Venezuela: Collettività in lutto. Libertà di stampa in pericolo

Pubblicato il 15 marzo 2016 da redazione

CAR01. CARACAS (VENEZUELA), 30/05/2015.- Un grupo de personas participa en una manifestación contra el Gobierno de Venezuela hoy, sábado 30 de mayo del 2015, en la ciudad de Caracas (Venezuela). Decenas de miles de venezolanos marcharon hoy en varias ciudades del país en respaldo a las peticiones de los líderes opositores encarcelados Leopoldo López y Daniel Ceballos, quienes se mantienen en huelga de hambre reclamando, entre otras cosas, la liberación de los políticos presos y una fecha para las elecciones parlamentarias. EFE/MIGUEL GUTIÉRREZ

CAR01. CARACAS (VENEZUELA), 30/05/2015.- Un grupo de personas participa en una manifestación contra el Gobierno de Venezuela hoy, sábado 30 de mayo del 2015, en la ciudad de Caracas (Venezuela). Decenas de miles de venezolanos marcharon hoy en varias ciudades del país en respaldo a las peticiones de los líderes opositores encarcelados Leopoldo López y Daniel Ceballos, quienes se mantienen en huelga de hambre reclamando, entre otras cosas, la liberación de los políticos presos y una fecha para las elecciones parlamentarias. EFE/MIGUEL GUTIÉRREZ

Tre morti ammazzati, in poco più di quindici giorni. Tanti. Tanti anche per una comunità assai numerosa e profondamente integrata come lo è la nostra. Tantissimi per una collettività, quella abruzzese, tra le più presenti nel Paese.

Prima, Dino Rubens Tomassilli, 25 anni originario di Pratola Peligna, freddato con un colpo di pistola alla testa esploso con feroce determinazione; poi, Matteo Di Francescoantonio, 21 anni, di Popoli, ucciso con tre colpi di pistola sparati da distanza ravvicinata.

E ora, appena qualche giorno fa, l’omicidio di Maurizio Alberto Celli Uresi, 54 anni, ingegnere di Penna Sant’Andrea, anch’egli assassinato a colpi di pistola sparati alla testa mentre si presume tentava la fuga per non farsi togliere l’automobile, un Toyota Hillux color vinaccia.

Nessuno, ormai, può considerarsi a salvo. La delinquenza agisce indisturbata, impunemente. E il governo osserva inerme, incapace di porre argine alla microcriminalità dilagante che agisce spavalda. Poco importa se la vittima reagisce o se, docile, obbedisce agli aggressori. La sua vita pende da un filo. Una parola, un gesto. Basta un nonnulla, per provocare la reazione adirata dei malviventi. Lo stato d’animo dell’aggressore può significare la differenza tra la vita e la morte.

L’impunità con cui agiscono i malviventi, sempre più giovani e sempre più spietati; l’indifferenza delle Forze dell’Ordine, sempre più mal pagate e sempre meno incentivate; la diffidenza nei confronti di chi dovrebbe proteggere i cittadini, troppe volte coinvolti in azioni delittuose; e il discredito delle istituzioni preposte a castigare i delinquenti, contribuiscono al clima di esasperazione che, in taluni casi, esplode con violenza.

Sono gli episodi di linciaggio in cui l’indignazione si trasforma in brutale aggressione; in cui la disperazione porta a crimini collettivi orribili, in cui cospargere di benzina il malvivente per poi dargli fuoco si trasforma in un rito partecipato. Scene raccapriccianti che si credeva fossero possibili solo nei film di “Tarantino” sono invece sempre più frequenti in Venezuela.

La delinquenza dilaga. I “sequestri-express” sono sempre più frequenti, si moltiplicano, diventano parte della quotidianità. I fatti di cronaca che in passato erano motivo di sorpresa, stupore e sbalordimento, oggi sono ignorati. Ci si è assuefatti. Lo straordinario è consuetudine.

Lo scorso anno, stando all’“Observatorio Venezolano de la Violencia”, le vittime della criminalità sono state 27mila 875, 90 per ogni 100mila abitanti. Un eccidio. Le cifre, rese note dall’Ong, sono state pubblicamente smentite dalla Procuratrice Luisa Ortega Dìaz che ha informato che nel 2015 i morti ammazzati sono stati 17mila 778. Ovvero, circa 70 per ogni 100mila abitanti. Se si fa un semplice esercizio di matematica e si distribuiscono equamente nell’arco di 365 giorni, diventano 48 morti quotidiane.

