Clinton e Trump già proiettati alla sfida di novembre

Pubblicato il 16 marzo 2016 da redazione

hillary

WASHINGTON. – Donald Trump e Hillary Clinton escono da un nuovo ‘Super Tuesday’ già proiettati verso la sfida finale di novembre, quella diretta per la Casa Bianca. E con loro trascinano gli elettori e l’America intera in uno scambio di attacchi e accuse dai toni degni di uno showdown.

E’ infatti uno spartiacque la maratona elettorale dei cinque Stati, tra cui l’importante Florida e lo strategico Ohio, che cambia i connotati della corsa, dopo che Trump trionfa nettamente in almeno tre Stati e Hillary Clinton ne prende quattro mentre il Missouri è ancora in bilico per entrambi -‘too close to call’ per un pugno di voti- e Bernie Sanders non fa il paventato bis nel Midwest dopo la vittoria a sorpresa in Michigan.

Cambia così il ritmo nella battaglia nel campo repubblicano soprattutto: intanto la corsa adesso è a tre. Marco Rubio non ha passato il test nemmeno nella sua Florida e si è ritirato. “Siamo dalla parte giusta, ma quest’anno non saremo dalla parte vincente. “L’America è nel mezzo di uno tsunami politico, la gente è arrabbiata e frustrata. Ma non bisogna cedere alla paura e al risentimento”, ha detto il candidato ‘buono sulla carta’ la cui campagna però non è mai riuscita a decollare, nemmeno dopo la levata di scudi dei vertici del Grand Old Party (Gop) che hanno tentato di fare quadrato attorno ad un nome da opporre all’avanzata di Trump.

Resta saldo in corsa Ted Cruz, autoproclamatosi l’unica alternativa a Trump che però nella conta dei delegati al momento è fermo: in queste ultime primarie Gop si è votato con la formula ‘chi vince prende tutto’ e il senatore del Texas spera solo nell’attribuzione del Missouri dove per una manciata di voti però Trump sembra prevalere.

Eppure il suo discorso nella notte elettorale è già presidenziale e adesso punta senza indugio all’eredità di Rubio: “A chi ha supportato Marco Rubio, a chi ha lavorato duramente per la sua campagna dico: vi accogliamo a braccia aperte”. E’ invece John Kasich l’unico che questa volta pone un freno a Trump, in Ohio. La prima vittoria per il pacato governatore, ma non per questo meno rilevante. Adesso Kasich può sperare di attirare su di sé gli occhi di quei moderati che vogliono contrastare il tycoon di New York ma per cui anche Ted Cruz è troppo estremo.

Del resto ha già incassato l’endorsement di Mitt Romney e con tutto questo parlare di ‘convention contestata’ sembra legittimo sperare nonostante l’aritmetica non sia dalla sua parte. Il partito è nel caos davanti alla evidente incapacità di fermare l’avanzata di Trump – ha vinto benissimo in Florida e ha conquistato con facilità anche Illinois e North Carolina – e allora le pensa tutte. Anche ad una nuova corsa per Paul Ryan, adesso speaker della Camera, non confermata naturalmente ma che incassa già un endorsement dal suo predecessore John Boehner.

Le ‘manovre’ Gop non scalfiscono comunque Trump che si sente già re e si permette moniti anche preoccupanti: “Penso che ci sarebbero disordini” nel caso di una sua mancata nomination, dice. Mentre snobba un altro dibattito tv della Fox, costretta a cancellarlo dopo che anche Kasich sul palco senza Trump non ci va. Il tycoon ha altro da fare, tutti questi dibattiti non servono dice, in particolare adesso che più che mai punta Hillary e la attacca.

L’ultimo colpo -solo in ordine di tempo- è uno spot in cui ritrae la ex segretario di Stato mentre abbaia. Hillary Clinton non si tira indietro. Non lo nasconde nemmeno dal palco della vittoria in Florida quando galvanizzata e sicura dopo aver vinto in quattro Stati, “un altro passo verso la nomination” dice, sembra guardare Trump dritto negli occhi mentre attacca: “Il nostro ‘Commander in Chief’ deve essere in grado di difenderci, non di metterci in imbarazzo”.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

00:58Medico, Trump assume farmaci per capelli

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - Tra i farmaci assunti da Trump figurano la Propecia (finasteride) contro la caduta dei capelli e il Crestor (rosuvastatina) per abbassare il colesterolo. Lo ha detto il contro ammiraglio Ronny L. Jackson, medico della Casa Bianca, aggiungendo che il presidente trarrebbe vantaggi da una dieta con meno grassi.

