Al CineCelarg3: La classe operaia va in Paradiso

Pubblicato il 19 marzo 2016 da redazione

locandina_la_classe_operaia

cinecelarg3
SÁBADO SELECTO: 19/03/2016.

2:30 p.m. ENTRADA LIBRE

LA CLASE OBRERA VA AL PARAÍSO (La classe operaia va in paradiso) Italia, 1971. 125 min

Director: Elio Petri
Guión: Elio Petri, Ugo Pirro
Música: Ennio Morricone
Fotografía: Luigi Kuveiller
Reparto: Gian Maria Volonté, Mariangela Melato, Gino Pernice, Salvo Randone, Luigi Diberti, Donato Castellaneta, Giuseppe Fortis, Corrado Solari, Flavio Bucci, Carla Mancini, Mietta Albertini, Renata Zamengo, Marisa Rossi, Ezio Marano, Federico Scrobogna
Productora: Euro International Film (EIA)

Sinopsis: Denuncia de las condiciones laborales en las fábricas a través de la historia de un obrero modelo que, a raíz de un accidente, se hace sindicalista.

Premios
– Festival de Cannes: Palma de Oro – mejor película
– Premios David di Donatello: Mejor película (ex-aequo)

EL PARAÍSO PERDIDO
Este film es de 1971, es bueno tener esto en mente al verlo para poder apreciarlo en su justo contexto. Ya la crisis del comunismo soviético estaba presente, es más el mismo director del film, Elio Petri, militante comunista, se habría alejado del partido después de la brutal represión contra la rebelión húngara de 1956.

Por ello la película está mas llena de preguntas que de certezas, va a contracorriente del lamentable “realismo socialista” impuesto por el estalinismo. Posee algo entrañable que lo hace muy humano y fraterno con una deriva poética que surge cada tanto, envolviendo el film en una suerte de sueño compartido, de hermosa reflexión sobre la alienación y la libertad del hombre.

“Un hombre tiene derecho a saber lo que hace y para qué sirve” dice en algún momento Militina el viejo obrero comunista recluido en un manicomio, otorgando sentido coloquial al viejo concepto marxista más tarde reelaborado por Lucáks de la “reificación”: el hombre devenido objeto puro, parte integrante de una máquina de la que forma parte pero cuyo objetivo desconoce.

Su trabajo no le pertenece y él no sabe muy bien qué sentido tiene hacerlo. A través de Militina Petri anuncia la irrupción de una imagen que se convierte en metáfora, ¿política? No, más bien poética y ella es: El Muro. El muro que los hombres construyen día a día con su trabajo alienado, el muro que no está fuera sino dentro, la pared que nos separa de los otros y de nosotros mismos y quizás también nos aleja de la felicidad.

La elemental anécdota de Lulú el obrero estajanovista que por accidente resulta mutilado y ello le cambia la vida, lo descarrila, por decirlo de alguna manera, de la cadena de montaje da pie a una obra reflexiva mas no discursiva, en algunos momentos mucho más lírica que social, aunque el tema sea la clase obrera. Ello representa un logro particular de Petri, al instalar un cierto escepticismo en un discurso que más convencionalmente tratado perdería todos los valores y virtudes que posee.

La duda invade la vida del obrero, y después de un errático circunloquio Lulú vuelve a la fábrica, reclamado por aquellos a los que despreciaba. Los “reformistas” que diría algún fanático, pero que le permiten recuperar su medio de vida.

En un cierre antológico el director dispersa los trozos del sueño entre los obreros, no es únicamente la acción de las manos ajustando una pieza de un motor que nunca verán, es el anhelo compartido, el deseo colectivo de una salida social a una realidad dura y en ocasiones insoportable.

JACOBO PENZO

Ultima ora

01:25Accoltella e investe immigrato, indagini su matrice razziale

(ANSA) - RIMINI, 22 MAR - Un riminese è stato fermato questa sera dalla polizia di Stato per il tentato omicidio di un immigrato. Il fatto sarebbe accaduto davanti ad un supermercato: l'italiano lo ha prima preso a pugni, poi l'ha accoltellato e infine, quando lo straniero ha tentato la fuga, lo ha investito con l'auto. Il giovane è in prognosi riservata all'ospedale, mentre il riminese è stato rintracciato poco dopo dalla polizia di Stato e portato in Questura, dove è stato sottoposto a fermo per tentato omicidio. Accertamenti sono in corso per appurare se il gesto violento abbia una matrice razziale.

