Formula 1: assalto Ferrari al Mondiale, tante novità e qualifiche show

Pubblicato il 15 marzo 2016 da redazione

Finnish driver Kimi Raikkonen of Ferrari during pre-season testings at Circuit de Barcelona-Catalunya in Montmelo, near Barcelona, Spain, 02 March 2016. The 2016 Formual One season starts on 20 March 2016 in Australia.  EPA/ALEJANDRO GARCIA

Finnish driver Kimi Raikkonen of Ferrari during pre-season testings at Circuit de Barcelona-Catalunya in Montmelo, near Barcelona, Spain, 02 March 2016. The 2016 Formual One season starts on 20 March 2016 in Australia. EPA/ALEJANDRO GARCIA

MODENA – Riuscirà la Ferrari a lottare ad armi pari con le super Mercedes o dovrà accontentarsi di poter salire solo sul podio come accaduto l’anno scorso per la maggior parte dei Gran Premi? A meno di una settimana dal via della stagione 2016 di Formula 1, con la prima gara all’Albert Park di Melbourne (domenica 20 marzo), resta questa la domanda principale dopo quanto visto nel corso dei test invernali, dove la Stella d’Argento guidata dal Lewis Hamilton e Nico Rosberg ha dato in parte l’impressione di volersi nascondere dando prova di grande solidità con un numero ‘monstre’ di giri effettuati.

La Rossa, invece, con Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen ha mostrato incoraggianti segnali di crescita con una Sf16-H quasi sempre in cima alla lista dei tempi sul circuito spagnolo di Montmelò. Una prova, questa, della bontà del progetto firmato dal direttore tecnico di Maranello James Allison e che può rassicurare sul fatto che mal che vada il Cavallino sarà almeno la seconda forza del campionato che sta per partire.

Una stagione che si appresta a scattare col ‘botto’ per l’ultima novità tirata fuori dal cilindro, quella delle qualifiche ad eliminazione, che appare più il risultato di un braccio di ferro costante tra la Fia di Jean Todt e la Fom di Bernie Ecclestone che un reale passo in avanti per rendere il Circus più spettacolare agli occhi del mondo.

“Mi sembra questa delle qualifiche ad eliminazione – l’opinione dell’esperto di tecnica del Circus e firma della gazzetta dello Sport Paolo Filisetti – una roulette russa che non sconvolgerà più di tanto il panorama delle forze in campo a beneficio dello spettacolo tranne che nel caso di possibili inconveniente.

Troveremo una situazione di pista sempre trafficata, sarà difficile fare un giro pulito e non so quanto questa scelta vada in direzione della sicurezza. E’ una strategia che non mia piace molto, cambia veramente solo la fine delle qualifiche quando nella Q3 si sfideranno le ultime due macchine rimaste.

Poi c’è la questione dell’entrata della novità al momento sbagliato con gomme già decise da tempo. Forse la qualifica era una delle componenti da ritoccare di meno, hanno lasciato il venerdì tale e quale e che ormai è noiosissimo. Forse è stata scelta la soluzione meno peggio perchè era stata proposto l’inversione della griglia, frutto però di una guerra sotterraneo tra Ecclestone e Todt”.

E Ferrari è davvero più vicina alla Mercedes? “La Rossa – sostiene Filisetti – ha fatto una macchina che rompe con il passato, molto innovativa, hanno cercato di rischiare per fare una macchina prestazionale a partire dal cuore che è la power unit. Hanno guardato prima alla prestazione perchè l’affidabilità appare garantita. Vedendo i test della seconda settimana, molto positivi i long run della Ferrari con tempi in pista di tutto rispetto.

La Mercedes ha impressionato per il gran numero di giri fatti, ha fatto l’equivalente di una 24Ore di Le Mans o come se avesse fatto 20 Gp. Nonostante non si conoscessero i carichi di benzina si è avuta l’impressione che non si stessero nascondendo troppo. La mia sensazione è quella di una Ferrari che si è avvicinata davvero molto e in alcune circostanze possa essere davanti e in Mercedes ne sono consapevoli”.

Tra le altre novità 2016, le tre mescole Pirelli a disposizione di ogni pilota rispetto alle due dell’anno scorso e la possibilità di scelta dei set da parte dei team (2 obbligatori e 11 ‘liberi’, novità assoluta l’arrivo delle velocissime ultrasoft).

Si correrà anche in Azerbaigian sul circuito semicittadino di Baku, gara che insieme al ritorno del Gran Premio di Germania, porterà i Gp totali al numero record di 21. Guardando ai team c’è il ritorno della Renault che ha rilevato la Lotus e l’arrivo dell’americana Haas ma parecchio Made in Italy con il motore Ferrari ed il telaio Dallara.

Tra i piloti incuriosisce l’arrivo di alcuni esordienti come il primo indonesiano nella storia del Circus, Rio Haryanto e il tedesco ma con passaporto anche delle Isole Mauritius Pascal Wehrlein. Entrambi debutteranno con la Manor, mentre l’ennesimo figlio d’arte risponde al nome di Jolyon Palmer (figlio dell’ex pilota di Formula 1 inglese Jonathan Palmer) alla guida della rientrante Renault.

