La Germania spazza via l’Italia e i suoi tabù, a Monaco è 4-1

Pubblicato il 29 marzo 2016 da redazione

German Mario Goetze (C) celebrates scoring the 2-0 during the international soccer match between Germany and Italy, at the Allianz Arena in Munich, Germany, 29 March 2016.  EPA/Tobias Hase

German Mario Goetze (C) celebrates scoring the 2-0 during the international soccer match between Germany and Italy, at the Allianz Arena in Munich, Germany, 29 March 2016. EPA/Tobias Hase

MONACO DI BAVIERA (GERMANIA). – Sarà pur vero che i tabù sono destinati a essere infranti, ma contro un’Italia fragile fragile la Germania lo ha fatto nel modo più eclatante: il 4-1 di Monaco spazza via a un tempo le certezze azzurre e la serie negativa che per i padroni di casa durava da 21 anni.

Dal giugno ’95, ultima sconfitta con Sacchi in panchina, i tedeschi non avevano mai vinto, anzi prima e dopo le avevano spesso prese e male. Stavolta le parti si sono invertite, perché Italia-Germania merita in un senso o nell’altro sempre gli annali.

In quelli personali di Conte, la debacle vale come la peggior sconfitta in due anni da ct, e un bel campanello d’allarme verso Euro 2016: il confronto di Udine contro la Spagna ha mostrato che l’Italia è una squadra, quello contro i campioni del mondo che ci sono squadre molto più squadre.

Nel disastro di Monaco, sono vittime e complici allo stesso tempo quei giovani cui il ct aveva chiesto conferme, da Bernardeschi a Zaza. A poco valgono la scusante delle assenze azzurre e la consolazione che il dente azzurro è stato cavato in amichevole: non c’è stata partita, la Germania ha segnato quando voleva, l’Italia non ha mai punto.

L’Allianz Arena è a festa, tedeschi in maglia azzurra che imprecano ai falli dei giocatori di Conte e italiani di Baviera che applaudono gli avversari: questo è il Classico mondiale, troppo rivali per non essere perfino amici.

Prima dell’omaggio a Cruijff, i tedeschi mostrano le quattro stelle mondiali ma è l’unica cosa pari della serata. Poi in campo sorprendono: fuori Khedira, neanche in panchina. Loew schiera un 3-4-3 speculare al modulo di Conte ma molto più efficace. Mueller fa il finto centravanti, Ozil e Kroos sono i due centrali di centrocampo e la cosa dice tutto sulla qualità cercata dai campioni del mondo.

A mettere in crisi da subito l’Italia è proprio la coppia tedesca. Unita al movimento continuo dei tre davanti, che non danno riferimenti: una volta erano i 10 azzurri a far impazzire le difese tedesche, disabituate all’imprevisto. Zaza non ha il peso di Pellè e fa soffrire anche i suoi compagni di tridente, deputati alla creatività.

Appena qualche minuto per il timore reverenziale e la Germania si prende la partita: a un ritmo neanche poi così frenetico eppure sufficiente a mandare sempre i centrocampisti azzurri fuori tempo. All’8′ la fiammata di Oezil, anticipato da Darmian su lancio di Rudy, è un segnale, cui l’Italia tenta di rispondere con analogo scambio tra Insigne e Bernardeschi: il primo è l’unico azzurro a trovare tempi e linee di passaggio giuste, il secondo sconta tutto il peso dell’esordio dal 1′.

Giaccherini deve rincorrere sulla sua fascia Rudy e Mueller ed è costretto al fallo da ammonizione, la Germania fa un giro palla infinito e aspetta solo il momento giusto. Che arriva al primo affondo vero, minuto 24: impressiona la facilità con la quale Mueller alza la testa per mettere al centro, la morbidezza di Bonucci che prova a deviare, il tempo concesso a Kroos per aggiustarsi il destro dell’1-0.

