Italia rafforza i controlli, stretta nelle carceri e periferie

Pubblicato il 22 marzo 2016 da redazione

Members of the German federal police secure the terminal area at the airport in Frankfurt am Main, Germany, 22 March 2016.  ANSA/BORIS??ROESSLER

Members of the German federal police secure the terminal area at the airport in Frankfurt am Main, Germany, 22 March 2016. ANSA/BORIS??ROESSLER

ROMA. – Misure di sicurezza rafforzate in aeroporti, stazioni ferroviarie e della metropolitana, stretta su carceri e web attraverso un monitoraggio costante delle attività di propaganda e proselitismo, intensificazione dei controlli sul territorio con la massima attenzione ai luoghi più esposti al rischio e alle periferie più turbolente, una decina di espulsioni di soggetti da tempo tenuti sotto osservazione.

Gli attacchi nel cuore d’Europa spingono l’Italia ad elevare il livello d’allarme, anche se antiterrorismo e 007 non rilevano minacce “concrete e specifiche” nei confronti del nostro paese.

ALLERTA 2: Il ministro dell’Interno Angelino Alfano, subito dopo le prime notizie in arrivo da Bruxelles, ha convocato al Viminale il Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica, per fare il punto con i vertici delle forze di polizia e dell’intelligence e disporre le nuove misure. Un incontro che è stato presieduto da Renzi, come avvenne in seguito agli attentati di Parigi.

La decisione scaturita al termine è di mantenere il livello di allerta 2, quello immediatamente precedente l’attacco in corso ed in vigore dal 13 novembre, facendo “piccoli ritocchi e aggiornamenti” ai protocolli d’intervento. D’altronde, è la certezza di tutti gli apparati di sicurezza ribadita anche dal ministro, il rischio zero non esiste.

“Si possono solo stringere i bulloni della macchina e far funzionare al meglio la prevenzione”. Per questo si lavorerà affinché vi sia la massima circolarità delle informazioni tra forze di polizia e intelligence e un maggiore raccordo con la procura nazionale antiterrorismo.

Il ministro ha inoltre chiesto alla polizia postale un “intenso” monitoraggio del “grado di consenso” riscosso sul web dagli attacchi di Bruxelles, per evitare di sottovalutare anche il più insignificante dei segnali, e di monitorare “ogni singolo elemento di rischio” nelle periferie dove la presenza delle comunità islamiche è più forte, perché è lì “che potrebbe nascere il germe della radicalizzazione”.

Stesso discorso per le carceri dove, d’intesa con il Dap, si è deciso di rafforzare la presenza di mediatori culturali in grado di cogliere ogni segnale di proselitismo.

NO CHIUSURA FRONTIERE, ‘NEMICO DENTRO CASA’: Nel corso del Comitato è stato anche ribadito che non verranno chiuse le frontiere, anche perché “il nemico è spesso dentro le nostre case”, ha detto Alfano. “Sono europei che uccidono altri europei e dunque dobbiamo affinare le antenne sul territorio e intensificare la vigilanza creando un sistema integrato tra tutti i paesi”.

I controlli sono comunque già stati rafforzati, con particolare attenzione alle frontiere marittime dell’Adriatico, rotte che potrebbero essere utilizzate dai foreign fighters per rientrare in Europa.

NUOVE MISURE PER AEROPORTI: Allo studio dei vertici della sicurezza ci sono poi altre misure, riguardanti soprattutto gli aeroporti, visto che gli attacchi di Bruxelles hanno colpito quello che da sempre è uno degli obiettivi sensibili più controllati.

Non è escludo dunque che si possa arrivare alla decisione di predisporre varchi di controllo, con metal detector, all’ingresso o in prossimità degli scali. “Stiamo studiano al meglio soluzioni più efficaci ed efficienti – ha detto Alfano – ma al momento non ci sono decisioni”.

