Mattarella in Etiopia e Camerun, focus su immigrazione

Pubblicato il 10 marzo 2016 da redazione

Arrivo alla Stazione Termini (con Freccia Rossa 1000) del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, Roma, 25 Aprile 2015. ANSA/GIUSEPPE LAMI

Arrivo alla Stazione Termini (con Freccia Rossa 1000) del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, Roma, 25 Aprile 2015. ANSA/GIUSEPPE LAMI

ROMA. – Immigrazione, terrorismo, aiuti umanitari ma anche i rapporti, commerciali e culturali, con l’Italia. E’ ricca di appuntamenti l’agenda di Sergio Mattarella che domenica 13 marzo inizierà un lungo viaggio istituzionale in Africa: prima tappa in Etiopia, quindi la sede dell’Unione Africana ad Addis Abeba il 15 marzo, e Cameroun dal 17 al 20.

Etiopia e Cameroun sono protagoniste del recente dinamismo politico e socio-economico dell’Africa e sono in cima alle statistiche sulla crescita umana a livello mondiale. L’Etiopia – alla quale l’Italia è legata anche dall’ormai lontano passato coloniale – ha 100 milioni di abitanti (secondo Paese più popoloso del continente dopo la Nigeria) ed un trend di sviluppo del Pil del 12% annuo: tra i dodici Paesi più in crescita a livello mondiale.

Questi dati, uniti ad una discreta organizzazione amministrativa dovuta alla tradizione millenaria dell’impero etiope, hanno reso il governo di Addis Abeba uno dei più attivi attori nella stabilizzazione geo-politica dell’area. L’Etiopia, che non a caso ospita l’Ua (il corrispettivo, ancora ai primi passi, della nostra Ue), accoglie 800mila profughi da Paesi confinanti: Somalia, Sud Sudan, Eritrea. Mattarella visiterà il capo rifugiati di Teirkidi al confine con il Sud Sudan. Il campo ospita 50mila persone e vede la presenza di operatori umanitari italiani.

“Salvare vite umane e tendere la mano a quanti fuggono da guerra o miseria è un dovere morale di qualunque società che intenda definirsi libera, democratica e rispettosa dei diritti umani”, ha ammonito Mattarella lo scorso 17 febbraio intervenendo al Consiglio dell’Ifad, il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo. Ma ha aggiunto anche che “gli interventi umanitari, da soli, non sono tuttavia sufficienti”, invitando ad “agire sull’immediata e parallela azione di supporto a uno sviluppo sostenibile, equo e inclusivo per offrire la speranza di un futuro migliore a intere popolazioni”.

Ed in questo contesto è necessario “governare il fenomeno migratorio”. Proprio questa è una della motivazioni alla base del viaggio del capo di Stato nell’area sub-sahariana: creare condizioni favorevoli allo sviluppo dei Paesi emergenti e prosciugare sacche di arretratezza socio-culturale ed economica dove spesso attecchiscono fenomeni terroristici.

Ovviamente, la presenza di Mattarella in Etiopia ha peso nei rapporti economici dell’Italia. Sono centinaia gli imprenditori e cittadini italiani in Etiopia: 1.800 sono registrati come residenti, ai quali si aggiungono 600 lavoratori (molti per l’imponente diga sul Nilo) e 110 missionari. Il 15 incontrerà una rappresentanza presso la Scuola italiana di Addis Abeba.

Quella in Cameroun, invece, sarà la prima visita di un presidente della Repubblica italiano nello Stato africano ed una delle prime di un rappresentante istituzionale non francese. Mattarella arriverà a Yaoundè il 17 marzo. I legami sono recenti: in Italia risiede la seconda comunità studentesca camerunense più numerosa all’estero. Il Paese, 22 milioni di abitanti, ha uno dei tassi di alfabetizzazione più alti dell’intero continente (oltre il 70%) ed un’età media bassa (19 anni): dati che suggeriscono agli osservatori che nei prossimi anni Yaoundé avrà una crescita spinta.

Il Cameroun svolge un forte ruolo di stabilizzazione della zona. Nei Paesi confinanti (c’è anche la Nigeria) il terrorismo preoccupa per la presenza della setta estremista musulmana di Boko Haram. L’Italia collabora con l’Onu a sostegno di un progetto a favore dei rifugiati nell’estremo nord del Paese.

Mattarella, che sarà accompagnato dalla figlia Laura, incontrerà le più alte cariche dello Stato, mentre il 18 marzo visiterà l’Università di Yaoundé e lo stabilimento della Ferrero che svolge anche attività di solidarietà. Il 19 marzo la consegna di diplomi al Centro Orientamento Educativo e la consegna di premi agli studenti della locale Scuola Nazionale dei Lavori Pubblici in collaborazione con l’ateneo italiano di Padova.

