L’inter cala il triplete e si riporta a -5 dalla zona Champions

Pubblicato il 06 marzo 2016 da redazione

(www.inter.it)

(www.inter.it)

MILANO. – L’Inter riparte, batte 3-1 il Palermo e si riporta a -5 dalla zona Champions. A San Siro i nerazzurri si sbarazzano senza troppa diffocoltà dei rosanero che adesso rischiano davvero, solo a +1 dal Frosinone terz’ultimo. Il tris dei padroni di casa porta la firma di Ljajic, Icardi e Perisic. Di Vazquez, per il momentaneo 2-1, il gol degli ospiti.

Buona proba dell’undici di Mancini che dopo il doppio confronto con la Juve in campionato e coppa, ritrovano iL sorriso e si riportano a 5 punti dalla Roma, terza, e a – 2 dalla Fiorentina, quarta. Reti nel primo tempo di Ljajic e Icardi, Vazquez accorcia le distanze poco prima dell’intervallo. Ad inizio ripresa Perisic fissa il risultato

Senza Handanovic, influenzato, esordio tra i pali in campionato per Carrizo; Nagatomo, Miranda, Murillo e D’Ambrosio compongono la cerniera difensiva, Medel e Kondogbia in mediana hanno il compito di sostenere i quattro giocatori offensivi, Ljajic, Perisic, Palacio e il capitano Icardi.

Prime fasi di gioco in cui l’Inter mantiene il possesso di palla senza però rendersi pericolosa. Il primo corner lo conquistano così gli ospiti al sesto minuto, Medel libera l’area. I nerazzurri provano a sfondare sulla fascia sinistra con Perisic, ed è proprio dai piedi del croato che nasce il vantaggio: il numero 44 scappa sulla fascia, serve al limite dell’area Ljajic che controlla, si libera della marcatura di Andelkovic e fa partire un destro incrociato che bacia il montante e non lascia scampo a Sorrentino.

La partita è viva: al 14′ Chochev temporeggia al limite dell’area nerazzurra e si fa murare la conclusione, due minuti dopo Perisic e Palacio rubano palla a centrocampo, l’argentino centra dalla sinistra per Ljajic che con il destro fa partir qualcosa a metà tra un tiro e un cross che si spegne sul fondo. Al 21′ ci prova Vazquez da lontanissimo dopo una bella giocata nello stretto a centrocampo, ma Carrizo non si fa sorprendere.

Sulla ripartenza arriva il raddoppio interista: azione insistita, il pallone arriva a Palacio che crossa teso dalla destra, Icardi taglia sul primo palo e con l’esterno sinistro anticipa Gonzalez e batte nuovamente Sorrentino sul palo più lontano.

La spinta dei nerazzurri non si esaurisce: al 27′ altra combinazione Palacio-Ljajic, il serbo si libera bene a centro area ma il destro stavolta è assolutamente fuori misura. A 10′ dall’intervallo si fa vedere il Palermo: Gilardino per Hiljemark, che con il tacco trova Vazquez, sinistro di prima intenzione potente ma centrale, Carrizo respinge con i pugni.

Prima dell’intervallo è ancora pericoloso Perisic, prima con un sinistro messo in corner dalla difesa ospite, poi con una fuga sulla sinistra che non trova la zampata vincente di Icardi per questione di centimetri. Al 44′ i rosanero conquistano una punizione dai 25 metri con Maresca, ma il destro del campano sbatte sulla barriera.

Pochi secondi prima dell’intervallo il Palermo accorcia le distanze. Rispoli fugge sulla destra, cross morbido che trova Vazquez all’altezza del dischetto del rigore, l’argentino colpisce al volo con il mancino e non lascia scampo a Carrizo.

Si riparte senza cambi. Al 48′ brivido per la retroguardia nerazzurra: Chochev entra in area dalla sinistra e va a cercare Gilardino sul palo più lontano. Il pallone taglia tutta l’area senza che qualcuno possa intervenire e si spegne sul fondo. Al 54′ ripartenza letale dell’Inter: Palacio per Kondobia, il francese allarga su Ljiaic che serve Icardi, bravo ad allargarsi oltre la linea difensiva rosanero.

