Mattarella in Etiopia e Camerun, focus su immigrazione

Pubblicato il 10 marzo 2016 da redazione

Arrivo alla Stazione Termini (con Freccia Rossa 1000) del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, Roma, 25 Aprile 2015. ANSA/GIUSEPPE LAMI

Arrivo alla Stazione Termini (con Freccia Rossa 1000) del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, Roma, 25 Aprile 2015. ANSA/GIUSEPPE LAMI

ROMA. – Immigrazione, terrorismo, aiuti umanitari ma anche i rapporti, commerciali e culturali, con l’Italia. E’ ricca di appuntamenti l’agenda di Sergio Mattarella che domenica 13 marzo inizierà un lungo viaggio istituzionale in Africa: prima tappa in Etiopia, quindi la sede dell’Unione Africana ad Addis Abeba il 15 marzo, e Cameroun dal 17 al 20.

Etiopia e Cameroun sono protagoniste del recente dinamismo politico e socio-economico dell’Africa e sono in cima alle statistiche sulla crescita umana a livello mondiale. L’Etiopia – alla quale l’Italia è legata anche dall’ormai lontano passato coloniale – ha 100 milioni di abitanti (secondo Paese più popoloso del continente dopo la Nigeria) ed un trend di sviluppo del Pil del 12% annuo: tra i dodici Paesi più in crescita a livello mondiale.

Questi dati, uniti ad una discreta organizzazione amministrativa dovuta alla tradizione millenaria dell’impero etiope, hanno reso il governo di Addis Abeba uno dei più attivi attori nella stabilizzazione geo-politica dell’area. L’Etiopia, che non a caso ospita l’Ua (il corrispettivo, ancora ai primi passi, della nostra Ue), accoglie 800mila profughi da Paesi confinanti: Somalia, Sud Sudan, Eritrea. Mattarella visiterà il capo rifugiati di Teirkidi al confine con il Sud Sudan. Il campo ospita 50mila persone e vede la presenza di operatori umanitari italiani.

“Salvare vite umane e tendere la mano a quanti fuggono da guerra o miseria è un dovere morale di qualunque società che intenda definirsi libera, democratica e rispettosa dei diritti umani”, ha ammonito Mattarella lo scorso 17 febbraio intervenendo al Consiglio dell’Ifad, il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo. Ma ha aggiunto anche che “gli interventi umanitari, da soli, non sono tuttavia sufficienti”, invitando ad “agire sull’immediata e parallela azione di supporto a uno sviluppo sostenibile, equo e inclusivo per offrire la speranza di un futuro migliore a intere popolazioni”.

Ed in questo contesto è necessario “governare il fenomeno migratorio”. Proprio questa è una della motivazioni alla base del viaggio del capo di Stato nell’area sub-sahariana: creare condizioni favorevoli allo sviluppo dei Paesi emergenti e prosciugare sacche di arretratezza socio-culturale ed economica dove spesso attecchiscono fenomeni terroristici.

Ovviamente, la presenza di Mattarella in Etiopia ha peso nei rapporti economici dell’Italia. Sono centinaia gli imprenditori e cittadini italiani in Etiopia: 1.800 sono registrati come residenti, ai quali si aggiungono 600 lavoratori (molti per l’imponente diga sul Nilo) e 110 missionari. Il 15 incontrerà una rappresentanza presso la Scuola italiana di Addis Abeba.

Quella in Cameroun, invece, sarà la prima visita di un presidente della Repubblica italiano nello Stato africano ed una delle prime di un rappresentante istituzionale non francese. Mattarella arriverà a Yaoundè il 17 marzo. I legami sono recenti: in Italia risiede la seconda comunità studentesca camerunense più numerosa all’estero. Il Paese, 22 milioni di abitanti, ha uno dei tassi di alfabetizzazione più alti dell’intero continente (oltre il 70%) ed un’età media bassa (19 anni): dati che suggeriscono agli osservatori che nei prossimi anni Yaoundé avrà una crescita spinta.

Il Cameroun svolge un forte ruolo di stabilizzazione della zona. Nei Paesi confinanti (c’è anche la Nigeria) il terrorismo preoccupa per la presenza della setta estremista musulmana di Boko Haram. L’Italia collabora con l’Onu a sostegno di un progetto a favore dei rifugiati nell’estremo nord del Paese.

Mattarella, che sarà accompagnato dalla figlia Laura, incontrerà le più alte cariche dello Stato, mentre il 18 marzo visiterà l’Università di Yaoundé e lo stabilimento della Ferrero che svolge anche attività di solidarietà. Il 19 marzo la consegna di diplomi al Centro Orientamento Educativo e la consegna di premi agli studenti della locale Scuola Nazionale dei Lavori Pubblici in collaborazione con l’ateneo italiano di Padova.

(di Teodoro Fulgione/ANSA)

Ultima ora

12:49Calcio: Zeman, pulizia fatta con Calciopoli non basta

(ANSA) - CHIETI, 25 MAG - "Con Calciopoli si è fatta della pulizia, ma non basta. Il sistema lo fanno quelli che stanno dentro, e sarebbe importante per questo cambiare chi rovina il sistema. Diversi anni fa feci delle denunce e non mi fu vicino nessuno". Così Zdenek Zeman al seminario "I giovani per la legalità nello sport", organizzato presso l'Università 'D'Annunzio' di Chieti. Il tecnico del Pescara ha spiegato agli studenti il motivo per cui decise di denunciare le cose che secondo lui nel mondo del calcio non andavano: "Mi fu chiesto in una conferenza stampa cosa non andasse e dissi che se comandavano le farmacie non andava bene. Dissi, e ripeto oggi, che bisogna difendere i valori sani del calcio. Siamo noi però che dobbiamo dare l'esempio per primi in campo".