Una carneficina senza precedenti. E la tendenza è alla crescita. A gennaio, infatti, le vittime della violenza, sono state 474, 27 più dello scorso anno. Sono queste cifre frutto del lavoro certosino dei giornalisti di cronaca, e dei ricercatori di Ong dedite allo studio della violenza nel Paese. Purtroppo, l’ermetismo delle autorità di polizia non permette l’accesso a quelle ufficiali.

Ci si sente indifesi. E si tratta di porre a salvo le persone care. Aumenta così, il numero dei giovani che si trasferiscono altrove, e quello delle famiglie che si disintegrano. Si torna a emigrare. C’è chi si reca in Europa e chi, invece, preferisce gli Stati Uniti. Ma c’è anche chi sceglie i paesi dell’America Latina. Ad esempio, il Cile, il Perù e anche la Colombia, qualche anno fa sconvolta dalla violenza provocata dalla guerriglia e dal narcotraffico ma ora molto più sicura del Venezuela. C’è poi chi si reca in Ecuador o Bolivia, paesi tradizionalmente d’emigrazione e non d’immigrazione.

La crisi economica, la radicalizzazione delle passioni politiche, la diatriba sempre più accesa tra Governo e Parlamento non contribuiscono a creare un clima di serenità. Al contrario, fanno temere che l’esasperazione possa trasformarsi in intolleranza, e l’intolleranza in violenza. C’è timore di un’esplosione sociale.

Alla vigilia delle manifestazioni incrociate del fine settimana, indette da Governo e Opposizione, l’Unità di Crisi del Ministero degli Affari Esteri, attraverso una circolare pubblicata sul proprio sito, nel capitolo “Viaggiare Sicuri”, ha raccomandato “ai connazionali presenti nel Paese di adottare la massima prudenza, evitando ogni manifestazione e assembramento, mantenendosi aggiornati il più possibile sugli eventi in corso e limitando allo stretto necessario gli spostamenti durante la giornata”.

Suggerimento, questo, colto a volo dai membri del Comites che immediatamente hanno sospeso l’assemblea in programma a Maracay. Si è svolto con normalità, invece, l’incontro organizzato da Fegiv a Valencia; incontro al quale ha assistito la Console Taschini.

Mentre il dibattito politico si fa sempre più aspro, l’annuncio del nuovo schema del controllo dei cambi, atteso con ansia da produttori e commercianti, è stato accolto con freddezza e delusione. Gli esperti stimano che più che aiutare a superare le difficoltà economiche del paese inciderà negativamente sull’evoluzione dell’inflazione. La spirale dei prezzi, nonostante i controlli, è destinata ad accelerare. Alla fine dell’anno l’inflazione potrebbe superare il 300 per cento e trasformarsi definitivamente in iperinflazione.

Il nuovo schema dei cambi stabilisce per alcune importazioni di generi alimentari, di prodotti di prima necessità, di medicine e per permettere agli studenti di frequentare scuole e università all’estero, un tasso di cambio a 10 bolìvares il dollaro. Il resto delle importazioni si realizzeranno, invece, a un tasso di cambio unico flessibile il cui valore è stabilito dalla domanda e l’offerta. Invariato tasso e modalità di distribuzione della valuta per coloro che si recheranno all’estero.

Sebbene intrinseco nel nuovo schema cambiario vi è il riconoscimento della necessità di un unico tasso di cambio, resta il profondo divario tra il costo della valuta ufficiale e quello del mercato nero. Il controllo dei cambi, come in passato, è un meccanismo che permette la discrezionalità nell’assegnazione della valuta agli importatori. Quindi, fonte di corruzione.

A rendere ancora più preoccupante la situazione del Paese, gli incrementi nel costo del trasporto pubblico. Questo inciderà principalmente sull’economia di chi vive nelle “città-dormitorio”.

