La Vinotinto femminile Under 17, il capolavoro di Zsemereta

Pubblicato il 22 marzo 2016 da redazione

sub17-2

CARACAS – Ci sono capolavori che per ammirarli devi visitare prestigiosi musei come il Louvre, il Prado o il Palazzo degli Uffizi, ma ci sono altri che per ammirarli devi andare in uno stadio di calcio. La storia che vi stiamo per raccontare é quella di Kenneth Zsemereta, un tecnico panameño che sin dal suo arrivo in Venezuela ha iniziato ad elaborare un capolavoro con la vinotinto femminile under 17: nazionale che sotto la sua gestione si é qualificata per tre volte consecutive al mondiale ed ha vinto in un paio di occasioni il campionato sudamericano di categoria.

Il primo contatto tra Zsemereta ed il Venezuela é stato quasi 10 anni fa. Allora, Laureano González, che era l’uomo di maggior peso nella Federación Venezolana de Fútbol per il calcio in rosa, invitó il tecnico panameño per uno stage di 2 settimane presso l’Universidad Cátolica Andrés Bello, lí lavorò con l’Ucab Spirit. Quella sua esperienza gli serví per inserirsi tra i candidati alla panchina della nazionale femminile di calcio.

In un primo momento Zsemereta lavoró insieme a Rolando Bello, che poi lo postuló come suo sustituto. Due anni dopo, Serafín Boutereira, direttivo della Fvf, gli diede l’incarico di selezionatore della nazionale femminile Under 17.

Durante otto anni alla guida della nazionale Kenneth Zsemereta ha disegnato diversi capolavori: tre qualificazioni per i mondiali U17 (2010, 2013 e 2016): nelle qualificazioni per il torneo iridato ha vinto un bronzo e poi due ori consecutivi; ha vinto i Juegos Centroamericanos y del Caribe nel 2010 ed il secondo posto nei Juegos Bolivarianos (2009).

Da ricordare che nel torneo iridato del 2013, per noi italo-venezuelani ci fu una sorte di derby del cuore: nella finalina per il terzo posto azzurre e vinotinto si sono affrontate e, per la cronaca, le italiche si sono imposte 2-0 dopo i calci di rigore, ma i tempi regolamentari si erano conclusi con uno spettacolare 4-4.

Da segnalare che quando Zsemereta prese le redini della nazionale, trovò uno scenario poco incoraggiante: la vinotinto era una squadra che per ogni gol che segnava, minimo ne subiva cinque. Se prendiamo in considerazione il periodo di tempo tra il 1991 e 2006 la nazionale aveva vinto solo una gara. Senza dimenticarci del fallimentare campionato femminile che si disputó tra il 2004 e 2007.

Kenneth Zseremeta, laureato in ingegneria, ha applicato le sue nozioni in materia per costruire e calibrare una macchina perfetta come la sua vinotinto. La sua nazionale non perde da 15 gare nel torneo Sudamericano. Hanno segnato 78 reti in 25 incontri, per una media gol 3,12.

Peccato che le sue opere d’arte nell’edizione 2016, sono state dipinte su una tela abbastanza deteriorata: lo stadio Metropolitano di Cabudare, aveva un manto erboso al di sotto delle aspettative e alla categoria del campionato che si stava disputando.

E nonostante, le sue ragazze sono state le protagoniste di un capolavoro che domenica é stato dipinto con toni vinotinto: non solo hanno battuto (1-0) il Brasile, vittoria che é servita per mettere in bacheca il secondo titolo Campeonato Sudamericano Femenino Sub 17, ma ha permesso al Venezuela di eguagliare le verdeoro per numero di campionati vinti.

“Questo é un evento storico, credo che con il successo di oggi, il calcio venezuelano ha fatto un salto da gigante” ha dichiarato Zsemereta a fine gara alla Tv venezolana, aggiungendo, “devo ringraziare Dio, mia madre e tutto il Venezuela per questa vittoria”.

Zsemereta, che puó vantare di aver portato in tre occasioni il Venezuela ad un mondiale, lascerá la vinotinto al termine della kermesse iridata, ma molti sperano in un ripensamento. “Per il momento, posso dirvi che dopo il torneo in Giordania analizzeró le cose. Però penso che sia il momento di farmi da parte e dare l’opportunitá ad altre persone”.

Tutti i tifosi della palla a chiazze sperano che l’esempio della Under17 femminile serva d’inspirazione per le altre nazionali venezuelane.

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

21:10Calcio: Van Bronckhorst, il Feyenoord punta alla vittoria

(ANSA) - NAPOLI, 25 SET - "Arriviamo a Napoli con molti infortunati ma dobbiamo vedere le cose in modo positivo e giocare meglio come squadra, sarebbe ideale trovare subito il vantaggio domani ma sarà molto difficile. Non saremo favoriti". Lo ha detto Giovanni Van Bronckhorst, allenatore del Feyenoord, alla vigilia della sfida contro il Napoli in Champions League. Il Feyenoord arriva a Napoli senza il bomber Jorgensen e il difensore Botteghin che il tecnico olandese ricorda "tornerà a gennaio-febbraio", precisa Van Bronckhorst che punta a vincere: "Domani ci servono i tre punti - dice - giocheremo senza paura ma con equilibrio. Sarà importante non prendere gol in avvio. Sappiamo di non essere favoriti ma sappiamo come gioca il Napoli, fanno un pressing molto alto e noi non dovremo rischiare di perdere palloni, ma allo stesso tempo impostare da dietro".

