Il caso Marò all’Aja, Roma fiduciosa sul rientro di Girone

Pubblicato il 29 marzo 2016 da redazione

I fucilieri di Marina Massimiliano Latorre (S) e Salvatore Girone  a New Delhi  6  febbraio 2014.  ANSA

I fucilieri di Marina Massimiliano Latorre (S) e Salvatore Girone a New Delhi 6 febbraio 2014.
ANSA

L’AJA. – L’Italia si prepara a un nuovo round nella lunga e complessa vicenda dei marò, che ormai da quattro anni oppone Roma e Delhi. In attesa che il Tribunale arbitrale internazionale decida su chi debba esercitare la giurisdizione sul caso – e ci vorranno almeno altri due anni – “ci sono i presupporti sia giuridici che umanitari” affinché lo stesso Tribunale possa “considerare positivamente” la richiesta del governo italiano di far rientrare Salvatore Girone in Italia per tutto il periodo dell’arbitrato.

Richiesta che verrà ribadita nell’udienza di mercoledì e giovedì al Palazzo della Pace dell’Aja. A far intravedere uno spiraglio positivo per il Fuciliere di Marina tuttora trattenuto a New Delhi in libertà vigilata è stato, parlando con l’Ansa, l’ambasciatore Francesco Azzarello, agente del governo italiano nell’arbitrato. E una svolta positiva potrebbe arrivare anche da Bruxelles, dove è in programma l’atteso vertice tra l’Ue e l’India, più volte rinviato anche a causa della vicenda che dal 2012 vede i due marò, Girone e Massimiliano Latorre, accusati di aver ucciso due pescatori indiani scambiati per pirati nel mare del Kerala.

L’Europa ha deciso di fare la sua parte al fianco dell’Italia e la questione, hanno assicurato alti funzionari del Consiglio Ue, sarà “naturalmente sul tavolo” della bilaterale tra il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, il presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker, e il premier indiano Narendra Modi, che dal canto suo persegue ambizioni internazionali come l’obiettivo di un Accordo di libero scambio con il Vecchio Continente.

Non solo: il caso marò troverà spazio nelle conclusioni finali del vertice, insieme a quelli di 6 guardie britanniche e 14 estoni condannati a pene detentive in India. Del resto, il governo Modi – che ieri parlava dell’Italia come di “un partner chiave all’interno dell’Unione europea” – è “consapevole che questo argomento grava sugli sviluppi delle relazioni con l’Ue ed è aperto a fare il massimo possibile” per trovare una soluzione, hanno aggiunto le stesse fonti.

E se a Bruxelles parlerà la politica, all’Aja parlerà il diritto. Il team di legali internazionali cui l’Italia si è affidata è in riunione permanente dal giorno di Pasqua per preparare gli interventi che rappresentino al meglio la posizione italiana su Salvatore Girone davanti ai cinque giudici arbitrali: e cioè, che vengano riconosciuti i suoi diritti fondamentali e possa aspettare a casa la soluzione definitiva della controversia.

L’attesa però non è ancora finita: la decisione del Tribunale sul suo eventuale rientro sarà resa nota solo tra un mese. Latorre invece, alle prese con i postumi di un ictus, aspetta già a Taranto la nuova udienza della Corte Suprema indiana, il 13 aprile, sul suo permesso per motivi di salute in scadenza il 30 dello stesso mese.

(dell’inviata Laurence Figà-Talamanca/ANSA)

Ultima ora

17:10Shock in Islanda, trovata morta su spiaggia 20enne scomparsa

(ANSA) - REYKJAVIK 23 GEN - Una ventenne islandese, scomparsa lo scorso 14 gennaio in circostanze misteriose, è stata trovata senza vita ieri sul bordo di una spiaggia a sud della capitale Reykjavik. La vicenda ha scosso il Paese, considerato il basso tasso di criminalità. La media degli omicidi è infatti di 1,8 all'anno e gli assassini o hanno problemi mentali oppure sono ubriachi. A cercare la ragazza si sono mossi oltre 700 volontari - scrivono i media locali - in quella che è stata definita una mobilitazione senza precedenti nell'isola. Per la scomparsa di Birna Brjansdottir, che lavorava in un negozio di abbigliamento, sono stati fermati due marinai della Groenlandia. La polizia ha annunciato che tratterà il caso come un "omicidio" sebbene al momento "sia ancora presto per determinare la cause della sua morte", riporta il Guardian online.

