La Vinotinto femminile Under 17, il capolavoro di Zsemereta

Pubblicato il 22 marzo 2016 da redazione

sub17-2

CARACAS – Ci sono capolavori che per ammirarli devi visitare prestigiosi musei come il Louvre, il Prado o il Palazzo degli Uffizi, ma ci sono altri che per ammirarli devi andare in uno stadio di calcio. La storia che vi stiamo per raccontare é quella di Kenneth Zsemereta, un tecnico panameño che sin dal suo arrivo in Venezuela ha iniziato ad elaborare un capolavoro con la vinotinto femminile under 17: nazionale che sotto la sua gestione si é qualificata per tre volte consecutive al mondiale ed ha vinto in un paio di occasioni il campionato sudamericano di categoria.

Il primo contatto tra Zsemereta ed il Venezuela é stato quasi 10 anni fa. Allora, Laureano González, che era l’uomo di maggior peso nella Federación Venezolana de Fútbol per il calcio in rosa, invitó il tecnico panameño per uno stage di 2 settimane presso l’Universidad Cátolica Andrés Bello, lí lavorò con l’Ucab Spirit. Quella sua esperienza gli serví per inserirsi tra i candidati alla panchina della nazionale femminile di calcio.

In un primo momento Zsemereta lavoró insieme a Rolando Bello, che poi lo postuló come suo sustituto. Due anni dopo, Serafín Boutereira, direttivo della Fvf, gli diede l’incarico di selezionatore della nazionale femminile Under 17.

Durante otto anni alla guida della nazionale Kenneth Zsemereta ha disegnato diversi capolavori: tre qualificazioni per i mondiali U17 (2010, 2013 e 2016): nelle qualificazioni per il torneo iridato ha vinto un bronzo e poi due ori consecutivi; ha vinto i Juegos Centroamericanos y del Caribe nel 2010 ed il secondo posto nei Juegos Bolivarianos (2009).

Da ricordare che nel torneo iridato del 2013, per noi italo-venezuelani ci fu una sorte di derby del cuore: nella finalina per il terzo posto azzurre e vinotinto si sono affrontate e, per la cronaca, le italiche si sono imposte 2-0 dopo i calci di rigore, ma i tempi regolamentari si erano conclusi con uno spettacolare 4-4.

Da segnalare che quando Zsemereta prese le redini della nazionale, trovò uno scenario poco incoraggiante: la vinotinto era una squadra che per ogni gol che segnava, minimo ne subiva cinque. Se prendiamo in considerazione il periodo di tempo tra il 1991 e 2006 la nazionale aveva vinto solo una gara. Senza dimenticarci del fallimentare campionato femminile che si disputó tra il 2004 e 2007.

Kenneth Zseremeta, laureato in ingegneria, ha applicato le sue nozioni in materia per costruire e calibrare una macchina perfetta come la sua vinotinto. La sua nazionale non perde da 15 gare nel torneo Sudamericano. Hanno segnato 78 reti in 25 incontri, per una media gol 3,12.

Peccato che le sue opere d’arte nell’edizione 2016, sono state dipinte su una tela abbastanza deteriorata: lo stadio Metropolitano di Cabudare, aveva un manto erboso al di sotto delle aspettative e alla categoria del campionato che si stava disputando.

E nonostante, le sue ragazze sono state le protagoniste di un capolavoro che domenica é stato dipinto con toni vinotinto: non solo hanno battuto (1-0) il Brasile, vittoria che é servita per mettere in bacheca il secondo titolo Campeonato Sudamericano Femenino Sub 17, ma ha permesso al Venezuela di eguagliare le verdeoro per numero di campionati vinti.

“Questo é un evento storico, credo che con il successo di oggi, il calcio venezuelano ha fatto un salto da gigante” ha dichiarato Zsemereta a fine gara alla Tv venezolana, aggiungendo, “devo ringraziare Dio, mia madre e tutto il Venezuela per questa vittoria”.

Zsemereta, che puó vantare di aver portato in tre occasioni il Venezuela ad un mondiale, lascerá la vinotinto al termine della kermesse iridata, ma molti sperano in un ripensamento. “Per il momento, posso dirvi che dopo il torneo in Giordania analizzeró le cose. Però penso che sia il momento di farmi da parte e dare l’opportunitá ad altre persone”.

Tutti i tifosi della palla a chiazze sperano che l’esempio della Under17 femminile serva d’inspirazione per le altre nazionali venezuelane.

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

20:40Uzbekistan: Mirziyoyev eletto presidente

(ANSA) - MOSCA, 5 DIC - Il premier uzbeko Shavkat Mirziyoyev ha stravinto le elezioni presidenziali in Uzbekistan - ritenute irregolari dall'Osce - con l'88,61% dei voti (15,9 milioni di preferenze). Mirziyoyev era considerato il favorito, anche perché il parlamento gli aveva già affidato la presidenza ad interim benchè, secondo la legge, la carica avrebbe dovuto andare al presidente del Senato, Nigmatilla Yuldashev, dopo la morte del presidente Islam Karimov.

20:31Uccise i genitori, figlio adottivo si suicida in carcere

(ANSA) - CAGLIARI, 5 DIC - Igor Diana, il 28enne in carcere per aver ucciso nel maggio scorso, nella loro abitazione di Settimo San Pietro (Cagliari), i genitori adottivi, Giuseppe Diana, di 67 anni, e la moglie Luciana Corgiolu, di 62, si è suicidato nella cella del carcere di Cagliari-Uta, dove era rinchiuso. Il giovane si è tolto la vita impiccandosi. Inutile ogni tentativo di rianimarlo da parte del personale medico del penitenziario.

