Sanders e Cruz resistono, nonostante tutto

Pubblicato il 10 marzo 2016 da redazione

bernie-sanders-1

NEW YORK – Sorprese e contraddizioni. La campagna elettorale si fa sempre più avvincente. E anche se Hillary Clinton e Donald Trump continuano a dominare la scena nei rispettivi partiti, né Bernie Sanders né Ted Cruz si arrendono.

La nostra Comunità, come d’altronde il resto del Paese, segue il susseguirsi di colpi di scena con curiosità e interesse. E, talvolta, si rivolgono a brokers puntando sull’uno o sull’altro candidato. Nella “City”, ma anche a New York, dopo il “super-tuesday” le quotazioni di “The Donald” e di Clinton, come era da supporre, hanno subito un’impennata importante. Ma i brokers non hanno pulito la lavagna. E su essa non appaiono solo i nomi dei due “frontrunner” ma anche quelli degli immediati inseguitori: Ted Cruz e Bernie Sanders.

In casa dei repubblicani prosegue, senza esclusione di colpi, la sfida tra il magnate del mattone e il senatore di origini cubane. Le aspirazioni di Marco Rubio, invece, pare siano arrivate definitivamente al capolinea. Praticamente fuori corsa, si attende il suo endorsement alla candidatura di Cruz. La “nomination”, quindi, si è trasformata in una corsa a due. Ma non si sa come Cruz possa riuscire a far deragliare la “locomotiva Trump”, in corsa verso il successo.

Tutti contro “The Donald”. L’establishment repubblicano, simboleggiato dalla Grand Old Party” ha serrato i ranghi, nel timore che il Tycoon newyorchese possa ottenere la “nomination”. Ma mentre il Super-Pac dei miliardari guidati da Meg Whitman di Hewlett-Packard, gli imprenditori della Sillicon Valley e i capi del partito repubblicano si sforzano di frenare le aspirazioni di Trump, la base elettorale del partito dell’elefante continua a crederci. La maggioranza relativa, nei sondaggi, è con Trump mentre Cruz spera che alla fine possa prevalere il buon senso.

Donald Trump, nonostante le innumerevoli gaffe, i suoi gesti da “ducetto” e, ultimo nella linea di tempo, il suo saluto nazista, pare incarnare lo spirito dell’americano medio, specialmente quello conservatore e reazionario che sopravvive fuori dalle metropoli. Per molti americani la sua candidatura è diventata un vero incubo; incubo che ha prodotto un boom di consulte presso studi di psicologi. Fenomeno non estraneo in epoca di elezioni ma che, in quest’occasione, ha raggiunto livelli inimmaginabili.

In casa del partito dell’asinello l’atmosfera che si respira è un’altra. Ormai, dai sondaggi e dai caucus è emersa una realtà inequivoca: Sanders è sempre il candidato preferito dei “giovani bianchi” e di quella fascia di americani scontenti che spera in un giro di boa. I suoi discorsi non spaventano più di tanto. Anzi, riescono a far breccia anche tra i democratici moderati. Il trionfo, anche se di misura in Michigan dimostra che i sentimenti anti-Wall Street e il desiderio di un welfare più incisivo serpeggiano tra l’elettorato.

L’ex First Lady, dal canto suo, trionfa negli Stati del Sud, dove la comunità afroamericana e latinoamericana è assai numerosa. I risultati ottenuti in Mississippi ne sono riprova. La “nomination” nel partito democratico passa necessariamente per il voto della comunità nera.

Se la corsa di Trump, appena qualche mese fa presa con eccessiva leggerezza e scetticismo dalla “Grand Old Party”, spariglia le carte in tavola in casa Repubblicana, la resistenza di Sanders è una spina al fianco di Clinton. Resta da vedere quali saranno le prossime mosse e, in particolare, gli sviluppi dell’“affaire” delle mail che potrebbero irrompere nella scena politica con la violenza di uno tsunami e travolgere la candidatura dell’ex First Lady che, a differenza del “vecchio” Sanders, pare non essere in grado di trasmettere entusiasmo, calore, passione a chi l’ascolta.

(Flavia Romani/Voce)

Ultima ora

01:21Uragani: Casa Bianca chiede altri 44 mld aiuti a Congresso

(ANSA) - WASHINGTON, 17 NOV - La Casa Bianca ha inviato al Congresso una richiesta di aiuti per 44 miliardi di dollari legati ai danni degli uragani che hanno colpito le isole caraibiche americane e gli Stati Usa del Golfo del Messico. La richiesta, la terza avanzata dal presidente Donald Trump, porterebbe l'ammontare complessivo degli aiuti a 100 miliardi di dollari. Ma i parlamentari delle regioni colpite sono già sul piede di guerra, ritenendo la somma troppo bassa.

01:18Usa: ok a vendita di Patriot a Polonia per 10 miliardi

(ANSA) - WASHINGTON, 17 NOV - Il dipartimento di Stato Usa ha approvato una possibile vendita per 10,5 miliardi di dollari di missili Patriot alla Polonia, nell'ambito della cooperazione militare bilaterale e nella cornice dell'alleanza Nato. Lo rende noto lo stesso Dipartimento di Stato, che ha notificato la proposta al Congresso. Varsavia ha rafforzato il suo sistema difensivo dopo l'annessione della Crimea da parte della Russia.

