Sanders e Cruz resistono, nonostante tutto

Pubblicato il 10 marzo 2016 da redazione

bernie-sanders-1

NEW YORK – Sorprese e contraddizioni. La campagna elettorale si fa sempre più avvincente. E anche se Hillary Clinton e Donald Trump continuano a dominare la scena nei rispettivi partiti, né Bernie Sanders né Ted Cruz si arrendono.

La nostra Comunità, come d’altronde il resto del Paese, segue il susseguirsi di colpi di scena con curiosità e interesse. E, talvolta, si rivolgono a brokers puntando sull’uno o sull’altro candidato. Nella “City”, ma anche a New York, dopo il “super-tuesday” le quotazioni di “The Donald” e di Clinton, come era da supporre, hanno subito un’impennata importante. Ma i brokers non hanno pulito la lavagna. E su essa non appaiono solo i nomi dei due “frontrunner” ma anche quelli degli immediati inseguitori: Ted Cruz e Bernie Sanders.

In casa dei repubblicani prosegue, senza esclusione di colpi, la sfida tra il magnate del mattone e il senatore di origini cubane. Le aspirazioni di Marco Rubio, invece, pare siano arrivate definitivamente al capolinea. Praticamente fuori corsa, si attende il suo endorsement alla candidatura di Cruz. La “nomination”, quindi, si è trasformata in una corsa a due. Ma non si sa come Cruz possa riuscire a far deragliare la “locomotiva Trump”, in corsa verso il successo.

Tutti contro “The Donald”. L’establishment repubblicano, simboleggiato dalla Grand Old Party” ha serrato i ranghi, nel timore che il Tycoon newyorchese possa ottenere la “nomination”. Ma mentre il Super-Pac dei miliardari guidati da Meg Whitman di Hewlett-Packard, gli imprenditori della Sillicon Valley e i capi del partito repubblicano si sforzano di frenare le aspirazioni di Trump, la base elettorale del partito dell’elefante continua a crederci. La maggioranza relativa, nei sondaggi, è con Trump mentre Cruz spera che alla fine possa prevalere il buon senso.

Donald Trump, nonostante le innumerevoli gaffe, i suoi gesti da “ducetto” e, ultimo nella linea di tempo, il suo saluto nazista, pare incarnare lo spirito dell’americano medio, specialmente quello conservatore e reazionario che sopravvive fuori dalle metropoli. Per molti americani la sua candidatura è diventata un vero incubo; incubo che ha prodotto un boom di consulte presso studi di psicologi. Fenomeno non estraneo in epoca di elezioni ma che, in quest’occasione, ha raggiunto livelli inimmaginabili.

In casa del partito dell’asinello l’atmosfera che si respira è un’altra. Ormai, dai sondaggi e dai caucus è emersa una realtà inequivoca: Sanders è sempre il candidato preferito dei “giovani bianchi” e di quella fascia di americani scontenti che spera in un giro di boa. I suoi discorsi non spaventano più di tanto. Anzi, riescono a far breccia anche tra i democratici moderati. Il trionfo, anche se di misura in Michigan dimostra che i sentimenti anti-Wall Street e il desiderio di un welfare più incisivo serpeggiano tra l’elettorato.

L’ex First Lady, dal canto suo, trionfa negli Stati del Sud, dove la comunità afroamericana e latinoamericana è assai numerosa. I risultati ottenuti in Mississippi ne sono riprova. La “nomination” nel partito democratico passa necessariamente per il voto della comunità nera.

Se la corsa di Trump, appena qualche mese fa presa con eccessiva leggerezza e scetticismo dalla “Grand Old Party”, spariglia le carte in tavola in casa Repubblicana, la resistenza di Sanders è una spina al fianco di Clinton. Resta da vedere quali saranno le prossime mosse e, in particolare, gli sviluppi dell’“affaire” delle mail che potrebbero irrompere nella scena politica con la violenza di uno tsunami e travolgere la candidatura dell’ex First Lady che, a differenza del “vecchio” Sanders, pare non essere in grado di trasmettere entusiasmo, calore, passione a chi l’ascolta.

(Flavia Romani/Voce)

Ultima ora

13:39Bangladesh: ciclone Mora, cinque morti e 20 feriti

(ANSA) - DACCA, 30 AMG - E' di cinque morti ed una ventina di feriti il primo bilancio del passaggio oggi sul Bangladesh del ciclone Mora. Lo riferisce il quotidiano The Daily Star di Dacca. Queste prime vittime, hanno segnalato le autorità locali, sono state provocate nei distretti di Chittagong e Cox's Bazar dalla caduta di alberi sulle case e da un infarto. In una conferenza stampa, il Dipartimento di meteorologia del Bangladesh ha reso noto che il ciclone, che sta perdendo forza trasformandosi in una depressione tropicale, si dirige verso Tripura ed altre località del nord-est bengalese.