In ultimo, la condanna a 4 anni di prigione del Direttore del giornale “Correo del Caroní”. David Natera, ritenuto colpevole di diffamazione e ingiuria. Era stato denunciato in seguito ad un’inchiesta in cui si metteva in luce la presunta corruzione esistente nelle industrie di Guayana. In particolare nella statale “Ferrominera”. L’inchiesta è stata portata avanti con determinazione.

Il “Correo del Caroní” è stato condannato a pagare una multa assai elevata che potrebbe provocare la chiusura definitiva del Giornale. Il giornale del Caronì, per mancanza di materie prime, già da tempo era stato obbligato a trasformarsi da quotidiano a settimanale.

La condanna del Direttore del “Correo del Caronì” è stata interpretata come un attacco alla libertà di stampa. La decisione del Tribunale stabilisce un pericoloso precedente. Qualunque giornalista può essere condannato a prigione per ciò che scrive anche se, come nel caso delle industrie di Guayana, vi sono indagini in pieno svolgimento.

Il giornalismo d’inchiesta, quello che in altri paesi come ad esempio ora in Brasile ha portato alla luce casi di corruzione e gli intrecci tra politica e malaffare, potrebbe subire una pericolosa battuta d’arresto.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

17:00Calcio: Leicester cerca tecnico, il primo nome è Ancelotti

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Il proprietario di Leicester, Vichai Srivaddhanaprabha, è stato chiaro: dopo il licenziamento di Craig Shakespeare, il club è in cerca di un allenatore di peso, in grado di tirare su la squadra dalle sabbie mobili della bassa classifica. Le 'Volpi' si trovano attualmente al terz'ultimo posto in Premier, davanti solo a Bournemouth e al Crystal Palace. Il primo nome di una lista di tecnici che il patron sta vagliando - secondo quanto riferisce Sport - è quello di Carlo Ancelotti, che ieri sera ha assistito dalla tribuna alla sfida di Champions fra Chelsea e Roma. Difficile che l'ex trainer del Bayern accetti un eventuale incarico, visto che ha sempre dichiarato di non voler prendere alcuna squadra a stagione iniziata. Se Ancelotti rifiutasse, l'alternativa per il proprietario di Leicester sarebbe il gallese Chris Coleman, reduce dalla mancata qualificazione con la Nazionale ai Mondiali. Possibili alternative sono quelle di David Wagner, Huddersfield, Sean Dyche, Burnley, Roy Hodgson, Ryan Giggs o Martin O'Neil.

16:51Malta: ‘bomba su auto azionata da cellulare’

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - La bomba esplosa nell'auto della giornalista maltese, Daphne Caruana Galizia, rimasta uccisa lunedì scorso, 'sarebbe stata azionata grazie ad un cellulare'. Ne sono convinti gli inquirenti che indagano sul delitto stando a quanto scrive il giornale online The Times of Malta. Sono in corso indagini in particolare per capire chi abbia azionato il congegno mortale, dove e quando. Secondo altre fonti citate dal giornale la bomba sarebbe stata posta nella parte inferiore del veicolo sotto il posto del passeggero accanto alla guida. Gli inquirenti sperano anche di essere in grado di poter raccogliere dei dati dal laptop della giornalista pesantemente danneggiato e bruciato in seguito all'esplosione. Inoltre in base al danno subito dall'auto si presume che la bomba contenesse circa mezzo chilo di esplosivo.

16:47Provoca incidenti e inneggia a Isis, arrestato da Cc

(ANSA) - CATANZARO, 19 OTT - Ha provocato una serie di incidenti causando, tra l'altro, il ferimento non grave di due ragazze. E quando ha bloccato l'automobile di cui era alla guida, ha cominciato ad urlare frasi sconnesse riconducibili all'Isis ed a pratiche terroristiche. L'estremismo islamico, comunque, a detta dei carabinieri, non c'entra nulla col comportamento dell'uomo, un trentaduenne di Catanzaro di origini sudamericane in evidente stato di alterazione psicofisica. Nei suoi confronti, così, sono scattati gli arresti domiciliari con l'accusa di danneggiamento e resistenza a pubblico ufficiale. I proprietari dei veicoli danneggiati dal trentaduenne nel corso della sua scorribanda hanno presentato denuncia nei suoi confronti per il risarcimento dei danni subiti. (ANSA).

