L’Isis fa paura, Gb teme “attacchi spettacolari”

Pubblicato il 07 marzo 2016 da redazione

gb

LONDRA. – Sotto pressione in Siria e in Iraq, l’Isis continua a far paura in occidente. Il timore è quello che i seguaci del Califfo abbiano in animo di tentare attacchi “enormi e spettacolari”, sul modello di quanto già avvenuto in Francia. Magari questa volta in Gran Bretagna, avverte Mark Rowley, responsabile dell’anti-terrorismo in seno a Scotland Yard, rilanciando l’allarme con parole tutt’altro che rassicuranti e ammonendo a tenere alta la guardia.

Parlando nel corso di un briefing a Londra, Rowley evoca la la strage di Parigi di qualche mese fa come un esempio della potenziale capacità di minaccia dei jihadisti – in primo luogo dei jihadisti della porta accanto – e della loro “ambizione” di compiere un salto di qualità. L’Isis punta sempre a prendere di mira bersagli simbolo come poliziotti o militari, sottolinea, ma sembra orientarsi adesso anche verso obiettivi più vasti, per colpire “lo stile di vita” della popolazione occidentale.

“Negli ultimi mesi – insiste il funzionario britannico – abbiamo visto un espandersi di questo”, l’emergere di piani d’azione sempre più numerosi “contro lo stile di vita occidentale”. Piani dietro i quali “si può intravvedere un gruppo terroristico animato dall’ambizione di perpetrare attacchi enormi e spettacolari, non solo del tipo di quelli orditi finora”.

Il numero uno del dipartimento più delicato della polizia di Sua Maestà evidenzia quindi come nel 2015 in Gran Bretagna si sia avuto un record di arresti per presunto reati di terrorismo: 339 persone, per il 77% cittadini britannici, il 14% donne e il 13% under 20. Ennesima conferma del pericolo rappresentato in primo luogo dalla cosiddetta ‘minaccia interna’.

“Si tratta di un quadro che sarebbe stato impossibile vedere fino a pochi anni fa, di una prova della radicalizzazione (di segmenti della società), degli effetti della propaganda e del modo in cui i messaggi del Daesh riecheggiano fra gli individui”, afferma Rowley. Di positivo c’è che una cinquantina di ragazzi minorenni sono stati fermati, talora grazie alle denunce dei loro stessi genitori, prima che potessero partire per la Siria e unirsi allo Stato Islamico o compiere altri passi irreparabili.

Ma questo non basta a certificare l’efficacia dell’attività di contropropaganda dello Stato (e degli Stati). Rowley glissa sull’argomento. E tuttavia fonti investigative del regno, interpellate in forma anonima dal Guardian, negano che le norme promosse finora dal governo siano state in grado di stroncare davvero l’insinuante proselitismo e le campagne di reclutamento dell’Isis o di sigle affini. Soprattutto attraverso i territori franchi di Internet.

Ultima ora

00:24Calcio: 4-2 al Genoa, Lazio ai quarti Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - La Lazio ha battuto il Genoa 4-2 (2-2) e si è qualificata per i quarti di finale di Coppa Italia. Biancocelesti in vantaggio al 20' pt con Djordjevic e raddoppio di Hoedt al 31', accorcia Pinilla al 41' e pareggia Pandev al 45', poi Milinkovic-Savic al 25'st e Immobile al 30' chiudono la gara. Nel prossimo turno, il 31 gennaio, la Lazio affronterà l'Inter.

22:24Obama, la democrazia ha bisogno della stampa

(ANSA) - NEW YORK, 18 GEN - "Avere voi in questo edificio ci ha fatto lavorare tutti meglio, perché la stampa è l'occhio critico su quelli che hanno il potere": Così Obama nell'ultima conferenza stampa da presidente, sottolineando come "gli americani e la democrazia hanno bisogno della stampa. "Manning ha scontato una dura sentenza in carcere, la sua condanna era sproporzionata. Ho valutato il suo caso nei dettagli", ha aggiunto sottolineando di non prestare attenzione ai tweet di Assange. "Intrattenere rapporti costruttivi con la Russia è una priorità degli Usa ed è nell'interesse del mondo", ha detto aggiungendo però che con Putin c'è stata un'escalation del sentimento anti-americano." Poi ha invitato gli Usa a difendere la propria visione del mondo e a non perpetrare prepotenze nei confronti dei Paesi più piccoli, con un riferimento a Russia e Cina. "Cordiali" i rapporti con Trump. "Gli ho offerto i miei consigli, ha aggiunto, riferendo di aver detto al presidente eletto che il lavoro del presidente è "non lo si può fare da soli".

