Italia rafforza i controlli, stretta nelle carceri e periferie

Pubblicato il 22 marzo 2016 da redazione

Members of the German federal police secure the terminal area at the airport in Frankfurt am Main, Germany, 22 March 2016.  ANSA/BORIS??ROESSLER

Members of the German federal police secure the terminal area at the airport in Frankfurt am Main, Germany, 22 March 2016. ANSA/BORIS??ROESSLER

ROMA. – Misure di sicurezza rafforzate in aeroporti, stazioni ferroviarie e della metropolitana, stretta su carceri e web attraverso un monitoraggio costante delle attività di propaganda e proselitismo, intensificazione dei controlli sul territorio con la massima attenzione ai luoghi più esposti al rischio e alle periferie più turbolente, una decina di espulsioni di soggetti da tempo tenuti sotto osservazione.

Gli attacchi nel cuore d’Europa spingono l’Italia ad elevare il livello d’allarme, anche se antiterrorismo e 007 non rilevano minacce “concrete e specifiche” nei confronti del nostro paese.

ALLERTA 2: Il ministro dell’Interno Angelino Alfano, subito dopo le prime notizie in arrivo da Bruxelles, ha convocato al Viminale il Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica, per fare il punto con i vertici delle forze di polizia e dell’intelligence e disporre le nuove misure. Un incontro che è stato presieduto da Renzi, come avvenne in seguito agli attentati di Parigi.

La decisione scaturita al termine è di mantenere il livello di allerta 2, quello immediatamente precedente l’attacco in corso ed in vigore dal 13 novembre, facendo “piccoli ritocchi e aggiornamenti” ai protocolli d’intervento. D’altronde, è la certezza di tutti gli apparati di sicurezza ribadita anche dal ministro, il rischio zero non esiste.

“Si possono solo stringere i bulloni della macchina e far funzionare al meglio la prevenzione”. Per questo si lavorerà affinché vi sia la massima circolarità delle informazioni tra forze di polizia e intelligence e un maggiore raccordo con la procura nazionale antiterrorismo.

Il ministro ha inoltre chiesto alla polizia postale un “intenso” monitoraggio del “grado di consenso” riscosso sul web dagli attacchi di Bruxelles, per evitare di sottovalutare anche il più insignificante dei segnali, e di monitorare “ogni singolo elemento di rischio” nelle periferie dove la presenza delle comunità islamiche è più forte, perché è lì “che potrebbe nascere il germe della radicalizzazione”.

Stesso discorso per le carceri dove, d’intesa con il Dap, si è deciso di rafforzare la presenza di mediatori culturali in grado di cogliere ogni segnale di proselitismo.

NO CHIUSURA FRONTIERE, ‘NEMICO DENTRO CASA’: Nel corso del Comitato è stato anche ribadito che non verranno chiuse le frontiere, anche perché “il nemico è spesso dentro le nostre case”, ha detto Alfano. “Sono europei che uccidono altri europei e dunque dobbiamo affinare le antenne sul territorio e intensificare la vigilanza creando un sistema integrato tra tutti i paesi”.

I controlli sono comunque già stati rafforzati, con particolare attenzione alle frontiere marittime dell’Adriatico, rotte che potrebbero essere utilizzate dai foreign fighters per rientrare in Europa.

NUOVE MISURE PER AEROPORTI: Allo studio dei vertici della sicurezza ci sono poi altre misure, riguardanti soprattutto gli aeroporti, visto che gli attacchi di Bruxelles hanno colpito quello che da sempre è uno degli obiettivi sensibili più controllati.

Non è escludo dunque che si possa arrivare alla decisione di predisporre varchi di controllo, con metal detector, all’ingresso o in prossimità degli scali. “Stiamo studiano al meglio soluzioni più efficaci ed efficienti – ha detto Alfano – ma al momento non ci sono decisioni”.

RISCHI ‘ELEVATI’ PER ITALIA: Quel che è certo, dicono antiterrorismo e intelligence, è che i rischi per il nostro paese restano “elevati”, considerando anche l’avvicinarsi della Pasqua. In questi mesi e anche negli ultimi giorni ci sono state ripetute minacce nei confronti del nostro paese – al centro della propaganda dell’Isis soprattutto per la presenza del Vaticano – ma tutte generiche e nessuna circostanziata.