(di Teodoro Fulgione/ANSA)

Ultima ora

05:05Curry, ‘giornata surreale, Trump non si comporta da leader’

NEW YORK - ''Una giornata surreale'': cosi' la stella della Nba Stephen Curry commenta l'affondo del presidente americano Donald Trump che gli ha ritirato l'invito alla Casa Bianca. ''Non so perche' sente la necessita' di prendere di mira certe persone piuttosto che altre. Io un'idea ce l'ho, ma questo non e' quello che fa un leader''.

04:56James ancora contro Trump, usa sport per dividere Paese

NEW YORK - LeBron James torna ad attaccare Donald Trump, stavolta con un video: ''Mi sento frustrato, perche' questa persona che abbiamo messo al potere dopo quello che e' successo dopo Charlottesville sta tentando di usare lo sport per dividere ancor di piu' il popolo americano. E non e' una cosa che posso tollerare, non e' una cosa su cui posso tacere''. Oltre al caso del suo collega della Nba Stephen Curry, James critica Trump anche per aver chiesto di licenziare i giocatori di football americano che non cantano l'inno in segno di protesta.

04:41Londra: 6 feriti in attacchi con acido, no terrorismo

LONDRA - Sei persone sono state ferite ieri sera in diversi attacchi con acido in un centro commerciale a Stratford, nella zona orientale di Londra. La polizia ha arrestato un uomo, sospettato di lesioni personali gravi e ne sta cercando altri. Un portavoce ha dichiarato che la polizia esclude il movente terroristico e ha aggiunto che le persone ferite non sono in pericolo di vita.

04:36Trump, test dimostra accordo Iran non e’ un granche’

NEW YORK - "L'Iran ha appena testato un missile balistico capace di raggiungere Israele. E stanno anche lavorando con la Corea del Nord. Non e' un granche' di accordo quello che abbiamo": cosi' il presidente americano, Donald Trump, commenta il test su un nuovo missile balistico eseguito da Teheran.

23:38Calcio: Udinese in ritiro da lunedì

(ANSA) - UDINE, 23 SET - L'Udinese andrà in ritiro da lunedì. Lo ha deciso la società dopo la sconfitta di questo pomeriggio con la Roma, la quinta in sei gare da inizio campionato. Il ritiro, annunciato in serata dal club con una breve nota, è stato deciso "per preparare al meglio l'importante sfida di sabato prossimo con la Sampdoria". Una partita dal risultato che appare obbligato per i bianconeri, ancora fermi a 3 punti in classifica.

23:30Calcio: Baselli si scusa, ‘troppa voglia derby,ho sbagliato’

(ANSA) - TORINO, 23 SET - "Avevo troppo voglia di derby, tenevo troppo a questa partita. Ho sbagliato". Daniele Baselli commenta così, su Twitter, l'espulsione che ha condizionato la prestazione del Torino, battuto 4-0 dalla Juventus. "Chiedo scusa ai miei compagni, ai nostri tifosi, alla società", aggiunge il giocatore granata, che posta la foto in cui esce dal campo. "Superfluo aggiunge altro. Momento durissimo - scrive il centrocampista -. Mi assumo tutte le responsabilità. Sempre e comunque forza Toro".

23:18Serie A: Juve padrona, demolisce Toro 4-0 e fa suo il derby

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Una Juve padrona all'Allianz Stadium fa suo il derby della Mole, cancellando il Torino 4-0. Primo tempo sontuoso degli uomini di Allegri che prima a passano in vantaggio grazie al 9/o gol stagionale di Dybala e poi approfittano di uno sciagurato fallo di Baselli che costa al centrocampista granata il doppio giallo e l'inevitabile espulsione. Era il 25' e da lì la partita è corsa su un unico binario: il raddoppio di Pjanic al 40', il tris firmato da Alex Sandro al 12' st e il sigillo ancora del n.10 argentino allo scadere. Il punteggio sarebbe addirittura potuto essere ancora più severo per i granata, ma i pali, le parate di Sirigu e l'imprecisione degli attaccanti bianconeri hanno limitato i danni. Higuain ha iniziato in panchina per poi entrare negli ultimi dieci minuti. La squadra di Mihajlovic paga caro l'errore di Baselli ma già l'approccio alla gara non era stato dei migliori, sentendo forse troppo il match a cui per la prima volta dopo anni erano arrivata senza i panni dell'eterna sconfitta.

Archivio Ultima ora