La Vinotinto femminile Under 17, il capolavoro di Zsemereta

Pubblicato il 22 marzo 2016 da redazione

sub17-2

CARACAS – Ci sono capolavori che per ammirarli devi visitare prestigiosi musei come il Louvre, il Prado o il Palazzo degli Uffizi, ma ci sono altri che per ammirarli devi andare in uno stadio di calcio. La storia che vi stiamo per raccontare é quella di Kenneth Zsemereta, un tecnico panameño che sin dal suo arrivo in Venezuela ha iniziato ad elaborare un capolavoro con la vinotinto femminile under 17: nazionale che sotto la sua gestione si é qualificata per tre volte consecutive al mondiale ed ha vinto in un paio di occasioni il campionato sudamericano di categoria.

Il primo contatto tra Zsemereta ed il Venezuela é stato quasi 10 anni fa. Allora, Laureano González, che era l’uomo di maggior peso nella Federación Venezolana de Fútbol per il calcio in rosa, invitó il tecnico panameño per uno stage di 2 settimane presso l’Universidad Cátolica Andrés Bello, lí lavorò con l’Ucab Spirit. Quella sua esperienza gli serví per inserirsi tra i candidati alla panchina della nazionale femminile di calcio.

In un primo momento Zsemereta lavoró insieme a Rolando Bello, che poi lo postuló come suo sustituto. Due anni dopo, Serafín Boutereira, direttivo della Fvf, gli diede l’incarico di selezionatore della nazionale femminile Under 17.

Durante otto anni alla guida della nazionale Kenneth Zsemereta ha disegnato diversi capolavori: tre qualificazioni per i mondiali U17 (2010, 2013 e 2016): nelle qualificazioni per il torneo iridato ha vinto un bronzo e poi due ori consecutivi; ha vinto i Juegos Centroamericanos y del Caribe nel 2010 ed il secondo posto nei Juegos Bolivarianos (2009).

Da ricordare che nel torneo iridato del 2013, per noi italo-venezuelani ci fu una sorte di derby del cuore: nella finalina per il terzo posto azzurre e vinotinto si sono affrontate e, per la cronaca, le italiche si sono imposte 2-0 dopo i calci di rigore, ma i tempi regolamentari si erano conclusi con uno spettacolare 4-4.

Da segnalare che quando Zsemereta prese le redini della nazionale, trovò uno scenario poco incoraggiante: la vinotinto era una squadra che per ogni gol che segnava, minimo ne subiva cinque. Se prendiamo in considerazione il periodo di tempo tra il 1991 e 2006 la nazionale aveva vinto solo una gara. Senza dimenticarci del fallimentare campionato femminile che si disputó tra il 2004 e 2007.

Kenneth Zseremeta, laureato in ingegneria, ha applicato le sue nozioni in materia per costruire e calibrare una macchina perfetta come la sua vinotinto. La sua nazionale non perde da 15 gare nel torneo Sudamericano. Hanno segnato 78 reti in 25 incontri, per una media gol 3,12.

Peccato che le sue opere d’arte nell’edizione 2016, sono state dipinte su una tela abbastanza deteriorata: lo stadio Metropolitano di Cabudare, aveva un manto erboso al di sotto delle aspettative e alla categoria del campionato che si stava disputando.

E nonostante, le sue ragazze sono state le protagoniste di un capolavoro che domenica é stato dipinto con toni vinotinto: non solo hanno battuto (1-0) il Brasile, vittoria che é servita per mettere in bacheca il secondo titolo Campeonato Sudamericano Femenino Sub 17, ma ha permesso al Venezuela di eguagliare le verdeoro per numero di campionati vinti.

“Questo é un evento storico, credo che con il successo di oggi, il calcio venezuelano ha fatto un salto da gigante” ha dichiarato Zsemereta a fine gara alla Tv venezolana, aggiungendo, “devo ringraziare Dio, mia madre e tutto il Venezuela per questa vittoria”.

Zsemereta, che puó vantare di aver portato in tre occasioni il Venezuela ad un mondiale, lascerá la vinotinto al termine della kermesse iridata, ma molti sperano in un ripensamento. “Per il momento, posso dirvi che dopo il torneo in Giordania analizzeró le cose. Però penso che sia il momento di farmi da parte e dare l’opportunitá ad altre persone”.

Tutti i tifosi della palla a chiazze sperano che l’esempio della Under17 femminile serva d’inspirazione per le altre nazionali venezuelane.

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

17:55Golf: Open de France, 5 italiani in gara

(ANSA) - ROMA, 28 GIU - A Le Golf National, il tracciato che ospiterà tra un anno la Ryder Cup, si disputa da domani fino al 2 luglio l'HNA Open de France seconda delle otto gare delle Rolex Series con un montepremi di sette milioni di dollari. A Guyancourt, nei pressi di Parigi, tornerà a gareggiare in Europa Francesco Molinari. Presenti nel field anche il fratello Edoardo, Renato Paratore - reduce dal sesto posto nel BMW International Open -, Matteo Manassero e Nino Bertasio. Al via quasi tutti i migliori giocatori dell'European Tour insieme ad alcuni continentali che sono stabilmente sul PGA Tour. Nell'occasione sarà presente il danese Thomas Bjorn, capitano del team di Ryder Cup, che avrà modo di osservare il comportamento di coloro che tiene sotto controllo e anche di rivedere il percorso sul quale poi chiederà di apportare delle correzioni adeguate alle caratteristiche dei giocatori di casa.

