Clinton e Trump già proiettati alla sfida di novembre

Pubblicato il 16 marzo 2016 da redazione

hillary

WASHINGTON. – Donald Trump e Hillary Clinton escono da un nuovo ‘Super Tuesday’ già proiettati verso la sfida finale di novembre, quella diretta per la Casa Bianca. E con loro trascinano gli elettori e l’America intera in uno scambio di attacchi e accuse dai toni degni di uno showdown.

E’ infatti uno spartiacque la maratona elettorale dei cinque Stati, tra cui l’importante Florida e lo strategico Ohio, che cambia i connotati della corsa, dopo che Trump trionfa nettamente in almeno tre Stati e Hillary Clinton ne prende quattro mentre il Missouri è ancora in bilico per entrambi -‘too close to call’ per un pugno di voti- e Bernie Sanders non fa il paventato bis nel Midwest dopo la vittoria a sorpresa in Michigan.

Cambia così il ritmo nella battaglia nel campo repubblicano soprattutto: intanto la corsa adesso è a tre. Marco Rubio non ha passato il test nemmeno nella sua Florida e si è ritirato. “Siamo dalla parte giusta, ma quest’anno non saremo dalla parte vincente. “L’America è nel mezzo di uno tsunami politico, la gente è arrabbiata e frustrata. Ma non bisogna cedere alla paura e al risentimento”, ha detto il candidato ‘buono sulla carta’ la cui campagna però non è mai riuscita a decollare, nemmeno dopo la levata di scudi dei vertici del Grand Old Party (Gop) che hanno tentato di fare quadrato attorno ad un nome da opporre all’avanzata di Trump.

Resta saldo in corsa Ted Cruz, autoproclamatosi l’unica alternativa a Trump che però nella conta dei delegati al momento è fermo: in queste ultime primarie Gop si è votato con la formula ‘chi vince prende tutto’ e il senatore del Texas spera solo nell’attribuzione del Missouri dove per una manciata di voti però Trump sembra prevalere.

Eppure il suo discorso nella notte elettorale è già presidenziale e adesso punta senza indugio all’eredità di Rubio: “A chi ha supportato Marco Rubio, a chi ha lavorato duramente per la sua campagna dico: vi accogliamo a braccia aperte”. E’ invece John Kasich l’unico che questa volta pone un freno a Trump, in Ohio. La prima vittoria per il pacato governatore, ma non per questo meno rilevante. Adesso Kasich può sperare di attirare su di sé gli occhi di quei moderati che vogliono contrastare il tycoon di New York ma per cui anche Ted Cruz è troppo estremo.

Del resto ha già incassato l’endorsement di Mitt Romney e con tutto questo parlare di ‘convention contestata’ sembra legittimo sperare nonostante l’aritmetica non sia dalla sua parte. Il partito è nel caos davanti alla evidente incapacità di fermare l’avanzata di Trump – ha vinto benissimo in Florida e ha conquistato con facilità anche Illinois e North Carolina – e allora le pensa tutte. Anche ad una nuova corsa per Paul Ryan, adesso speaker della Camera, non confermata naturalmente ma che incassa già un endorsement dal suo predecessore John Boehner.

Le ‘manovre’ Gop non scalfiscono comunque Trump che si sente già re e si permette moniti anche preoccupanti: “Penso che ci sarebbero disordini” nel caso di una sua mancata nomination, dice. Mentre snobba un altro dibattito tv della Fox, costretta a cancellarlo dopo che anche Kasich sul palco senza Trump non ci va. Il tycoon ha altro da fare, tutti questi dibattiti non servono dice, in particolare adesso che più che mai punta Hillary e la attacca.

L’ultimo colpo -solo in ordine di tempo- è uno spot in cui ritrae la ex segretario di Stato mentre abbaia. Hillary Clinton non si tira indietro. Non lo nasconde nemmeno dal palco della vittoria in Florida quando galvanizzata e sicura dopo aver vinto in quattro Stati, “un altro passo verso la nomination” dice, sembra guardare Trump dritto negli occhi mentre attacca: “Il nostro ‘Commander in Chief’ deve essere in grado di difenderci, non di metterci in imbarazzo”.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

10:23Aggredito sacerdote Reggio Calabria, è grave

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 24 MAG - Un sacerdote, don Giorgio Costantino, è stato aggredito e malmenato da alcune giovani non identificati, nella notte a Reggio Calabria. Don Giorgio, parroco della Madonna del Divino Soccorso, sarebbe stato malmenato dal gruppo di giovani che aveva richiamato dopo che questi si erano introdotti in un locale della parrocchia forzando il cancello d'ingresso. Attualmente il sacerdote che è stato soccorso e trasportato in ospedale si trova ricoverato in prognosi riservata. Ha riportato un ematoma alla testa e dovrebbe essere, in queste ore, sottoposto ad un delicato intervento chirurgico. Sul posto sono intervenuti i carabinieri che hanno avviato le indagini per risalire agli autori dell'aggressione.(ANSA).