RISCHI ‘ELEVATI’ PER ITALIA: Quel che è certo, dicono antiterrorismo e intelligence, è che i rischi per il nostro paese restano “elevati”, considerando anche l’avvicinarsi della Pasqua. In questi mesi e anche negli ultimi giorni ci sono state ripetute minacce nei confronti del nostro paese – al centro della propaganda dell’Isis soprattutto per la presenza del Vaticano – ma tutte generiche e nessuna circostanziata.

Né dai servizi dei paesi alleati, che pure hanno inviato diverse informative, sono arrivate indicazioni concrete con nomi, luoghi o situazioni da monitorare con particolare attenzione.

OLTRE 100.000 SOSPETTI CONTROLLATI: Il ministro ha poi fornito i dati aggiornati sui soggetti monitorati. Dall’inizio del 2015 sono state controllati 109.764 sospetti e sono state eseguite 2.249 perquisizione di persone ritenute continue all’integralismo islamico.

396 gli arrestati e 653 quelle indagate per terrorismo, mentre sono state 74 le espulsioni per motivi di sicurezza dello Stato (tra cui 5 imam). Numero, quest’ultimo, che salirà nei prossimi giorni quando il ministro firmerà i nuovi decreti di espulsione nei confronti di soggetti da tempo tenuti sotto osservazione da 007 e antiterrorismo.

(di Matteo Guidelli/ANSA)

Ultima ora

02:16Football Americano: Atlanta Falcons qualificati a Super Bowl

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Sono gli Atlanta Falcons la prima squadra qualificata al Super Bowl, la finalissima del campionato Nfl del football americano, che si giocherà domenica 5 febbraio (in Italia sarà l'alba di lunedì 6) a Houston. I Falcons hanno conquistato l'accesso alla sfida per il titolo battendo i Green Bay Packers per 44-21 nel match giocato al Georgia Dome. A Houston affronteranno la vincente dell'altra semifinale dei playoff, New England Patriots-Pittsburgh Steelers, che si giocherà in nottata. Atlanta torna a giocare un Super Bowl a 18 anni dall'ultima apparizione.

01:05Calcio: tutto facile per il Barcellona, poker gol ad Eibar

(ANSA) - BARCELLONA, 22 GEN - Tutto facile per il Barcellona, che vince 4-0 sul campo dell'Eibar nel posticipo della 19/a giornata della Liga. I campioni di Spagna al 10' pt perdono Busquets per infortunio: il bollettino medico diffuso dal club catalano riporta "una distorsione al legamento collaterale laterale della caviglia destra", ma per la prognosi bisognerà attendere domani con gli accertamenti del caso. A sbloccare il risultato è proprio il sostituto di Busquets, Denis Suarez, al 31'. Nella ripresa, al 5', raddoppio di Lionel Messi, mentre lo 0-3 lo firma Luis Suarez al 23'. Quarta rete di Neymar al 91', ed è poker. Così in classifica il Barcellona si porta a quota 41, a -1 dal Siviglia secondo e a due lunghezze dal Real Madrid capolista (che però deve ancora recuperare una partita). L'Eibar rimane decimo con 26 punti.

00:57Calcio: Spalletti,Juve fortissima, conti si fanno alla fine

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Non abbiamo fatto un partita brillantissima, anche perché loro hanno fatto molto intensità in mezzo. Non siamo stati gli stessi delle scorse gare ma non ci siamo fatti prendere dal panico e non abbiamo fatto confusione. Abbiamo attaccato e creato ma non siamo stati cattivi negli ultimi metri, anche un po' per scelta, per evitare contropiedi. La partita comunque l'abbiamo fatta e la vittoria è meritata". Luciano Spalletti commenta così il successo della Roma sul Cagliari. "Nella ripresa abbiamo fatto bene, la difesa non ha concesso niente e siamo stati equilibrati - aggiunge Spalletti -. Abbiamo portato a casa una vittoria importante contro un Cagliari che sta bene. Lo scudetto è una corsa a tre? Il cammino è ancora lungo e bisogna essere bravi a rimanere sul pezzo. La Juve è fortissima ma noi dobbiamo far vedere che siamo attrezzati: i conti si fanno alla fine. La crescita di Fazio?Se ne parla poco ma gioca sempre lui, e qualcosa vorrà dire. In questo momento non possiamo fare a meno di Fazio".