17:05Arriva la guida per trovare il gelato più buono

(ANSA) - RIMINI, 23 GEN - Sono trentasei le gelaterie italiane al top. Le ha premiate il Gambero Rosso che ha presentato, al Sigep di Rimini, la prima edizione della guida 'Gelaterie d'Italia'. Sono censite circa 300 gelaterie che fanno della qualità la loro bussola. Gli ispettori del Gambero Rosso hanno assaggiato e dato i voti: da uno a tre coni a seconda del grado di bontà. Con alcuni punti fermi: nessuna deroga sulla materia prima, a cominciare dal latte, rispetto del territorio, della stagionalità per un prodotto che sia sano oltre che buono. La regione che registra il più alto numero di tre coni è l'Emilia-Romagna con 7. Assegnati anche dei premi speciali: il premio per il miglior gelato al cioccolato va a Paolo Brunelli di Senigallia (Ancona). Gelatiere emergente è Carmela Grotta di Ciocolat di Toscolano Maderno (Brescia), miglior gelato gastronomico a Greed Avidi di Gelato di Frascati (Roma) di Davide Rossi, il premio Gusto&salute a Candida Pelizzoli di Oasi American Bar di Fara Gera d'Adda (Bergamo). (ANSA).

16:42Calcio: tifosi devastano casa, n.1 Togo ‘sciopera’

(ANSA) - PORT-GENTIL (GABON), 23 GEN - Considerato responsabile della sconfitta contro il Marocco per via di una 'papera' e di una prestazione complessiva non buona, il 38enne portiere del Togo Kossi Agassa è stato 'punito' dai tifosi con una dura contestazione in patria e la devastazione della sua casa a Lome. Così ora Agassa si rifiuta di scendere in campo nel decisivo match di domani contro il Congo e il ct Claude Le Roy dispera di riuscire a fargli cambiare idea. "E' rimasto piuttosto scosso da quanto è accaduto, e non so se ce la farà a giocare. Del resto - ha detto Le Roy - non me la sento di dargli torto". La casa del n.1 togolese ha subìto l'ira dei teppisti anche se era stata messa sotto protezione dalla polizia fin dalle prime ore successive al ko contro i marocchini. Ma anche gli agenti hanno potuto fare poco contro l'ira dei supporter degli Sparvieri.

16:33Basket: a Rimini Final Eight Coppa Italia

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - "È la prima volta che Rimini ospiterà le Final Eight di Coppa Italia. In fiera ci saranno momenti di attività commerciale, di festa e di incontro con tifosi. I tifosi li vogliamo sempre più vicini al basket e per la Lega questa è una priorità". Così il presidente di Lega Basket Egidio Bianchi alla presentazione della Coppa Italia che si svolgerà da giovedì 16 a domenica 19 febbraio. "Sono al massimo del pif - aggiunge Bianchi -, il prodotto interno della felicità. Dobbiamo dire grazie ai nostri atleti e agli allenatori delle 8 squadre che parteciperanno. La loro presenza qui è importante".

16:21L.elettorale: Grasso, bisognerà attendere le motivazioni

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - "Domani sarà senz'altro un momento importante, decisivo, una svolta, ma dovremmo attendere anche le motivazioni della sentenza della Consulta per poter cercare di creare delle leggi sempre più omogenee così come ha richiesto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella". Lo ha detto il presidente del Senato, Pietro Grasso, a Rainews durante la sua visita a Barcellona in occasione del Secondo Forum dell'Unione per il Mediterraneo.

16:17Craxi: Sala, decida Consiglio, e Fo va ricordato

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - Sulla possibilità di dedicare una via o un luogo della città al premio Nobel Dario Fo e all'ex leader socialista Bettino Craxi "voglio lasciare l'iniziativa al Consiglio comunale, chiedo solo che il Consiglio faccia in fretta queste riflessioni perché c'è altro da fare". Lo ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, commentando a margine di una conferenza stampa a Palazzo Marino la proposta del consigliere regionale lombardo del M5s, Stefano Buffagni, di intitolare una via della città a Dario Fo, in polemica con chi invece propone di dedicare una via a Craxi.

16:14L.elettorale: Radicali, da partiti spettacolo indecente

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - "E' uno spettacolo indecente quello che i partiti stanno mettendo in scena sulla legge elettorale. Tra gli strafalcioni istituzionali di chi, come Salvini e il M5S, vorrebbe delegare alla Consulta il compito di fare le leggi - compito che, come sa chiunque abbia sfogliato un testo di educazione civica, spetta al Parlamento - e la pretesa delle altre forze politiche assembleare un testo a uso e consumo delle segreterie di partito, si sta sminuendo un passaggio fondamentale per la vita della nostra Repubblica". Lo afferma in una nota Riccardo Magi, segretario di Radicali Italiani, in vista della sentenza di domani della Consulta.

Archivio Ultima ora