00:55Calcio: Var irrompe in Fa cup e regala un gol al Leicester

(ANSA) - LONDRA, 16 GEN - Svolta storica nel calcio inglese dove, per la prima volta, un gol è stato assegnato con l'ausilio della Var, sperimentata nella Fa cup nell'attesa della sua introduzione anche in Premier League. Durante la partita fra Leicester e Fleetwood Town (squadra di III Divisione), vinta dalle 'Foxes' 2-0 e valida per il terzo turno, l'arbitro ha fatto ricorso al sussidio tecnologico e, dopo avere annullato in un primo momento la rete del 2-0 firmata da Kelechi Iheanacho, dopo 70" di consultazione, ha ribaltato la propria decisione, concedendo il gol del raddoppio che era stato realizzato al 32' del secondo tempo. Una rivoluzione nella terra dove è nato il calcio. Un "grazie" con tanti punti esclamativi è apparso sull'account Twitter ufficiale del Leicester. (ANSA).

00:51Medico, Trump assume farmaci per capelli

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - Tra i farmaci assunti da Trump figurano la Propecia (finasteride) contro la caduta dei capelli e il Crestor (rosuvastatina) per abbassare il colesterolo. Lo ha detto il contro ammiraglio Ronny L. Jackson, medico della Casa Bianca, aggiungendo che il presidente trarrebbe vantaggi da una dieta con meno grassi.

00:33Calcio: doppio Balo non basta, 2-2 in derby Costa Azzurra

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Una doppietta di Balotelli non basta al Nizza per aggiudicarsi in trasferta il derby della Costa Azzurra. Sul terreno del Louis II, a Montecarlo, finisce 2-2 con il Monaco, passato in vantaggio con Diakhaby (33'), ma raggiunto al 2' st e superato al 23' st dall'attaccante italiano, ora a quota 9 gol. Al 48' st Radamel Falcao mette tutti d'accordo e regala il definitivo 2-2 al Monaco. Nel tardo pomeriggio si erano disputate altre due partite della 21/a di Ligue 1: il Bordeaux è stato sconfitto in casa 2-0 dal Caen, in vantaggio al 44' st con Santini su rigore; il raddoppio è arrivato in pieno recupero, al 49', con Rodelin. Il Marsiglia, invece, ha sfruttato il fattore campo e superato 2-0 lo Strasburgo: gol di N'Jie al 34' st e Payet al 43' st. Nuova classifica: Paris Saint-Germain punti 53; Marsiglia 44; Monaco 43; Lione 42; Nantes; Nizza 31; Guincamp 39; Caen e Montpellier 27; Digione 25; Stade Rennais 25; Strasburgo 24; Bordeaux e Saint-Etienne 23; Lilla 22; Amiens e Troyes 21; Angers e Tolosa 19; Metz 12.(ANSA).

00:27Medico Casa Bianca, la salute di Trump è ottima

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - La salute di Donald Trump complessivamente è eccellente: lo ha detto il controammiraglio Ronny L. Jackson, medico della Casa Bianca, in un briefing sul primo checkup medico del presidente effettuato venerdì scorso. Anche la salute cardiaca è eccellente, ha aggiunto l'ufficiale medico, secondo cui Trump ha fortissime probabilità di completare il suo mandato senza problemi medici. Jackson ha fornito nel corso del briefing alcuni dati della visita: il presidente pesa 239 libbre (108,4 kg) mentre la sua pressione del sangue è 122/74. Donald Trump ha superato "estremamente bene" anche gli esami cognitivi (30 su 30), ha detto il medico. Se ci fosse stata la presenza dell'Alzheimer o di altri problemi mentali, ha aggiunto, i test lo avrebbero rivelato.

00:00Calcio: Ronaldinho si ritira, partita d’addio dopo Mondiali

(ANSA-AP) - SAN PAOLO (BRASILE), 16 GEN - Il fratello e agente del vincitore del Pallone d'Oro 2005, Roberto Assis, ha dichiarato che Ronaldinho lascia il calcio professionistico. Assis ha detto che la partita d'addio del fratello, che oggi ha 37 anni, molto probabilmente verrà disputata dopo la fine della Coppa del mondo in Russia, prevista il 15 luglio. Nel luglio dell'anno scorso, Ronaldinho, al termine di una partita-esibizione disputata in Cecenia, dichiarò che ormai si sentiva troppo vecchio per un certo tipo di calcio. 'Ronnie' aveva disputato l'ultima partita da professionista nel 2015, in Brasile, con la maglia del Fluminense. Nel corso della carriera ha vinto un titolo mondiale, nel 2002, una Champions con il Barcellona nel 2006 e il Pallone d'Oro. Ha pure giocato in Italia, con la maglia del Milan.

23:14Usa tagliano metà fondi all’agenzia Onu per i palestinesi

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - L'amministrazione Trump ha annunciato oggi di aver tagliato 65 dei 125 milioni di dollari destinati alla Unrwa, l'agenzia dell'Onu che assiste i profughi palestinesi. Lo rende noto il dipartimento di stato Usa in una lettera nella quale chiede all'agenzia un "riesame fondamentale" della sua attività. I restanti 60 milioni saranno erogati per impedire che l'Unrwa finisca il cash entro fine mese e chiuda. Era stato il presidente Donald Trump a minacciare il taglio dei fondi ai palestinesi se non fossero tornati al tavolo dei negoziati di pace con Israele.

Archivio Ultima ora