Mattarella in Etiopia e Camerun, focus su immigrazione

Pubblicato il 10 marzo 2016 da redazione

Arrivo alla Stazione Termini (con Freccia Rossa 1000) del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, Roma, 25 Aprile 2015. ANSA/GIUSEPPE LAMI

Arrivo alla Stazione Termini (con Freccia Rossa 1000) del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, Roma, 25 Aprile 2015. ANSA/GIUSEPPE LAMI

ROMA. – Immigrazione, terrorismo, aiuti umanitari ma anche i rapporti, commerciali e culturali, con l’Italia. E’ ricca di appuntamenti l’agenda di Sergio Mattarella che domenica 13 marzo inizierà un lungo viaggio istituzionale in Africa: prima tappa in Etiopia, quindi la sede dell’Unione Africana ad Addis Abeba il 15 marzo, e Cameroun dal 17 al 20.

Etiopia e Cameroun sono protagoniste del recente dinamismo politico e socio-economico dell’Africa e sono in cima alle statistiche sulla crescita umana a livello mondiale. L’Etiopia – alla quale l’Italia è legata anche dall’ormai lontano passato coloniale – ha 100 milioni di abitanti (secondo Paese più popoloso del continente dopo la Nigeria) ed un trend di sviluppo del Pil del 12% annuo: tra i dodici Paesi più in crescita a livello mondiale.

Questi dati, uniti ad una discreta organizzazione amministrativa dovuta alla tradizione millenaria dell’impero etiope, hanno reso il governo di Addis Abeba uno dei più attivi attori nella stabilizzazione geo-politica dell’area. L’Etiopia, che non a caso ospita l’Ua (il corrispettivo, ancora ai primi passi, della nostra Ue), accoglie 800mila profughi da Paesi confinanti: Somalia, Sud Sudan, Eritrea. Mattarella visiterà il capo rifugiati di Teirkidi al confine con il Sud Sudan. Il campo ospita 50mila persone e vede la presenza di operatori umanitari italiani.

“Salvare vite umane e tendere la mano a quanti fuggono da guerra o miseria è un dovere morale di qualunque società che intenda definirsi libera, democratica e rispettosa dei diritti umani”, ha ammonito Mattarella lo scorso 17 febbraio intervenendo al Consiglio dell’Ifad, il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo. Ma ha aggiunto anche che “gli interventi umanitari, da soli, non sono tuttavia sufficienti”, invitando ad “agire sull’immediata e parallela azione di supporto a uno sviluppo sostenibile, equo e inclusivo per offrire la speranza di un futuro migliore a intere popolazioni”.

Ed in questo contesto è necessario “governare il fenomeno migratorio”. Proprio questa è una della motivazioni alla base del viaggio del capo di Stato nell’area sub-sahariana: creare condizioni favorevoli allo sviluppo dei Paesi emergenti e prosciugare sacche di arretratezza socio-culturale ed economica dove spesso attecchiscono fenomeni terroristici.

Ovviamente, la presenza di Mattarella in Etiopia ha peso nei rapporti economici dell’Italia. Sono centinaia gli imprenditori e cittadini italiani in Etiopia: 1.800 sono registrati come residenti, ai quali si aggiungono 600 lavoratori (molti per l’imponente diga sul Nilo) e 110 missionari. Il 15 incontrerà una rappresentanza presso la Scuola italiana di Addis Abeba.

Quella in Cameroun, invece, sarà la prima visita di un presidente della Repubblica italiano nello Stato africano ed una delle prime di un rappresentante istituzionale non francese. Mattarella arriverà a Yaoundè il 17 marzo. I legami sono recenti: in Italia risiede la seconda comunità studentesca camerunense più numerosa all’estero. Il Paese, 22 milioni di abitanti, ha uno dei tassi di alfabetizzazione più alti dell’intero continente (oltre il 70%) ed un’età media bassa (19 anni): dati che suggeriscono agli osservatori che nei prossimi anni Yaoundé avrà una crescita spinta.

Il Cameroun svolge un forte ruolo di stabilizzazione della zona. Nei Paesi confinanti (c’è anche la Nigeria) il terrorismo preoccupa per la presenza della setta estremista musulmana di Boko Haram. L’Italia collabora con l’Onu a sostegno di un progetto a favore dei rifugiati nell’estremo nord del Paese.

Mattarella, che sarà accompagnato dalla figlia Laura, incontrerà le più alte cariche dello Stato, mentre il 18 marzo visiterà l’Università di Yaoundé e lo stabilimento della Ferrero che svolge anche attività di solidarietà. Il 19 marzo la consegna di diplomi al Centro Orientamento Educativo e la consegna di premi agli studenti della locale Scuola Nazionale dei Lavori Pubblici in collaborazione con l’ateneo italiano di Padova.

(di Teodoro Fulgione/ANSA)

Ultima ora

01:05Cadavere a Prato, probabile omicidio

(ANSA) - PRATO, 31 MAR - Il corpo di un uomo, un pratese 42enne, è stato trovato davanti al tribunale di Prato. L'ipotesi che viene ritenuta più probabile è quella dell'omicidio. Il corpo, insanguinato, presenta una grossa ferita alla testa ma non è chiaro se a provocarla sia stato un colpo d'arma da fuoco o una lama. A segnalare la presenza del cadavere è stata, verso e 21, una telefonata anonima ai carabinieri. Poco dopo una nuova segnalazione da parte di una coppia di giovanissimi che passavano in auto e hanno scorto il cadavere insanguinato. Ancora non è chiaro se l'uomo sia morto sul posto o se il cadavere sia stato portato davanti al tribunale.

