Terremoto su Trump, il suo braccio destro accusato di percosse

Pubblicato il 29 marzo 2016 da redazione

trumpo

WASHINGTON. – Terremoto nel campo di Donald Trump. Il manager della sua campagna elettorale è accusato di aver malmenato una giornalista. E’ stato tecnicamente arrestato – anche se si è presentato spontaneamente alla Polizia di Jupiter, in Florida – ed è ora a piede libero. Dovrà comparire davanti al giudice il 4 maggio.

Un terremoto. Perché i rivali di Donald Trump non hanno mancato di partire all’attacco con il dito puntato contro la “cultura di abuso” perpetrata dalla macchina elettorale del tycoon secondo Ted Cruz, e John Kasich che senza mezzi termini definisce un “bullo” il braccio destro del magnate di New York.

Al centro della vicenda c’è Corey Lewandowski, sempre al fianco di Trump in conferenze stampa, comizi, eventi elettorali. E’ il manager della sua campagna ma anche di fatto il suo ‘guardaspalle’. Protegge il candidato dalla folla che lo segue continuamente, che sia di adoranti fan o di giornalisti assetati di quelle piccole frasi spesso esplosive che Trump non fa mancare nella cronaca di questa infuocata corsa verso la Casa Bianca.

Proprio per questo una giornalista di Breibart News, Michelle Fields, si trovava accanto al miliardario al Mar-a-Lago Club di sua proprietà a Palm Beach l’8 marzo. Troppo vicina secondo il fedele assistente, che per liberarsene la allontana strattonandola per un braccio. Proteste immediate, tweet e retweet, titoli su siti web e giornali.

Sembrava tutto superato con le reazioni scandalizzate diventate ormai quasi routine per chi segue passo dopo passo la marcia di Trump. Ma un video sembra incastrare Lewandowski insieme con la testimonianza della giornalista che non si è fermata alla denuncia verbale.

Strenua la difesa del fidato collaboratore da parte dell’entourage del tycoon: “E’ assolutamente innocente. Si dichiarerà non colpevole e non vede l’ora di farlo in tribunale”. Poi, giunge il tweet di Trump in persona: Lewandowski “è un uomo molto per bene”, e l’invito a guardare con attenzione il video incriminato: “non c’è nulla!”.

Il video non è un granché rivelatore a occhio nudo in effetti. Resta il fatto che uno stretto collaboratore di Trump che aspira a diventare presidente degli Stati Uniti sarà in tribunale i primi di maggio, prima che sia conclusa la caccia ai delegati, prima delle primarie di giugno in California, prima della convention repubblicana dove l’establishment del ‘Grand Old Party’ (Gop) intende tentare il tutto e per tutto per fermare il ‘fenomeno’ fin qui inarrestabile.

Lo conferma l’ultimo sondaggio Nbc che vede Trump in testa sul fronte Gop con il 48% dei consensi, mentre Ted Cruz segue a distanza con il 27%, e John Kasich è al 18%. E’ una coincidenza che la vicenda sia esplosa proprio adesso, mettendo in evidenza ancora una volta il ‘pandemonio’ che la discesa in campo di Donald Trump scatena anche sul piano giornalistico.

Tutti vogliono un po’ di Donald, che finisce dritto in prima pagina. Ma il monito sul metodo arriva dal presidente degli Stati Uniti Barack Obama, quando invita i giornalisti a non rinunciare al rigore della professione. Per nome Trump non lo menziona mai, eppure è chiaro il riferimento di Obama: il lavoro di un giornalista politico “è molto di più che consegnare a qualcuno un microfono”, ma significa “scavare a fondo e mettere in discussione”.

“Continuate a credere in un elettorato ben informato – ha concluso l’inquilino della Casa Bianca – la nostra democrazia ha bisogno più che mai di voi”.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

21:17Di Battista, farò comizi ad Arcore, Rignano e Laterina

(ANSA) - PESCARA, 20 GEN - "Io il 1 febbraio parto in tour, farò un comizio ad Arcore, uno a Rignano sull'Arno e uno a Laterina, l'ultimo che farò. L'obiettivo, da non candidato è fare arrivare il più possibile consensi al M5S". Lo annuncia Alessandro Di Battista a margine del Villaggio Rousseau di Pescara. Le tre località sono rispettivamente legate a Silvio Berlusconi, Matteo Renzi e Maria Elena Boschi.

21:09Kosovo: presidente serbo a Mitrovica

(ANSAmed) - BELGRADO, 20 GEN - A pochi giorni dall'assassinio in Kosovo di Oliver Ivanovic, uno dei più autorevoli leader politici della minoranza serba, il presidente serbo Aleksandar Vucic si è recato oggi sul luogo dell'agguato nel settore nord (serbo) di Kosovska Mitrovica dove ha deposto una corona di fiori. Ivanovic, su posizioni moderate e concilianti, guidava un partito diverso da Srpska lista, la maggiore formazione politica dei serbi del Kosovo, legata a doppio filo al partito Sns di Vucic. Il presidente ha poi raggiunto l'Università dove ha incontrato le autorità locali e i leader politici delle varie comunità della minoranza serba in Kosovo. 'Serbia, Serbia' ha scandito a lungo la folla. Il presidente ha effettuato la visita in Kosovo per mostrare vicinanza alla popolazione serba, fortemente disorientata dopo l'assassinio di Ivanovic, freddato martedì scorso da sei colpi di arma da fuoco mentre si recava al lavoro. In precedenza Vucic era stato al monastero ortodosso di Banjska, accolto dal vescovo Teodosije.