22:00Parigi sogna il vaporetto con linee di bus fluviali

(ANSA) - PARIGI, 18 GEN - "Il fiume deve essere parte integrante della nostra strategia di trasporto come le teleferiche o i veicoli autonomi. Dobbiamo esplorare tutte le possibilità tecnologiche sui corsi d'acqua, dalla Senna ai canali": ne è convinta Valérie Pécresse, presidente dell'Ile-de-France, la regione parigina, e del suo sindacato dei trasporti pubblici Stif, che lo ha spiegato a Le Monde. Il sogno di Parigi è di trasformare la Senna in uno dei mezzi di trasporto abituali: il trasporto fluviale è un sogno di cui si parla da anni ma che si è sempre scontrato con la realtà per diverse ragioni, spesso logistiche ed ambientali. Ma ora Pécresse vuole provare a fare sul serio.

21:51Sindaco Montegallo, 5 frazioni isolate,40 sfollati

(ANSA) - MONTEGALLO (ASCOLI PICENO), 18 GEN - ''Abbiamo 5 frazioni isolate sotto 2 metri e 30 cm di neve, con una trentina di persone, non abbiamo energia elettrica, la situazione è critica, e intanto continua a nevicare''. Lo dice all'ANSA il sindaco di Montegallo (Ascoli Piceno) Sergio Fabiani. ''Per fortuna, ad ora, non abbiamo malati o anziani gravi da assistere''. Gli sfollati del nuovo sisma, ''non per i crolli ma per la neve e la paura'', sono 40. Già da questa sera troveranno accoglienza negli hotel di Grottammare. ''Vengono da alcune delle 23 frazioni del comprensorio. Hanno timore a restare in casa, li capisco''. In paese sono al lavoro i carabinieri, i vigili urbani del contingente messo a disposizione dalla Regione Emilia-Romagna, una squadra dei vigili del fuoco, ma mancano mezzi spartineve e pale gommate che possano aprire un varco per raggiungere le frazioni. ''La Provincia di Ascoli - spiega Fabiani, che è al suo posto nonostante 38 di febbre - ha promesso che domani ci manderà dei mezzi in più''.

21:43Cannes, rapina da 15 mln in gioielleria Harry Winston

(ANSA) - PARIGI, 18 GEN - Un uomo a volto scoperto è entrato nella gioielleria Harry Winston sul celebre boulevard della Croisette di Cannes e si è impadronito di 26 parure di gioielli, essenzialmente di diamanti per un valore di circa 15 milioni di euro. Il ladro aveva una pistola e una granata, non si sa ancora se vera o finta, riporta il quotidiano Le Figaro. L'uomo si è presentato intorno alle 11 del mattino, da solo, nella gioielleria come un semplice cliente. Aveva il volto coperto soltanto da un paio di occhiali da sole e "ha chiesto di vedere delle parure di diamanti per conto di un acquirente. La commessa si è insospettita e gli ha mostrato un catalogo", riporta ancora il quotidiano. L'uomo, allora, ha tirato fuori le armi per farsi aprire le vetrine dalle 2 commesse presenti e facendo stendere a terra la guardia di sicurezza. Si è impadronito dei gioielli e, senza sparare nessun colpo, è riuscito a uscire dalla boutique indisturbato, a piedi come era venuto, senza lasciare traccia.

21:27M5s: Forello candidato per comunali Palermo

(ANSA) - PALERMO, 18 GEN - E' l'avvocato Ugo Forello il candidato sindaco dei 5stelle a Palermo, dove si voterà in primavera per le amministrative. Lo hanno deciso gli iscritti al movimento che hanno votato sulla piattaforma Rousseau. Sconfitto il poliziotto Igor Gelarda, l'altro candidato.

21:16Legale Assange fa dietrofront, ‘non si consegna a Usa’

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - La decisione del presidente Usa Barack Obama di ridurre la pena per Chelsea Manning, la 'talpa' di Wikileaks che verrà scarcerata il 17 maggio, non è sufficiente perché Julian Assange si consegni alle autorità Usa come promesso. A The Hill, uno dei legali di Assange, Barry Pollack, ha detto che Assange accoglie positivamente la decisione di Obama "ma è meno di quanto volesse: aveva chiesto la grazia e la scarcerazione immediata".

Archivio Ultima ora