La Camerata de Caracas presentó “Somos Instantes”

Pubblicato il 15 marzo 2016 da redazione

Camerata Barroca

La Embajada de Italia, el Instituto Italiano de Cultura de Caracas y la Camerata de Caracas con el auspicio del Banco Mercantil, el Instituto de Artes Escénicas y Musicales (IAEM) y el Centro de Creación Artística TET (Teatro Luis Peraza) invitaron los caraqueños a disfrutar de dos conciertos diferentes con arias, cantatas, escenas dramáticas, lamentos y maravillosas obras instrumentales. Una oportunidad única de escuchar entre otras; joyas poco usuales, como el Lamento d’Arianna o la Lettera Amorosa de Monteverdi.

Se presentaron en el Teatro Luís Peraza dos conciertos de tres funciones cada uno, en las voces de Greilys Bracho la soprano de Valencia, Alma Salcedo la mezzo de Duaca, Luis Magallanes el tenor de Zaraza y Álvaro Carrillo el bajo de Caracas, alumnos de la cátedra de técnica vocal e interpretación de la profesora Isabel Palacios.

Los instrumentistas de la Camerata Renacentista tuvieron la responsabilidad de armar el sólido y complejo Bajo Continuo de estos dos programas: en la primera parte con María Carolina Concha (viola da gamba), Isabel Palacios y Rubén Guzmán (clavecín y órgano) y Rubén Riera (tiorba y arciliuto). En los violines barrocos Boris Paredes y Alexander González, en el bajón y fagot barroco Francisco Antonio Aray y para la segunda parte con Manuel Hernández en el Cello. El concepto artístico, la dirección musical y puesta en escena fueron de Isabel Palacios.

La construcción musical de ese período es realmente impresionante y los compositores usando muy pocos recursos logran lo increíble: textos extraordinarios llevados a melodías de una hermosura indescriptible, una voz sostenida sólo por un bajo continuo y algunas veces unos ritornellos instrumentales que comentan, contrastan o reafirman.

Somos instantes
Se i languidi miei sguardi, se i sospiri interrotti,
se le tronche parole non han sin or potuto, o bell’idolo mio,
farvi delle mie fiamme intera fede, leggete queste note, credete a questa carta…

Miradas lánguidas, suspiros entrecortados, palabras inconclusas: amor-dolor. Primero la palabra y luego la música era la premisa de los compositores de la llamada “seconda prattica”, creadores de la teoría de los afectos en la Italia del settecento, artistas que cambian la música y que darán nacimiento a la ópera.

Entre los afectos estaban por supuesto la alegría, el valor, el miedo, la ira y sin duda, el dolor y la melancolía. Música nacida de esos “afectos” donde cada inflexión de la palabra fue transformada en sonido. Donde decir languidecer es exactamente desvanecerse y los celos se enroscan al corazón como una serpiente de coloraturas.

Donde hay mil matices y colores en las quejas de Arianna y así se convierten en rocas, agua, aire, tempestades y desesperación y las lágrimas contenidas de Lidia descienden en un increíble y dramático cromatismo.

Donde el dolor de la virgen-madre que sabe que su hijo va a sufrir las peores penas se construye sobre el llanto perpetuo de un semitono menor y la apasionada pluma de una carta amorosa destila amor y tristeza. Donde una reina va al exilio y su llanto no la deja pronunciar la palabra adiós o donde a un hombre le dicen: qué haces allí mezquino, doliente y solo.

En la Camerata de Caracas comenzamos a andar desde hace mucho tiempo un largo camino que nos ha sumergido en cavernas escondidas, peligrosas y desoladas pero que a la vez, gracias a esa unión perfecta entre palabra y sonido nos ha elevado y conmovido y nos ha hecho dar gracias por tener la dicha de poder entender y sentir.

A ese camino le habíamos llamado INSTANTES – esa palabra que nos conecta con una breve porción de tiempo pero de tal fuerza que se nos puede ir la vida en ella-, pero poco a poco nos dimos cuenta de que esos INSTANTES, esos arrebatados momentos de pasión y dolor nos invadían y nos hacían conjugar un verbo, y así de tanto adentrarnos sentimos que inevitablemente éramos y SOMOS INSTANTES.

