenatore catalano del Manchester City Pep Guardiola ed ex del Barcellona e del Bayern, Larios aveva anche scritto, riferisce La Vanguardia: "e il peggio è che non ci sia nemmeno un catalano morto". Dopo l'annuncio della denuncia di Drets, l'account @ArmyLDH di Larios su Twitter è stato cancellato. La denuncia è ora nelle mani della procura spagnola.

14:08Calcio: ecco il Filadelfia, la casa del Grande Torino

(ANSA) - TORINO 24 MAG - Crescono la febbre e l'emozione per l'inaugurazione del nuovo stadio Filadelfia, ricostruito lasciando alcune parti, monumentali, dello storico impianto dove giocó il Grande Torino perito nella tragedia del 4 maggio 1949 a Superga. Oggi in programma un'anteprima, con la presenza prevista di vecchi giocatori granata, familiari delle vittime di Superga e piccoli finanziatori della ricostruzione, domani il taglio del nastro con l'autorità e l'apertura al pubblico. Via Filadelfia, chiusa al traffico da stamattina nel tratto dello stadio e le vie limitrofe sono pavesate di bandiere, (compresa una dell'anno dell'ultimo scudetto, il 1976), bandieroni e palloncini granata. Decine di persone si fermano, molte commosse, a fotografare l'ingresso dello stadio, il totem della data storica, la gigantografia su un telo del Grande Torino. Sulla gradinata più bassa è pronto un enorme striscione con la scritta "Torino è stata e resterà granata".

14:06Berlino, sarà G7 importante

(ANSA) - BERLINO, 24 MAG - "Questo sarà un G7 importante, che capita in un momento importante". Lo ha detto una fonte del governo tedesco in vista del summit di Taormina. La fonte ha sottolineato che "al tavolo siederanno stavolta quattro volti nuovi: Emmanuel Macron, Theresa May, Donald Trump e lo stesso padrone di casa Gentiloni".

14:04Calcio: Valverde, molti club mi cercano ma nessun accordo

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "Non ho preso alcun impegno con nessuno ma ci sono club che sono interessate a me": Ernesto Valverde dribbla le domande dei cronisti che lo vedono a un passo dalla panchina del Barcellona. In una conferenza stampa organizzata all'indomani dell'ufficializzazione del divorzio tra l'allenatore spagnolo e l'Athletic Bilbao, Valverde ha ricordato che "non è la prima volta che ho un'offerta da una squadra importante ma, ripeto, non ho nessun impegno a qualsiasi squadra". Valverde ha spiegato che la decisione di lasciare l'Athletic "viene da lontano. Quando un anno fa ho prolungato il contratto di un anno ho scoperto quanto sia difficile poter continuare e ho espresso le mie perplessità al presidente, dicendo di non voler continuare dopo il 30 giugno. Potrei anche prendermi un anno sabbatico". Secondo Mundo Deportivo, Valverde firmerà dopo la finale di Coppa del Re (tra Barcellona e Alaves, in programma sabato 27) un triennale con il club blaugrana.

14:03Manchester: dislocati mille soldati a Londra

(ANSA) - LONDRA, 24 MAG - Per ora sono poco meno di mille, esattamente 984, i soldati britannici dislocati, inizialmente solo a Londra, dopo l'allerta massima antiterrorismo seguita alla strage di Manchester. Lo ha detto il ministro degli Interni Amber Rudd al termine della riunione del comitato di crisi Cobra. Al momento, stando a Sky News, non è stato avviato un dispiegamento di militari anche a Manchester.

14:00Veterinario ucciso: Andreucci aveva assunto 4 grammi cocaina

(ANSA) - ANCONA, 24 MAG - Aveva assunto 4 grammi di cocaina nella notte tra sabato e domenica, durante una serata tra amici, Valerio Andreucci, il fantino di 23 anni fermato per l'omicidio del veterinario Olindo Pinciaroli, di 54 anni, ucciso a coltellate nei pressi della sua ambulanza veterinaria domenica mattina lungo la strada Chiaravallese a Osimo. Lo ha detto lo stesso Andreucci, rispondendo oggi alle domande del gip Carlo Cimini durante l'interrogatorio di garanzia nel carcere di Montacuto alla presenza del suo legale Alessandro Angelozzi. Andreucci - che secondo l'avvocato aveva "gli occhi spiritati" - ha raccontato di avere notato un'auto bianca con le frecce accese in una piazzola vicino al luogo del delitto, poi "buio totale". La prima versione fornita dal giovane era invece di un tentativo di rapina da parte di quattro uomini armati di coltelli, ritenuta non credibile dai carabinieri che stanno conducendo le indagini e che lo hanno arrestato. Nel pomeriggio l'autopsia sul corpo di Pinciaroli nell'ospedale di Torrette.

13:57Calcio: Mondiali Under 20, Italia-Sudafrica 2-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - L'Italia Under 20 batte il Sudafrica 2-0 nel secondo incontro dei Mondiali di categoria che si stanno svolgendo in Corea del Sud e torna in corsa per gli ottavi di finale. Dopo la sconfitta all'esordio contro l'Uruguay, gli azzurrini di Alberigo Evani vincono la seconda partita del girone D, disputata a Suwon: a decidere le reti di Orsolini (su rigore) al 23' e di Favilli al 57'.

Archivio Ultima ora