Usa 2016: Bloomberg si chiama fuori, non vincerei

Pubblicato il 07 marzo 2016 da redazione

blomberg

WASHINGTON. – Si profila sempre di più una sfida ‘ultima’ Hillary-Trump nella corsa per la Casa Bianca adesso che anche le voci su una discesa in campo di Michael Bloomberg vengono definitivamente smentite, dall’ex sindaco di New York in persona che afferma: “Non mi candido, se corressi non vincerei”.

Si erano fatte sempre più insistenti nelle ultime settimane le indiscrezioni secondo cui Bloomberg stesse valutando di lanciare la sfida, alla ex segretario di Stato come al tycoon del mattone, candidandosi in qualità di indipendente. Ma è lo stesso Bloomberg a confermare, con un intervento a sua firma, che sì gli è stato chiesto, gli è stato anche posto come una questione di “dovere patriottico”, che lui ci ha pensato seriamente, ma che ha deciso di desistere.

Una buona notizia per Hillary Clinton se è vero, come hanno segnalato alcuni sondaggi, che l’ex sindaco di New York avrebbe potuto strappare più consensi a lei che a Bernie Sanders sul fronte democratico. Ma il senatore liberal del Vermont non è ancora pronto a dare partita vinta ed è determinato a duellare con la frontrunner portandola su quello che è il loro terreno di scontro per eccellenza: Wall Street, le banche.

Temi questi su cui interviene anche Barack Obama per difendere il suo operato dalle critiche che piovono, sottolinea lo stesso presidente, sia da destra che da sinistra: “Le leggi di riforma hanno funzionato”, ha affermato. Oggi “è popolare nei media e nei discorsi politici, sia a sinistra che a destra, suggerire che le crisi sono successe e che nulla è cambiato. Ma questo non è vero”.

Una frecciata, dunque, non solo ai candidati repubblicani, ma probabilmente anche a certi attacchi alla riforma di Wall Street sferrati da Sanders, che è molto critico di diverse delle decisioni prese da Obama di fronte alla grande crisi, a partire dal salvataggio dell’industria dell’auto. Su questo litiga con Hillary, e dimostra di avere ancora voce per sfidarla.

Lo fa con convinzione durante il duello tv che è il primo confronto tra i due dopo il Super Tuesday e il Super Saturday che hanno conferito un notevole vantaggio di voti (tradotti anche in delegati) per la ex segretario di Stato, ma cui il senatore liberal sembra fare poco caso quando, con vigore, torna a ad elencare punto per punto ciò che lo differenzia dalla sua rivale. Così, uno per uno, vengono al pettine i nodi dei contendenti che rappresentano le due anime del partito democratico.

E accade a Flint, in Michigan, la città dell’acqua killer, emblema del malgoverno e del sistema che ‘tradisce’ gli americani. Una citta’ working class e nera, nel cuore dello Stato di Detroit -la città ‘abbandonata’ simbolo della crisi e chiave della ripresa- che vota per le primarie martedì. Questa è la ‘Rust Belt’ (con Ohio e Pennsylvania), tradizionalmente operaia, tradizionalmente democratica.

Ma qui Donald Trump è venuto a mordere e portare via fette di elettorato bianco e working class, lo zoccolo duro del fenomeno Trump. Vuole dalla sua parte i ‘democratici reaganiani’, che si sentono lontani da un partito considerato ormai attento soprattutto da interventi di welfare e alle minoranze. Ancora una volta è la rabbia e l’insoddisfazione che Trump viene a prendersi qui, prima di volare in Florida, la sua ‘seconda casa’, dove vuole chiudere la partita con una sfida a due e il bersaglio è Ted Cruz.

Il senatore del Texas intanto spera e prova a spingere e costruire sul risultato del Super Saturday che, se non gli dà grande vantaggio di delegati, gli dà il margine per accreditarsi come l’unico che può fermare Trump. Perché Marco Rubio ha se strappato una vittoria a Puerto Rico, per il resto non vince ancora nulla e la sua Florida non è affatto scontata.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

01:02Senato respinge revoca Obamacare

(ANSA) - WASHINGTON 27 LUG - Il Senato degli Stati Uniti ha bocciato il testo presentato dai repubblicani per la semplice revoca della maggior parte della riforma sanitaria detta Obamacare senza prevedere un testo che la sostituisca. Il Senato degli Stati Uniti ha respinto con 45 voti favorevoli e 55 voti contrari. Il senato ha già dato il via libera alla discussione su un nuovo testo da mettere a punto per sostituire la riforma sanitaria di Obama, visto che quello già elaborato non è andato avanti per le divisioni dei repubblicani.