Né dai servizi dei paesi alleati, che pure hanno inviato diverse informative, sono arrivate indicazioni concrete con nomi, luoghi o situazioni da monitorare con particolare attenzione.

OLTRE 100.000 SOSPETTI CONTROLLATI: Il ministro ha poi fornito i dati aggiornati sui soggetti monitorati. Dall’inizio del 2015 sono state controllati 109.764 sospetti e sono state eseguite 2.249 perquisizione di persone ritenute continue all’integralismo islamico.

396 gli arrestati e 653 quelle indagate per terrorismo, mentre sono state 74 le espulsioni per motivi di sicurezza dello Stato (tra cui 5 imam). Numero, quest’ultimo, che salirà nei prossimi giorni quando il ministro firmerà i nuovi decreti di espulsione nei confronti di soggetti da tempo tenuti sotto osservazione da 007 e antiterrorismo.

(di Matteo Guidelli/ANSA)

Ultima ora

10:31Calcio: l’Inter festeggia i 54 anni di Zhang Jindong

(ANSA) - MILANO, 28 MAR - L'Inter e il vicepresidente Javier Zanetti festeggiano, su Twitter, il proprietario del club nerazzurro, Zhang Jindong. Il numero uno di Suning oggi compie 54 anni. "Buon compleanno chairman", scrive la società sul social. Sul sito, oltre ai messaggi d'auguri, sono state pubblicate le fotografie di Zhang ad Appiano Gentile, insieme con Erick Thohir, il figlio Steven, l'allenatore Stefano Pioli e a tutta la squadra nerazzurra.

10:28Calcio: Barcellona, quattro nomi per il dopo Luis Enrique

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - I dirigenti del Barcellona s'interrogano sul futuro tecnico della squadra, dopo l'annunciato addio di Luis Enrique al termine della stagione. Secondo il Mundo deportivo, la cerchia di candidati alla panchina dei blaugrana si è ristretta a quattro candidati: Ernesto Valverde, Juan Carlos Unzue, Eusebio Sacristan e Ronald Koeman. Nei giorni scorsi, durante una tappa del Giro di Catalogna di ciclismo, Unzue, attuale vice di Luis Enrique, di fatto, aveva avanzato la propria candidatura, ma questo non vuol dire - secondo il giornale spagnolo - che la sua successione a 'Lucho' sia ormai cosa fatta. Anzi. I dirigenti stanno valutando tutti i pro e i contro, in modo da affidare una delle squadre più forti del mondo a mani sicure.

10:26Calcio: ottimismo Neymar, il Barcellona può vincere tutto

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "E' stato qualcosa di unico. Ho vissuto quella partita come fosse una sfida al limite dell'impossibile. E' stata una vittoria che ci ha messo tanta euforia addosso". Così Neymar junior rivive la sfida fra Barcellona e PSG, che ha segnato la Champions 2016/17. Il brasiliano, in un'intervista pubblicata da El mundo deportivo, inoltre, lancia un messaggio trasversale alla Juve, dicendosi ottimista sul finale di stagione. "Penso che possiamo vincere nuovamente tutto, se saremo concentrati e felici", ha affermato Neymar, con chiaro riferimento alla Coppa del Re, alla Liga e soprattutto alla Champions, dove nei quarti affronterà i bianconeri. Neymar, che domenica a Granada può festeggiare il 100/o gol in blaugrana, ha già rinnovato il contratto con il club fino al 2021: "Il mio sogno era di giocare nel Barca, fin da bambino era quello che volevo. Giocare in questa squadra è un sogno che si realizza per me". Riguardo il rinnovo di Messi, Neymar si lascia andare a un "Messi è il Barca e il Barca è Messi".

