La Vinotinto femminile Under 17, il capolavoro di Zsemereta

Pubblicato il 22 marzo 2016 da redazione

sub17-2

CARACAS – Ci sono capolavori che per ammirarli devi visitare prestigiosi musei come il Louvre, il Prado o il Palazzo degli Uffizi, ma ci sono altri che per ammirarli devi andare in uno stadio di calcio. La storia che vi stiamo per raccontare é quella di Kenneth Zsemereta, un tecnico panameño che sin dal suo arrivo in Venezuela ha iniziato ad elaborare un capolavoro con la vinotinto femminile under 17: nazionale che sotto la sua gestione si é qualificata per tre volte consecutive al mondiale ed ha vinto in un paio di occasioni il campionato sudamericano di categoria.

Il primo contatto tra Zsemereta ed il Venezuela é stato quasi 10 anni fa. Allora, Laureano González, che era l’uomo di maggior peso nella Federación Venezolana de Fútbol per il calcio in rosa, invitó il tecnico panameño per uno stage di 2 settimane presso l’Universidad Cátolica Andrés Bello, lí lavorò con l’Ucab Spirit. Quella sua esperienza gli serví per inserirsi tra i candidati alla panchina della nazionale femminile di calcio.

In un primo momento Zsemereta lavoró insieme a Rolando Bello, che poi lo postuló come suo sustituto. Due anni dopo, Serafín Boutereira, direttivo della Fvf, gli diede l’incarico di selezionatore della nazionale femminile Under 17.

Durante otto anni alla guida della nazionale Kenneth Zsemereta ha disegnato diversi capolavori: tre qualificazioni per i mondiali U17 (2010, 2013 e 2016): nelle qualificazioni per il torneo iridato ha vinto un bronzo e poi due ori consecutivi; ha vinto i Juegos Centroamericanos y del Caribe nel 2010 ed il secondo posto nei Juegos Bolivarianos (2009).

Da ricordare che nel torneo iridato del 2013, per noi italo-venezuelani ci fu una sorte di derby del cuore: nella finalina per il terzo posto azzurre e vinotinto si sono affrontate e, per la cronaca, le italiche si sono imposte 2-0 dopo i calci di rigore, ma i tempi regolamentari si erano conclusi con uno spettacolare 4-4.

Da segnalare che quando Zsemereta prese le redini della nazionale, trovò uno scenario poco incoraggiante: la vinotinto era una squadra che per ogni gol che segnava, minimo ne subiva cinque. Se prendiamo in considerazione il periodo di tempo tra il 1991 e 2006 la nazionale aveva vinto solo una gara. Senza dimenticarci del fallimentare campionato femminile che si disputó tra il 2004 e 2007.

Kenneth Zseremeta, laureato in ingegneria, ha applicato le sue nozioni in materia per costruire e calibrare una macchina perfetta come la sua vinotinto. La sua nazionale non perde da 15 gare nel torneo Sudamericano. Hanno segnato 78 reti in 25 incontri, per una media gol 3,12.

Peccato che le sue opere d’arte nell’edizione 2016, sono state dipinte su una tela abbastanza deteriorata: lo stadio Metropolitano di Cabudare, aveva un manto erboso al di sotto delle aspettative e alla categoria del campionato che si stava disputando.

E nonostante, le sue ragazze sono state le protagoniste di un capolavoro che domenica é stato dipinto con toni vinotinto: non solo hanno battuto (1-0) il Brasile, vittoria che é servita per mettere in bacheca il secondo titolo Campeonato Sudamericano Femenino Sub 17, ma ha permesso al Venezuela di eguagliare le verdeoro per numero di campionati vinti.

“Questo é un evento storico, credo che con il successo di oggi, il calcio venezuelano ha fatto un salto da gigante” ha dichiarato Zsemereta a fine gara alla Tv venezolana, aggiungendo, “devo ringraziare Dio, mia madre e tutto il Venezuela per questa vittoria”.

Zsemereta, che puó vantare di aver portato in tre occasioni il Venezuela ad un mondiale, lascerá la vinotinto al termine della kermesse iridata, ma molti sperano in un ripensamento. “Per il momento, posso dirvi che dopo il torneo in Giordania analizzeró le cose. Però penso che sia il momento di farmi da parte e dare l’opportunitá ad altre persone”.

Tutti i tifosi della palla a chiazze sperano che l’esempio della Under17 femminile serva d’inspirazione per le altre nazionali venezuelane.

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

10:23Morto Guazzaloca: aperta camera ardente in Comune Bologna

(ANSA) - BOLOGNA, 28 APR - E' stata aperta la camera ardente per Giorgio Guazzaloca, l'ex sindaco di Bologna morto mercoledì a 73 anni dopo una lunga malattia. Ad accogliere il feretro, nella Sala Rossa di Palazzo D'Accursio, sede del Comune, il sindaco Virginio Merola - che per domani, giorno dei funerali in Cattedrale, ha proclamato il lutto cittadino - e, tra gli altri, il ministro dell'Ambiente, Gian Luca Galletti. Galletti, che fu assessore della giunta Guazzaloca, la prima e unica non di sinistra nella storia della città, ha composto insieme ad altri tre ex assessori (l'ex vicesindaco, Giovanni Salizzoni, Paolo Foschini e Enzo Raisi) il primo picchetto d'onore. "Non sono le vittorie che contano nella vita, ma le cause per cui ci si batte" la frase scelta sulla foto ricordo dell'ex sindaco. Tra i primi a visitare la camera ardente, il suo predecessore a Palazzo d'Accursio, Walter Vitali, e la candidata del centrosinistra da lui sconfitta nel 1999, Silvia Bartolini. (ANSA).