L’onda dell’entusiasmo lancia gli attaccanti tedeschi: son solo tre ma sbucano da mille corridoi, Mueller sfiora il raddoppio, Buffon alza in angolo. Un cross di Draxler attraversa pericoloso tutta l’area azzurra, ma è subito dopo che la Germania mostra il meglio di sè: cinque tocchi tutti di prima in verticale, da area ad area, lungo l’asse Kroos-Ozil-Mueller e Draxler al tiro impegna a terra il portiere azzurro.

La prima palla decente per Insigne arriva al 32′, il destro sulla sponda di petto di Zaza è alto e così riprende il dominio tedesco. Fino al raddoppio a fine primo tempo, di nuovo Mueller comodo di crossare, di nuovo la difesa morbida e Goetze che anticipa: 2-0.

Stavolta alla ripresa la Germania non si siede, come venerdì dopo aver fatto due reti all’Inghilterra. Montolivo avrebbe la palla giusta dopo 3′, ma spreca l’assist di Insigne; l’Italia prova a sfruttare la pausa che la Germania si prende, Bernardeschi in verticale costringe al fallo da ammonizione Hummels e sulla punizione i tiri di Zaza prima e Giaccherini poi sono tra il velleitario e lo sfortunato.

Conte non cambia modulo, e un attimo prima di cambiare solo un interprete (De Silvestri per uno spento Florenzi) arriva il 3-0: merito di Draxler, con l’aiuto dell’infortunio di Bonucci che lo lancia all’assist per la battuta vincente di Hector. Il difensore juventino esce in barella, per le preoccupazione di Allegri.

E a quel punto, oltre all’ingresso obbligato di Ranocchia, il ct azzurro ne manda in campo tre: Okaka per Insigne, Parolo per Thiago Motta ed El Shaarawy per Giaccherini. Tra un tiro alto di Zaza e una punizione morbida di El Shaarawy, arriva il poker di Oezil su rigore, dopo che Rudy l’ha fatta da padrone in area italiana per poi essere atterrato da Buffon. C’è tempo per il gol della bandiera di El Shaarawy e per i tentativi di Okaka. Ma questa volta la storia, ancorché in amichevole, parla solo tedesco.

(dell’inviato Francesco Grant/ANSA)

Ultima ora

12:40Salvini, su euro non cambio idea, esperimento sbagliato

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - L'euro era e resta un esperimento sbagliato che ha danneggiato il lavoro e l'economia italiana. Noi non cambiamo idea. Ci prepariamo a difendere l'interesse nazionale come abbiamo sottoscritto nel programma del centrodestra con la prevalenza della Costituzione sull' ordinamento Ue". Lo dice Matteo Salvini presentando alla Camera la candidatura per la Lega di Umberto Bagnai, autore del volume "Il tramonto dell'Euro".

12:37Leggi razziali: Boldrini, non esiste un fascismo buono

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - "Le leggi razziali approvate dal Parlamento italiano rappresentano una gravissima vergogna che ci portiamo dietro: non esiste un fascismo buono, poi rovinato da altri". Lo ha detto la Presidente della Camera, Laura Boldrini, su Radio Rai 1, nel giorno in cui alla Camera si terrà un incontro in memoria dell'approvazione di quelle leggi, di 80 anni fa. "Il concetto di razza è sempre stato una cosa nefasta, dovrebbe essere archiviato per sempre. Pericoloso che se ne riparli", ha aggiunto Boldrini.

12:36Grillo separa suo blog da M5S, “parliamo di futuro”

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Il blog di Beppe Grillo si è ufficialmente separato dal M5S. Da questa mattina, infatti, all'indirizzo del blog dell'ex comico corrisponde un sito totalmente diverso con una testata in rosso dove campeggia la scritta "il blog di Beppe Grillo". "C'è un futuro e voglio andarvelo a far vedere", è la frase di Grillo che apre il blog con un lungo intervento dell'ex comico. Il riferimento del M5S da oggi sarà quindi "ilblogdelleStelle" che, al momento, mantiene la stessa impaginazione del vecchio blog di Grillo.

