Mattarella in Etiopia e Camerun, focus su immigrazione

Pubblicato il 10 marzo 2016 da redazione

Arrivo alla Stazione Termini (con Freccia Rossa 1000) del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, Roma, 25 Aprile 2015. ANSA/GIUSEPPE LAMI

Arrivo alla Stazione Termini (con Freccia Rossa 1000) del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, Roma, 25 Aprile 2015. ANSA/GIUSEPPE LAMI

ROMA. – Immigrazione, terrorismo, aiuti umanitari ma anche i rapporti, commerciali e culturali, con l’Italia. E’ ricca di appuntamenti l’agenda di Sergio Mattarella che domenica 13 marzo inizierà un lungo viaggio istituzionale in Africa: prima tappa in Etiopia, quindi la sede dell’Unione Africana ad Addis Abeba il 15 marzo, e Cameroun dal 17 al 20.

Etiopia e Cameroun sono protagoniste del recente dinamismo politico e socio-economico dell’Africa e sono in cima alle statistiche sulla crescita umana a livello mondiale. L’Etiopia – alla quale l’Italia è legata anche dall’ormai lontano passato coloniale – ha 100 milioni di abitanti (secondo Paese più popoloso del continente dopo la Nigeria) ed un trend di sviluppo del Pil del 12% annuo: tra i dodici Paesi più in crescita a livello mondiale.

Questi dati, uniti ad una discreta organizzazione amministrativa dovuta alla tradizione millenaria dell’impero etiope, hanno reso il governo di Addis Abeba uno dei più attivi attori nella stabilizzazione geo-politica dell’area. L’Etiopia, che non a caso ospita l’Ua (il corrispettivo, ancora ai primi passi, della nostra Ue), accoglie 800mila profughi da Paesi confinanti: Somalia, Sud Sudan, Eritrea. Mattarella visiterà il capo rifugiati di Teirkidi al confine con il Sud Sudan. Il campo ospita 50mila persone e vede la presenza di operatori umanitari italiani.

“Salvare vite umane e tendere la mano a quanti fuggono da guerra o miseria è un dovere morale di qualunque società che intenda definirsi libera, democratica e rispettosa dei diritti umani”, ha ammonito Mattarella lo scorso 17 febbraio intervenendo al Consiglio dell’Ifad, il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo. Ma ha aggiunto anche che “gli interventi umanitari, da soli, non sono tuttavia sufficienti”, invitando ad “agire sull’immediata e parallela azione di supporto a uno sviluppo sostenibile, equo e inclusivo per offrire la speranza di un futuro migliore a intere popolazioni”.

Ed in questo contesto è necessario “governare il fenomeno migratorio”. Proprio questa è una della motivazioni alla base del viaggio del capo di Stato nell’area sub-sahariana: creare condizioni favorevoli allo sviluppo dei Paesi emergenti e prosciugare sacche di arretratezza socio-culturale ed economica dove spesso attecchiscono fenomeni terroristici.

Ovviamente, la presenza di Mattarella in Etiopia ha peso nei rapporti economici dell’Italia. Sono centinaia gli imprenditori e cittadini italiani in Etiopia: 1.800 sono registrati come residenti, ai quali si aggiungono 600 lavoratori (molti per l’imponente diga sul Nilo) e 110 missionari. Il 15 incontrerà una rappresentanza presso la Scuola italiana di Addis Abeba.

Quella in Cameroun, invece, sarà la prima visita di un presidente della Repubblica italiano nello Stato africano ed una delle prime di un rappresentante istituzionale non francese. Mattarella arriverà a Yaoundè il 17 marzo. I legami sono recenti: in Italia risiede la seconda comunità studentesca camerunense più numerosa all’estero. Il Paese, 22 milioni di abitanti, ha uno dei tassi di alfabetizzazione più alti dell’intero continente (oltre il 70%) ed un’età media bassa (19 anni): dati che suggeriscono agli osservatori che nei prossimi anni Yaoundé avrà una crescita spinta.

Il Cameroun svolge un forte ruolo di stabilizzazione della zona. Nei Paesi confinanti (c’è anche la Nigeria) il terrorismo preoccupa per la presenza della setta estremista musulmana di Boko Haram. L’Italia collabora con l’Onu a sostegno di un progetto a favore dei rifugiati nell’estremo nord del Paese.

Mattarella, che sarà accompagnato dalla figlia Laura, incontrerà le più alte cariche dello Stato, mentre il 18 marzo visiterà l’Università di Yaoundé e lo stabilimento della Ferrero che svolge anche attività di solidarietà. Il 19 marzo la consegna di diplomi al Centro Orientamento Educativo e la consegna di premi agli studenti della locale Scuola Nazionale dei Lavori Pubblici in collaborazione con l’ateneo italiano di Padova.

(di Teodoro Fulgione/ANSA)

Ultima ora

01:51Rigopiano:da hotel solo morti,altri 3.Bilancio sale a 9

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 24 GEN - Continuano senza sosta le ricerche di superstiti tra le macerie dell'hotel Rigopiano a Farindola che ieri in tarda serata ha restituito 4 cadaveri: uno é della vittima individuata ieri, due sono un uomo e una donna ancora da identificare e l'ultimo é quello di Linda Salzetta, l'estetista del Rigopiano e sorella di Fabio, il tuttofare dell'hotel. Ormai i morti sono nove. E i dispersi sono ancora 20.

