Italia rafforza i controlli, stretta nelle carceri e periferie

Pubblicato il 22 marzo 2016 da redazione

Members of the German federal police secure the terminal area at the airport in Frankfurt am Main, Germany, 22 March 2016.  ANSA/BORIS??ROESSLER

Members of the German federal police secure the terminal area at the airport in Frankfurt am Main, Germany, 22 March 2016. ANSA/BORIS??ROESSLER

ROMA. – Misure di sicurezza rafforzate in aeroporti, stazioni ferroviarie e della metropolitana, stretta su carceri e web attraverso un monitoraggio costante delle attività di propaganda e proselitismo, intensificazione dei controlli sul territorio con la massima attenzione ai luoghi più esposti al rischio e alle periferie più turbolente, una decina di espulsioni di soggetti da tempo tenuti sotto osservazione.

Gli attacchi nel cuore d’Europa spingono l’Italia ad elevare il livello d’allarme, anche se antiterrorismo e 007 non rilevano minacce “concrete e specifiche” nei confronti del nostro paese.

ALLERTA 2: Il ministro dell’Interno Angelino Alfano, subito dopo le prime notizie in arrivo da Bruxelles, ha convocato al Viminale il Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica, per fare il punto con i vertici delle forze di polizia e dell’intelligence e disporre le nuove misure. Un incontro che è stato presieduto da Renzi, come avvenne in seguito agli attentati di Parigi.

La decisione scaturita al termine è di mantenere il livello di allerta 2, quello immediatamente precedente l’attacco in corso ed in vigore dal 13 novembre, facendo “piccoli ritocchi e aggiornamenti” ai protocolli d’intervento. D’altronde, è la certezza di tutti gli apparati di sicurezza ribadita anche dal ministro, il rischio zero non esiste.

“Si possono solo stringere i bulloni della macchina e far funzionare al meglio la prevenzione”. Per questo si lavorerà affinché vi sia la massima circolarità delle informazioni tra forze di polizia e intelligence e un maggiore raccordo con la procura nazionale antiterrorismo.

Il ministro ha inoltre chiesto alla polizia postale un “intenso” monitoraggio del “grado di consenso” riscosso sul web dagli attacchi di Bruxelles, per evitare di sottovalutare anche il più insignificante dei segnali, e di monitorare “ogni singolo elemento di rischio” nelle periferie dove la presenza delle comunità islamiche è più forte, perché è lì “che potrebbe nascere il germe della radicalizzazione”.

Stesso discorso per le carceri dove, d’intesa con il Dap, si è deciso di rafforzare la presenza di mediatori culturali in grado di cogliere ogni segnale di proselitismo.

NO CHIUSURA FRONTIERE, ‘NEMICO DENTRO CASA’: Nel corso del Comitato è stato anche ribadito che non verranno chiuse le frontiere, anche perché “il nemico è spesso dentro le nostre case”, ha detto Alfano. “Sono europei che uccidono altri europei e dunque dobbiamo affinare le antenne sul territorio e intensificare la vigilanza creando un sistema integrato tra tutti i paesi”.

I controlli sono comunque già stati rafforzati, con particolare attenzione alle frontiere marittime dell’Adriatico, rotte che potrebbero essere utilizzate dai foreign fighters per rientrare in Europa.

NUOVE MISURE PER AEROPORTI: Allo studio dei vertici della sicurezza ci sono poi altre misure, riguardanti soprattutto gli aeroporti, visto che gli attacchi di Bruxelles hanno colpito quello che da sempre è uno degli obiettivi sensibili più controllati.

Non è escludo dunque che si possa arrivare alla decisione di predisporre varchi di controllo, con metal detector, all’ingresso o in prossimità degli scali. “Stiamo studiano al meglio soluzioni più efficaci ed efficienti – ha detto Alfano – ma al momento non ci sono decisioni”.

RISCHI ‘ELEVATI’ PER ITALIA: Quel che è certo, dicono antiterrorismo e intelligence, è che i rischi per il nostro paese restano “elevati”, considerando anche l’avvicinarsi della Pasqua. In questi mesi e anche negli ultimi giorni ci sono state ripetute minacce nei confronti del nostro paese – al centro della propaganda dell’Isis soprattutto per la presenza del Vaticano – ma tutte generiche e nessuna circostanziata.

Né dai servizi dei paesi alleati, che pure hanno inviato diverse informative, sono arrivate indicazioni concrete con nomi, luoghi o situazioni da monitorare con particolare attenzione.

OLTRE 100.000 SOSPETTI CONTROLLATI: Il ministro ha poi fornito i dati aggiornati sui soggetti monitorati. Dall’inizio del 2015 sono state controllati 109.764 sospetti e sono state eseguite 2.249 perquisizione di persone ritenute continue all’integralismo islamico.

396 gli arrestati e 653 quelle indagate per terrorismo, mentre sono state 74 le espulsioni per motivi di sicurezza dello Stato (tra cui 5 imam). Numero, quest’ultimo, che salirà nei prossimi giorni quando il ministro firmerà i nuovi decreti di espulsione nei confronti di soggetti da tempo tenuti sotto osservazione da 007 e antiterrorismo.

(di Matteo Guidelli/ANSA)

Ultima ora

00:09Calcio: Juve, Allegri ‘risultato ok ma noi non brillanti’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - ''E' un momento in cui non siamo brillanti, abbiamo avuto degli infortunati e dei rientri non buoni dalle nazionali''. Massimiliano Allegri fa i complimenti alla sua squadra per la sofferta vittoria in Champions League contro lo Sporting Lisbona. ''Dobbiamo essere concentrati - aggiunge Allegri ai microfoni di Mediaset Premium - quello che abbiamo fatto l'anno scorso è passato. I giocatori hanno fatto una prestazione importante e sono contento per Higuain. Domenica dobbiamo riprendere il cammino a Udine e riconnetterci. Dobbiamo cercare di andare avanti anche con fatica e ritrovare compattezza. Stasera sono contento per il risultato ma non per quanto fatto in alcuni momenti della partita''.

