Terremoto su Trump, il suo braccio destro accusato di percosse

Pubblicato il 29 marzo 2016 da redazione

trumpo

WASHINGTON. – Terremoto nel campo di Donald Trump. Il manager della sua campagna elettorale è accusato di aver malmenato una giornalista. E’ stato tecnicamente arrestato – anche se si è presentato spontaneamente alla Polizia di Jupiter, in Florida – ed è ora a piede libero. Dovrà comparire davanti al giudice il 4 maggio.

Un terremoto. Perché i rivali di Donald Trump non hanno mancato di partire all’attacco con il dito puntato contro la “cultura di abuso” perpetrata dalla macchina elettorale del tycoon secondo Ted Cruz, e John Kasich che senza mezzi termini definisce un “bullo” il braccio destro del magnate di New York.

Al centro della vicenda c’è Corey Lewandowski, sempre al fianco di Trump in conferenze stampa, comizi, eventi elettorali. E’ il manager della sua campagna ma anche di fatto il suo ‘guardaspalle’. Protegge il candidato dalla folla che lo segue continuamente, che sia di adoranti fan o di giornalisti assetati di quelle piccole frasi spesso esplosive che Trump non fa mancare nella cronaca di questa infuocata corsa verso la Casa Bianca.

Proprio per questo una giornalista di Breibart News, Michelle Fields, si trovava accanto al miliardario al Mar-a-Lago Club di sua proprietà a Palm Beach l’8 marzo. Troppo vicina secondo il fedele assistente, che per liberarsene la allontana strattonandola per un braccio. Proteste immediate, tweet e retweet, titoli su siti web e giornali.

Sembrava tutto superato con le reazioni scandalizzate diventate ormai quasi routine per chi segue passo dopo passo la marcia di Trump. Ma un video sembra incastrare Lewandowski insieme con la testimonianza della giornalista che non si è fermata alla denuncia verbale.

Strenua la difesa del fidato collaboratore da parte dell’entourage del tycoon: “E’ assolutamente innocente. Si dichiarerà non colpevole e non vede l’ora di farlo in tribunale”. Poi, giunge il tweet di Trump in persona: Lewandowski “è un uomo molto per bene”, e l’invito a guardare con attenzione il video incriminato: “non c’è nulla!”.

Il video non è un granché rivelatore a occhio nudo in effetti. Resta il fatto che uno stretto collaboratore di Trump che aspira a diventare presidente degli Stati Uniti sarà in tribunale i primi di maggio, prima che sia conclusa la caccia ai delegati, prima delle primarie di giugno in California, prima della convention repubblicana dove l’establishment del ‘Grand Old Party’ (Gop) intende tentare il tutto e per tutto per fermare il ‘fenomeno’ fin qui inarrestabile.

Lo conferma l’ultimo sondaggio Nbc che vede Trump in testa sul fronte Gop con il 48% dei consensi, mentre Ted Cruz segue a distanza con il 27%, e John Kasich è al 18%. E’ una coincidenza che la vicenda sia esplosa proprio adesso, mettendo in evidenza ancora una volta il ‘pandemonio’ che la discesa in campo di Donald Trump scatena anche sul piano giornalistico.

Tutti vogliono un po’ di Donald, che finisce dritto in prima pagina. Ma il monito sul metodo arriva dal presidente degli Stati Uniti Barack Obama, quando invita i giornalisti a non rinunciare al rigore della professione. Per nome Trump non lo menziona mai, eppure è chiaro il riferimento di Obama: il lavoro di un giornalista politico “è molto di più che consegnare a qualcuno un microfono”, ma significa “scavare a fondo e mettere in discussione”.

“Continuate a credere in un elettorato ben informato – ha concluso l’inquilino della Casa Bianca – la nostra democrazia ha bisogno più che mai di voi”.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

17:07Ciclismo: Valverde vince ultima tappa e giro Catalogna

(ANSA) - BARCELLONA, 26 MAR - Lo spagnolo Alejandro Valverde ha vinto per la seconda volta in carriera il giro della Catalogna, quest'anno giunto alla 97/a edizione. Il portacolori della Movistar si è imposto anche nell'ultima tappa, di 139 chilometri, precedendo allo sprint il colombiano Jarlinson Pantano e il francese Arthur Vichot. Nella classifica generale finale, Valverde ha preceduto altri due spagnoli: Alberto Contador secondo a 1'03'' e Marc Soler terzo a 1'16''.