00:29Tunisia: passa la legge contro la violenza sulle donne

(ANSAmed) - TUNISI, 26 LUG - Voto storico a Tunisi. Dopo un iter parlamentare accidentato e ostacolato da rinvii che avevano fatto temere un fallimento, il parlamento tunisino ha approvato all'unanimità con 146 voti a favore la legge organica contro la violenza e i maltrattamenti sulle donne e per la parità di genere. Quarantatrè articoli divisi in 5 capitoli per fornire misure efficaci per lottare contro ogni forma di violenza o sopruso basato sul genere. Il testo ha l'obiettivo di garantire alla donna il rispetto della dignità e assicurare l'uguaglianza tra i sessi, garantita dalla Costituzione, attraverso un approccio globale basato sulla prevenzione, la punizione dei colpevoli e la protezione delle vittime. La legge punta inoltre ad eliminare ogni forma di disuguaglianza tra i sessi anche sul lavoro.

00:27Calcio: Champions League, Nizza-Ajax 1-1

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - Mario Balotelli a segno, ma il Nizza non riesce ad imporsi sull'Ajax che dalla Costa Azzurra porta via un prezioso 1-1 nell'andata di una delle gare del terzo turno preliminare di Champions League. Al vantaggio rossonero al 32' grazie all'attaccante italiano, infatti, i Lancieri hanno risposto al 4' della ripresa con van de Beek. Mercoledì prossimo la gara di ritorno che varrà l'accesso ai playoff. Tra gli altri risultati delle gare di oggi, da segnalare lo 0-0 fra gli scozzesi del Celtic e i norvegesi del Rosenborg e il 3-1 degli ucraini della Dynamo Kiev sugli svizzeri dello Young Boys.

00:03Sci: Italia Team, operata l’azzurra Marsaglia

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - Francesca Marsaglia è stata operata presso la clinica La Madonnina, a Milano, per una sindrome pubico-inguinale che le impediva di allenarsi con regolarità. Lo rende noto la Federsci precisando che l'operazione è stata effettuata dal dottor Gianpiero Campanelli, sotto la supervisione della Commissione medica della Fisi. La 27enne sciatrice azzurra dovrà ora osservare una decina di giorni di riposo assoluto e ricominciare gradualmente la preparazione: l'obiettivo, conclude la Fisi, è quello di presentarsi regolarmente alla partenza del viaggio sudamericano con destinazione Ushuaia (Argentina), ad inizio settembre.

23:28Calcio: 1-0 al Lille di Bielsa, il “Bortolotti” all’Atalanta

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - L'Atalanta di Gian Piero Gasperini ha vinto la ventitreesima edizione del trofeo "Achille e Cesare Bortolotti", intitolato alla memoria dei due presidenti scomparsi, battendo per 1-0 il Lille di Marcelo Bielsa davanti a poco meno di diecimila spettatori. A segno nel primo tempo Cristante (14') che controlla e di esterno destro piazza sotto la traversa l'assist con scavetto di Gomez. Nella ripresa, Gollini salva il risultato parando a Benzia un rigore concesso per un contatto fra Palomino e Ponce. Per i nerazzurri una prova discreta in attesa delle altre sgambate internazionali: quella con il Borussia Dortmund del primo agosto ad Altach (19.30) e quella a Valencia l'11 dello stesso mese. Da giovedì, intanto, squadra a San Gallo per la seconda fase della preparazione.

23:24Calcio: Marotta, offerta a Lotito per Keita Baldé

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - "Abbiamo parlato con Lotito per Keita Baldé. Abbiamo fatto la nostra proposta, ora sta a lui valutarla". L'ad della Juventus Beppe Marotta esce allo scoperto e annuncia di voler acquistare l'esterno della Lazio. Non nega neppure una trattativa per Matuidi: "È un'ipotesi. Stiamo valutando alcune situazioni, non nascondiamo che cerchiamo un centrocampista d'esperienza". Poi, su Schick chiarisce: "Mi spiace che sia andata così e che non si sia arrivati alla conclusione per impedimenti oggettivi. È un talento emergente, ma per il momento è un'operazione chiusa". Quindi, esclude la cessione di Dybala, nonostante piaccia al Barcellona: "Abbiamo rifiutato tante offerte. Quando un giocatore è contento di rimanere alla Juve, ci resta finché vuole". Infine, sulla possibilità di affidare la maglia n.10 al neoarrivato Bernardeschi: "È una maglia pesante nella storia della Juventus e del calcio in generale, valuteremo. È anche una forma di protezione per non esporlo a troppe responsabilità. Bisogna essere molto cauti".

23:00Calcio: Tavecchio, col Var ci aspettiamo meno polemiche

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - "Con il Var ci aspettiamo molte meno polemiche. Sono stato fra i primi a chiederlo ai tempi di Blatter e sono felice che quest'anno entri in vigore. All'inizio bisognerà abituarsi, ma è una novità sicuramente positiva. Garantirà maggiore sicurezza nelle analisi degli arbitri". Il presidente della Figc Carlo Tavecchio, a margine della presentazione del calendario della prossima stagione di Serie A, parla dell'introduzione del Var.

Archivio Ultima ora