Il capitano crossa di prima sul secondo palo, dove Perisic di testa in tuffo non lascia scampo a Sorrentino e sigla il 3-1. Aò 58′ ancora Inter pericolosa: Palacio ruba palla a Gonzalez al limite dell’area di rigore ospite, dialoga con Perisic e prova il cross teso sul primo palo, dove lo stesso Gonzalez anticipa in maniera provvidenziale Icardi.

Al 66′ il primo cambio scelto da mister Mancini è Brozovic, che sostituisce l’autore del primo gol Adem Ljajic. Non rallentano i nerazzurri: al 70′ sugli sviluppi di una punizione calciata proprio da Brozovic è Palacio ad anticipare tutti e a girare di testa sul palo più lontano, ma l’estremo difensore rosanero è bravo a distendersi sulla propria destra e a mettere in angolo.

Il Palermo torna a farsi vedere con un sinistro al volo del solito Vazquez prima e con una conclusione di Rispoli poi, ma entrambi non inquadrano lo specchio della porta. Alla mezz’ora ci prova ancora Perisic, molto ispirato, con una punizione a giro sul secondo palo, ma ancora una volta Sorrentino è bravo a neutralizzare in tuffo.

All’80esimo ospiti pericolosi con Quaison che serve a centro area Djurdjevic, subentrato a Gilardino: la conclusione di prima del serbo è bloccata in due tempi da Carrizo. Nei minuti finali i nerazzurri si limitano a gestire il doppio vantaggio e a portare al novantesimo un match mai in discussione, sfiorando il quarto gol ancora con Perisic, che in scivolata non trova la porta, ben imbeccato da Biabiany.

I ragazzi di Mancini conquistano così la terza vittoria consecutiva in campionato al ‘Meazza’ dopo Chievo e Sampdoria, e si preparano ad ospitare sabato 12 marzo il Bologna.

(fonte: inter.it)

Ultima ora

17:43Caduto elicottero: sei le vittime, tutti quelli a bordo

(ANSA) - LUCOLI (L'AQUILA), 24 GEN - Nell'incidente che ha coinvolto l'elicottero del 118 caduto a Campo Felice sono morte sei persone, tutte quelle che erano a bordo. "L'elicottero si è schiantato in località Monte Cefalone, non lontano dalla piana di Campo Felice. Era intervenuto nella zona degli impianti per un normale soccorso dopo un incidente sciistico e probabilmente aveva già svolto l'intervento e stava tornando indietro". Così l'ingegnere Marco Cordeschi, esperto consulente del Comune dell'Aquila nell'ambito della Commissione Valanghe. "Ci vorrà tempo per capire la dinamica dell'incidente ma possiamo ipotizzare che lo schianto sia avvenuto a causa della nebbia perché questo è un itinerario conosciuto". A complicare le operazioni di recupero delle vittime il vento e le raffiche di neve e la pendenza della montagna contro cui si è schiantato l'elicottero. Anche un velivolo HH212 dell'Aeronautica Militare del 9/o Stormo di stanza a Grazzanise (Caserta) si era alzato in volo per le operazioni di soccorso.

17:35M5S: Pd, tutti zitti, parla capo, ecco libertà Grillo

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - "I parlamentari del M5S devono restare muti, parla solo il capo. Ecco la libertà secondo Beppe Grillo". Lo scrive in un tweet, il senatore Pd Andrea Marcucci "Stupisce e indigna che di fronte alle sparate di Grillo che vuole mettere il bavaglio ai parlamentari del M5S, nel chiaro tentativo di evitare, come fanno, che si contraddicano ogni cinque minuti, i grandi numi tutelari della Costituzione restino in silenzio. Come mai non sentiamo la voce indignata del Professor Zagrebelsky tuonare contro la deriva autoritaria del leader pentastellato che pur di realizzare il vero partito azienda della storia della Repubblica italiana se ne frega delle libertà garantite dalla Carta ai deputati e ai senatori?", incalza la deputata Dem Alessia Morani.