01:10Tennis: Atp Finals, Dimitrov fa en plein

(ANSA) - ROMA, 17 NOV - Il bulgaro Grigor Dimitrov ha chiuso imbattuto, imitando finora il fuoriclasse Roger Federer, la fase a gironi della Atp Finals in corso a Londra. Il numero 6 del ranking mondiale ha travolto lo spagnolo Pablo Carreno Busta, sconfitto con un doppio 6-1, lo stesso punteggio che aveva riservato due giorni prima al belga David Goffin, che si è qualificato oggi a sua volta per le semifinali. Nelle due partite per decidere i finalisti, Federer affronterà Goffin, mentre Dimitrov se la vedrà con lo statunitense Jack Sock.

01:06Figc: Tommasi, tema non è Tavecchio ma la responsabilità

(ANSA) - ROMA, 17 NOV - "Quando si ha un ruolo di responsabilità, bisogna prendersela. Qui invece, a ben due giorni da quell'evento, dopo due giorni di silenzio della federazione, si pensava solo a mandare via la guida tecnica e non a fare tutti un passo indietro come tutti si aspettavano". Così il presidente dell'Aic, Damiano Tommasi, ospite di 'Propaganda Live' su La7, sulla riunione della Figc di mercoledì scorso dopo l'eliminazione dell'Italia dalla corsa al Mondiale 2018. "Il tema non è Tavecchio ma la responsabilità delle istituzioni. L'unica strategia possibile a questo punto è azzerare la dirigenza federale e ripartire di nuovo". "Servono un nuovo programma e nuove idee per il movimento. Un fallimento così esigeva un cambio di marcia - ha detto -. Ora invece si penserà al nome del nuovo ct ma non è questo il problema. Io credo alla nostra posizione e lo fanno i calciatori, che la vorrebbero anche più dura. Pur conoscendo il nostro pensiero, nessuno mi ha chiamato tra quelli che nel mondo dello sport decidono qualcosa".

00:38Basket: Eurolega, Milano batte Bamberg 71-62

(ANSA) - MILANO, 17 NOV - Dopo la maxi-remuntada di mercoledì con Valencia, ecco un'altra rimonta in doppia cifra dell'Olimpia contro il Brose Bamberg (71-62). Sedici i punti recuperati in Spagna con un grande Jerrells, undici quelli ribaltati oggi (senza Goudelock, out sei settimane) in un lampo da un eroico Kalnietis che ne infila dieci in fila (dopo lo 0 nei primi 35') per allestire un parziale di 19-0 (dal 46-57 al 65-57) che spegne il furore tedesco e le speranze di Trinchieri di battere per la terza volta consecutiva la squadra dove è cresciuto. Ma questa è la Milano di Pianigiani che alla sua squadra chiede sempre di non mollare mai: l'Olimpia è sulle gambe per via della maratona di Valencia, ha percentuali drammatiche al tiro (ne sbaglia 34 dei primi 47) ma non si scompone mai (o quasi, vista la randellata presa con Kaunas) nelle difficoltà. Così sono arrivati tutti e tre i successi in Eurolega e ora la classifica vede Milano ad appena una vittoria di distanza dall'ottavo posto che separa i sogni dagli incubi.

00:35Calcio: serie B, Frosinone-Avellino 1-1

(ANSA) - FROSINONE, 17 NOV - Nell'anticipo della 15/a giornata di B, finisce 1-1 (0-1) la sfida allo 'Stirpe' fra Frosinone e Avellino. I ciociari puntavano a fare bottino pieno ma alla fine ha avuto ragione Novellino che aveva promesso una prova gagliarda degli irpini. Il Frosinone recrimina per alcune scelte dell'arbitro Baroni, che ha visto bene in occasione del vantaggio ospite nell'assegnare il penalty per mani di Matteo Ciofani, trasformato da Castaldo al 5' pt, ma poi non ha ritenuto da rigore un fallo su Daniel Ciofani e una plateale manata al pallone su punizione di Ciano. A inizio ripresa il pareggio frusinate al 4' su inzuccata di Daniel Ciofani. Sempre nel primo tempo la squadra laziale ha colpito una traversa con Ciano e un palo con Dionisi. Un legno anche per i campani colpito da Migliorini. Nel primo tempo gravissimo infortunio a Lasik, si parla di frattura di tibia e perone, dopo un intervento che gli è costato anche il cartellino su Beghetto.

00:25Usa: incendio in palazzo a New York, fiamme sotto controllo

(ANSA) - NEW YORK, 17 NOV - Incendio in un edificio di sette piani a Manhattan, nell'area di Hamilton Heights. Circa 200 pompieri sono sul posto e le fiamme, anche se alimentate dal vento, sono al momento sotto controllo. Secondo le informazioni preliminari, non ci sarebbero feriti. Le cause dell'incendio, scoppiato sulla 144ma strada, non sono ancora chiare.

Archivio Ultima ora