20:39Quarantenne accoltellato a Napoli, 30 giorni di prognosi

(ANSA) - NAPOLI, 20 GEN - Un uomo di 40 anni è stato accoltellato vicino allo stadio San Paolo di Napoli, in piazza Gabriele d'Annunzio, da una persona che lo ha sorpreso alle spalle nei pressi di un chiosco. Secondo quanto rende noto la Questura la vittima dell'aggressione - che non è in pericolo di vita - è stata colpita quattro volte: ha ricevuto tre fendenti al dorso e uno al viso. É stato immediatamente soccorso e trasportato nel vicino ospedale San Paolo dove i sanitari lo hanno medicato e giudicato guaribile in 30 giorni. Sull'accaduto sono in corso indagini da parte della Polizia di Stato.

20:33Afghanistan: Kabul, hotel Intercontinetal sotto attacco

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Almeno quattro uomini armati hanno attaccato a Kabul l'hotel Intercontinental. Lo scrive la Bbc online precisando che gli assalitori hanno sparato contro gli ospiti dell'albergo. Dalle immagini che circolano sui social si vedono fiamme dall'hotel. Alcuni media parlano di vittime e ostaggi.

20:29Incidenti sci: due bambini fuori pista al Corno alle Scale

(ANSA) - BOLOGNA, 20 GEN - Due bambini di 8 e 10 anni che stavano sciando al Corno alle Scale, sull'Appennino Bolognese, sono rimasti feriti dopo essere finiti fuori pista, in un canalone, nei pressi della seggiovia della direttissima a quattro posti. Uno ha riportato traumi ad una gamba e al bacino, l'altro traumi facciali e interni. I bambini sono stati soccorsi accanto alla pista e caricati in elicottero d'urgenza. Una volta arrivati all'ospedale Maggiore di Bologna i medici li hanno visitati e le loro condizioni sono state giudicate di "media gravità". I soccorsi sono scattati immediatamente e sul posto è arrivato il 118, con un'ambulanza e due elicotteri. All'intervento hanno partecipato anche gli uomini del soccorso alpino dell'Emilia-Romagna, stazione del Corno alle Scale. (ANSA).

20:06Sudafrica: media, in Anc cresce spinta per dimissioni Zuma

(ANSA) - IL CAIRO, 20 GEN - All'interno dell'Anc, il partito di governo in Sudafrica, sta crescendo la pressione per spingere il presidente Jacob Zuma alle dimissioni al fine di evitare che gli scandali in cui è implicato possano danneggiare il nuovo leader Cyril Ramaphosa nelle elezioni dell'anno prossimo. "Fonti" hanno riferito che nel massimo organo del partito, il 'Comitato esecutivo nazionale' (Nec), c'è consenso per avviare le sue dimissioni, scrive il sito sudafricano dell'Huffington Post. Una fonte vicina a Ramaphosa ha riferito che è stato formato un comitato per agevolare una "rapida transizione" e che una nozione in tal senso è stata discussa in una riunione del Nec. Nella prima delle due giornate della riunione, ieri, è stata discussa anche una mozione per le dimissioni del presidente e ci sarebbe stato accordo affinchè Zuma non sia in carica durante la campagna per le presidenziali dell'anno prossimo, scrive ancora il sito riportando fonti di altri media sudafricani (News24 e TimesLive).

20:03Germania: giubbotti pieni di sabbia per bambini iperattivi

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Sta suscitando polemiche e inquietudine l'idea, adottata già da 200 scuole in Germania, di far indossare giubbetti pieni di sabbia a bambini iperattivi. Lo riportano i media tedeschi. I promotori dell'insolita misura, adottata per la prima volta dalla scuola Grumbrechtstrasse nel distretto di Amburgo, sostengono di aver notato un miglioramento nei ragazzi affetti dall'Adhd, il disturbo da deficit di attenzione e iperattività. Secondo le scuole che li stanno già usando sono un modo "più delicato e meno complicato" di affrontare un fenomeno in aumento in Germania. Ma diversi genitori hanno manifestato la loro preoccupazione sui social media definendola una "tortura". I gilet imbottiti pesano possono arrivare a pesare fino a 6 chili e costano tra 140 e i 170 euro. "I bambini adorano indossare i giubbotti e nessuno li costringe a indossarli", ha spiegato Gerhild de Wall, capo dell''unità per l'inclusione' della scuola.

Archivio Ultima ora