00:08Calcio: Roma, Dzeko ‘notte splendida ma potevamo vincere’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "Una notte splendida per noi, ma potevamo vincere": cosi' Edin Dzeko riassume la partita della Roma in casa del Chelsea. "Un punto va bene, abbiamo fatto una gara incredibile. Peccato per i gol presi, dobbiamo lavorare di più ma abbiamo fatto bene - le parole del bosniaco a Mediaset Premium - Il Chelsea ha fatto tre gol in tre occasioni, la nostra mentalita' era quella giusta". Infine la prestazione personale. "La Serie A mi ha migliorato molto, si è visto pure oggi. Al City non ho fatto gol al Chelsea, qui sì..."

00:01Calcio: Roma, Di Francesco, partite cosi’ le devi vincere

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "Dzeko e' nato per fare gol cosi': non spendo piu' di tanto parole per lui, anche perche' era stato criticato troppo": cosi' Di Francesco rende merito al suo centravanti, autore di una doppietta col Chelsea e applaudito per un primo gol che a qualcuno ha ricordato acrobazie alla Van Basten. "Ma lasciamo perdere i singoli - aggiunge il tecnico della Roma, a Mediaset Premium - Stasera abbiamo messo in campo la mentalita' giusta, abbiamo messo in difficolta' il Chelsea e anche sotto di due gol siamo sempre stati in partita: abbiamo pagato qualche ingenuita' da cui sono arrivati i loro gol, e c'e' il rammarico perche' partite cosi' le devi portare a casa".

23:59Calcio: Chelsea, Conte ‘ho sbagliato a cambiare la squadra’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - ''Ho cambiato assetto, e in campo eravamo improvvisati ed è stata la cosa che mi piace meno. La responsibilita' e' mia". E' il mea culpa di Antonio Conte, dopo il pari in casa con la Roma del suo Chelsea. "Nonostante il 2-0 non abbiamo dato mai l'impressione di dominare la partita. Devo ringraziare i miei giocatori altrimenti la partita l'avremmo persa - ha aggiunto il tecnico italiano, a Mediaset Premium - L'impegno dei miei giocatori è stato massimale, nel primo tempo abbiamo sofferto e anche all'inizio del secondo. La scelta di cambiare non è andata''. ''Abbiamo subito il pressing della Roma e - chiude Conte - non riuscivamo ad essere propositivi. Mi devo assumere la responsabilità di aver cambiato sistema e non ha pagato. Abbiamo tre infortunati ma è lo stesso una situazione di emergenza e difficoltà per noi. Nonostante questo abbiamo pareggiato contro una buonissima Roma''.

23:35Champions: tutto facile per Bayern e Psg

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Questi gli altri risultati della terza giornata di Champions League: Gruppo A - Cska Mosca-Basilea 0-2 (Xhaka, Oberlin) e Benfica-Manchester United 0-1 (Rashford). Gruppo B - Anderlecht-Psg 0-4 (Mbappè, Cavani, Neymar, Di Maria) e Bayern-Celtic 3-0 (Muller, Kimmich, Hummels).

23:21Champions: Roma pareggia e Juventus vince

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Chelsea-Roma 3-3 e Juventus-Sporting Lisbona 2-1 nella 3/a giornata di Champions. Partita spettacolare a Londra: Chelsea in vantaggio con David Luiz al 11' che lascia partire un destro dal limite dell'area che batte Alisson. Al 37' il raddoppio dei Blues: Bruno Peres perde un pallone a centrocampo, Morata si invola, il suo cross viene deviato da Fazio e diventa un assist per Hazard che non ha difficoltà a insaccare. Dopo 2' la Roma accorcia con Kolarov. Nel secondo tempo il sorpasso romanista grazie a una doppietta di Dzeko, prima con un tiro al volo (64') poi con un colpo di testa (70'). Un colpo di testa di Hazard al 75' riporta il match in parità. Chelsea primo nel gruppo C con 7 punti, Roma 2/a a 5. A Torino la Juve parte male con un autogol di Alex Sandro al 12' pareggiato da una punizione di Pjanic al 29'. Decide il match un colpo di testa di Mandzukic all'84' su assist di Douglas Costa, appena entrato in campo. Barcellona (3-1 all'Olympiacos) guida il gruppo D con 9 punti, Juve 2/a a 6.

23:00Nomina Zooprofilattico Teramo, governatore Abruzzo indagato

(ANSA) - L'AQUILA, 18 OTT - La Procura della Repubblica dell'Aquila sta indagando sull'iter e la scelta della nomina di Mauro Mattioli alla direzione generale dell'Istituto Zooprofilattico di Teramo, vicenda che vede tra gli indagati il governatore abruzzese, Luciano D'Alfonso. Secondo l'accusa sui requisiti in possesso dell'ex rettore dell'Università di Teramo non ci sarebbe stata univocità di giudizio nei passaggi burocratici e di merito che hanno portato alla nomina. Si tratta di un'inchiesta che si compone di due fascicoli innescati da due denunce, una delle quali presentata dal rappresentante del ministero della Salute. Il primo, secondo quanto si è appreso, è avviato verso l' archiviazione, nel secondo, che il procuratore capo, Renzo, deve assegnare ad un altro pm, ci sono otto indagati con la ipotesi di reato di abuso d'ufficio e falso. "Non vedo l'ora di poter parlare in qualche sede di quel fascicolo", ha detto D'Alfonso.

Archivio Ultima ora