Clinton e Trump già proiettati alla sfida di novembre

Pubblicato il 16 marzo 2016 da redazione

hillary

WASHINGTON. – Donald Trump e Hillary Clinton escono da un nuovo ‘Super Tuesday’ già proiettati verso la sfida finale di novembre, quella diretta per la Casa Bianca. E con loro trascinano gli elettori e l’America intera in uno scambio di attacchi e accuse dai toni degni di uno showdown.

E’ infatti uno spartiacque la maratona elettorale dei cinque Stati, tra cui l’importante Florida e lo strategico Ohio, che cambia i connotati della corsa, dopo che Trump trionfa nettamente in almeno tre Stati e Hillary Clinton ne prende quattro mentre il Missouri è ancora in bilico per entrambi -‘too close to call’ per un pugno di voti- e Bernie Sanders non fa il paventato bis nel Midwest dopo la vittoria a sorpresa in Michigan.

Cambia così il ritmo nella battaglia nel campo repubblicano soprattutto: intanto la corsa adesso è a tre. Marco Rubio non ha passato il test nemmeno nella sua Florida e si è ritirato. “Siamo dalla parte giusta, ma quest’anno non saremo dalla parte vincente. “L’America è nel mezzo di uno tsunami politico, la gente è arrabbiata e frustrata. Ma non bisogna cedere alla paura e al risentimento”, ha detto il candidato ‘buono sulla carta’ la cui campagna però non è mai riuscita a decollare, nemmeno dopo la levata di scudi dei vertici del Grand Old Party (Gop) che hanno tentato di fare quadrato attorno ad un nome da opporre all’avanzata di Trump.

Resta saldo in corsa Ted Cruz, autoproclamatosi l’unica alternativa a Trump che però nella conta dei delegati al momento è fermo: in queste ultime primarie Gop si è votato con la formula ‘chi vince prende tutto’ e il senatore del Texas spera solo nell’attribuzione del Missouri dove per una manciata di voti però Trump sembra prevalere.

Eppure il suo discorso nella notte elettorale è già presidenziale e adesso punta senza indugio all’eredità di Rubio: “A chi ha supportato Marco Rubio, a chi ha lavorato duramente per la sua campagna dico: vi accogliamo a braccia aperte”. E’ invece John Kasich l’unico che questa volta pone un freno a Trump, in Ohio. La prima vittoria per il pacato governatore, ma non per questo meno rilevante. Adesso Kasich può sperare di attirare su di sé gli occhi di quei moderati che vogliono contrastare il tycoon di New York ma per cui anche Ted Cruz è troppo estremo.

Del resto ha già incassato l’endorsement di Mitt Romney e con tutto questo parlare di ‘convention contestata’ sembra legittimo sperare nonostante l’aritmetica non sia dalla sua parte. Il partito è nel caos davanti alla evidente incapacità di fermare l’avanzata di Trump – ha vinto benissimo in Florida e ha conquistato con facilità anche Illinois e North Carolina – e allora le pensa tutte. Anche ad una nuova corsa per Paul Ryan, adesso speaker della Camera, non confermata naturalmente ma che incassa già un endorsement dal suo predecessore John Boehner.

Le ‘manovre’ Gop non scalfiscono comunque Trump che si sente già re e si permette moniti anche preoccupanti: “Penso che ci sarebbero disordini” nel caso di una sua mancata nomination, dice. Mentre snobba un altro dibattito tv della Fox, costretta a cancellarlo dopo che anche Kasich sul palco senza Trump non ci va. Il tycoon ha altro da fare, tutti questi dibattiti non servono dice, in particolare adesso che più che mai punta Hillary e la attacca.

L’ultimo colpo -solo in ordine di tempo- è uno spot in cui ritrae la ex segretario di Stato mentre abbaia. Hillary Clinton non si tira indietro. Non lo nasconde nemmeno dal palco della vittoria in Florida quando galvanizzata e sicura dopo aver vinto in quattro Stati, “un altro passo verso la nomination” dice, sembra guardare Trump dritto negli occhi mentre attacca: “Il nostro ‘Commander in Chief’ deve essere in grado di difenderci, non di metterci in imbarazzo”.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

16:33Schembri ‘non dormo per Daphne, Malta non è terzo mondo’

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - "Quando hanno ucciso Daphne per tre notti non sono riuscito a dormire: Malta e' Europa, non e' terzo mondo. Dobbiamo essere uniti di fronte a un lutto del genere, per dire che siamo migliori di tutto questo". Andrè Schembri, capitano della nazionale di Malta, spiega all'Ansa la sua scelta di non esultare al gol di ieri all'Atalanta, il primo nelle coppe europee di un giocatore maltese. "Amo il mio Paese, e a quella rete mi e' venuto naturale pensare alla liberta' di una cronista e alla vita di una madre di tre figli".