00:55Venezuela: deputati opposizione aggrediti davanti Alta Corte

(ANSA) - CARACAS, 31 MAR - Un gruppo di deputati dell'opposizione venezuelana è stato aggredito da militari della Guardia Nazionale e membri di gruppi irregolari pro governativi mentre tentavano di avvicinarsi alla sede del Tribunale Supremo di Giustizia (Tsj), nel centro di Caracas. I parlamentari volevano protestare contro la sentenza del Tsj, allineato sulle posizioni del governo di Nicolas Maduro, che si è attribuito i poteri dell'Assemblea Nazionale. Unità antisommossa della Guardia Nazionale hanno però impedito loro di avvicinarsi alla sede del Tsj, mentre i militanti chavisti li attaccavano con pietre e bastoni. Il segretario generale dell'Organizzazione degli Stati Americani (Osa), Luis Almagro, ha denunciato che a Caracas è in atto un "autocolpo di Stato perpetrato dal regime venezuelano contro l'Assemblea Nazionale". Il segretario dell'Osa ha lanciato un appello ai leader del continente perché reagiscano a quanto avviene a Caracas.

00:20Tennis: Miami, anche Berdych ko, Federer in semifinale

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Roger Federer agguanta la semifinale del torneo di Miami, secondo Master 1000 dell'anno. Il fuoriclasse svizzero, n.4 del seeding, ha avuto la meglio in tre set sul ceco Thomas Berdych (n.10): 6-2 3-6 7-6 in poco meno di due ore. Affronterà il vincente dell'altro quarto tra il tedesco Zverev (16) e l'australiano Kyrgios (12).

23:28Usa: bagni transgender, abolita legge North Carolina

(ANSA) - NEW YORK, 30 MAR - La controversa legge sui bagni per i transgender in North Carolina è stata ufficialmente abrogata. Come ci si aspettava, dopo il via libera dell'assemblea parlamentare dello Stato anche il governatore democratico Roy Cooper ha messo la sua firma sotto il provvedimento. I transgender saranno ora liberi di usare i bagni pubblici a seconda dell'identità di genere e non secondo quella assegnata alla nascita.(ANSA).

22:34Corea Sud, arrestata ex presidente Park per corruzione

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Si chiude la parabola discendente dell'ex presidente sudcoreana Park Geun-hye. La donna, accusata di corruzione, è stata arrestata dopo che la Corte distrettuale centrale di Seul aveva dato il via libera al suo mandato di arresto. L'agenzia di stampa Yonhap ha aggiunto che la decisione della Corte è arrivata dopo un'audizione durata circa 9 ore. Il giudice Kang Bu-young ha riferito ai giornalisti di avere preso una decisione in tal senso in quanto c'è la preoccupazione che l'ex presidente possa distruggere le prove che potrebbero essere usate contro di lei nel futuro dibattimento. Park, 65 anni, era decaduta lo scorso 10 marzo, dopo che la Corte costituzionale aveva validato l'impeachment del 9 dicembre votato dal Parlamento. Tre giorni fa la procura aveva deciso di richiedere un mandato d'arresto, descrivendo "molto seri" gli addebiti, nei suoi confronti. E' accusata di aver agito in collaborazione con la 'sciamana' Choi, anch'essa arrestata, per estorcere donazioni alle società sudcoreane.

21:58Sperona auto ex e l’accoltella, fiaccolata a Borgo Vercelli

(ANSA) - VERCELLI, 30 MAR - Fiaccolata nel centro di Borgo Vercelli per Fiorilena Ronco, la donna accoltellata due giorni fa dall'ex marito. Centinaia i cittadini che partecipano alla manifestazione, nel centro della cittadina, organizzata dai compagni di scuola. "Un atto dovuto per la nostra Fiorilena - dice il sindaco Mario Demagistri - e per riaffermare la necessità di stare vicino alle vittime di violenza". Presente anche l'assessore alle Pari opportunità della Regione Piemonte, Monica Cerutti. La piccola folla si è radunata davanti alla chiesa di Santa Caterina per poi passare in via Tavallini, dopo mercoledì l'ex marito della donna l'ha attesa fuori dal lavoro e l'ha aggredita dopo avere speronato l'auto con cui cercava di allontanarsi. L'uomo è stato arrestato. La donna è ricoverata all'ospedale Sant'Andrea di Vercelli in prognosi riservata.(ANSA).

21:52Calcio: Siviglia ufficializza ‘divorzio’ ds Monchi

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Adesso c'è anche l'ufficialità: Ramón Rodríguez Verdejo, per tutti Monchi, lascia la direzione tecnica del Siviglia. Lo ha annunciato il club andaluso con una nota pubblicata sul sito. "Il Siviglia ha raggiunto un accordo con il direttore sportivo Monchi, poi ratificato dal Consiglio di amministrazione del club si è riunito oggi pomeriggio". Domani è in programma una conferenza stampa alle 12.30. Da trent'anni al Siviglia, prima come calciatore e poi come dirigente, Monchi è in predicato di passare alla Roma.

Archivio Ultima ora