10:16Truffe: indennità Inps a falsi braccianti, 34 denunce

(ANSA) - CROTONE, 28 MAR - Una frode perpetrata ai danni dell'Inps da un'azienda agricola è stata scoperta dalla Guardia di finanza di Crotone che ha denunciato 34 persone - il titolare dell'impresa, un consulente dell'azienda e 32 lavoratori fantasma - per truffa finalizzata al conseguimento di indebite erogazioni previdenziali ed assistenziali. Le indagini svolte dai finanzieri hanno consentito di accertare che l'azienda non disponeva effettivamente di strutture e terreni, indicati fittiziamente sulle domande di assunzione al solo scopo di giustificare il fabbisogno di manodopera. Il meccanismo fraudolento messo in atto ha permesso ai falsi lavoratori di beneficiare indebitamente di indennità varie come disoccupazione, malattia, maternità erogate dall'Inps per oltre 130.000 euro e della falsa costituzione di contributi utili ai fini pensionistici. A conclusione dell'attività sono stati disconosciuti sia i rapporti di lavoro, sia le connesse prestazioni previdenziali di cui hanno beneficiato i falsi lavoratori. (ANSA).

09:42Berlino:rubata moneta gigante da Guinness,vale 3,7 mln euro

(ANSA) - BERLINO, 28 MAR - Una moneta d'oro da record, del valore di 3,7 milioni di euro, e' stata rubata dal museo Bode di Berlino: e' la 'Big Maple Leaf', una moneta da 100 chili che su un lato ritrae il profilo della regina Elisabetta e sull'altro una foglia d'acero. La 'Big Maple Leaf', che era stata data in prestito al museo da un privato, e' spessa 3 centimetri ed ha un diametro di 53 centimetri, con un valore nominale di un milione di dollari canadesi: tuttavia, visto il suo peso e la purezza del suo oro (999,99/1.000), vale poco più di 3,7 milioni di euro. E proprio in virtù della purezza del suo oro, ha reso noto il museo, la moneta - coniata in quantità limitata dalla Zecca reale canadese nel 2007 - e' entrata nel Guinness dei primati. La moneta era esposta nel museo dal dicembre 2010. La polizia di Berlino ha reso noto che i ladri sono entrati nel museo da una finestra sul retro usando una scala verso le 3:30 di lunedì, hanno rotto la teca blindata che ospitava la moneta e sono fuggiti prima dell'arrivo della polizia.

09:41Sgominata banda, progettava furto salma Enzo Ferrari

(ANSA) - NUORO, 28 MAR - I carabinieri del Comando provinciale di Nuoro hanno sgominato una banda criminale dedita al traffico di droga e armi fra la Sardegna ed il nord Italia (Lombardia, Emilia Romagna, Veneto e Toscana). Gli inquirenti hanno accertato che la banda progettava anche il furto a scopo di estorsione della salma del costruttore automobilistico Enzo Ferrari. E' in corso l'esecuzione di 34 ordini di custodia cautelare assieme a numerose perquisizioni disposte dal gip di Cagliari su richiesta della Direzione distrettuale antimafia. All'opera 300 militari supportati da unità cinofile, elicotteri, uomini del Reggimento paracadutisti Tuscania e dello Squadrone eliportato Cacciatori di Sardegna. L'associazione a delinquere sarebbe radicata ad Orgosolo (Nuoro) ed avrebbe compiuto reati anche nel nord Italia. Il sodalizio era dedito anche a reati contro il patrimonio. (ANSA).

08:16Sudafrica: morto Ahmed Kathrada, uno dei padri antiapartheid

(ANSA) - JOHANNESBURG, 28 MAR - E' morto questa mattina a Johannesburg Ahmed Kathrada, uno dei padri della lotta antiapartheid in Sudafrica e compagno di prigione di Nelson Mandela: Kathrada aveva 87 anni, 26 dei quali trascorsi in carcere, molti insieme a Mandela. La sua fondazione ha annunciato che il 'grande vecchio' del partito di Zuma, detto anche Kathy, e' morto dopo essere stato ricoverato in ospedale per un'embolia cerebrale all'inizio di questo mese. Nato il 21 agosto del 1929 nel nordovest del Sudafrica, Kathrada e' stato impegnato contro l'apartheid fin da giovane. Arrestato nel luglio del 1963 alla periferia di Johannesburg, fu condannato all'ergastolo l'anno successivo.

Archivio Ultima ora