09:40Migranti sfruttati, arrestati coniugi del Bangladesh

(ANSA) - VENEZIA, 24 MAG - Una coppia di coniugi del Bangladesh, titolari di una impresa agricola nel veneziano, sono stati arrestati dai carabinieri in esecuzione di un ordine di custodia cautelare per riduzione in schiavitù di connazionali costretti a lavorare per oltre 12 ore al giorno nei campi senza mai un giorno si riposo e senza alcuna retribuzione. I due sono accusati anche di minaccia aggravata nei confronti dei lavoratori e favoreggiamento della permanenza in Italia di persone senza permesso.

09:31Card. Bagnasco, grande onore per me aver servito la Cei

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "E' stato per me un grande onore e una grande grazia poter servire, come meglio ho saputo, la nostra Conferenza che ha il dono di un legame unico con il Vescovo di Roma, il Papa. Insieme abbiamo servito le nostre Chiese e il nostro amato Paese. Come sempre, ci affidiamo alla Vergine Maria, la grande Madre di Dio e della Chiesa". Lo ha detto il Card. Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente uscente della Cei, al termine dell'omelia della messa di conclusione dell'assemblea generale dei vescovi italiani, ultimo atto prima della nomina da parte di Papa Francesco del nuovo presidente. "E grazie per l'esempio, la parola saggia, l'amore alla Chiesa, che in questi dieci anni ho sempre visto in tutti e in ciascuno", ha aggiunto Bagnasco. E' attesa nelle prossime ore la nomina del nuovo presidente Cei da parte del Papa dopo la terna dei candidati: il cardinale di Perugia Gualtiero Bassetti, mons. Francesco Giulio Brambilla, vescovo di Novara e il cardinale Francesco Montenegro, vescovo di Agrigento.

09:28Clan e affari, arrestati Cesaro, fratelli deputato FI

(ANSA) - NAPOLI, 24 MAG - Gli imprenditori Aniello e Raffaele Cesaro, fratelli del deputato di Fi Luigi Cesaro, sono stati arrestati stamane dai carabinieri del Ros con altre tre persone, in esecuzione di un'ordinanza di custodia della Dda di Napoli. L'inchiesta è relativa alle infiltrazioni del clan Polverino negli investimenti da 40 milioni di euro per il piano di insediamento produttivo del Comune di Marano (Napoli).

09:16Filippine: gruppo filoIsis attacca chiesa

(ANSA) - MANILA, 24 MAG - Il gruppo terroristico filippino ispirato all'Isis, Maute, ha preso in ostaggio un prete, il personale di una chiesa e alcuni fedeli a Marawi City dopo aver dato fuoco alla cattedrale della città nel sud del Paese. Lo ha detto oggi il vescovo Edwin dela Peña, secondo quanto riporta il giornale online Philstar Global. L'arcivescovo Socrates Villegas, presidente della conferenza episcopale cattolica delle Filippine, ha detto che uomini armati hanno fatto irruzione nella cattedrale ed hanno preso in ostaggio il reverendo Chito Suganob e oltre 10 persone tra fedeli e personale della chiesa. Secondo Villegas il gruppo armato ha minacciato di uccidere gli ostaggi "se le forze governative scatenate contro di loro non vengono richiamate". Ieri il presidente Rodrigo Duterte ha imposto la legge marziale sull'isola di Mindanao dopo i violenti scontri a Marawi, dove almeno 15 uomini armati del gruppo Maute hanno impegnato l'esercito in una vera e propria battaglia.

09:10Manchester: due polacchi tra le vittime

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - I due cittadini polacchi che risultavano tra i dispersi nell'attacco alla Manchester Arena sono morti. Lo ha reso noto il ministero degli esteri di Varsavia secondo quanto riferisce l'Independent.

09:06Trump dal Papa: presidente Usa in Vaticano

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Il presidente Usa Donald Trump è giunto in Vaticano per l'udienza di papa Francesco. Il corteo presidenziale, proveniente da Villa Taverna, è entrato in Vaticano dalla porta laterale del Perugino per dirigersi al Cortile di San Damaso. Da lì la delegazione è entrata nel Palazzo Apostolico vaticano. Al suo arrivo, Trump, accompagnato dalla moglie Melania, è stato accolto da monsignor Georg Gaenswein, prefetto della Casa Pontificia. Trump è in abito scuro e cravatta regimental, la signora Melania in abito scuro. Al momento dell'incontro, Trump e il Papa si sono scambiati una cordiale stretta di mano e alcune parole di saluto.

Archivio Ultima ora