Le pedimos a nuestro público que detenga por un instante su ritmo, nos escuche y acompañe y así serán testigos de un arco iris de sonidos, de pasión, pérdida, desprendimiento, abandono, rabia, culpa, miedo, angustia, sorpresa, despedida, exilio, lágrimas y quejas, y a la vez de un amor tan grande que sorprende y sobrecoge. Nuestros cómplices: Monteverdi, Caccini, Rossi, Cavalli, Biagio Marini, D’India, Strozzi, Barlasca, Frescobaldi, Merula, Uccellini, y también de tres pilares del barroco pleno: Vivaldi, Scarlatti y Händel

Estamos felices de que el TET con su teatro Luis Peraza una vez más nos haya abierto sus puertas, ese sitio maravilloso dónde gracias a su generosidad pudimos hacer realidad el sueño de nuestro Orfeo, ese recinto donde se conjugan el teatro y el incansable trabajo con el juego, la creatividad y la pasión.

Ultima ora

01:29Calcio: De Biasi, addolorato per i petardi dei nostri tifosi

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Sono addolorato per il lancio di petardi e fumogeni di alcuni nostri tifosi: mai avrei pensato di vedere una cosa del genere". Sono le parole di Gianni De Biasi, ct italiano dell'Albania, dopo la sconfitta di Palermo contro gli azzurri e lo stop di 8' alla partita per il lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. "Mi è dispiaciuto tantissimo per il lancio di fumogeni - aggiunge - Mi ha fatto vedere un'altra realtà, che non conoscevo. Sono molto deluso da questo evento. Non so cosa sia successo, mi sembra così assurdo, non so spiegarla. Da cinque anni sono in Albania e all'Europeo i nostri tifosi si erano distinti per quanto di bello avevano fatto. Sono deluso, soprattutto se queste cose accadono davanti agli occhi del mondo, ad una platea così vasta. Ho sempre cercato di "vendere" sempre l'Albania in un certo modo, per questo sono ancora più seccato. Se farò valutazioni con il presidente della Federcalcio? A 60 anni ho imparato a non fare valutazioni immediate".

01:15Calcio: Ventura, non esaltanti ma piccolo passo avanti

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Anche in una serata non esaltante, abbiamo fatto un piccolo passo avanti": Giampiero Ventura analizza così la vittoria dell'Italia sull'Albania, nelle qualificazioni ai Mondiali 2018. "Sta nascendo qualcosa di importante per il futuro della Nazionale - ha detto il ct azzurro a RaiSport - Quando capiranno le cose che possono fare, a questi ragazzi si aprirà un mondo nuovo". "A parte il primo tiro, l'Albania non ci ha mai messo in difficoltà - ha aggiunto Ventura - e noi ogni, volta che andavamo davanti, potevamo essere pericolosi. Nel secondo tempo siamo cresciuti in maturità". Infine, una valutazione su Verratti: "La partita di stasera dice che non hanno senso le questioni se deve giocare in un centrocampo a due o a tre: ha fatto una grande partita".

00:26Calcio: Mondiali 2018, Italia-Albania 2-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - L'Italia batte 2-0 l'Albania in una gara del gruppo G di qualificazioni ai Mondiali. Al Barbera di Palermo, decidono i gol di De Rossi su rigore al 12' (con il centrocampista della Roma che spiazza il laziale Strakosha) e di Immobile al 71' con un colpo di testa da posizione ravvicinata ma decentrata, su cross dalla destra di Zappacosta. Al 57' la partita è stata sospesa per 8 minuti a causa del lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi. Le altre gare del girone: Spagna-Israele 4-1 (13' Silva, 46' pt Vitolo, 51' Diego Costa, 76' Refaelov, 88' Isco); Liechtenstein-Macedonia 0-3 (43' Nikolov, 68' e 73' Nestorovski). In classifica, Spagna e Italia restano appaiate in vetta con 13 punti e proseguono il testa a testa per il primo posto. Entrambe hanno un solo pareggio (nello scontro diretto a Torino), ma gli iberici sono avanti per differenza reti: +17 (19 gol fatti e 2 subiti) contro il +9 degli azzurri (13-4). Si qualifica direttamente solo la prima, la seconda va allo spareggio.