20:31Referendum: Casa Bianca, non è come la Brexit

(ANSA) - WASHINGTON, 5 NOV - "E' rischioso semplificare paragonando i potenziali effetti del referendum sulla Brexit con quelli del referendum italiano": lo ha detto Josh Earnest, portavoce della Casa Bianca, rispondendo ad una domanda sulla consultazione referendaria italiana nel suo briefing con la stampa. Earnest ha ammonito a non dipingere i potenziali effetti dell'esito del referendum in modo troppo generalizzato, ricordando che esso non riguardava la relazione con l'Ue.

20:28Gb: pedofilia, centenario a processo a Birmingham

(ANSA) - LONDRA, 5 DIC - Un ennesimo caso di pedofilia imbarazza la giustizia britannica che porta oggi a processo a Birmingham un uomo di ben 101 anni, accusato di una trentina di episodi di stupro e molestie sessuali contro bambini risalenti a tre-quattro decenni fa, ma mai puniti ne' finora perseguiti. L'uomo, Ralph Clarke, che ovviamente non pare destinato a scontare ormai neppure un giorno di prigione anche se riconosciuto colpevole, nega tutto. Ma l'accusa gli contesta, denunce alla mano, di aver perpetrato fra il 1974 e il 1983 abusi ripetuti su almeno tre bambini. Clarke, che e' un ex autotrasportatore originario dell'area metropolitana di Birmingham (Inghilterra centrale), potrà assistere a udienze non piu' lunghe di 4 ore al giorno in ragione dell'eta' ed e' stato autorizzato a sedersi fra il pubblico invece che nella 'gabbia' degli imputati, riferisce la Bbc.

20:28Morti in corsia, il medico rimane in carcere

(ANSA) - MILANO, 5 DIC - Rimane in carcere Leonardo Cazzaniga, il medico accusato di omicidio per i morti in corsia all'ospedale di Saronno (Varese). Lo ha deciso il gip di Busto Arsizio, respingendo la sua richiesta di arresti domiciliari. Cazzaniga comparirà davanti ai pm in settimana. Che volesse cercare di chiarire la sua posizione, il medico l'aveva detto dopo l'arresto nell'interrogatorio davanti al gip che deve decidere su un'istanza di arresti domiciliari chiesti dalla difesa. Aveva anche detto di aver somministrato farmaci ai pazienti, che poi morirono, per alleviare le sofferenze della loro malattia ma di non aver avuto intenzione di uccidere nessuno. La sua amante, l'infermiera Laura Tironi, accusata dell'omicidio del marito (non di quelli provocati in ospedale) si era invece avvalsa della facoltà di non rispondere. I carabinieri hanno acquisito documenti nei giorni scorsi anche nella sede dell'Azienda Sanitaria Territoriale di Busto Arsizio, a cui fa capo l'ospedale di Saronno.

20:25Giudice arrestato, “nessun favore legato al mio ruolo”

(ANSA) - OLBIA, 5 DIC - "Non favori legati alla mia professione, ma reciproche cortesie nell'ambito di un rapporto amicale, creatosi per il tramite di amici comuni ma successivamente alle sentenze emesse nei loro confronti". Così si è difeso per oltre tre ore davanti al Gip di Roma, Vincenzo Cristiano, il giudice del tribunale di Tempio Pausania, 48 anni originario di Napoli, finito agli arresti domiciliari per corruzione perché avrebbe favorito processualmente alcuni suoi amici imprenditori, Umberto Galizia, 45 anni di Napoli, e Manuel Spano, di 38 di Olbia - entrambi ai domiciliari per concorso in corruzione - in cambio di regalie. Il giudice, assistito dai difensori Giovanni Azzena e Gerolamo Orecchioni, ha parlato negli uffici di piazzale Clodio, raccontando la sua verità al gip Giulia Proto nell' interrogatorio di garanzia. Cristiano, che a detta degli avvocati è apparso molto provato, "si è difeso da uomo di Stato nel rispetto delle istituzioni, anche se, avendo la coscienza pulita, è addolorato da quanto accaduto".

20:23MH370: familiari vittime, ‘ricompensa a chi trova rottami’

(ANSA-AP) - ANTANANARIVO, 5 DIC - Chiunque trovi un rottame dell'aereo del volo MH370 della Malaysia Airlines, scomparso dai radar con 239 persone a bordo l'8 marzo 2014 e probabilmente caduto nell'Oceano Indiano meridionale, riceverà una ricompensa in denaro. Lo hanno reso noto oggi in Madagascar alcuni familiari delle persone che erano sul velivolo, nella speranza che gli abitanti dell'isola, invogliati dal premio, si mettano a setacciare le coste. Nel frattempo è arrivato ad Antananarivo un funzionario incaricato delle indagini sulla scomparsa del Boeing 777 per raccogliere i rottami che sono già stati trovati e capire se appartengono effettivamente all'aereo. Malaysia, Australia e Cina intanto stanno per completare le ricerche con i sonar di profondità, finora senza successo, e hanno comunicato che le operazioni saranno sospese se si continuerà a non trovare nulla che permetta di individuare il punto d'impatto dell'aereo.

Archivio Ultima ora