13:39Terremoto: primo ok dal Pe su ricostruzione con 95% fondi Ue

(ANSA) - BRUXELLES, 30 MAG - La commissione sviluppo regionale del Parlamento europeo ha approvato all'unanimità l'accordo provvisorio raggiunto lo scorso 24 maggio tra Eurocamera e Consiglio che prevede il cofinanziamento per la ricostruzione sino al 95% dei territori del Centro Italia distrutti dal terremoto. Lo rende noto la delegazione 5 stelle del Parlamento europeo sottolineando che "si tratta di circa 1 miliardo di euro". "Abbiamo votato a favore - spiega l'eurodeputata Rosa D'Amato, membro della commissione sviluppo regionale - ma è un chiaro compromesso al ribasso e un perfetto esempio di come non funzionano le istituzioni europee. Il risultato è una solidarietà solo di facciata". La proposta del Movimento 5 Stelle era il cofinanziamento al 100% e senza nessun tetto ma alcuni Stati dell'Ue avevano spinto per introdurre una quota di cofinanziamento nazionale.

13:36Danimarca: Sirenetta di Copenaghen dipinta di rosso

(ANSA) - COPENAGHEN, 30 MAG - La Sirenetta di Copenaghen, che dal 1913 dà il benvenuto nel porto della capitale danese, e' stata dipinta di rosso da sconosciuti in quello che potrebbe essere - secondo i media locali - un gesto di protesta contro l'annuale strage delle balene pilota nel Paese. Di fronte alla statua, realizzata dallo scultore Edvard Eriksen in onore dello scrittore e poeta danese Hans Christian Andersen, la polizia ha trovato la scritta in inglese la 'Danimarca difenda le balene delle isole Faeröer'. Il messaggio sarebbe riferito alla caccia alle balene pilota nelle acque delle isole dell'Atlantico del Nord durante i mesi estivi da parte degli abitanti delle Faeröer, una pratica iniziata alla fine del 16mo secolo che ogni anno costa la vita a circa 800 balene.

13:31Calcio: Zidane, Dybala pericolo n.1

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - "Le finali di Champions non hanno favorite: la cosa più difficile è arrivare fino in fondo, poi le possibilità di alzare la Coppa sono 50 e 50": lo ha detto Zinedine Zidane, nella conferenza del media day Real per la finale di Champions. "Dybala pericolo numero uno? Si', direi che e' lui - ha aggiunto il tecnico dei madridisti - ma anche gli altri sono forti, penso a Higuain, Alves...La Juve è una squadra tosta, ma noi cercheremo di farle male. La gente può dire quel che vuole, su Bale e Isco io non mi faccio condizionare", aggiunge Zidane. "Bale dovrebbe dirmi che vuole giocare questa finale dopo l'infortunio? No, lui non deve dirmi nulla - ha risposto il tecnico merengue alle insistenti domande dei media spagnoli - I due sono pronti, e io decidero'. Ma d'altra parte hanno fatto sedici partite insieme quest'anno, chi lo dice che sono in ballottaggio per una maglia?...".

13:24Calcio: Zidane, con Juve finale speciale

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - "Alla Juve ho fatto cinque anni, ma ora sono l'allenatore del Real Madrid: sarà una finale speciale, spero sia anche bella". Lo dice Zinedine Zidane, in vista della finale Champions di Cardiff. "Io ho il Dna del Real Madrid, qui mi sento a casa: quando sono arrivato mi sono sentito ben accolto, sarò sempre tifoso del Real".

13:22Calcio: stadio Roma, Frongia replica a Pallotta

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - "Lo stadio della Roma? Stiamo andando avanti per la nostra strada ben delineata dalla memoria di giunta dell'assessore Montuori qualche settimana fa. Entro la metà del prossimo mese ci saranno rilevanti novità in termini di atti depositati in Giunta in assemblea capitolina". Così l'assessore allo Sport del Comune di Roma, Daniele Frongia, a margine dei premi Ussi-Roma al circolo Canottieri Aniene. Replicando a chi gli chiede dell'ultimatum del presidente della Roma, James Pallotta, che ha fissato al 2020 la data limite per la realizzazione del nuovo impianto, altrimenti la Roma cambierà proprietario, Frongia si è limitato a dire: "Noi andiamo avanti per la nostra strada, seguiamo gli accordi presi anche col proponente".

13:05Berlusconi, verso legge condivisa per votare

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - "Mi sembra che si stia andando verso una legge elettorale condivisa, come io ho sempre auspicato, e verso un sistema proporzionale che è un sistema di giustizia". Lo ha detto Silvio Berlusconi a margine della consegna del premio Rosa Camuna in Regione Lombardia. Secondo il leader di FI, "in un Paese che ha tre poli non si può applicare il maggioritario per evidenti ragioni". Quindi, ha concluso Berlusconi, "credo che sia la cosa giusta, in Germania funziona da oltre 70 anni".

Archivio Ultima ora