17:45Roma 2024: Lotti, ‘faremo verifiche’

(ANSA) - ROMA, 28 GIU - "Il consuntivo non solo corrisponde al bilancio preventivo presentato al Cio dal Comitato promotore dei Giochi di Roma 2024, ma risulta compatibile con il fabbisogno per intraprendere un'iniziativa di questo genere. Quanto alla presunta apertura di un'indagine della Corte dei Conti, io non ne sono a conoscenza se non dalla lettura dei giornali. Se fosse vero sarebbe comunque necessario attendere il naturale corso nel rispetto del lavoro dei magistrati". Il ministro dello sport, Luca Lotti, risponde così al question time sulla presunta apertura di un'indagine da parte della Procura della Corte dei Conti per danno erariale nei confronti del comitato promotore delle Olimpiadi di Roma 2024. "A prescindere dalla fondatezza - ha spiegato Lotti - mi impegno ad approfondire la questione e a svolgere tutte le verifiche necessarie". Lotti sottolinea che "la precedente amministrazione del comune di Roma insieme al Coni sostenne la candidatura della Capitale ai Giochi 2024, e anche lo stato fece la sua parte".

17:40Calcio: Fiorentina: Cecchi Gori, avevate me…

(ANSA) - FIRENZE, 28 GIU - "Di che vi lamentate a Firenze, avevate me, mi hanno voluto per forza buttare fuori. Adesso a che cosa credete tutti voi? Il calcio è come la politica, meglio starne lontani". Così Vittorio Cecchi Gori, ai microfoni di RadioBlu, è tornato a parlare di Fiorentina a pochi giorni dalla messa in vendita della società da parte dei Della Valle. Vittorio Cecchi Gori è poi tornato a parlare di cosa accadde alla sua Fiorentina nell'estate del 2002: "E' stato un grande errore ciò che è accaduto a suo tempo, non un torto a me, ma alla Fiorentina e a Firenze" poi un attacco diretto agli attuali proprietari della società viola: "I Della Valle hanno preso la Fiorentina gratis, mio padre l'ha pagata. Ogni volta sento parlare di cifre iperboliche per la vendita. Sento grandi cifre, ma chi ha preso la Fiorentina ci ha solo guadagnato fino ad oggi. Sul futuro del club Vittorio Cecchi Gori ha le idee chiare: "Speriamo che ci sia un presidente tifoso per la Fiorentina".

17:36Migranti: ok a fondo Ue da 3,3 mld per paesi origine

(ANSA) - BRUXELLES, 28 GIU - Via libera a un piano da 3,3 miliardi di euro per aggredire le cause delle migrazioni, mobilitando investimenti privati nei paesi d'origine, grazie al cosiddetto 'effetto leva', fino a una quota attesa nell'ordine dei 44 miliardi: l'accordo è stato raggiunto tra Consiglio e Parlamento europeo. Quest'ultimo dovrà ora dare il suo ok formale con un primo voto in commissione affari esteri il 3 luglio e in plenaria il 6.

17:27Baby arrampicatore morto in Francia, processo a Torino

(ANSA) - TORINO, 28 GIU - Il 5 luglio 2013 un giovanissimo praticante di arrampicata sportiva, il dodicenne Tito Claudio Traversa, di Ivrea (Torino), perse la vita nella zona di Orperre, in Francia, precipitando dalla parete che stava scalando. Oggi si è aperto in tribunale a Torino il processo alle tre persone accusate di avere avuto delle responsabilità nell'incidente. Secondo l'inchiesta del pm Massimo La Rosa, Traversa cadde per il cedimento dei gommini montati tra moschettoni e fettucce dell'attrezzatura. A rispondere di omicidio colposo sono stati chiamati il legale rappresentante della società sportiva, l'istruttore-accompagnatore e il responsabile della ditta produttrice dei gommini. Il processo continuerà a novembre. Traversa era una promessa dell'arrampicata: al suo attivo aveva numerose vittorie in gare internazionali. (ANSA).

17:25Trump accetta invito Macron per parata 14 luglio

(ANSA) - PARIGI, 28 GIU - Il Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump ha accettato l'invito del suo omologo francese, Emmanuel Macron, ad assistere alla sfilata del 14 luglio a Parigi. Lo annuncia l'Eliseo attraverso una nota. La notizia è stata confermata anche dalla Casa Bianca.

17:03Calcio: Baccaglini, il closing è vicino

(ANSA) - PALERMO, 28 GIU - "Spero che al più presto mi possiate chiamare patron e nel dirlo non nascondo l'emozione. Per quanto riguarda il nuovo mister Bruno Tedino posso dire che è molto preparato, una sorta di database umano, sa dove andare a pescare il calciatore giusto". Lo ha detto il presidente del Palermo, Paul Baccaglini, ai microfoni di Tgr Sicilia. "Cercheremo il viso o il cognome di un calciatore importante che possa essere un uomo che rappresenti al meglio il Palermo, chissà che non sia già nella nostra rosa. Zamparini - ha proseguito - ha avuto un ruolo importante in questa società, valorizzeremo il lavoro che ha svolto in questi anni. Con lui manterrò sempre un ottimo rapporto interpersonale ma non societario, tutto si fermerà lì".

Archivio Ultima ora