17:26Cade da scogli durante pesca, muore vigile urbano in Salento

(ANSA) - OTRANTO (LECCE), 24 GEN - Un pescatore dilettante è morto precipitando da un tratto di scogliera in località 'Palombara' ad Otranto. La vittima era il vice comandante dei vigili urbani di Collepasso, il maresciallo Antonio Campa, di 57 anni. L'uomo era uscito di buon'ora per andare a pesca con una canna lungo la scogliera. A dare l'allarme intorno alle 13.30 alla Capitaneria di Porto di Otranto, è stata la figlia della vittima, allarmata per il mancato rientro a casa del padre. Sul posto sono intervenute due motovedette della Guardia costiera e una pattuglia da terra. Dopo un giro di perlustrazione, il cadavere è stato trovato in una cavità rocciosa dov'era finito dopo un volo da un'altezza di circa cinque metri, forse a causa di un piede messo in fallo o di un malore. La salma è stata recuperata dai vigili del fuoco. (ANSA).

17:16Fondazione Ventre, 4 indagati per investimento ‘fantasma’

(ANSA) - BOLOGNA, 24 GEN - Quattro persone sono indagate a Bologna per aver fatto 'sparire' un investimento da circa due milioni, i cui utili avrebbero dovuto finanziare le attività di beneficenza della Fondazione Mariele Ventre, costituita per tutelare l'immagine della musicista fondatrice del Piccolo coro dell'Antoniano, morta nel 1995. Dell'inchiesta, nata da una denuncia della presidente della Fondazione, Maria Antonietta Ventre, sorella di Mariele ha dato notizia il Corriere di Bologna. Il denaro era stato affidato nel 2010 ad un consulente finanziario, uomo di fiducia da tempo della famiglia: ora il professionista è indagato a vario titolo con altri tre per truffa, appropriazione indebita e reati fiscali. Dell'investimento, nel campo delle energie rinnovabili, secondo quanto accertato dalla Procura e dalla Gdf, sarebbero rientrati solo 130mila euro: per l'accusa il resto è finito nelle tasche del promoter e, in misura minore, di un imprenditore ferrarese, di un ex amministratore pubblico e di un manager. (ANSA).

17:11Brasile: scoppia rivolta in carcere Bauru

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 24 GEN - Ennesima rivolta carceraria in Brasile, che dall'inizio dell'anno è stato colpito da una crisi senza precedenti del sistema penitenziario, con ripetute sommosse seguite da stragi: incidenti sono scoppiati nel 'Centro de Progressao Penitenciaria' di Bauru, comune nell'entroterra dello stato di San Paolo. In base alle prime informazioni della polizia militare, i reclusi hanno dato fuoco a due ale dell'edificio e almeno duecento sarebbero riusciti a fuggire.

17:05Trump riceve i big dell’auto alla Casa Bianca

(ANSA) - NEW YORK, 24 GEN - Siamo di fronte a un ambientalismo fuori controllo: lo ha detto il presidente degli Stati Uniti Donald Trump incontrando alla Casa Bianca i big dell'industria automobilistica Usa, tra cui il numero uno di Fiat Chrysler, Sergio Marchionne. ''Agli Stati Uniti serve una forte spinta per costruire fabbriche nel paese'', ha aggiunto Trump assicurando una riduzione delle regole e un taglio delle tasse.

17:03Calcio: Serie A, Corini quinta panchina saltata

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - Eugenio Corini è il quinto allenatore della stagione in Serie A, il terzo al Palermo, a lasciare la panchina prima della fine del campionato, non contando l'addio all'Inter di Roberto Mancini avvenuto l'8 agosto scorso (ancora in fase di ritiri e amichevoli). Il primo esonero era avvenuto il 6 settembre, dopo la seconda giornata, con il benservito a Davide Ballardini e l'arrivo del giovane Roberto De Zerbi, poi a sua volta caduto il 30 novembre dopo l'eliminazione dalla Coppa Italia ad opera dello Spezia. Dopo la settima giornata, il 2 ottobre, era toccato invece al tecnico dell'Udinese Giuseppe Iachini (ex Palermo), sostituito da Luigi Delneri. Quindi, dopo l'undicesima giornata, nella prima settimana di novembre, la fine dell'avventura di Frank De Boer all'Inter, che ha lasciato il posto a Stefano Pioli.

Archivio Ultima ora