17:02Bus in fiamme a Roma, nessun ferito

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Incendio all'alba su un bus della linea 506 che percorreva via Tuscolana, a Roma, verso Vermicino. Le fiamme si sono propagate nella parte posteriore del bus, nessun ferito e nessun intossicato. Il bus andato a fuoco oggi è il sesto in 5 mesi. L'ultimo solo cinque giorni fa a Ciampino quando alle 8.30 del mattino, un autobus è stato completamente distrutto dalle fiamme. L'autista, in quell'occasione, ha fatto scendere i passeggeri in tempo ma il rogo ha danneggiato anche un semaforo e alcune centraline vicine.

16:59Russia: Navalni incriminato, ‘violata legge proteste’

(ANSA) - MOSCA, 26 MAR - Alexei Navalni è stato incriminato per aver violato l'articolo 20.2 del codice amministrativo russo che regola le procedure per organizzare manifestazioni e cortei. Lo ha detto un portavoce della polizia di Mosca alla Tass. In base alla suddetta violazione, precisa la Tass, Navalni rischia "una multa, lavori obbligatori o l'arresto", ma sempre per violazione amministrativa.

16:55Messico: detenuti scavano tunnel, maxi evasione da carcere

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Un gruppo di detenuti è riuscito a evadere da un carcere in Messico scavando un tunnel sotto le mura di cinta del carcere. Sedici evasi su 29 sono ancora alla macchia. Dopo la scoperta del tunnel, nella prigione è scattata una rivolta. Tre detenuti sono stati pugnalati a morte. Lo riferisce Cnn.

16:50Attacco Londra:Johnson contro Google,’disgustosi siti jihad’

(ANSA) - LONDRA, 26 MAR - I ministri britannici se la prendono con Google e i giganti di internet dopo l'attacco di Londra. A guidare l''offensiva' è il capo del Foreign Office, Boris Johnson, che in una intervista sul Sunday Times si dice "furioso" e definisce "disgustoso" il fatto che non venga fatto nulla per rimuovere i siti jihadisti. "Devono smetterla di fare soldi sfruttando materiale che incita alla violenza", ha affermato riferendosi ai colossi del web. Sotto accusa sono finiti in particolare la propaganda diffusa dai gruppi terroristici e la serie di manuali per organizzare 'in casa' degli attentati. Alla sua condanna si è unito il ministro degli Interni, Amber Rudd, che in modo più pacato ha detto che il problema deve essere affrontato al più presto e che questa settimana incontrerà i vertici dei gruppi per cercare di trovare una soluzione.

16:47Attacco Londra: media, ‘Masood aveva combattuto in Bosnia’

(ANSA) - BELGRADO, 26 MAR - Khalid Masood, l'autore dell'attacco terroristico di mercoledì scorso a Londra, aveva combattuto nella guerra di Bosnia (1992-1995) tra le file della formazione 'El mudjahid'. A riferirlo è il quotidiano belgradese Blic, che afferma di essere in possesso di una lista di 1.774 combattenti di 'El mudjahid', nella quale figura anche il nome di Masood. Secondo il giornale Khalid Masood, ucciso nell'attacco sul ponte di Westminster, sarebbe arrivato in Bosnia il primo maggio 1993 ripartendo il 25 dicembre 1995.

16:45Tiro a volo:fuoriclasse Usa Rhode vince skeet donne Acapulco

(ANSA) - ACAPULCO (MESSICO), 26 MAR - L'americana Kimberly Rhode, fuoriclasse del tiro a volo, non finisce di stupire a 21 anni dall'oro olimpico vinto, quando era appena sedicenne, ai Giochi del Centenario del 1996. Ora ha aggiunto al suo sconfinato palmares anche l'oro della gara di Skeet femminile della seconda 'tappa' della Coppa del Mondo, in corso ad Acapulco. La statunitense è sul podio olimpico dal 1996 con l'oro ad Atlanta, il bronzo a Sydney 2000 e l'oro ad Atene 2004 nel Double Trap e poi con l'argento di Pechino 2008, l'oro di Londra 2012 e il bronzo di Rio 2016 nello Skeet. Oggi è entrata in finale con il punteggio di 70/75 e si è poi guadagnata la vetta del podio con 54/60 davanti alla connazionale Catlin Connor, argento con 53 e alla cinese Yi Cao, bronzo con 41.. Buona la prestazione dell'azzurra Chiara Costa. La romana è entra in finale con 69/75 e +5 nello spareggio che l'ha vista impegnata con altre tre tiratrici per conquistare due posti nella serie decisiva. Alla fine si è piazzata al quinto posto.

Archivio Ultima ora