La Camerata de Caracas presentó “Somos Instantes”

Pubblicato il 15 marzo 2016 da redazione

Camerata Barroca

La Embajada de Italia, el Instituto Italiano de Cultura de Caracas y la Camerata de Caracas con el auspicio del Banco Mercantil, el Instituto de Artes Escénicas y Musicales (IAEM) y el Centro de Creación Artística TET (Teatro Luis Peraza) invitaron los caraqueños a disfrutar de dos conciertos diferentes con arias, cantatas, escenas dramáticas, lamentos y maravillosas obras instrumentales. Una oportunidad única de escuchar entre otras; joyas poco usuales, como el Lamento d’Arianna o la Lettera Amorosa de Monteverdi.

Se presentaron en el Teatro Luís Peraza dos conciertos de tres funciones cada uno, en las voces de Greilys Bracho la soprano de Valencia, Alma Salcedo la mezzo de Duaca, Luis Magallanes el tenor de Zaraza y Álvaro Carrillo el bajo de Caracas, alumnos de la cátedra de técnica vocal e interpretación de la profesora Isabel Palacios.

Los instrumentistas de la Camerata Renacentista tuvieron la responsabilidad de armar el sólido y complejo Bajo Continuo de estos dos programas: en la primera parte con María Carolina Concha (viola da gamba), Isabel Palacios y Rubén Guzmán (clavecín y órgano) y Rubén Riera (tiorba y arciliuto). En los violines barrocos Boris Paredes y Alexander González, en el bajón y fagot barroco Francisco Antonio Aray y para la segunda parte con Manuel Hernández en el Cello. El concepto artístico, la dirección musical y puesta en escena fueron de Isabel Palacios.

La construcción musical de ese período es realmente impresionante y los compositores usando muy pocos recursos logran lo increíble: textos extraordinarios llevados a melodías de una hermosura indescriptible, una voz sostenida sólo por un bajo continuo y algunas veces unos ritornellos instrumentales que comentan, contrastan o reafirman.

Somos instantes
Se i languidi miei sguardi, se i sospiri interrotti,
se le tronche parole non han sin or potuto, o bell’idolo mio,
farvi delle mie fiamme intera fede, leggete queste note, credete a questa carta…

Miradas lánguidas, suspiros entrecortados, palabras inconclusas: amor-dolor. Primero la palabra y luego la música era la premisa de los compositores de la llamada “seconda prattica”, creadores de la teoría de los afectos en la Italia del settecento, artistas que cambian la música y que darán nacimiento a la ópera.

Entre los afectos estaban por supuesto la alegría, el valor, el miedo, la ira y sin duda, el dolor y la melancolía. Música nacida de esos “afectos” donde cada inflexión de la palabra fue transformada en sonido. Donde decir languidecer es exactamente desvanecerse y los celos se enroscan al corazón como una serpiente de coloraturas.

Donde hay mil matices y colores en las quejas de Arianna y así se convierten en rocas, agua, aire, tempestades y desesperación y las lágrimas contenidas de Lidia descienden en un increíble y dramático cromatismo.

Donde el dolor de la virgen-madre que sabe que su hijo va a sufrir las peores penas se construye sobre el llanto perpetuo de un semitono menor y la apasionada pluma de una carta amorosa destila amor y tristeza. Donde una reina va al exilio y su llanto no la deja pronunciar la palabra adiós o donde a un hombre le dicen: qué haces allí mezquino, doliente y solo.

En la Camerata de Caracas comenzamos a andar desde hace mucho tiempo un largo camino que nos ha sumergido en cavernas escondidas, peligrosas y desoladas pero que a la vez, gracias a esa unión perfecta entre palabra y sonido nos ha elevado y conmovido y nos ha hecho dar gracias por tener la dicha de poder entender y sentir.

A ese camino le habíamos llamado INSTANTES – esa palabra que nos conecta con una breve porción de tiempo pero de tal fuerza que se nos puede ir la vida en ella-, pero poco a poco nos dimos cuenta de que esos INSTANTES, esos arrebatados momentos de pasión y dolor nos invadían y nos hacían conjugar un verbo, y así de tanto adentrarnos sentimos que inevitablemente éramos y SOMOS INSTANTES.

Le pedimos a nuestro público que detenga por un instante su ritmo, nos escuche y acompañe y así serán testigos de un arco iris de sonidos, de pasión, pérdida, desprendimiento, abandono, rabia, culpa, miedo, angustia, sorpresa, despedida, exilio, lágrimas y quejas, y a la vez de un amor tan grande que sorprende y sobrecoge. Nuestros cómplices: Monteverdi, Caccini, Rossi, Cavalli, Biagio Marini, D’India, Strozzi, Barlasca, Frescobaldi, Merula, Uccellini, y también de tres pilares del barroco pleno: Vivaldi, Scarlatti y Händel

Estamos felices de que el TET con su teatro Luis Peraza una vez más nos haya abierto sus puertas, ese sitio maravilloso dónde gracias a su generosidad pudimos hacer realidad el sueño de nuestro Orfeo, ese recinto donde se conjugan el teatro y el incansable trabajo con el juego, la creatividad y la pasión.