12:30Terremoto 8.2 nel golfo di Alaska, allerta tsunami

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Una scossa di terremoto di magnitudo 8.2 si è verificata in mare nel golfo dell'Alaska, a circa 278 km a sudest di Kodiak, a 10 km di profondità. Lo riferisce l'istituto geologico americano Usgs. Diramata un'allerta tsunami.

12:23Incidente Milano: dissequestrata fabbrica, operativa da oggi

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - E' stata dissequestrata, tranne che nella parte del forno e della vasca dove si è verificata una fuoriuscita di gas, ed è tornata operativa stamani la fabbrica 'Lamina' dove lo scorso 16 gennaio è avvenuto l'incidente che ha portato alla morte di quattro operai. La Procura di Milano, che aveva messo i 'sigilli' all'azienda, dopo gli accertamenti tecnici irripetibili iniziati ieri ha deciso, infatti, di dissequestrarla (le analisi proseguiranno nella parte del forno la prossima settimana) e, come ha precisato il legale Roberto Nicolosi Petringa che assiste il rappresentate legale dell'azienda, "da stamattina è tornata operativa e, non lo so per certo, ma è possibile che gli operai abbiano già potuto tornare a lavorare". Dalle analisi e dalle autopsie è emerso anche che sarebbe stato l'argon, e non l'azoto come ipotizzato in un primo momento, ad intossicare gli operai. Inoltre, è venuto a galla che l'allarme per la fuoriuscita di gas non aveva guasti e c'è da capire perché sarebbe rimasto 'muto'. (ANSA).

12:20Crollo pannelli soffitto scuola Catanzaro, nessun ferito

(ANSA) - CATANZARO, 23 GEN - Alcuni pannelli in polistirolo e cartongesso sono crollati nei pressi di un ingresso secondario del plesso dell'Istituto d'Istruzione Superiore "Petrucci - Ferraris - Maresca" di Catanzaro. La caduta dei pannelli posti sul controsoffitto dell'ingresso, provocata probabilmente dalla presenza di infiltrazioni di acqua, sarebbe avvenuto nella notte e non ha comportato alcun problema per la sicurezza degli studenti, dei docenti e del personale dell'istituto essendo l'edificio deserto. L'area della scuola dove è avvenuta la caduta dei pannelli, hanno spiegato i responsabili dell'istituto, è comunque poco utilizzata anche durante l'orario normale delle lezioni. Appena si è diffusa la notizia della caduta dei pannelli, in coincidenza con l'avvio delle lezioni, la gran parte degli studenti dell'istituto ha deciso di non entrare in classe.(ANSA).

12:19Mattarella a Castellana, visita alle Grotte

(ANSA) - CASTELLANA (GROTTE), 23 GEN - Il capo dello Stato, Sergio Mattarella, è arrivato a Castellana Grotte (Bari) dove sta per iniziare la sua visita alle caratteristiche Grotte, cavità di origine carsica antiche cento milioni di anni, in occasione dell'ottantesimo anniversario della loro scoperta, il 23 gennaio del 1938, quando lo spettacolare paesaggio di stalattiti, cristalli e alabastri fu ammirato per la prima volta. Ad accompagnare il presidente della Repubblica, che scenderà fino a 60 metri di profondità, sarà Franco Anelli, figlio dell'omonimo speleologo lodigiano che si calò per primo nelle Grotte. Un momento emozionante che sarà rievocato oggi, per il presidente Mattarella, da una speleologa che si calerà nella Grave, ricordando il coraggio di Anelli quando decise di avventurarsi nell'abisso delle cave su una scala di corda, dall'unico punto di contatto con la superficie. Il presidente della Repubblica entrerà dalla Grave, poi farà lo stesso percorso, lungo circa 300 metri, che fece la prima volta Anelli.

Archivio Ultima ora