16:23Calcio: Spalletti, a Napoli possiamo giocarcela ad armi pari

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 20 OTT - "Siamo nelle condizioni di giocarci la partita ad armi pari. Loro hanno giocato in Champions, ma noi saremo gli stessi di domenica. Noi siamo costruiti in maniera perfetta per quella che è la nostra corsa": lo dice il tecnico dell'Inter Luciano Spalletti alla vigilia della partita contro il Napoli. "Loro sono belli - continua il tecnico - ma sono anche concreti. Però noi ci stiamo attrezzando, le cose migliorano di vola in volta, lo scalino fatto in avanti o il balzo fatto ci permetterebbe di accorciare le differenze con loro. Quanto fatto finora sé merito di tutti, siamo una grande squadra in cui ognuno conta uno".

16:22Brexit: Farage, pessima May, ha chiesto l’elemosina all’Ue

(ANSA) - BRUXELLES, 20 OTT - "Pessima". E' la valutazione di Nigel Mansell, l'ex leader dell'Ukip e primo promotore della Brexit, che stamane si è presentato nella sede del Consiglio Europeo per una 'passerella' in sala stampa. Parlando con l'ANSA ha elaborato: "Pessimo vedere un primo ministro britannico che va dentro e va a chiedere l'elemosina. Che dice 'per favore datemi qualcosa altrimenti ci sarà un'eruzione politica a casa'. Non avremmo mai dovuto essere d'accordo con un processo negoziale in cui abbiamo lasciato la frusta in mano agli europei sin dal primo giorno, in particolare quando ci hanno detto che se non avessimo fatto l'accordo sulle tre precondizioni non avremmo parlato di commercio. Lo abbiamo accettato ed ora il Regno Unito rischia di esserne vittima di questo".

16:20Scherma: sotto sfratto spadisti argento a Rio 2016

(ANSA) - MILANO, 20 OTT - Quattro giorni di tempo per lasciare la palestra della Caserma dei vigili del fuoco di Milano, dove si allenano dal 2012: questo l'ordine di sfratto ricevuto dagli schermidori Marco Fichera, Enrico Garozzo e Andrea Santarellli - argento nella spada a squadre ai Giochi di di Rio 2016 - e con loro i 50 bambini dell'Associazione di scherma Cariplo Piccolo Teatro, a una settimana dalla gara di Coppa del Mondo a Berna (prossima tappa 27-29 ottobre). "Siamo esterrefatti - afferma il presidente dell'Associazione Cariplo Piccolo Teatro di Milano, Girolamo Abbatescianni, - la richiesta del comandante Gaetano Vallefuoco non ha motivo di esistere essendovi un regolare contratto". Vallefuoco, affermano gli schermidori in una nota, non riconosce il protocollo di intesa che l'associazione ha firmato cinque anni fa con il precedente comandante Barberi "che prevede l'uso degli spazi con lo scopo di promuovere la scherma tra i vigili e aprire la palestra alla città".

16:20Weinstein: anche Tariq Ramadan accusato di aggressione

(ANSA) - PARIGI, 20 OTT - Non si fermano le accuse di aggressioni sessuali in Francia. L'ultima in ordine di tempo è della scrittrice franco-tunisina Henda Ayari, che oggi punta il dito contro il controverso studioso islamico Tariq Ramadan, usando l'hashtag #balancetonporc, equivalente francofono del #metoo nato sulla rete dopo lo scandalo legato al produttore Usa, Harvey Wienstein. Sul suo profilo Facebook la donna scrive che si tratta di una "decisione molto difficile, ma anch'io ho deciso che sia arrivato il momento di denunciare il mio aggressore, è Tariq Ramadan". La donna precisa che già oggi sporgerà denuncia alle autorità preposte.

16:05Bankitalia: Gentiloni, rapporti Governo-Pd ottimi

(ANSA) - BRUXELLES, 20 OTT - "Il rapporto tra Governo e partito di maggioranza relativa sono fondamentali e ottimi in generale, poi (su Bankitalia, ndr) decidiamo avendo in mente quell'obiettivo lì (l'autonomia, ndr), non è una decisione di buona creanza, l'autonomia è rilevante perché è importante in sé per i mercati, deve stare a cuore alle autorità di governo, in modo particolare perché abbiamo alle spalle le difficoltà del nostro sistema bancario": lo ha detto il premier Paolo Gentiloni al termine del vertice Ue.

16:01Bankitalia: Berlusconi,è indipendente,Renzi improvvido

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - "La Banca d'Italia appartiene all'Eurosistema e la sua indipendenza è sancita nei trattati che hanno istituito la Banca Centrale Europea. Quando si intacca in qualche modo la sua autorevolezza si scalfisce l'intero sistema bancario europeo e si incide, negativamente, sulle relazioni internazionali" italiane, "messe ai margini dall'improvvida iniziativa parlamentare dei giorni scorsi del Pd e del suo segretario, Matteo Renzi". Così Silvio Berlusconi che aggiunge: "Mai trascinare Via Nazionale in scontri tra gruppi politici o partiti".

Archivio Ultima ora