Cina: il Congresso approva il piano 2016-20 di svolta sull’economia

Pubblicato il 16 marzo 2016 da redazione

chinese-economy

PECHINO. – Il Congresso nazionale del Popolo ha approvato il tredicesimo piano quinquennale del 2016-20 che è anche quello della svolta della Cina sul fronte dell’economia, con tanto di misure per incidere e rimodellare in profondità.

L’assemblea legislativa ha fatto proprie le indicazioni fatte dal Partito Comunista che marciano in direzione della “nuova normalità” voluta dal presidente Xi Jinping: con un’economia in affanno e radicali trasformazioni da spingere, tuttavia, “non ci sono motivi tali da impedire alla Cina di raggiungere i target di crescita per quest’anno”.

Il premier Li Keqiang non ha avuto dubbi nel rispondere alle domande sulle difficoltà oggettive che sta vivendo l’economia nel corso della conferenza stampa alla fine dei 12 giorni di lavori dell’assemblea legislativa.

Pechino stima un Pil in progresso del 6,5-7% nel 2016 e nel quinquennio al 2020, a fronte del 2015 chiuso già con un rialzo del 6,9%, ai minimi degli ultimi 25 anni. A questo si aggiungono misure draconiane sulla trasformazione dell’economia dal modello basato su export e manifattura a uno su servizi e consumi.

Il premier ha assicurato che la Cina centrerà i target di crescita puntando sul mix di misure per portare sul medio termine sotto controllo il debito in ascesa, riorganizzare le imprese statali con la falcidia di quelle in dissesto cronico (note non a caso come “zombi”) e completare la riforma dei mercati finanziari.

Li ha escluso un “atterraggio brusco dell’economia. Credo che le riforme daranno ulteriore stimolo a vitalità del mercato e creatività pubblica. Anche con un’economia mondiale debole, con la saggezza e il duro lavoro della nostra gente, saremo in grado di resistere alle pressioni ribassiste”.

Al 2020 l’obiettivo è il raddoppio del Pil e dei redditi pro capite rispetto ai livelli del 2010, concludendo un ciclo alla vigilia dei 100 anni della fondazione del Partito Comunista del 1921: un’impresa non da poco considerando, ad esempio, che i redditi pro capite al 2010 erano di 30.600 yuan, 4.710 dollari.

Li ha spiegato che “riforme strutturali e crescita non sono in contraddizione”, ma hanno per target benefici orientati sul lungo termine. La ristrutturazione, soprattutto nell’industria pesante di Stato, non sarà facile ma molto dolorosa, pur “senza licenziamenti di massa”.

Negli anni ’80 si stima che 30 milioni i tagli che colpirono soprattutto il nordest minerario. Questa volta, considerando i settori carbone e acciaio, la cura è di 1,8 di posti eliminati in 2/3 anni, che salirebbero a quota 5-6 milioni includendo altri comparti in piedi solo per garantire i livelli occupazionali (vetro, cantieri navali, cemento e industria chimica). Nell’acciaio le scorte attuali sarebbero sufficienti al fabbisogno di un anno.

Se il piano al 2020 prevede almeno 10 milioni di nuovi posti di lavoro annui, il premier ha ricordato che il risultato del 2015 è stato di 13 milioni di unità, grazie a città e aree tecnologiche dove la crescita del Pil “è stata a doppia cifra”.

Le perplessità degli analisti ci sono tutte sul rispetto di tempi di marcia e di target: le turbolenze dei mercati (le Borse cedono da inizio anno il 25% circa) non aiutano e la debolezza dello yuan è un problema. Nel giorno del via libera al piano il renminbi è stato piazzato in calo dalla Banca centrale, a 6,5172 sul dollaro, cedendo poi un altro 0,13%.

(di Antonio Fatiguso/ANSA)

Ultima ora

17:29Calcio: Spalletti, Lisandro Lopez è uno da Inter

(ANSA) - MILANO, 20 GEN - "Lisandro Lopez è uno da Inter, ha la 'garra'. In campo ha richiamato subito i compagni per accorciare la squadra. Ha aggressività nel riconquistare la palla e far vedere il muscolo". Sono le prime impressioni del tecnico dell'Inter Luciano Spalletti, alla vigilia della partita contro la Roma, sul nuovo difensore nerazzurro. L'allenatore parla anche di Rafinha, centrocampista in arrivo dal Barcellona: ''Sono sempre soddisfatto dell'operato dei professionisti e dirigenti dell'Inter. Collaboro con loro 24 ore su 24, siamo in sintonia. Sta a noi aiutare Rafinha a ritrovare la condizione perché possa darci una mano. Si rischia di dare un messaggio distorto agli altri giocatori, sono loro a dover fare il salto in avanti alle nostre ambizioni".