23:29Calcio: Coppa Africa, Senegal e Tunisia ai quarti

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Senegal e Tunisia promosse ai quarti della Coppa d'Africa, Zimbabwe e Algeria a casa. Così hanno deciso gli incontri del terzo ed ultimo turno del gruppo B del torneo in corso in Gabon. Il Senegal ha pareggiato 2-2 con l'Algeria ed ha vinto il gruppo. Nei quarti affronterà il Camerun. Spettacolare 2-4 tra Zimbabwe e Tunisia. Quest'ultima, come seconda, incrocerà il Burkina Faso.

22:27Calcio: Niang-Ocampos, idea scambio prestiti fra Milan-Genoa

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - M'Baye Niang al Genoa e Lucas Ocampos al Milan. I due club starebbero lavorando sull'ipotesi di scambiarsi questi giocatori in prestito fino al termine della stagione, e secondo quanto filtra, l'epilogo della vicenda dipende soprattutto dalla volontà dell'attaccante francese, che ha già giocato al Genoa in prestito per sei mesi due stagioni fa, trovando spazio e gol che al Milan gli mancavano. La soluzione è tornata di attualità ora che l'attaccante francese sta vivendo un momento opaco e in rossonero rischia di trovare meno spazio per l'arrivo di Gerard Deulofeu. L'ad del Milan Adriano Galliani nel tardo pomeriggio ha annullato la sua partecipazione alla presentazione del libro di Ruud Gullit perché, secondo quanto filtrato, impegnato in un'operazione di mercato. E l'affare in questione sarebbe proprio lo scambio con il Genoa del suo amico Enrico Preziosi.

22:24Calcio: Rugani, pronti alla rivincita contro il Milan

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "Il passo falso di Firenze ci ha fatto bene, lo abbiamo dimostrato con la Lazio. E ora siamo pronti alla rivincita contro il Milan: le due sconfitte con i rossoneri, in campionato e in Supercoppa, ci hanno lasciato l'amaro in bocca, vogliamo assolutamente vincere". Così Daniele Rugani, che contro i rossoneri dovrebbe giocare dall'inizio, a Jtv, il canale tv bianconero. "Entriamo - ha detto il difensore bianconero - nella fase cruciale della stagione, dobbiamo dimostrare di essere solidi, per continuare a crescere e migliorare. Roma e Napoli sono pericolose, specie i giallorossi che hanno trovato una grande solidità difensiva". "Sappiamo - ha aggiunto Rugani - di dovere crescere, anche tecnicamente, per arrivare in fondo alla Champions: il segreto sta nel mettersi sempre in discussione ed essere a disposizione, poi i risultati arrivano".

22:10Province: Sardegna si ribella a taglio nazionale su risorse

(ANSA) - CAGLIARI, 23 GEN - Il Consiglio nazionale dell'Anci ha già detto che non darà l'intesa al decreto del presidente del Consiglio che taglia circa 60 milioni alle Province sarde e alla Città metropolitana di Cagliari e ora la Regione si prepara alla battaglia arrivando anche a proporre un ricorso se il Dpcm dovesse essere adottato. E' quanto emerso al termine della riunione di questa sera tra l'assessore degli Enti locali Cristiano Erriu, quello della Programmazione, Raffaele Paci, il presidente del Cal Sardegna, Andrea Soddu, il presidente regionale dell'Anci, Pier Sandro Scano, e il sindaco metropolitano di Cagliari, Massimo Zedda. E' stato proprio Zedda, che siede nel Consiglio nazionale dell'Anci, a annunciare la decisione dell'associazione che non dovrebbe dare l'intesa al decreto nella conferenza unificata Stato-Regioni in programma giovedì. "Ci opporremo in tutte le sedi - ha spiegato Erriu - viene a mancare un'importante somma che non permette agli enti locali sardi di espletare le proprie funzioni".

22:09Formazione: deputato Genovese condannato a 11 anni

(ANSA) - MESSINA, 23 GEN - Francantonio Genovese, ex parlamentare del Pd poi passato a Forza Italia, è stato condannato a 11 anni dal tribunale di Messina al processo - che vede altri 22 imputati - scaturito dall'operazione 'Corsi d'oro' sull'uso illecito di finanziamenti erogati dalla Regione siciliana a enti della formazione professionale. Il cognato di Genovese, Franco Rinaldi, ex deputato regionale del Pd e ora di FI, ha avuto una condanna a due anni e mezzo. Tra gli altri condannati anche le sorelle Schirò: Chiara, moglie di Genovese, ha avuto 3 anni e 3 mesi; Elena, moglie di Rinaldi, 6 anni e 3 mesi. Condannato anche l'ex consigliere comunale di Messina Elio Sauta: 6 anni e 6 mesi.

22:00Trump: Marchionne a Casa Bianca, con a.d. Ford e Gm

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Il presidente Donald Trump riceverà domani alla Casa Bianca gli amministratori delegati di Fca, Ford e General Motors. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer. Sergio Marchionne, Mark Fields e Mary Barra avranno una colazione con il presidente.

Archivio Ultima ora