00:28Slovenia: decapita nonna e fratello, poi brucia le teste

(ANSA) - LUBIANA, 22 MAR - Uccide la nonna di 80 anni e il fratello di 31, poi li decapita, brucia le teste e si autodenuncia alla polizia. Si è consumato così nel villaggio di Lukovec, piccolo paesino di una quindicina di case a Nord-Ovest di San Daniele del Carso, nel Comune di Komen, nel cuore del Carso sloveno, un delitto familiare che - secondo gli investigatori - assume i contorni dell'atto di follia. Il protagonista è un uomo di 35 anni, Marko Abram, che nella serata di lunedì ha ucciso i due familiari. Ancora da capire il movente del delitto, così come ancora poco chiare sono gli strumenti utilizzati per il delitto, che secondo alcune ricostruzioni, potrebbero essere due coltelli e un'accetta, al momento in possesso della Polizia scientifica che li sta esaminando ed esprimerà le proprie valutazioni nei prossimi giorni. L'avvocato dell'assassino, Gorazd Gabri, oggi, all'uscita dal Tribunale dove Abram è stato interrogato per sei ore, ha detto ai giornalisti che il suo cliente ha riconosciuto la propria colpevolezza.

00:23Calcio: Podolski saluta con un gol

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - Sconfitta immeritata per l'Inghilterra, battuta 1-0 dalla Germania nell'amichevole di lusso giocata questa sera a Dortmund. L'unica rete porta la firma di Lukas Podolski, gran sinistro all'incrocio dei pali al 24' della ripresa. L'ex interista, campione del mondo nel 2014, ha così salutato nel migliore dei modi la maglia bianca dopo 130 presenze e 49 reti. Ma fino al momento in cui è passata in svantaggio ha fatto più bella figura l'Inghilterra, che nel primo tempo ha colpito un palo con Lallana ed è andata ancora vicino al gol con Dele Alli, tiro centrale parato da ter Stegen.

23:08Fillon denuncia ‘un complotto di Stato’

(ANSA) - PARIGI, 22 MAR - Il candidato della Destra alle elezioni presidenziali francesi, Francois Fillon, denuncia un "complotto" e violazioni del "segreto istruttorio" con fughe di notizie organizzate dai "servizi dello Stato". "Le maschere cadono, il complotto è ormai sotto agli occhi di tutti i francesi", ha detto ai microfoni di radio France Info, aggiungendo: "Ogni settimana ci sono fughe (di notizie) contro il segreto istruttorio, fughe di notizie organizzate dai servizi dello Stato".

22:34Attacco Londra: chiusa la London Eye

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - Il London Eye, la ruota panoramica della capitale britannica sulla riva del Tamigi, ha sospeso il suo servizio. Lo hanno riferito le autorità precisando che tutti i turisti, dopo essere rimasti bloccati per quasi un'ora nelle cabine, sono stati fatti scendere e non hanno avuto problemi.

22:24Siria: i turchi bombardano zona curda

(ANSAmed) - BEIRUT, 22 MAR - L'artiglieria turca ha bombardato nelle ultime ore postazioni curdo-siriane nella Siria nord-occidentale, un giorno dopo l'arrivo in quella stessa area di mezzi blindati russi a protezione dell'area a maggioranza curda. Lo riferisce l'Osservatorio per i diritti umani in Siria (Ondus), secondo cui i colpi di artiglieria hanno colpito il distretto di Afrin e quello di Jenderes. Non si registrano uccisi ma solo feriti tra civili e miliziani curdi. La stampa araba aveva dato ampio risalto ieri all'arrivo ad Afrin di truppe russe a bordo di mezzi blindati. E' la prima volta che le forze di Mosca si schierano al confine con la Turchia.

22:18Milan: arrivati 20 mln, resto caparra atteso entro venerdì

(ANSA) - MILANO, 22 MAR - Sarebbero arrivati nelle casse di Fininvest 20 dei 100 milioni di euro della terza caparra che i cinesi di Sino-Europe Sports devono pagare per ottenere una nuova proroga del closing per l'acquisto del Milan. Secondo quanto filtra, due sono le ricostruzioni della vicenda. La società cinese di Li Yonghong si starebbe muovendo con più di una banca per completare il pagamento di questa terza caparra da 100 milioni di euro e questo bonifico sarebbe avvenuto con tempistiche diverse da quello da 80 milioni di euro, atteso fra domani e venerdì. Oppure Ses si sarebbe affidata a un unico istituto finanziario che ha deliberato i bonifici in momenti diversi.

Archivio Ultima ora