Ultima ora

19:05Totti: Baldissoni, come in campo non avrà un ruolo fisso

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Il contratto da dirigente di Francesco Totti sarà valido anche se dovesse continuare a giocare? "Sì - risponde a Premium Sport il dg della Roma Mauro Baldissoni - Ma queste sono cose secondarie. Se dovesse scegliere di continuare a giocare è libero di farlo, ma in qualsiasi momento Totti avrà le porte aperte. Francesco sta vivendo una fase delicata della sua vita e noi dobbiamo stargli vicino senza alimentare polemiche che non esistono. Questa giornata è speciale, vivremo emozioni molto intense: per noi che l'abbiamo visto giocare fin dall'inizio, ci sarà una vena di tristezza, ma dev'esserci anche la felicità di trasferire a un campione come Totti tutto il nostro affetto". Definito il ruolo proposto? "Sì, a parte che, così come in campo, Totti non avrà un ruolo fisso: speriamo che faccia il Totti anche da dirigente. Abbiamo parlato più volte, mostrandogli le aree in cui potrà intervenire; dovrà imparare un nuovo lavoro, ma non lo andremo certo a chiudere in un recinto con un titolo attaccato all'armadio".

19:04Calcio: Fassone “nessun giallo,Milan aspetta risposta Gigio”

(ANSA) - CAGLIARI, 28 MAG - La trattativa fra il Milan e Gianluigi Donnarumma "non è una partita a scacchi, né un giallo". Lo ha spiegato l'ad rossonero Marco Fassone, chiarendo che il portiere "è stato il primo giocatore incontrato" dalla nuova dirigenza per parlare di rinnovo: "stiamo facendo ragionevoli sacrifici per trattenerlo, ci aspettiamo una risposta". Dopo l'ultima partita del campionato, persa a Cagliari, Fassone ha parlato anche di Vincenzo Montella, pure lui con un contratto in scadenza nel 2018. "Montella è certamente il nostro allenatore del prossimo anno - ha dichiarato -. Si lavora molto bene con Vincenzo. Sono convinto che sarà l'allenatore che ci riporterà in alto".

18:54Bangladesh: torna statua di Lady Justice

(ANSA) - DACCA, 28 MAG - Una statua raffigurante una reinterpretazione in chiave indù di Themis, la dea della giustizia greca, rimossa due giorni fa per le pressioni di movimenti islamici fondamentalisti dal piazzale antistante la Corte Suprema di Dacca, è stata reinstallata oggi davanti ad un altro edificio periferico della stessa istituzione. Lo ha riferito il portale di notizie BdNews24. Lo scultore Mrinal Haque, che aveva descritto come "un dolore equivalente alla morte di mia madre" la decisione di rimuovere la scultura raffigurante una donna in sari con una spada nella destra e la bilancia nella sinistra, ha supervisionato personalmente il lavoro di ricollocazione dell'opera in una zona meno visibile del compound giudiziario. Lo spostamento è stato ottenuto dal leader del movimento Hifazat-e-Islami, Shah Ahmed Shafi, secondo cui reinterpretare una statua greca in chiave indù "equivale a idolatria".

18:54Calcio: Montella, stagione comunque ampiamente positiva

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Siamo partiti male, il Cagliari aveva più ritmo; poi, dopo il loro primo gol, siamo migliorati e nella ripresa abbiamo fatto bene. Ma è stata una gara di fine stagione, non bella, e non mi sono divertito". Lo ha detto a Premium Sport l'allenatore del Milan Vincenzo Montella dopo il ko rossonero a Cagliari. L'errore di Donnarumma sul secondo gol e la prestazione di Bacca, forse infastidito da radiomercato, sono nel mirino. "Lasciamo stare Donnarumma e lasciamolo sbagliare - ha risposto il tecnico - Qualche mezzo errore a volte ci può stare, ha fatto una grande gara anche oggi. Bacca non è un ragazzino che si fa condizionare. Io potevo far qualcosa in più per lui come allenatore e anche lui poteva far di più. C'è sempre stata la volontà di fare il massimo, ma nessuno dei due ci è riuscito. Un voto alla stagione del Milan? Non so. A parte questa gara, non valutabile, è stata ampiamente positiva: siamo tornati in Europa, abbiamo alzato una coppa, lanciato molti ragazzi e dato un'identità a questa squadra".

18:40Affonda barca nel lago di Garda, illesi tre austriaci

(ANSA) - BRESCIA, 28 MAG - Tre ragazzi austriaci tra 25 e i trent'anni sono rimasti feriti nelle acque del lago di Garda a Sirmione in seguito all'esplosione del motore della loro barca, che è affondata. È accaduto nel primo pomeriggio e i giovani sono stati soccorsi in acqua. Sono spaventati e lievemente feriti. "L'imbarcazione è esplosa come se fosse scoppiata una bomba" hanno spiegato i soccorritori. Ancora da capire il motivo dello scoppio del motore.(ANSA).

18:37Totti: Franceschini, ora che potevamo vederti con la Spal…

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Certo proprio adesso che potevamo vederti contro la #Spal... #Tottiday". Così, sul filo dell'ironia, il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini, ferrarese e tifoso della Spal, saluta Francesco Totti su Twitter.

18:35Totti: su schermi Olimpico messaggi da 10 grandi campioni

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Dieci campioni per il n.10. Prima del fischio d'inizio di Roma-Genoa sui maxi-schermi dello stadio Olimpico sono state trasmesse le testimonianze di grandi calciatori che hanno condiviso il campo con Francesco Totti, giunto all'ultima partita con la maglia giallorossa. Il primo videomessaggio è stato quello di Maldini, seguito da Cassano, Del Piero, Buffon (l'unico fischiati dai 70mila sugli spalti), Beckham, Sergio Ramos, Seedorf, Gerrard e De Rossi.

Archivio Ultima ora