00:55Trump a Netanyahu, ‘pace solo con negoziati diretti’

(ANSA) - NEW YORK, 22 GEN - "La pace fra Israele e i palestinesi può essere solo negoziata direttamente fra le due parti, e gli Stati Uniti lavoreranno con Israele per compiere progressi verso questo obiettivo". Lo ha detto il presidente Donald Trump al premier israeliano Benyamin Netanyahu, secondo quanto riferisce la Casa Bianca in un colloquio telefonico, nel quale Trump ha anche invitato Netanyahu alla Casa Bianca in febbraio. I due si sono detti d'accordo sul continuare a "consultarsi su vari temi, incluse le minacce poste dall'Iran". Trump ha ribadito "l'impegno senza precedenti alla sicurezza di Israele e messo in evidenza come la lotta all'Isis e agli altri gruppi terroristici del radicalismo islamico saranno una priorità della sua amministrazione".

00:43Hockey ghiaccio: 3-2 ad Asiago, Rittner è campione d’Italia

(ANSA) - ASIAGO, 22 GEN - Il Rittner Buam si conferma club campione d'Italia di hockey ghiaccio dopo aver battuto in rimonta la Migross Asiago per 3-2 nella finalissima per il titolo tricolore. Dopo una partenza molto buona dei padroni di casa, c'è stata la rimonta degli ospiti che hanno recuperato un doppio svantaggio tra primo e secondo tempo. Nel terzo periodo il Rittner ha conservato la rete di vantaggio di Alex Frei e così ha vinto il secondo scudetto consecutivo, il terzo in quattro anni. Il Rittner Sport, club che ha sede a Renon, comune di quasi 8.000 abitanti della provincia di Bolzano, e l'Asiago erano arrivate alla sfida per l'83/o scudetto della storia dell'hockey ghiaccio italiano battendo nelle semifinali scudetto rispettivamente il Cortina Hafro (5-2) e il Val Pusteria (3-1).

00:38Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Risultati della prima giornata di ritorno del campionato di serie A di basket: Dolomiti Energia Trentino - Enel Brindisi 84-48 The Flexx Pistoia - Vanoli Cremona 64-59 Openjobmetis Varese - Banco di Sardegna Sassari 76-83 Umana Reyer Venezia - Red October Cantù 93-72 Germani Brescia - Consultinvest Pesaro 99-68 EA7 Armani Milano - Betaland Capo d'Orlando 90-74 Grissin Bon Reggio E. - Pasta Reggia Caserta 85-86 Fiat Torino - Sidigas Avellino 84-79 - Classifica: Milano 28; Venezia 24; Avellino 22; Reggio Emilia e Sassari 18; Caserta, Capo d'Orlando, Brescia, Torino e Pistoia 16; Trentino e Brindisi 14; Cantù 12; Pesaro 10; Cremona e Varese 8.

00:22Calcio: Roma-Cagliari 1-0, giallorossi di nuovo a -1 da Juve

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - La Roma ha battuto il Cagliari per 1-0 nel posticipo serale della 21/a giornata. A decidere il match è stata una rete di Dzeko al 10' della ripresa. Per i giallorossi, ora di nuovo a -1 dalla Juventus capolista, è la 13/a vittoria consecutiva all'Olimpico, un record per le partite in casa. Nel finale nel Cagliari, che rimane a 26 punti in classifica, rosso diretto a Joao Pedro, entrato al 21' st, per un brutto fallo su Strootman.

Archivio Ultima ora