17:28Slavina a Roccaraso, coinvolti due sciatori in fuoripista

(ANSA) - ROCCARASO (L'AQUILA), 20 GEN - Due sciatori sono stati travolti, durante un fuoripista a Roccaraso (L'Aquila), da una slavina che si è staccata da un costone in località Valleverde del Monte Aremogna. Uno dei due è stato estratto quasi subito dai soccorritori, addetti degli impianti di risalita, sciatori della Polizia di Stato e del soccorso alpino della Guardia di Finanza, in servizio sulle piste, mentre l'altro sarebbe rimasto sepolto sotto la neve una decina di minuti prima di essere raggiunto. Le sue condizioni sono apparse inizialmente critiche. Nel frattempo un elicottero del 118 partito da L'Aquila con i cinque componenti l'equipaggio, è arrivato sul posto con il medico del Soccorso Alpino (Cnsas). Lo sciatore è stato rianimato, stabilizzato e trasportato all'ospedale de L'Aquila.

17:25Uccisa in hotel: assassino si costituisce

(ANSA) - BERGAMO, 20 GEN - Un uomo di 62 anni, bergamasco di Bottanuco, si è costituito dai carabinieri per il delitto della donna uccisa questa mattina in un hotel di Dalmine (Bergamo). La vittima era una nigeriana di 37 anni. Il movente sarebbe di natura passionale.

17:24Ricordo di Craxi dalla Tunisia

(ANSAmed) - TUNISI, 20 GEN - "Non è un caso se quest'anno la Fondazione Craxi ha deciso, in occasione dell'anniversario della scomparsa di Bettino Craxi, di rendere quest'omaggio commosso alle vittime del Bardo, un vile attentato che Tunisi ha subito al pari di tante capitali europee, da Parigi a Nizza a Bruxelles". Lo ha detto oggi a Tunisi Stefania Craxi, presidente della Fondazione Craxi, in occasione degli eventi celebrativi per il 18/o anniversario della morte del leader socialista. "Non è un caso - ha continuato - perché Craxi ha speso tanta parte della sua azione politica e della sua vita per la pace nel Mediterraneo. Un mare che Craxi voleva luogo di pace, di scambi commerciali, culturali, un incontro tra culture diverse e proprio la Tunisia è il simbolo di questo incontro. Ci piace ricordare che nella bella isola di Djerba esiste la prima sinagoga del mondo arabo. E la cattedrale di Tunisi dove si svolsero i funerali di Craxi è nel viale principale della città.

17:19Isis: rapper tedesco jihadista ucciso

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Deso Dogg, nome d'arte dell'ex rapper berlinese Denis Cuspert divenuto una delle figure di primo piano dell'Isis, è stato ucciso in un raid aereo a Deir Ezzor, nell'est della Siria. Lo riportano i media internazionali. Cuspert è stato dato morto diverse volte ma secondo il Site stavolta sono gli stessi siti jihadisti a riportare la notizia pubblicando la foto del cadavere insanguinato. Nato a Berlino nel 1975 da madre tedesca e padre ghanese, l'ex rapper era diventato uno dei più influenti reclutatori di 'foreign fighters' in Europa. Nel 2007 si era convertito all'islam, e cinque anni più tardi si era unito all'Isis in Siria. Era noto con il nome di battaglia Abu Talha al-Almani ed era considerato uno dei comunicatori più efficaci, capace di influenzare con il suo carisma molti giovani. Per le sue qualità propagandistiche si era ritagliato il non invidiabile soprannome di 'Gobbels dell'Isis'. Aveva messo la sua precedente esperienza di rapper al servizio dei messaggi violenti e truculenti dell'Isis.

17:10Calcio: Spalletti, Totti? Vi firmo risposta in bianco…

(ANSA) - MILANO, 20 GEN - "Totti? Vi firmo una risposta in bianco. Potete scrivere quello che vi pare. Non dico altri aggettivi, allenandolo ci si rende conto della qualità assoluta del giocatore. Poi, per quanto riguarda i rapporti, le complicazioni tra le persone possono nascere dalle cose che si lasciano in sospeso e che non vengono chiarite. Ma a lui ho detto tutto. Mi sono comportato come dovevo, giorno dopo giorno". Lo dice l'allenatore dell'Inter, Luciano Spalletti, alla vigilia della partita contro la Roma. "E' chiaro - prosegue - che se lo dovessi incontrare domani lo andrò a salutare in maniera importante, come tutti gli altri giocatori. Lo abbraccerò come abbraccerò tutti".

17:08Bonino, deciso apparentamento con Pd

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - "Abbiamo scelto l'apparentamento della nostra lista con quella del Pd perché abbiamo messo al centro la valorizzazione dell'agenda europeista" e per "impedire la vittoria di chi non vuole l'Europa". Così la leader di +Europa, Emma Bonino, in una conferenza stampa.

Archivio Ultima ora