16:45Cade pietra in S.Croce a Firenze, morto turista

(ANSA) - FIRENZE, 19 OTT - Un turista spagnolo di 52 anni è morto colpito da un elemento architettonico caduto dalla sommità di una navata della Basilica di Santa Croce a Firenze. Inutili i soccorsi del 118 e della polizia municipale.

16:41Torino: revisori, ok a piano rientro ma con qualche riserva

(ANSA) - TORINO, 19 OTT - E' favorevole, ma con qualche riserva, il parere espresso dai revisori dei conti al piano di rientro annunciato nei giorni scorsi dal Comune di Torino per riportare in equilibrio i conti della Città. Nel documento, i revisori si chiedono se tutte le azioni annunciate dall'amministrazione siano realizzabili. Il piano di rientro, da 80 milioni in quattro anni, prevede tagli alla spesa corrente, dismissioni delle partecipate e degli immobili. Ed è proprio su quest'ultimo punto che si soffermano i dubbi dei revisori. Per gli esperti contabili, inoltre, bisogna capire quale sarà l'effetto dei tagli e delle riorganizzazioni previste sul bilancio. E, pur evidenziando che il debito diminuirà, si chiedono se si riuscirà a raggiungere l'equilibrio. Il parere torna anche sul debito di 5 milioni di euro nei confronti della Ream, per il quale la sindaca Appendino è indagata per falso ideologico. E ribadisce che andava inserito nel bilancio 2017.(ANSA).

16:41Maltrattamenti a disabili: chieste condanne di 3 infermiere

(ANSA) - CAGLIARI, 19 OTT - Per i maltrattamenti sui pazienti disabili dell'Aias di Decimomannu (Cagliari) il pubblico ministero Liliana Ledda ha chiesto la condanna a due anni nei confronti delle operatrici sanitarie Sabrina Carta e Elsa Giorgi, e due anni e otto mesi nei confronti della collega Monica Frau. E' approdata davanti alla Gup del Tribunale di Cagliari, Gabriella Muscas, la parte in abbreviato del procedimento penale scaturito dall'indagine della Procura, affidata ai carabinieri del Nas e della sezione di polizia giudiziaria, nei confronti di operatori socio sanitari e infermieri dell'Aias di Decimomannu accusati di aver picchiato e insultato alcuni dei pazienti ricoverati nella struttura che assiste i malati psichici. Altri otto indagati avevano già scelto il patteggiamento, mentre il processo ai vertici del centro Aias si sta celebrando con rito ordinario davanti in Tribunale e vede imputati il direttore amministrativo, Vittorio Randazzo, e la responsabile del centro Sandra Murgia. I due sono accusati di omissioni d'atti d'ufficio in relazione ai maltrattamenti contestati a vari operatori sanitari della struttura. Per quanto riguarda il dibattimento, si è ancora alle fasi iniziali, con l'accusa che sta portando in aula i propri testimoni. Oggi, invece, il pm Ledda ha concluso la requisitoria nell'abbreviato chiedendo la condanna dei tre operatori colpevoli di maltrattamenti verbali. Nelle prossime udienze la parola passerà alle difese e poi ci sarà la sentenza. (ANSA).

16:28Migranti: operatore Hub denuncia, minacciato con pistola

(ANSA) - BOLOGNA, 19 OTT - Un dipendente di una cooperativa sociale, che lavora nell'Hub regionale dei migranti di Bologna, ha denunciato di essere stato avvicinato all'uscita dal centro da un'auto, minacciato da una persona che gli ha puntato contro una pistola e poi ha sparato due colpi in aria. L'episodio è di lunedì sera e la vittima il giorno dopo si è rivolta ai Carabinieri. Sono in corso indagini e al momento non sono chiari i motivi del gesto intimidatorio, che gli investigatori stanno cercando di inquadrare. L'Hub di via Mattei è la struttura visitata da Papa Francesco durante la sua recente visita a Bologna, luogo dove vengono ospitati gli stranieri sbarcati nell'Italia del Sud, prima di essere smistati nei centri in regione. L'operatore, a quanto si apprende un ragazzo di colore, avrebbe riferito che verso le 21.30, quando era uscito dal centro, è stato avvicinato da due auto e che il passeggero di una di queste gli ha puntato contro l'arma. (ANSA).

Archivio Ultima ora