Ultima ora

17:35Oltre 1000 migranti nel gelo di Belgrado

(ANSA) - BELGRADO, 16 GEN - Il commissariato serbo per l'assistenza ai profughi ha rinnovato oggi l'appello ai migranti che restano accampati al gelo a Belgrado e nel resto della Serbia ad accettare la sistemazione nei centri di accoglienza dove, ha sottolineato, c'è posto per tutti e nei centri vengono garantiti un posto al caldo, tre pasti al giorno e assistenza medica. A Belgrado, secondo il commissariato, sono ancora oltre mille i migranti e profughi che bivaccano praticamente all'aperto e al gelo nella zona della stazione degli autobus, a ridosso del centro della capitale, accampati in locali e magazzini abbandonati, parcheggi coperti e tende malmesse. Gran parte di loro non accetta di andare nei centri di accoglienza per timore di essere registrati e trasferiti a sud al confine con Macedonia e Bulgaria, e di essere quindi poi rimandati nei Paesi di provenienza. In soccorso dei migranti che ancora resistono al freddo a Belgrado sono mobilitate ong e organizzazioni umanitarie internazionali.

17:04Falso allarme per pacco sospetto in piazza Duomo a Firenze

(ANSA) - FIRENZE, 16 GEN - Allarme, poi rivelatosi falso, per un pacco sospetto trovato dalla polizia municipale in piazza Duomo a Firenze, all'incrocio con via dei Servi. L'area è stata isolata, mentre sul posto sono arrivati gli artificieri che hanno aperto il pacco, una busta per la spesa in tela, con un cannoncino ad acqua. All'interno niente di pericoloso, ma solo un sacco a pelo.

17:01Tennis: Australia, Federer vince al rientro contro Melzer

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Sei mesi dopo la semifinale persa contro Raonic a Wimbledon, ultimo match ufficiale giocato, Roger Federer è rientrato nel circuito e lo ha fatto superando all'esordio l'austriaco Jurgen Melzer in quattro set (7-5, 3-6, 6-2, 6-2) dopo due ore e 5' di gioco. "Sono contendo di essere di nuovo su un campo da tennis - ha detto il fuoriclasse elvetico, vincitore di 17 Slam in carriera - Ogni partita è una partita positiva, indipendentemente dal risultato. In questi mesi mi sono riposato, ho visto persone che non vedevo da tanto, ho seguito i miei figli per casa". Prossimo avversario per lui lo statunitense Noah Rubin, 19enne di Long Island, numero 197 del ranking mondiale, proveniente dalle qualificazioni.

16:57Calcio: Zaza riparte da Valencia “Mi ha voluto più di tutti”

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Dopo il "periodo difficile" in Inghilterra, Simone Zaza ha scelto la Liga e il Valencia ("la squadra che mi ha voluto più di tutti") per rilanciarsi. "Sono felice di essere qui - dice durante la presentazione - so che Prandelli mi voleva ma anche il club". Questo dopo l'esperienza in Premier, "dove - dice - sono andato con entusiasmo ma poi tutto è andato male fin dall'inizio con il West Ham. Ho pensato che fosse il calcio adatto alle mie caratteristiche ma la colpa è solo mia. Non ci sono andato con la testa giusta, è stata un'esperienza che ho vissuto molto male". Adesso però l'attaccante di proprietà della Juve (che lo ha girato in prestito al Valencia per 2 milioni, con obbligo di acquisto a 16 una volta superate le 10 presenze in campionato, e fermo restando che la squadra, oggi quart'ultima, non retroceda) volta pagina: "La cosa più importante ora è partire bene, concentrato, poi le cose vengono da sole e mettere punti in cascina".

16:53Maltempo: clochard trovato morto nell’Agrigentino

(ANSA) - CANICATTI' (AGRIGENTO), 16 GEN - Il maltempo fa una vittima a Canicattì, nell'Agrigentino, dove un uomo di 53 anni, che da tempo viveva in strada, è stato trovato senza vita dai carabinieri allertati da alcuni passanti che in piazza Vespri avevano notato il corpo esanime. La causa più accreditata è quella del decesso per il freddo: a Canicattì, che si trova in un'area interna, a una trentina di chilometri dalla costa, la temperatura è abbastanza rigida. La salma è stata trasportata alla camera mortuaria.

16:53Disincagliata nave Livorno, in bacino per riparazione

(ANSA) - LIVORNO, 16 GEN - È ormeggiata dalle 3.45 di oggi in bacino al porto di Livorno la nave Sigma, che si era incagliata venerdì su un basso fondale di fronte alla spiaggia dei Tre ponti. La nave rimarrà in bacino fino a quando non saranno ripristinate tutte le eventuali avarie, dopo che sarà esaminato lo scafo con l'ausilio di sommozzatori. Spetterà poi agli ispettori per la sicurezza della navigazione e al registro di classifica dare il nullaosta per la navigabilità della nave che in ogni caso è sotto sequestro e a disposizione dell'autorità giudiziaria che ha aperto un fascicolo, in parallelo alla inchiesta amministrativa coordinata dalla capitaneria di porto che dovrà stabilire, svolte le indagini e sentito anche l'equipaggio, le cause dell'incidente e accettare le eventuali responsabilità. (ANSA).

16:43Mafia Roma, Salvatore Romeo potrà testimoniare

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Il tribunale di Roma ha ammesso come testimone nel processo a Mafia Capitale, l'ex capo della segreteria politica della sindaca Raggi, Salvatore Romeo, mentre si è riservato al termine all'esito dell'istruttoria dibattimentale per quanto riguarda la citazione di Paola Muraro, ex assessore all'ambiente della giunta guidata dagli M5S. e indagata in un altro procedimento. La richiesta di citazione per i due era stata sollecitata dai difensori di Salvatore Buzzi, gli avvocati Pier Gerardo Santoro e Alessandro Diddi.

Archivio Ultima ora