L’Isis fa paura, Gb teme “attacchi spettacolari”

Pubblicato il 07 marzo 2016 da redazione

gb

LONDRA. – Sotto pressione in Siria e in Iraq, l’Isis continua a far paura in occidente. Il timore è quello che i seguaci del Califfo abbiano in animo di tentare attacchi “enormi e spettacolari”, sul modello di quanto già avvenuto in Francia. Magari questa volta in Gran Bretagna, avverte Mark Rowley, responsabile dell’anti-terrorismo in seno a Scotland Yard, rilanciando l’allarme con parole tutt’altro che rassicuranti e ammonendo a tenere alta la guardia.

Parlando nel corso di un briefing a Londra, Rowley evoca la la strage di Parigi di qualche mese fa come un esempio della potenziale capacità di minaccia dei jihadisti – in primo luogo dei jihadisti della porta accanto – e della loro “ambizione” di compiere un salto di qualità. L’Isis punta sempre a prendere di mira bersagli simbolo come poliziotti o militari, sottolinea, ma sembra orientarsi adesso anche verso obiettivi più vasti, per colpire “lo stile di vita” della popolazione occidentale.

“Negli ultimi mesi – insiste il funzionario britannico – abbiamo visto un espandersi di questo”, l’emergere di piani d’azione sempre più numerosi “contro lo stile di vita occidentale”. Piani dietro i quali “si può intravvedere un gruppo terroristico animato dall’ambizione di perpetrare attacchi enormi e spettacolari, non solo del tipo di quelli orditi finora”.

Il numero uno del dipartimento più delicato della polizia di Sua Maestà evidenzia quindi come nel 2015 in Gran Bretagna si sia avuto un record di arresti per presunto reati di terrorismo: 339 persone, per il 77% cittadini britannici, il 14% donne e il 13% under 20. Ennesima conferma del pericolo rappresentato in primo luogo dalla cosiddetta ‘minaccia interna’.

“Si tratta di un quadro che sarebbe stato impossibile vedere fino a pochi anni fa, di una prova della radicalizzazione (di segmenti della società), degli effetti della propaganda e del modo in cui i messaggi del Daesh riecheggiano fra gli individui”, afferma Rowley. Di positivo c’è che una cinquantina di ragazzi minorenni sono stati fermati, talora grazie alle denunce dei loro stessi genitori, prima che potessero partire per la Siria e unirsi allo Stato Islamico o compiere altri passi irreparabili.

Ma questo non basta a certificare l’efficacia dell’attività di contropropaganda dello Stato (e degli Stati). Rowley glissa sull’argomento. E tuttavia fonti investigative del regno, interpellate in forma anonima dal Guardian, negano che le norme promosse finora dal governo siano state in grado di stroncare davvero l’insinuante proselitismo e le campagne di reclutamento dell’Isis o di sigle affini. Soprattutto attraverso i territori franchi di Internet.

Ultima ora

14:10Terremoto: Arca a Norcia “dove progettare il futuro”

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 22 OTT - Firmato il protocollo di intesa per la realizzazione del concorso internazionale di progettazione per la realizzazione dell'Arca di Norcia. Stamani, al centro polivalente Boeri, l'associazione "I love Norcia", l'Ordine nazionale degli architetti, la Regione Umbria e il Comune di Norcia hanno siglato l'accordo che porterà alla realizzazione di uno spazio dedicato alla città, "dove progettare il futuro, far vivere il presente e tenere viva la memoria", ha detto Vincenzo Bianconi, presidente dell'associazione, nata all'indomani della grande scossa del 30 ottobre scorso. "I love Norcia è un qualcosa che ha radici in città e occhi che guardano al mondo, è un sogno che oggi ha un suo punto di atterraggio con la firma che apponiamo e soprattutto dobbiamo aspirare ad essere un modello per il mondo, in particolare per il nostro saper convivere con i terremoti", ha aggiunto Bianconi. "L'Arca sarà la casa di tutti i nursini, sarà un luogo sicuro e un grande laboratorio di idee che guardano all'innovazione", ha evidenziato il presidente. Il concorso per la progettazione è promosso dall'Ordine nazionale degli architetti, il cui presidente, Giuseppe Capocchin, ha spiegato che si svolgerà in maniera diversa da tutti gli altri: "Le cinque idee migliori avranno l'incarico di realizzare i cinque progetti con un contributo di 20 mila euro ciascuno, il miglior progetto realizzerà l'Arca". Alla firma dell'accordo erano presenti la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini e il sindaco Nicola Alemanno. A raccordare gli interventi, Davide Rampello, docente al Politecnico di Torino. Nel corso del convegno si sono susseguite le testimonianze dei consiglieri di "I love Norcia" e della dirigente scolastica dell'istituto onnicomprensivo De Gasperi-Battaglia, Rosella Tonti. (ANSA).