23:57Calcio: Italia-Albania, stop di 8′ per petardi e fumogeni

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Italia-Albania, partita di qualificazione ai Mondiali in corso al Barbera di Palermo, è ripresa dopo circa 8' di stop: al 57' infatti, sul risultato di 1-0 per gli azzurri, l'arbitro sloveno Vincic aveva mandato le due squadre negli spogliatoi per il ripetuto lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. La partita era stata disturbata allo stesso modo già nel primo tempo, in occasione del rigore che ha portato l'Italia sull'1-0 al 12', e lo speaker dello stadio aveva lanciato un appello. Così come, al nuovo episodio di intemperanze nella ripresa, aveva fatto il capitano dell'Albania Ansi Agolli andando sotto il settore dei propri tifosi.

23:41Moto: Rossi, io indietro ma forse sono sulla strada giusta

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Piloti della MotoGp in difficoltà, nella seconda giornata di prove libere del Gran Premio del Qatar, a causa del grip della pista peggiorato rispetto a ieri. "Dobbiamo migliorare l'entrata in curva - dice Valentino Rossi a Sky Sport - In Fp2 il grip posteriore era sì faticoso, ma tutto sommato andavo bene. Invece nella Fp3 le condizioni sono peggiorate, con la pista più sporca. Ho avuto un problema al sensore di un ammortizzatore che non abbiamo potuto risolvere come si doveva. Non abbiamo lavorato bene quest'inverno, siamo un po' indietro, ma forse abbiamo imboccato la strada giusta". "Possiamo migliorare, soprattutto sul grip posteriore - spiega il compagno di squadra di Rossi nella Yamaha, Maverick Vinales - Oggi la pista era diversa. La mia scivolata? Sono solo finito su parte più sporca, nulla di grave". "Oggi si faceva più fatica - concorda il campione del mondo Marc Marquez - Noi abbiamo cambiato troppo la moto, perdo soprattutto nell'uscita di curva. Il passo gara? Si può fare meglio...".

23:05Trump: repubblicani ritirano riforma sanitaria

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAR - I repubblicani, a corto di voti, ritirano il loro disegno di legge per la riforma sanitaria che doveva sostituire l'Obamacare. Secondo fonti della Cnn, sarebbe stato Trump a chiedere tale mossa. Il voto previsto alla Camera dei Rappresentanti è quindi annullato. Secondo fonti del Congresso, lo speaker della Camera, Paul Ryan ha chiamato il presidente Donald Trump mezz'ora prima del voto e il presidente gli ha chiesto di ritirare il disegno di legge repubblicano con cui l'Amministrazione e molti repubblicani volevano sostituire l'Obamacare. Ma Trump, commentando sul Washington Post e il New York Times, si mostra ottimista: "Ora avanti sulle tasse. E quando l'Obamacare esploderà, allora forse i democratici apriranno su un accordo". E Ryan ha invece commentato: "Oggi è un giorno deludente per noi", "abbiamo deluso le aspettative".

23:04Juve-tifo:Agnelli in atti,davamo retta a chi stava con Conte

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Il rapporto tra la Juve e Rocco Dominello nasce - stando ad alcune intercettazioni agli atti dell'inchiesta della magistratura di Torino delle quali l'ANSA ha preso visione - a seguito delle richieste dell'allora tecnico bianconero Antonio Conte di "gestire la curva". In una telefonata del 5/8/206 tra Andrea Agnelli e il suo avvocato Chiappero, il presidente Juve ricostruisce l'inizio di una vicenda che lo ha portato ad essere deferito dal procuratore Figc e messo sotto la lente d'ingrandimento dell'Antimafia. Agnelli dice: "E poi, ribadisco che lui (Dominello) si accompagnava a Germani, e Germani era pappa e ciccia con Conte...La pressione che metteva Conte la conosci anche tu, a chiunque stesse vicino a Conte noi gli davamo un po' più retta". Quindi, dice Agnelli, "se Germani sta vicino a Conte, Dominello sta vicino a Germani, noi diamo più retta a questo. Perchè noi ci abbiamo voglia? No, perchè poi la curva fa casino, non siete capaci di gestire un c.., cioè non devo spiegare a te come ragiona Antonio"

Archivio Ultima ora