12:45L. elettorale: Di Maio, non possono impedirci di vincere

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - "Penso si stia facendo di tutto per escludere il M5s dalle prossime elezioni con una legge elettorale che consenta a chi perderà di continuare a detenere il potere, e questo non è giusto. Siamo disponibili a fare una seria legge elettorale con gli altri partiti anche perché siamo la prima forza politica del Paese. E' prima di tutto una questione morale, non possono escluderci dalla formazione di una legge elettorale e dalla possibilità di vincere le prossime elezioni e governare". Così Luigi Di Maio a Benevento.

12:44F1: Monaco, Vettel secondo nelle prime libere

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Sebastian Vettel con la Ferrari ha fatto segnare il secondo miglior tempo nella prima sessione di prove libere del Gp di Monaco, in programma domenica sul circuito di Montecarlo, chiudendo alle spalle del pilota della Lewis Hamilton, autore del miglior tempo (1'13''425) con un vantaggio di circa due decimi sul tedesco. Max Verstappen con la Red Bull ha chiuso al terzo posto, davanti a Valtteri Bottas al volante della seconda Mercedes. Settimo tempo (1'14''164) per il ferrarista Kimi Raikkonen, preceduto anche da Daniel Ricciardo (Red Bull) e Daniil Kvyat (Toro Rosso).

12:42Calcio: Ruediger, Juve forte ma ambiente Torino aiuta

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - "Cosa manca alla Roma per raggiungere la Juventus? Prima di tutto è evidente la qualità dei loro giocatori. La seconda cosa è che hanno la mentalità vincente. Ma la cosa più importante è Torino. Roma è diversa, lo sappiamo. Sono passati 16 anni da quando la Roma ha vinto lo scudetto. Quindi le aspettative delle persone sono molto alte". È questo il punto di vista di Antonio Ruediger riguardo al gap che ancora separa la squadra giallorossa da quella bianconera.

12:23Marra:processo slitta a domani,Campidoglio parte offesa

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - E' durata pochi minuti la prima udienza del processo a carico dell'ex braccio destro del sindaco Raggi, Raffaele Marra e l'imprenditore Sergio Scarpellini. I difensori dell'ex dirigente del Campidoglio hanno, infatti, aderito allo sciopero dei penalisti e quindi i giudici della II sezione penale hanno rinviato a domani il processo. Nel corso della breve udienza il Comune di Roma, già parte offesa, ha annunciato l'intenzione di volersi costituire parte civile così come Assocosum, Cittadinanzattiva Onlus e Confconsumatori Federazione Lazio. In aula era presente il solo Scarpellini. I due sono accusati di concorso in corruzione. II giudici, forse già nell'udienza di domani, dovranno decidere se ammettere il sindaco come testimone così come sollecitato dai difensori di Marra. Entrambi gli imputati sono agli arresti domiciliari.

12:23Viminale, organizzatori eventi concorrano a sicurezza

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - In estate sono attesi tanti "eventi di carattere sportivo, culturale, musicale e di intrattenimento" che attrarranno un "elevato afflusso di persone". Per garantire un'adeguata cornice di sicurezza è necessario il coinvolgimento anche degli "organizzatori dei singoli eventi" che, così come avviene per le partite di calcio, dovranno fornire "un servizio di stewardship calibrato in relazione alle esigenze". Così il capo della polizia, Franco Gabrielli, nella circolare inviata a prefetti e questori dopo la strage di Manchester. La circolare invita anche ad individuare "idonee aree di rispetto e/o pre-filtraggio" nelle zone dove si svolgeranno gli eventi, per controllare in modo mirato le persone, valutando anche, dove possibile, "l'adozione di impedimenti, anche fisici, all'accesso di veicoli alle aree pedonali".

11:46Calcio: taglio del nastro, Torino ritrova il Filadelfia

(ANSA) - TORINO, 25 MAG - Taglio del nastro per il nuovo Stadio Filadelfia. Dopo l'anteprima di ieri, questa mattina l'inaugurazione ufficiale del nuovo impianto alla presenza dei rappresentanti delle istituzioni: la sindaca di Torino Chiara Appendino, il Presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino, e del Consiglio regionale, Mauro Laus. Alla cerimonia di inaugurazione, iniziata con la benedizione di Don Riccardo Robella, ha presenziato anche la squadra del Torino al completo, applaudita dalle centinaia di tifosi presenti all'evento. Presente al taglio del nastro anche il presidente del Torino, Urbano Cairo, e i vertici della Fondazione Filadelfia, proprietario del nuovo impianto che nei prossimi giorni lo affitterà al club. Calciatori e rappresentanti delle istituzioni hanno poi effettuato un tour per ammirare il nuovo impianto costruito sulle ceneri del vecchio Filadelfia, teatro dei successi del Grande Torino. La giornata proseguirà con il concerto riservato ai tifosi del Torino e a tutti gli appassionati di sport.

Archivio Ultima ora