20:56Sport: Lotti palleggia con atleti paralimpici

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Io vengo a giocare ragazzi. Invitatemi e vengo". Così il ministro dello Sport Luca Lotti che si è fermato a palleggiare con i calciatori della nazionale italiana Calcio Amputati al termine della inaugurazione del centro di preparazione paralimpica al Tre Fontane. Lotti si è fermato a palleggiare a lungo scherzando con gli atleti paralimpici che durante lo scambio del pallone lo esortavano ironicamente con queste parole: "Se cade (la palla, ndr) cade il governo".

20:47Calcio: condanna Agnelli, Malagò non si espone

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "La cosa peggiore è che il presidente di un Comitato olimpico giudichi una sentenza di primo grado. Penso che la giustizia sportiva ha tre gradi di giudizio, è giusto, doveroso, aspettare il completamento di tutto il percorso". Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, commenta la sentenza del Tribunale federale nazionale della Figc che ha condannato a un anno di inibizione il presidente della Juve Andrea Agnelli per la vicenda legata alla vendita dei biglietti ai tifosi. "Dispiace comunque che il calcio e il nostro mondo - ha aggiunto Malagò a margine dell'inaugurazione del Centro di preparazione paralimpica - ogni tanto vada agli onori o agli oneri delle cronache con delle cose che indubbiamente dispiacciono a tutti in assoluto". "Non commento le sentenze", ha invece detto il ministro dello Sport Luca Lotti. Per quanto riguarda le infiltrazioni dei mafiosi nel calcio - ha aggiunto - la Commissione Antimafia ha fatto un ottimo lavoro sul quale poter lavorare come parlamento e come governo per il futuro".

20:36Sport: Lotti esalta Centro Paralimpici

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Vivo questa giornata con gioia, orgoglio e grande senso di responsabilità per quello che stiamo facendo oggi. L'inaugurazione della Cittadella dello Sport paralimpico, un modello unico, deve essere vissuta come si fa quando si inaugura la grande infrastruttura di interesse strategico per tutto il Paese. L'augurio è che la Cittadella dello Sport Paralimpico possa essere un'altra pietra miliare su cui costruire il futuro". E' quanto espresso dal ministro dello Sport, Luca Lotti, intervenuto all'inaugurazione del centro di preparazione olimpica del Comitato Italiano Paralimpico al Tre Fontane. "Il cammino davanti a noi è ancora lungo - ha precisato Lotti - per questo il governo ha approvato lo stanziamento di altri 6.5 milioni per il completamento del Centro con un palazzetto polifunzionale e foresteria che lo farà diventare davvero all'avanguardia nel mondo".

20:26Calcio: Udinese, Danilo salta anche la Sampdoria

(ANSA) - ROMA, 25 SET - Lesione tra il primo e il secondo grado del bicipite femorale della coscia destra: è il risultato evidenziato dagli esami strumentali cui si è sottoposto Danilo dopo l'infortunio che mercoledì scorso, nella sfida persa contro il Torino, l'ha costretto ad abbandonare il campo (e a mancare il successivo impegno contro la Roma). Il difensore seguirà ora il programma di recupero predisposto dallo staff medico della società bianconera saltando, dunque, anche la sfida casalinga con la Sampdoria (sabato alle 18). Intanto, Stipe Perica è tornato a lavorare con il gruppo, mentre Silvan Widmer sta completando il proprio percorso riabilitativo.

20:21Giappone: premier Abe, elezioni anticipate a ottobre

(ANSA) - TOKYO, 25 SET - Il premier giapponese annuncia lo scioglimento delle camere ed elezioni anticipate per avviare una 'rivoluzione della produttività' attraverso una maggiore equità fiscale e il mantenimento della sicurezza contro le minacce della Corea del Nord. Nel suo discorso alla nazione il premier si è fatto 'paladino della patria' e ha usato tutta l'esperienza dei suoi due precedenti mandati, approfittando dello scompiglio dell'opposizione. Lo scioglimento della Camera bassa - le elezioni sono previste per il 22 ottobre - anticipa di un anno la fine della legislatura e coincide con il recupero del tasso di approvazione del premier che, complice la crisi nella penisola coreana, è risalito intorno al 50% dopo un progressivo declino nei mesi estivi. Il tutto coincide con la divulgazione di due scandali di clientelismo riconducibili direttamente ad Abe, il cui clamore il partito democratico all'opposizione non è riuscito a capitalizzare.

20:18Bagheria: il sindaco risponde al gip, ho chiarito tutto

(ANSA) - PALERMO, 25 SET - Mostra serenità e crede di aver chiarito la sua posizione Patrizio Cinque (M5s), sindaco di Bagheria finito sotto inchiesta a Termini Imerese assieme al suo vice, un assessore e una ventina tra imprenditori e funzionari comunali. Al termine di un interrogatorio di garanzia durato circa due ore i legali del primo cittadino che, dopo la notizia dell'inchiesta, si è autosospeso dal Movimento Cinque Stelle, hanno chiesto la revoca della misura cautelare disposta dal giudice: l'obbligo di firma. Un provvedimento diverso da quello che aveva chiesto la Procura di Termini che per Cinque aveva invocato i domiciliari. I pm si sono riservati: hanno due giorni per esprimere un parere sulla richiesta di revoca. Il giudice, dopo avere acquisito l'opinione della Procura, avrà cinque giorni per decidere.

Archivio Ultima ora