10:11Finta bomba davanti al bar di un sindaco nel Nuorese

(ANSA) - NUORO, 28 APR - Atto intimidatorio, nella notte, nei confronti del sindaco di Siniscola (Nuoro), Gian Luigi Farris. Un finto pacco bomba è stato posizionato davanti all'ingresso del bar di sua proprietà, il "Teo bar caffetteria" in via De Gasperi. Il primo cittadino ha trovato il finto ordigno stamattina all'apertura del locale, intorno alle cinque, e trattandosi di un pacco sospetto ha dato subito l'allarme. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Siniscola e l'artificiere antisabotaggio del Comando provinciale di Nuoro. I militari hanno accertato che si trattava di un finto ordigno confezionato con due detonatori e una sostanza non esplosiva. Un gesto che secondo gli inquirenti vuole essere una chiara intimidazione nei confronti del sindaco. I Carabinieri di Siniscola, al comando del capitano Andrea Leacche, hanno avviato le indagini per risalire all'autore del gesto. (ANSA).

10:04‘Ndrangheta: smantellata rete protezione boss Pesce, arresti

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 28 APR - La squadra mobile di Reggio Calabria e lo Sco hanno condotto un'operazione per l'esecuzione di 19 arresti nei confronti di presunti elementi di vertice, affiliati e prestanome della cosca Pesce di Rosarno. L'operazione, coordinata dalla Dda reggina, rappresenta la prosecuzione dell'inchiesta Recherche che, il 4 aprile scorso, aveva portato al fermo di 11 persone. Le accuse sono, a vario titolo, di associazione mafiosa e favoreggiamento nei confronti del boss latitante Marcello Pesce, arrestato dalla polizia il primo dicembre del 2016, oltre che di traffico di droga ed intestazione fittizia di beni. Grazie alla rete di protezione, Pesce, anche durante la latitanza, riusciva ad amministrare le risorse incamerate dalla cosca. Il boss, secondo l'accusa, assegnava le risorse ai componenti ed ai loro familiari, gestiva in regime di sostanziale monopolio l'attività di trasporto merci su gomma grazie ad una rete di aziende messe in piedi con dei prestanome e curava i rapporti con le altre cosche.

09:58Agguato nel Foggiano, ucciso un netturbino

(ANSA) - TORREMAGGIORE (FOGGIA), 28 APR - Un netturbino di 37 anni, Pasquale Maiellaro, pregiudicato, è stato ucciso stamani in un agguato compiuto con colpi di pistola a Torremaggiore, nel Foggiano. Secondo i primi accertamenti dei carabinieri del comando provinciale di Foggia, la vittima si trovava per strada quando è stata colpita da almeno 5-6 colpi di pistola, probabilmente cal.7,65 che lo hanno raggiunto in varie parti del corpo. (ANSA).

09:58Calcio: Totti a Edicola Fiore, Roma-Lazio ? finisce 2-0

(ANSA) - ROMA, 28 APR - "C'è il derby? Ah, sì? Un pronostico? Finisce 2-0": un assonnato Francesco Totti, a colazione con i tre figli e la moglie Ilary Blasi, scherza con Fiorello e Stefano Meloccaro in collegamento via iPad con Edicola Fiore da casa, stamattina su SkyUno HD e Tv8. ( Una torta con la scritta "Auguri mamma" ricorda che oggi è il compleanno di Ilary, che riceve gli auguri anche da Gigi D'Alessio, ospite della trasmissione, e da Matteo Renzi, al telefono per un divertente siparietto a due giorni dal voto per le Primarie del Pd. La telefonata con l'ex premier è il pretesto per scherzare su Samantha Fox e gli altri miti adolescenziali citati in occasione del confronto su Sky con Andrea Orlando e Michele Emiliano. Il poster che avevano in camera da ragazzini Totti e Blasi? "Quello dei Take that" è la risposta di Ilary. Con l'esclamazione "Cicciolina" Totti regala l'ultima risata. Il programma tornerà a Edicola Fiore su SkyUno e Tv8 alle 20.30 con la replica e contenuti inediti. (ANSA).

09:51Trump, possibile ‘grande’ conflitto con Corea Nord

(ANSA) - ROMA, 28 APR - Il presidente Usa Donald Trump, intervistato dall'agenzia Reuters in occasione dei suoi 100 giorni alla Casa Bianca, ha detto che un conflitto "grande, grande" con la Corea del Nord, a causa del programma nucleare e missilistico di Pyongyang è possibile, ma che lui preferirebbe una soluzione diplomatica. "Senz'altro, c'è la possibilità che si arrivi ad un grande, grande conflitto con la Corea del Nord", ha affermato il leader Usa. "Ci piacerebbe risolvere le cose attraverso la diplomazia, ma è molto difficile". Nell'intervista, Trump ha detto di voler far pagare alla Corea del Sud il costo del sistema antimissile Thaad (un miliardo di dollari), mentre ha annunciato di voler rinegoziare gli accordi commerciali con Seul. Trump ha quindi elogiato il presidente cinese Xi Jinping per i suoi tentativi di mediazione con Pyongyang: "Ci prova davvero, credo. Non vuole vedere caos e morte. E' una brava persona, l'ho conosciuto bene".

09:48Basket: playoff Nba, Toronto e San Antonio in semifinale

(ANSA) - ROMA, 28 APR - Primi verdetti nei playoff della Nba. I Toronto Raptors e i San Antonio Spurs hanno guadagnato al'accesso alle semifinali di conference. Nelle partite di questa notte infatti dopo aver battuto rispettivamente i Milwaukee Bucks con il punteggio di 92-89 e i Memphis Grizzlies per 103-96. per effetto di queste vittorie, Toronto e San Antonio si sono entrambe portate sul 4-2 e quindi passano alle semifinali, mentre le avversarie sono eliminate. (ANSA).

Archivio Ultima ora