14:06Referendum: alle 12 in Lombardia affluenza al 6,25%

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - In Lombardia per il referendum sull'autonomia alle 12 hanno votato 492.061 elettori, il 6,25% del totale. L'affluenza più bassa è stata registrata nella città metropolitana di Milano, con 85.808 votanti, pari al 3,49%; la più alta, con il 9,58% e 26.116 votanti, a Lecco.

14:03Referendum: Veneto, alle 12 affluenza al 21,1%

(ANSA) - VENEZIA, 22 OTT - E' stata del 21,1% l'affluenza dei votanti alle ore 12 per il referendum consultivo sull'autonomia del Veneto. Il dato è dell'osservatorio elettorale regionale. La provincia con maggior affluenza percentuale è stata Vicenza con 25,2. Chiude, tra le sette province venete, sul piano percentuale Rovigo con il 16%. Le urne si chiuderanno alle 23 e il referendum veneto prevede per essere valido un quorum del 50%+1 degli aventi diritto al voto.

14:00Giappone: exit poll, vince coalizione governo

(ANSA) - TOKYO, 22 OTT - La coalizione di governo in Giappone, guidata dai liberal democratici del premier Shinzo Abe assieme alla forza di centro destra New Komeito, si conferma la prima forza politica alle elezioni legislative indette per il rinnovo della Camera bassa. In base ai primi exit poll - pochi minuti dopo la chiusura delle urne - l'attuale formazione dell'esecutivo ha conquistato 280 seggi sui 465 in lizza.

13:57Catalogna: convocazione urne ‘non è sul tavolo’ Generalitat

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - La convocazione di elezioni in Catalogna da parte del presidente della Generalitat "non é sul tavolo": lo ha detto il portavoce del governo di Barcellona, Jordi Turull, nel corso di un'intervista a RAC1, secondo quanto riporta il quotidiano La Vanguardia. Come é noto, il governo di Madrid ha proposto ieri il commissariamento della Generalitat, con dure misure per bloccare la corsa verso l'indipendenza della regione ribelle, e la convocazione di nuove elezioni al massimo entro sei mesi. Le misure annunciate ieri dal governo, ha commentato Turull, dimostrano che "c'é uno Stato che non vuole la Catalogna". E poi: "Ciò che é la Catalogna lo deciderà il Parlament eletto in modo legittimo dai cittadini".

13:08Referendum: Salvini vota a Milano, felice e orgoglioso

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - Il segretario della Lega Nord Matteo Salvini ha votato per il referendum sull'autonomia nella scuola media De Marchi-Gulli a Milano. Salvini si è recato al seggio insieme ai due figli. Ai cronisti che al suo arrivo gli hanno chiesto se il referendum è un'occasione storica, il leader della Lega ha risposto: "Sì, sono felice delle migliaia e spero dei milioni di elettori che in Veneto e Lombardia chiederanno una politica più vicina, più concreta ed efficace, meno burocrazia, meno sprechi, una politica a chilometro zero. Quindi spero che tanta gente colga, al di là delle posizioni politiche, questa novità che ci porterebbe all'avanguardia a livello mondiale". "Oggi finalmente si può votare per qualcosa che riguarda veramente la vita dei cittadini, quindi sono orgoglioso del fatto che ci sia questa possibilità per milioni di italiani. Mentre purtroppo tra Barcellona e Madrid si litiga qua c'è un referendum legittimo, corretto che rispetta la Costituzione e che porta la politica più vicina ai cittadini".

13:07Referendum: Maroni, cittadini raccolgano la sfida

(ANSA) - LOZZA (VARESE), 22 OTT - "Mi aspetto che vinca il Sì, dopodiché mi aspetto che i cittadini lombardi e veneti capiscano che è un'occasione storica e straordinaria e accettino la sfida che abbiamo lanciato, consentendo a me e Zaia di trattare maggiori competenze e risorse". Lo ha detto il presidente della Lombardia, Roberto Maroni, arrivando a votare per il referendum sull'autonomia al suo seggio di Lozza, nel Varesotto. Le operazioni di voto elettronico stanno procedendo "bene, anche dal punto di vista della sicurezza" ha detto Maroni, sottolineando che si tratta comunque di una "operazione complessa". "Mi spiace" - ha aggiunto - che il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, non voti al referendum. "Mi ha fatto piacere che si sia schierato per il Sì ma poteva fare un piccolo sforzo, anche simbolico, per venire a votare. I gesti simbolici sono importanti".

Archivio Ultima ora